Si rinfrescava nudo con il sistema di irrigazione del parco. Denunciato

13 Ago 2019
994 volte
Si stava rinfrescando con il sistema di irrigazione del parco. Era completamente nudo e i carabinieri lo hanno fermato e denunciato per atti contrari alla pubblica decenza e multato con una sanzione da 3.333 euro. È successo questa notte intorno alle 4 a Morrovalle, al parco pubblico “Pegaso“ che si trova in via Giovanni Paolo II. Protagonista un soggetto nato in Guinea, residente nel fermano ma domiciliato a Morrovalle, dell’82, senza lavoro e regolare in Italia. Era completamente nudo quando è stato trovato dai militari del nucleo operativo e radiomobile e si stava rinfrescando con il sistema di irrigazione che in quel momento stava irrorando il prato del parco. L’uomo è stato denunciato per atti contrari alla pubblica decenza e gli è stata applicata una multa di 3.333 euro. 

Gentilucci confermato Presidente. La richiesta del sindaco Sborgia

13 Ago 2019
885 volte
Si è svolta ieri sera la riunione dell’Unione Montana Marca di Camerino. Fra gli argomenti all’ordine del giorno, l’elezione del Presidente, vicepresidente e del direttivo che è stato confermato così com’era quello precedente. È stata infatti avanzata una mozione programmatica dal Comune di Fiastra che conteneva l’indicazione di un voto che fosse nel segno della continuità per quanto riguarda il rinnovo della figura del presidente: confermato quindi il sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, alla guida dell’ente. La vicepresidenza è rimasta al sindaco Claudio Castelletti, di Fiastra.

“Nutro una grande soddisfazione per il lavoro fatto in questi cinque anni - afferma Gentilucci -. Abbiamo preso in mano una Unione in cui nessuno voleva entrare perché c’erano delle condizioni economiche non favorevoli. Abbiamo dato un senso di rispetto a questi territori, abbiamo avuto la forza e la voglia di credere in questa istituzione rischiando anche personalmente, la sfida è stata vinta: abbiamo garantito e stiamo garantendo gli stessi servizi che l’Unione ha storicamente garantito a tutti, anche a quei Comuni i cui sindaci avevano fatto scelte differenti uscendo dall’ente. Il senso di responsabilità che ci ha sempre contraddistinto ieri è stato confermato”. L’ente ha peraltro chiuso con un avanzo primario di 80mila euro, altro motivo di soddisfazione per il presidente che lo definisce un traguardo incredibile. “Offrire gli stessi servizi con quattro dipendenti mentre prima ce n’erano più di dieci è qualcosa che non tutti riescono a fare”.

Relativamente ai Comuni che si erano staccati, su cui anche la Regione è intervenuta e il 4 settembre si svolgerà una riunione con l’assessore Angelo Sciapichetti, Gentilucci chiarisce che la loro condizione patrimoniale non potrà essere la stessa dei cinque Comuni che oggi fanno parte dell’Unione: “Ci siamo dati delle regole uno statuto - spiega - la loro condizione non potrà essere la stessa dei cinque Comuni che hanno lottato per avere questa opportunità. Ma soprattutto c’è una linea politica. Abbiamo un percorso e dei punti di riferimento come il Contram, le politiche dei cittadini per l’acqua, mi riferisco anche alla condivisione delle tematiche relative alla ricostruzione. Tutti questi percorsi sostanziano la possibilità di stare insieme in funzione della crescita del territorio”. Secondo Gentilucci l’Unione Montana Marca di Camerino deve guardare e aprirsi agli altri territori e quindi è imprescindibile un percorso congiunto anche con i presidenti delle vicine Unioni Montane. “Vogliamo unire la montagna in un percorso che ha una forza incredibile. Questi sono i temi che io metto sul piano della bilancia”. È cercando una sinergia sulle linee guida e sullo statuto dell’Ente, senza cercare di rientrare a gamba tesa, secondo il presidente, che si potranno ottenere risultati e si potrà fare ancora qualcosa di buono: “E’ in questo spirito che abbiamo potuto garantire la sede della Compagnia Carabinieri di Camerino. Se le cose non fossero andate come sono andate, oggi staremmo parlando di un edificio completato, in disponibilità della Regione che non si sa che uso ne avrebbe potuto fare, e non avremmo potuto metterlo nella disponibilità dell’Arma. Questi sono argomenti fondamentali. Il territorio montano - conclude - deve fare sinergia ma questo non con le poltrone bensì sulle tematiche e sulle politiche”.    

Fra i presenti anche il sindaco di Camerino Sandro Sborgia che ha votato a favore di questa mozione e quindi del rinnovo del direttivo ma ha chiesto di far rientrare all’interno dell’Unione i comuni di Castelsantangelo, Montecavallo e Valfornace: “Ho presentato un documento contenente una dichiarazione di voto - racconta - favorevole alla proposta del Comune di Fiastra proprio per dare un segno di unione e di continuità, di una comunità che ha un percorso complesso da affrontare. Il mio voto però era condizionato da due fattori: che si definisca una volta per tutte la destinazione dello stabile dell’Unione Montana a comando Compagnia Carabinieri di Camerino perché, ricordiamole, da oltre un anno c’è un tavolo aperto per la definizione delle condizioni alle quali questo stabile deve essere ceduto e ormai mi pare un tempo più che sufficiente per prendere una decisione”. La caserma attualmente è ospitata in container allestiti in via Madonna delle Carceri e Sborgia ha chiesto, una volta per tutte, che la situazione si definisca anche perché l’agenzia del demanio ha impegnato 5 milioni di euro per la ristrutturazione dell’immobile e “più passa il tempo e più rischiamo che questi fondi siano destinati altrove con la conseguenza che non solo non potremo realizzare la caserma ma anche che lo stabile dell’Unione Montana rimarrà così, al grezzo, con un doppio danno”.
La seconda condizione era appunto quella di reintegrare i Comuni che erano usciti per questioni economiche: “Mi pare arrivato il momento che questo avvenga. Penso sia un argomento importantissimo e penso che se un’Unione Montana prima era composta da 13 comuni e oggi da 5, considerando gli accorpamenti che ci sono stati, è arrivato il momento di accogliere le richieste di chi chiede di rientrare. Se entro il 31 dicembre non ci saranno stati passi avanti - sottolinea Sborgia - dovremo capire verso quale direzione si vuole andare. Se vogliamo rimanere come gli ultimi 5 anni, lasciando che un intero territorio sia rappresentato solo da una minima parte di comuni penso sia dannoso per tutti. I problemi sono tanti e li dobbiamo affrontare tutti insieme iniziando a parlare di progetti, strategie, iniziative e non solo di poltrone”.

g.g.

Si sente male alla sagra del cocomero. Il 118 lo rianima

13 Ago 2019
267 volte
Si è sentito male alla sagra del cocomero di Urbisaglia ma il pronto intervento del 118 è valso a salvargli la vita. È successo ieri sera poco prima di mezzanotte. Un uomo sulla 50ina ha avuto un malore, un arresto cardiaco ma per fortuna i sanitari sono riusciti a rianimarlo e poi lo hanno trasferito all’ospedale di Macerata. Le sue condizioni sono comunque gravi.

Multa di mille euro per un cittadino di Camerino, era ubriaco alla guida

13 Ago 2019
2638 volte
Multato per guida in stato d’ebbrezza. Mille euro di sanzione amministrativa per un cittadino residente a Camerino che ha provocato un incidente a Civitanova alla guida del suo Fiorino. Si è scontrato con uno scooter in una rotatoria in via Martiri di Belfiore. A multarlo i carabinieri di Civitanova Marche che hanno applicato una sanzione di 1.088 euro, per guida in stato di ebbrezza. Il camerte era alla guida con un tasso alcolemico pari a 0,73 g/l (il limte è fissato a 0,5 g/l).

Sborgia e Lucarelli: "vogliamo bene alla nostra Camerino"

12 Ago 2019
1303 volte
Insieme per il bene di Camerino. Il sindaco Sandro Sborgia e il
consigliere di minoranza Roberto Lucarelli insieme per ripulire il muro imbrattato al Gioco del Pallone.
In tanti hanno aderito alla chiamata del primo cittadino che aveva il significato di voler bene alla citta. “È una manifestazione del bene che vogliamo alla nostra città. Nonostante i danni e la situazione grave che ancora persiste, non bisogna trattarla male. Hanno risposto in tanti e questo è un bel segnale. Dobbiamo impegnarci a tenere la città nel miglior modo possibile nonostante la criticità del momento. Ringrazio Lucarelli che ha voluto partecipare, è un gesto che apprezzo molto e che fa bene alla città“.

CBA6EEF8 C259 4964 95B9 98CB85E0C781

La città viene prima di tutto, la politica è sempre in secondo piano. La pensa così Lucarelli che nella precedente amministrazione è stato vicesindaco.
”Va condannato l’atto vandalico che si è verificato ma comunque è stata una splendida giornata di agosto per un impegno civico che - sottolinea - è la cosa più importante di tutte. È una bella iniziativa molto apprezzata da tanti cittadini, segno questo, che tutti siamo legati a questi luoghi che sono il cuore della nostra Camerino”.
g.g.

Auto contro moto, incidente a Canepina

12 Ago 2019
1661 volte
Incidente nel pomeriggio fra una auto e una moto. Si sono scontrate a Canepina, frazione di Camerino ma nessuno pare abbia riportato gravi conseguenze. Il centauro è stato trasportato all'ospedale di Camerino.

Max Giusti arriva a Sarnano

12 Ago 2019
356 volte
Max Giusti arriva a Sarnano il giorno di ferragosto, al campo sportivo Della Vittoria con il suo one man Show Cattivissimo Max: un viaggio comico dato da un susseguirsi di monologhi e aneddoti vissuti che rimbalzano in un continuo ping pong fra ieri e oggi. L'alternarsi tra i ritmi lenti del passato e la vita frenetica e smart dei giorni nostri mette in luce i cambiamenti della quotidianità: dal bombardamento pubblicitario online che influenza le nostre scelte agli innumerevoli programmi televisivi di cucina che hanno rivoluzionato il concetto di casareccio; dai social alle nuove mode che hanno cambiato il nostro modo di relazionarci con gli altri.
Accompagnato dalla storica SuperMax Band, il comico romano proporrà una performance dal ritmo incalzante e dai contenuti travolgenti che trasformerà gli spettatori in protagonisti e li trascinerà in un turbinio di risate e sorprese che lasceranno a bocca aperta.
Lo spettacolo di Giovedì 15 agosto alle 21.30, è a ingresso gratuito. In caso di maltempo la serata si terrà al Palasport di Sarnano.


San Severino, asfalti sulla strada di Orpiana. I residenti si autotassano per aiutare il Comune

12 Ago 2019
247 volte
Un gesto di civiltà quello che hanno deciso di compiere tre famiglie settempedane. Il comune deve infatti effettuare lavori di asfaltatura della strada comunale cosiddetta Corta di Serripola e le tre famiglie, proprietarie di fabbricati serviti dalla strada comunale di Orpiana dove sono anche residenti hanno manifestato l’intenzione di partecipare alle spese di asfaltatura del tratto di strada comunale che collega le loro proprietà alla strada comunale Corta di Serripola. I privati sono disposti a partecipare alle spese con una somma di 15mila euro e il Comune non poteva certo rifiutare una simile proposta, “oltremodo vantaggiosa – si legge in una delibera - in quanto le opere previste sono di esclusiva competenza comunale e che la partecipazione dei privati è finalizzata a facilitare l’esecuzione della pavimentazione stradale riducendo i costi per il comune. I privati hanno come beneficio ultimo quello di migliorare la transitabilità e i disagi insiti nelle strade con pavimentazioni in breccia”.

"Dopo di noi", tutto pronto al Girasole per dare un tetto ai disabili senza assistenza familiare

12 Ago 2019
712 volte
L’Ambito Territoriale Sociale dell’Unione Montana Potenza Esino Musone di San Severino ha provveduto ad allestire, con nuovi arredi e suppellettili, i locali dell’ex lazzaretto, all’interno del santuario della Madonna del Glorioso, concessi dal Comune in comodato d’uso gratuito per ospitare il progetto “Dopo di Noi” che darà un tetto alle persone con disabilità ma prive di assistenza familiare.
La dotazione di arredi e suppellettili arriva dopo un importante intervento strutturale messo in atto proprio dal Comune e che ha riguardato, insieme all’ex lazzaretto, anche l’ex chiostro. Grazie allo stesso è stata data una nuova sede al Centro diurno socio educativo e riabilitativo “Il Girasole”.

dopo di noi

Complessivamente sono state ricavate nel complesso del Glorioso tre camere da letto, per cinque posti letto in totale, insieme ai servizi e a una sala polifunzionale.
I nuovi arredi sono stati acquistati tramite un finanziamento della Regione Marche. A partire da settembre inizieranno gli inserimenti nella struttura. Gli utenti sono stati individuati a seguito di apposita valutazione da parte dell’equipe integrata per la disabilità.

Contromano in superstrada

12 Ago 2019
1638 volte
Contromano in superstrada. Tantissime le segnalazioni oggi in tarda mattinata giunte alla polizia stradale e ai Carabinieri. infatti all'uscita di Morrovale un'auto condotta da un anziano ha imboccato la superstrada in senso contrario. Sul posto sono giunte le forze dell'ordine che hanno chiuso momentaneamente l'uscita e due pattuglie si sono messe all'inseguimento dell'auto che però era scomparsa. Evidentemente l'autista si era accorto dell'errore e per rimediare è uscito o ha fatto inversione di marcia. 

Anna, il suo cuore si ferma mentre è in spiaggia. Donati gli organi

12 Ago 2019
5981 volte
Capita che il destino decida che una mamma che sta trascorrendo serenamente la vacanze al mare,
improvvisamente, in spiaggia, abbia un malore. Il bagnino prontamente interviene per soccorrerla grazie alla presenza in spiaggia del defibrillatore, viene allertato il 118 e tutti fanno il possibile per strapparla alla morte. Dopo un tempo che sembra interminabile il cuore di Anna, una turista milanese di 56 anni in vacanza a Senigallia, che si era fermato, riparte e ai familiari viene così restituita una speranza.
La sua situazione resta comunque critica e Anna viene ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva
dell’Ospedale di Jesi. Nonostante tutti gli sforzi dei medici, purtroppo il suo cervello ha riportato lesioni irreversibili e sabato mattina viene dichiarato il decesso.
Capita allora che di fronte a questa triste e terribile realtà, il marito ed i figli di Anna decidano di farle un ultimo meraviglioso regalo, quello che la renderebbe orgogliosa di loro, della sua famiglia alla quale ha trasmesso i suoi valori: l’altruismo e l’amore per gli altri. Grazie al consenso espresso dal marito, Anna donerà i suoi organi a chi ne ha un estremo bisogno per sperare di continuare a vivere. Chissà quanti nella notte di San Lorenzo hanno espresso il desiderio di ricevere un nuovo organo per sostituire il loro, magari malato. E chisà quante persone che Anna non conosce, vedranno avverato il loro desiderio, un dono inaspettato sul quale non contavano forse nemmeno più. 
Capita così, che in un torrido sabato d’agosto, Medici e Infermieri dell’Ospedale di Jesi, del Centro
Regionale Trapianti di Ancona e del Centro Trapianti di Milano mettano in moto l’enorme macchinario
necessario per realizzare una donazione d’organi, un lavoro incessante che inizia sabato mattina, prosegue ininterrottamente per tutta la notte ed ha fine soltanto all’alba di domenica, e che permetterà a qualcuno di poter vivere ancora o di vivere una vita migliore.

Visso, Muccia e Pieve Torina, arriva il Ludovan di Emergency

12 Ago 2019
246 volte
Torna il Ludovan di Emergency nei comuni del maceratese. L'iniziativa propone attività ludiche ai bambini e attività ricreative e motorie per gli adulti e cerca di sostenere le persone che si trovano in luoghi difficili in cui relazioni, autonomie e quotidianità sono state stravolte e destabilizzate dal terremoto, offrendo momenti di svago, aggregazione e ascolto. Luoghi difficili come quelli del sisma del 2016 che fanno ancora difficoltà a ripartire.

Quest'anno, insieme agli operatori dell'associazione, parteciperanno alle attività i volontari dei Campi Estivi, ragazzi e ragazze provenienti da tutto il territorio nazionale venuti a conoscere il territorio colpito dal terremoto e a offrire il proprio contributo.

A partire dalle 15 sarà a: Visso dal 12 al 16 agosto al Giardino del Lago, a Muccia dal 19 al 23 agosto in Largo Fedeli, davanti ai giardini, a Pieve Torina dal 26 al 30 agosto in via Gramsci, nei pressi del parcheggio.

emergency 2

emergency










Aato3,Gentilucci risponde alle accuse di Falcucci: "Se aveva da obiettare, perché non lo ha fatto prima? "

12 Ago 2019
1179 volte
Botta e risposta tra il sindaco di Castelsantangelo sul Nera, Mauro Falcucci e quello di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci. Il primo incolpa il collega, che è anche presidente dell’Unione Montana Marca di Camerino, per aver sostenuto la candidatura alla vicepresidenza dell’Aato 3 dell’assessore di Fiuminata Paolo Stella e di non permettere ai comuni che sono usciti dall’Unione Montana (Castelsantangelo, Montecavallo e Valfornace) di rientrare per dare un segnale di unità.

Ma Gentilucci non ci sta: “La mozione è stata firmata anche da Falcucci quindi se aveva qualcosa da obiettare poteva farlo lì, in assemblea. Detto questo, mi sembra contraddittorio: io per me non volevo nulla, Falcucci per sé invece forse qualcosa voleva. La differenza sta nel fatto che i tre presidenti delle Unioni Montane, per tutelare l‘acqua di questi territori hanno elaborato una proposta programmatica sulla cui base c’è stato un soggetto che ha contribuito alla stesura della stessa e che condivideva i principi che ci eravamo dati”.

Secondo Gentilucci, nel momento in cui quella proposta è stata accolta all’unanimità, si sarebbe sostanziata una politica comune della montagna: “Non vedo la ragione di fare una polemica. Non capisco perché se tutti hanno accolto quella proposta poi ci si debba dividere sul discorso delle poltrone. Se ci fossero state proposte differenti – prosegue – queste avrebbero potuto essere oggetto di discussione. Credo che la vecchia politica debba fare un passo indietro, dobbiamo cercare di andare avanti con sinergia senza cercare il solito ‘posticino’”. I tre presidenti delle Unioni Montane, Alessandro Gentilucci, Matteo Cicconi e Giampiero Feliciotti si sono uniti convergendo sul nome di Paolo Stella, condividendo un percorso, dice lo stesso Gentilucci, che desse rilevanza ai problemi della montagna che sono la risorsa idrica “che non può essere considerata alla stregua del cittadino che vive sulla costa. Se questo è il tema del dibattito sono aperto al confronto, se il tema è un altro fermi tutti perché mi sembrava ci fosse l’unanimità e invece è evidente che qualcuno sia rimasto scottato”. Delle riunioni dei presidenti delle unioni montane da cui poi è venuto fuori il nome di Stella qualcuno pare non sia stato informato. A sostenerlo è sempre Falcucci che ha parlato ad esempio di Tolentino, Cingoli, Muccia. Peraltro uno dei problemi di cui l’Aato3 si occupa è la conclusione dell’acquedotto del Nera che parte appunto da Castelsantangelo. Per questo qualcuno sembra volesse alla vicepresidenza Falcucci: “Di nomi importanti nei territori montani ce ne sono molti – risponde Gentilucci – è evidente che quando ci si propone ad avere una governance di una istituzione in rappresentanza di tutti i cittadini della montagna innanzitutto bisogna che se ne manifesti l’ambizione. E poi non può essere un sindaco della costa che ci indica il rappresentante della montagna perché questo significherebbe che sotto c’è qualcos’altro. Il sindaco della costa deve proporre un rappresentante della costa e quelli della montagna devono proporre un rappresentante della montagna altrimenti saremo sempre più poveri e sempre più soli”.

g.g.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo