Scontro in allenamento, in due all'ospedale

06 Dic 2018
2087 volte

Grave infortunio quello accaduto al campo sportivo comunale in località Le Calvie a Camerino, dove la squadra dell'under 19 biancorossa si stava allenando agli ordini del tecnico Fabio Del Natale. Durante la consueta partitella, in un violento scontro di gioco tra due compagni, in quel momento avversari, M.V. e A. M., uno dei due protagonisti dell'episodio rimaneva a terra infortunato. Subito tecnici e compagni si sono resi conto della gravità dell'infortunio e hanno allertato i soccorsi. Sul posto è giunta un'ambulanza della Croce Rossa che ha provveduto a trasportare i due al pronto soccorso dell'ospedale di Camerino, dove i sanitari hanno riscontrato a M. V.la frattura dello zigomo disponendone il trasferimento all'ospedale regionale di Torrette dove dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico. Per il giovane calciatore si prevede un lungo periodo di stop.

Resiliamoci: educare alla resilienza attraverso iniziative nel territorio fino al 2020

06 Dic 2018
118 volte

RESILIenza Mobilitazione e Opportunità per Crescere Insieme è un progetto che realizza una serie di azioni in contrasto alla povertà educativa, coinvolgendo 62 degli 87 comuni marchigiani del cratere sismico. L’obiettivo è quello di mobilitare le risorse personali, familiari e comunitarie che caratterizzano il percorso educativo alla resilienza. L’azione intende educare alla resilienza bambini e ragazzi, adolescenti e giovani, e lo fa attraverso una serie di iniziative trasversali e integrate che per due anni, fino al luglio 2020, animeranno il territorio. I servizi, estesi in tre province marchigiane, coinvolgono soprattutto il maceratese: l’Ats 15 (Comune capofila Macerata), l’Ats 16 (Comune capofila San Ginesio), l’Ats 17 (Comune capofila San Severino) e l’Ats 18 (Comune capofila Camerino). Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. È promosso dalla cooperativa sociale Opera, in partnership con Coos Marche Cooperativa Sociale, CSV Marche  e un'ampia rete di soggetti del Terzo settore, enti pubblici, privati ed istituzioni scolastiche. Venerdì 7 dicembre 2018 ore 11,30 Sala Convegni – Rettorato Unicam Via D’Accorso 16 – Camerino.

Interverranno: Andrea Spaterna, Pro Rettore Università di Camerino,Fabio Alessandrelli, presidente Opera. Società Cooperativa Sociale Diego Mancinelli, Cooperativa sociale COOSS. Simone Bucchi, presidente CSV Valerio Valeriani, Coordinatore Ambito Territoriale Sociale 16, 17, 18. 

Erogazione Gas sospesa nelle Sae: Pasqui sbotta

06 Dic 2018
709 volte

Nuove difficoltà inaspettate per alcuni dei terremotati che vivono nelle S.A.E. di Camerino, ai quali è stata interrotta l'erogazione del gas metano da parte di Eni Gas e Luce, nonostante le agevolazioni stabilite con la delibera 252/2017, che esenta i terremotati con casa inagibile (e quindi anche chi oggi abita nelle Soluzioni abitative di emergenza) dal pagamento dell'attivazione e dei costi fissi delle bollette (acqua, luce e gas) per tre anni dal giorno del sisma.  Senza applicare le agevolazioni e calcolando dunque tutte le spese, la ditta aveva inviato le bollette ai terremotati. Chi si è visto recapitare le bollette sbagliate, ha provveduto immediatamente ad inviare una lettera di reclamo per ricalcolare i giusti importi, dopo aver contattato Eni e aver fatto presente l'errore, ed essere stata invitata a non pagare le bollette in attesa della correzione. Nonostante questo, Eni ha prima inviato una diffida di pagamento ai terremotati, e poi ha provveduto a staccare le forniture del gas metano dalle casette.  Per questo, il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, ha prontamente provveduto ad inviare una lettera a Eni Gas e Luce (fornitore del servizio) e a ItalGas (proprietario della rete), e contestualmente alla Procura della Repubblica, alla Regione Marche e alla Protezione civile nazionale e regionale. “Si intimano gli enti in indirizzo a ripristinare immediatamente l’erogazione del servizio – questo il testo della lettera inviata – in quanto gli allacci, in regime di emergenza post sisma, sono gratuiti per cui tale interruzione non appare giustificata. Si invita la Procura della Repubblica a verificare se vi siano estremi di reato per interruzione di pubblico servizio”.

Interruzione di pubblico servizio inaccetabile anche per l'assessore regionale alla protezione civile Angelo Sciapichetti, intervenuto sulla questione per dire che " cittadini già duramente colpiti dal sisma non possono trovarsi senza la possibilità di riscaldarsi e cucinare. Siamo al fianco delle famiglie costrette a subire l'ennesimo disagio- ha detto- per fatti non imputabili alla Regione. Ciò nonostante la Regione Marche, non appena venuta a conoscenza dell'interruzione del caso, che riguarda 4 famiglie, ha provveduto tempestivamente a contattare i referenti Eni, chiedendo che venga risolto il più velocemente possibile un disservizio non imputabile alla Protezione Civile regionale.  La scelta del fornitore dei servizi- ha concluso Sciapichetti- è infatti in capo all'assegnatario della casetaa secondo le regole del libero mercato". 

Con una nota anche i responsabili di Cisl Macerata Silvia Spinaci, Cisl di Camerino Rocco Gravina e Adicosnsum, hanno fatto sapere di aver ricevuto conferma da parte dei vertici nazionali di Eni Gas e Luce che domani stesso la questione verrà risolta con la riattivazione delle utenze delle Sae di Camerino.

Con l'omaggio a Rossini, al via la 49^ Stagione Concertistica della GM di Camerino

06 Dic 2018
58 volte

Al via la 49^ Stagione Concertistica della Gioventù Musicale di Camerino. Inaugurazione domenica 9 dicembre  alle ore 17.30 presso l’aula magna del Polo scolastico Provinciale, con l’omaggio a Gioacchino Rossini dei Solisti di Milano Classica. Protagonista del primo dei sette concerti della stagione 2018, l’ensemble composto da Eleonora Matsuno violino, Jamiang Santi violino, Cosimo Carovani violoncello, Federico Bagnasco contrabbasso, eseguirà le "Sonate a Quattro" di Gioachino Rossini, in onore al genio di Pesaro nel 150° anniversario dalla morte.  A conclusione del concerto la Gioventù Musicale di Camerino sarà lieta di salutare i presenti con un brindisi. “ Ci siamo voluti un po' distinguere dalle tante celebrazioni dell'anno rossiniano, scegliendo una pagina rossiniana davvero originale- spiega il direttore artistico Francesco Rosati- Crediamo che la letteratura classica vada coltivata seguendo una linea filologica e, invitando l’importante formazione dei Solisti di Milano Classica, abbiamo voluto che fossero eseguite le Sonate a quattro. La particolarità  di questa composizione è che fu scritta da Rossini per due violini violoncello e contrabbasso e dunque, per una formazione cameristica che non è il classico quartetto d’archi. L’opera fu scritta da Rossini quando aveva 12 anni; era il 1804 e, durante il soggiorno nella tenuta estiva della famiglia Triossi nelle campagne di Ravenna, per il diletto familiare, gli fu chiesto di scrivere qualcosa per l’organico di musicisti che era presente in casa, due violinisti, un violoncellista e un contrabbassista.  E’ così che nasce la "musica da camera" e delle pagine straordinarie; pur nella semplicità delle partiture,  non sembra affatto che dietro quelle musiche vi sia un dodicenne, bensì  un uomo quasi maturo. In fondo-continua Rosati- quella è la musica di un bambino, ma si può dire che c’è già dentro il seme del Grande genio e il Giacchino Rossini della maturità. Non a caso il grande editore Ricordi, qualche anno dopo pubblicò quelle partiture per la formazione più commerciale del tradizionale quartetto d'archi. Una pagina originalissima che merita assolutamente di essere ascoltata”.

C.C.

Nomina del DG di Unicam Tedesco, nella Commissione ministeriale su riordino legislazione universitaria

06 Dic 2018
439 volte

Il Direttore Generale dell’Università di Camerino, dott. Vincenzo Tedesco, è stato nominato membro della Commissione ministeriale per la redazione del “Codice della legislazione scolastica, universitaria, dell’alta formazione artistica musicale e coreutica e della ricerca”, istituita lo scorso 21 novembre con decreto del Ministro Bussetti.

 

Presieduta dal Consigliere Vito Tenore, Consigliere della Corte dei Conti, avrà il compito di provvedere al riordino, alla semplificazione e alla codificazione delle disposizioni legislative di competenza del ministero e per questo è articolata in quattro Sezioni.

 

Il dott. Tedesco è stato scelto per essere uno dei diciotto componenti della Sezione Università, che è coordinata dal prof. Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università di Bergamo.

 

“Sono estremamente orgoglioso di questa nomina – ha dichiarato il dott. Tedesco – che non solo sancisce una attestazione di stima professionale nei miei confronti, ma conferma anche l’impegno dell’Ateneo, fortemente supportato dal Rettore Pettinari e dalla governance tutta, nelle questioni relative alla semplificazione amministrativa, tanto da essere considerato un modello nel sistema nazionale universitario. Sono diversi i processi che stanno subendo molti cambiamenti nell’organizzazione delle Università italiane ed è pertanto necessario che ci sia una regolamentazione unica, organica e coordinata, che consenta al nostro sistema universitario di essere sempre più competitivo ed attrattivo a livello internazionale. Unicam sta attuando diversi cambiamenti nella struttura organizzativa, così come nella regolamentazione interna, mettendo al centro di ogni azione le persone, su cui si fonda il sistema e senza le quali nulla sarebbe possibile: porteremo la nostra esperienza in Commissione e metteremo le nostre buone pratiche a disposizione di tutti i colleghi”.

 

 

 

Dialettiamoci8 chiude con un altro sold out a Caldarola

06 Dic 2018
47 volte

Terzo successo con la commedia di Gabriele Piantadosi dal titolo “Chi sa balà… nun casca mai”, presentata dal Teatro del Sorriso di Ancona. Nella sala polivalente Tonelli di Caldarola si è conclusa, sabato scorso, l’ottava edizione della rassegna DIALETTIAMOCI8.

Un altro pienone, un’altra serata all’insegna del buonumore, un’altra serata di soddisfazione per l’organizzazione e per i 5Comuni.  Ora, in attesa dell’altra rassegna, Il Gusto del Teatro, si tirano le somme di questa avventura che ha visto salire sul palco tre compagnie che, per motivi differenti, sono state tutte all’altezza delle aspettative. Se da quella settempedana del Teatro Club Gubinelli non poteva esservi sorpresa, essendo rodata e da lungo tempo ai vertici delle performance delle compagnie amatoriali, ha destato grande ammirazione quella proveniente da Potenza Picena, Li Sfiguranti de Montesanto, che, ancora autoctoni nella loro produzione, hanno fatto ridere di gusto il pubblico presente. Bella prestazione anche per Il Teatro del Sorriso di Ancona , con alcune individualità, su tutti, veramente degne di sottolineatura in una commedia apparentemente facile, ma che invece nascondeva tante insidie. È il sindaco di Caldarola che traccia il bilancio consuntivo: “Tre serate magnifiche con la sala completamente gremita – commenta Luca Maria Giuseppetti , sindaco di Caldarola – che ci hanno fatto ritrovare momenti di serenità e di comunità; siamo veramente soddisfatti di come sia andata questa edizione e ci prepariamo a vivere con curiosa attesa la quarta rassegna de IL GUSTO DEL TEATRO, nel mese di gennaio; sono convinto che sarà un altro successo, stando anche al numero già molto elevato degli abbonamenti sottoscritti. Come al solito non lesineremo l’impegno sulla preparazione dell’aperitivo cena, come ormai è consuetudine acclarata”.

DSC 0284

Giammario Ottavi, sindaco di Cessapalombo: «Oltre alla bontà delle commedie presentate, questa ottava edizione ha fatto registrare un altro dato importante: le presenze del pubblico. La risposta migliore, quella dei nostri cittadini, alle tante problematiche che pian piano, e con fatica, stiamo cercando di risolvere per ritornare ad una normalità auspicata ed ancora lontana. Queste presenze numerose ci danno il coraggio di andare avanti, perché sappiamo che dobbiamo lavorare ancora tanto per i nostri concittadini; ma loro sanno perfettamente che ce la metteremo tutta”.

La rassegna è organizzata dalla compagnia teatrale Valenti, con la collaborazione dei 5Comuni (Caldarola, Belforte del Chienti, Cessapalombo, Camporotondo di Fiastrone e Serrapetrona) ed il sostegno di Banca di Macerata, Oro della Terra e ASSM-Terme di S. Lucia di Tolentino.

È intanto possibile prenotare gli abbonamenti della quarta rassegna IL GUSTO DEL TEATRO telefonando al numero 335/7681738.

DSC 0039

 

DSC 0008

Tolentino, guida in stato di ebbrezza: arrestato 50enne

06 Dic 2018
264 volte

E’ stato arrestato ieri sera dai carabinieri di Tolentino e sottoposto al regime di detenzione domiciliare un italiano di 50 anni, operario residente a Tolentino, per guida in strato di ebbrezza.

I militari dell’Arma avevano denunciato penalmente l’uomo già nel 2014, quando lo avevano colto alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza alcolica, con un tasso che superava la soglia consentita. All’epoca gli fu contestualmente sospesa la patente di guida, riacquisita qualche mese più tardi, e gli fu concessa, in alternativa alla detenzione, la pena sostitutiva dei lavori di pubblica utilità.

Ciò non è bastato ad evitare che quanto già accaduto si ripetesse: infatti nel 2017 l’uomo, di nuovo alla guida, ha provocato un incidente stradale. Anche in questo caso il tasso alcolico nel sangue superava di molto la soglia consentita. 

Sarà la scure della giustizia a fermarlo per qualche tempo: la sopraggiunta condanna definitiva per i fatti del 2014, in considerazione anche dell’inottemperanza ai lavori di pubblica utilità, mai svolti, gli costeranno 3 mesi di detenzione domiciliare.

GS

Pienone di studenti per l'incontro con i Baustelle all'università di Camerino

06 Dic 2018
195 volte

I Baustelle all’università di Camerino. L’interazione con una sala stracolma di studenti, si è concretizzata grazie a “FARE un ’68”. Come già avvenuto ieri nell’ateneo di Pescara e, come sta per accadere a Siena, anche a Camerino il trio tra i più amati della scena indie rock, ha voluto una pacifica occupazione dei luoghi studenteschi, in omaggio all’anniversario dei cinquant’anni del ’68. Aperto dai saluti del rettore Pettinari , l’incontro camerte si è potuto realizzare grazie alla collaborazione delle associazioni TAM-tutta un’altra musica e Musicamdo. Due chitarre, un piccolo harmonium, le loro bellissime voci e poche canzoni, gli unici strumenti di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi, Claudio Brasini e Andrea Faccioli che, affiancati dal giornalista di Robinson Luca Valtorta in veste di moderatore, hanno accolto i numerosissimi studenti, stimolandoli al confronto.

Sala rettorato

 Nessuna festa, né promozioni discografiche , ma il solo pretesto di farsi raccontare, ascoltare il loro sentire su come vivono questo momento della loro vita e come si rapportano con il presente e il futuro. Cosa è cambiato nelle parole libertà e comunicazione, nel modo di indignarsi, nella complessità e nel modo di affrontare tensioni e disagi. Cosa non c’è perché non c’è mai stato e potrebbe essere, cosa si è perso, cosa manca in una società sempre più individualista e superficiale, in una cultura che ha perso il coraggio di opporsi. Inframezzate dalle canzoni più intense del trio, si sono analizzate le parole veloci dei social, sconosciute ai giovani del ’68 e spesso, testimonianza del deserto dei contatti umani dell'oggi .

Baustelle dibattito

“Ci portiamo a casa una bellissima esperienza - ha detto Francesco BianconiAbbiamo voluto fare tappa in luoghi decentrati e un po’ a i margini.A maggior ragione all’università di Camerino e in una città che ha vissuto tempi difficili, dove esserci, vuol dire anche dare un segno di inizio di ripartenza e di ricostruzione. Stimolare un pensiero critico è l’idea di fondo di questo progetto nato dalla voglia di profanare un mistero. Volevamo cercare di capire il momento presente che l’Italia e forse anche il mondo intero sta attraversando, sentendolo dalla voce dei ragazzi di vent’anni, da studenti universitari che, per me che studente universitario non lo sono più, rimangono per l’appunto un mistero. Dal punto di vista sociale e politico, il presente darebbe molti spunti di riflessione e anche di critica e – ha continuato il cantante dei Baustelle- quello che si nota è che la generazione di questi ragazzi è un po’ silente. La nostra idea era proprio questa: entrare in un ateneo, cantare delle canzoni e innescare una sorta di dibattito sul presente con la scusa dei 50 anni dal ’68.

Francesco Bianconi

 Stesso format per la prossima tappa all’università di Siena e poi, i tre incontri finiranno in una sorta di racconto finale del quale lo scrittore Paolo Di Paolo trarrà le conclusioni. Dal nostro punto di vista- ha concluso Bianconi- già abbiamo avuto un assaggio dei temi interessanti che ne sono usciti;  abbiamo percepito che i ragazzi sono silenziosi solo in apparenza e , da questi due incontri abbiamo riscontrato che parlano senza timidezza, che hanno delle idee anche molto chiare, sul presente e sul futuro". 

C.C.

Tetto pericolante, a Tolentino chiusa via Adriana

05 Dic 2018
129 volte

L’allarme in via Adriana è scattato questo pomeriggio quando un passante ha notato un edificio danneggiato dal sisma con una serie di coppi che rischiavano di cadere a terra.

L’uomo ha avvertito la Polizia municipale e i vigili del fuoco di Tolentino che con un cestello, messo a disposizione dalla Assm spa, hanno cominciato a rimuovere tutte le parti pericolose e che potevano crollare sulla via.

L’intervento è durato un paio di ore e al termine del quale è stato deciso, in via precauzionale, di chiudere sia al traffico pedonale che veicolare, via Adriana dal numero civico 10 al numero civico 14, dall’angolo con via Benedetto Silvio all’angolo con traversa Adriana.

Domattina saranno effettuati ulteriori controlli allo stabile.

GS

Ospedale di Tolentino, posta la targa in ricordo di Comi

05 Dic 2018
203 volte

Si è svolta questa mattina l’apposizione della targa all’ospedale di Tolentino in ricordo di Nicola Comi, il medico cardiologo e sindaco della città dal 1980 al 1985, scomparso lo scorso mese di agosto a seguito di un male incurabile.

La decisione di apporre la targa era arrivata dal direttore di Area Vasta 3, Alessandro Maccioni, subito dopo la morte di Comi. Un modo per riconoscere l’impegno e l’amore che il cardiologo aveva messo nel suo lavoro e per l’ospedale della città.

Un targa che, terminati i lavori per la ricostruzione del nuovo ospedale, sarà apposta all’ingresso centrale del nosocomio.

Presenti alla cerimonia il figlio, Francesco Comi, ex segretario regionale del Pd, il nipotino Nicola, il sindaco Giuseppe Pezzanesi e Giampiero Feliciotti, presidente della Comunità Montana dei Monti Azzurri.

In rappresentanza del governo provinciale il consigliere Paolo Micozzi, e di quello regionale, l’assessore Angelo Sciapichetti.

Commosso, a rappresentare i medici dell’ospedale, il collega di Comi, Raul Brambatti che prese le redini dell’ambulatorio di cardiologia.

“Il sindaco delle grandi opere – così lo ha ricordato Alessandro Maccioni - . La sua professione di medico era la sua vita e questo ospedale la sua seconda casa”. 

GS

"Febbre a 45 giri" approda a San Severino

05 Dic 2018
85 volte

Terza tappa, tutta settempedana, per il tour "Febbre a 45 giri" promosso e organizzato dall'Associazione Fontana, presieduta da Claudio Brunacci. La serata è in programma per venerdì 7 dicembre al teatro Feronia alle 21, e trasporterà gli spettatori nella magia della musica tipica degli anni in cui tutti i sogni sembravano realizzabili.

“In un momento storico dove tutto si rinnova con una velocità impressionante - afferma Brunacci - e dove la tecnologia, ma anche il consumismo più sfrenato, fa ritenere già superato l'oggetto che abbiamo appena acquistato, potrebbe sembrare assurdo ed anacronistico dedicare una serata all'obsoleto 45 giri: per chi ha vissuto quegli anni - spiega - il 45 giri (come pure il 33 giri) ha rappresentato quasi l'unico mezzo a disposizione per ascoltare la musica che ci piaceva”. Era infatti un' epoca in cui la radio e la TV erano solo quelle di Stato, con pochissimo tempo dedicato alla musica "leggera", ed il fenomeno delle "Radio libere" era ancora lontano da venire.

Ma perché tanta nostalgia? Perché proprio gli anni ’60? “Sicuramente - dice - non è per mancanza di idee, piuttosto è la voglia di rivivere il bello di quell’epoca, o proporre qualcosa di magico a chi, purtroppo, quegli anni non ha avuto il piacere di viverli. Anche noi siamo stati ammaliati dalla voglia di vivere di quegli anni e non abbiamo saputo resistere dal celebrarli come ci piace di più”, regalando a chi li ha vissuti e li ricorda un piacevole viaggio indietro nel tempo e a chi non li ha vissuti, il privilegio di conoscerli e goderne un po’.

A presentare la serata saranno Marco Moscatelli e Taryn Piccinini. 

g.g.

Intervento video di J-Ax a "Psyco Lab: Menti Indipendenti". In platea 600 studenti

05 Dic 2018
367 volte

Le tematiche della Salute Mentale e l’utilizzo di sostanze stupefacenti al centro del Convegno “Psyche Lab: Menti Indipendenti” che ha riempito l’Auditorium Benedetto XIII di Camerino. Davanti ad una platea di 600 ragazzi degli istituti superiori della città, se ne è discusso con l’intervento di esperti. Il convegno è stato organizzato in occasione della Giornata Nazionale Salute Mentale e nell’ambito del Progetto di prevenzione e promozione benessere Menti-Indipendenti che vede coinvolti i Servizi Sollievo ats 17-18 (Personale Cooss Marche), il Dipartimento Salute Mentale AV3 e l’associazione Scacco Matto. I laboratori di prevenzione hanno sensibilizzato gli studenti delle singole classi dell'IPSIA, Licei e ITCG di Camerino.

Platea

L’incontro è stato pensato e realizzato a favore dei giovani e del crescente rischio di comportamenti disfunzionali, legato spesso all’utilizzo di sostanze stupefacenti, ma anche  per la necessità di sensibilizzate il territorio sul tema salute mentale e promuovere  spazi di scambio e condivisione. Sul tema prevenzione e promozione Salute e benessere si è quindi concentrata la serie di interventi del convegno, al quale hanno preso parte il dott. Valerio Valeriani-Coordinatore ATS16-17-18, Angelo Meloni- Direttore Dsm AV3, Ilenia Cittadini-Coordinatore Servizi Sollievo e responsabile Progetto Menti Indipendenti, il dott. Andrea Ballerini dell’Università di Firenze, Annalisa Cambi Coordinatrice del Servizio Sollievo ATS 17 e ATS 18, la psicologa Valeria Cegna che ha illustrato il Progetto Menti Indipendenti. Ad intervallare i contributi sono state le performance musicali del trio rap senigalliese TRB CREWAvere coscienza del rischio che si corre nell'uso continuativo e abuso di cannabis, al centro della relazione del dott. Ballerini il quale  ha parlato della fascia d'età dai 12 ai 22 anni come quella più sensibile a fenomeni che riguardano la riduzione di funzionalità di parti del cervello, modifica delle emozioni, apatia sociale, isolamento, psicosi.

TB CREW

Toccante e significativa la performance teatrale, frutto dell'attività riabilitativa  che ha visto protagonisti gli utenti del Servizio Sollievo, coordinati dalla regista e docente Margherita Caciorgna. Di particolare impatto la testimonianza video del cantante J-Ax prestatosi a rispondere ad una serie di domande riguardanti il suo percorso professionale e la sua vita. Parlando di dipendenze il rapper ha sottolineato che chi più chi meno ne è afflitto; possono presentarsi sotto forma di sostanze stupefacenti ma anche di cioccolato, gioco, orologi; ognuno ha dentro di sé quel buco da colmare; parlarne e cercare di riempire con passione questa cavità che si ha dentro può aiutare. L’aiuto viene dall’essere curiosi, dall’ascoltare le persone e poi fare di testa propria, trovando un proprio stile. “Sviluppare il pensiero critico è la vera sfida – ha detto il dott. Valerio Valeriani- Il titolo dato al progetto è infatti “Menti indipendenti” che viene utilizzato per interventi di prevenzione, sia delle dipendenze sia per la promozione del benessere. E’ un programma che ha a che fare con la capacità di sviluppare un pensiero critico, in quanto la prima forma di difesa dalle droghe o da qualsiasi disagio, è aumentare i propri anticorpi cognitivi, cioè favorire una maggiore capacità di sviluppare pensieri con la propria testa, valutare aldilà, facendo resistenza alla pressione del gruppo di appartenenza, alla sollecitazione del conformismo che è imperante e, lo è soprattutto nel mondo dell’adolescenza. L’adolescente è per definizione persona in fase di individuazione, persona che sta trovando se stesso; individuarsi non vuol dire essere contro gli altri ma è pensarla diversamente dall’altro, magari un genitore o un insegnante e, non per questo non volergli bene. Vera sfida della giornata è dunque sviluppare un pensiero critico” .

Valeriani

La lunga mattinata si è conclusa con una interessante riflessione suggerita da un vivace momento interattivo con gli stessi studenti che hanno formulato una serie di domande . “L’occasione è stata quella della Giornata Nazionale della Salute mentale- ha ricordato Valeriani- ; per noi è stata anche una bella situazione per festeggiare i nostri Servizi di Sollievo che non sono la cura ma, che si riferiscono a tutto quello che c’è prima, a quello che c’è dopo e intorno. Prima c’è la promozione del benessere e dunque tutti gli interventi che hanno a che fare con le emozioni, il disagio e tutto quello che in qualche modo ci fa stare bene. Il dopo e la riabilitazione ha invece a che fare con il reinserimento nel mondo del lavoro , all’autonomia riconquistata dopo che si è stati male per qualche motivo e poi, c'è l’intorno, che ha a che fare con il lavoro con la scuola, con le famiglie e tutte le operazioni che coinvolgono la ricerca del lavoro. Queste le tematiche del Sollievo che prevedono interventi in più contesti che sono quello gruppale con il quale si sviluppano anche stimoli culturali per parlare del tema benessere; lo si fa anche a livello scolastico con gruppi classe, a livello assembleare e poi negli sportelli individuali dei Family Point. Ogni contesto è dunque appropriato e la riprova è venuta da quello odierno, dove abbiamo potuto notare che dalla platea dei ragazzi, sono arrivate ben 100 domande”.

C.C.

San Severino Blues festival Winter Edition: i giovani saranno i protagonisti della stagione

05 Dic 2018
59 volte

Dopo la pausa dalla stagione estiva, il San Severino Blues Festival ritorna con l'edizione invernale. Dieci eventi da dicembre a maggio nei teatri ma anche per le serate Club che quest'anno, dopo un inizio all'Hotel 77 e il trasferimento alla Filarmonica di Macerata, ritornano a Tolentino. L'inizio, come da tradizione sarà il giorno di Natale con giovani ed innovativi cori Gospel statunitensi al teatro Verdi di Pollenza. L'ultima serata sarà l'11 maggio. Cinque le città della Provincia che saranno coinvolte: confermati i teatri di San Severino, Matelica, Pollenza e Corridonia, ed è nuova invece la sede delle serate Club, cena e concerto: si svolgeranno all’interno del Castello della Rancia a Tolentino.      "Gli ospiti sono tutti importanti - afferma il direttore artistico Mauro Binci - abbiamo puntato sui giovani talenti italiani ma anche stranieri. Eric Turner, che inaugurerà le serate club è un personaggio importante, non solo direttore del coro gospel ma anche attore e musicista. Ospite dell'ultima serata club sarà Linda Valori con un nuovissimo progetto e una nuova band. Molto soddisfatto per il concerto pomeridiano dell'1 gennaio: abbiamo inserito una bravissima cantante italiana che ho già avuto modo di ascoltare e devo dire che è difficile dimenticarla". 

 

(Eric B. Turner)

Eric B Turner 1

 

Nel solco della musica blues, gospel e soul, in cartellone ci sono dieci concerti che in questa edizione puntano sulle attuali tendenze del gospel afroamericano, sui nuovi progetti di talenti italiani ed internazionali, sulle voci, soprattutto quelle femminili di Linda Valori, Sara Zaccarelli, Betta Maulo e Ilaria Graziano, sulla chitarra del maestro californiano Chris Cain e sull’armonica dell’inglese Giles Robson, con all’interno piccoli omaggi ad Aretha Franklin e Otis Rush, i due grandi artisti scomparsi nel corso del 2018. Saranno i cori Gospel statunitensi a dare il via alla rassegna a partire il 25 dicembre, a Pollenza col settetto di Atlanta The Anointed Believers, proseguendo il 26 al teatro Piermarini di Matelica con il quintetto della South Carolina di James Patterson, grande comunicatore e futura star del genere, e concludendo la terna di musica religiosa afroamericana il 29 al teatro Feronia di San Severino con GAP, il grande coro di Dennis Reed, l’incredibile e pluripremiato talento della North Carolina che, mescolando R&B e hip hop al gospel, ha creato uno stile nuovo e particolare.

(Dennis Reed & GAP)

Dennis Reed GAP

 

L’anno nuovo, il 1 gennaio alle 17 al teatro Lanzi di Corridonia, porterà una nuova straordinaria artista, Sara Zaccarelli, cantante emiliana, dotata di una voce e di una capacità d’interpretazione uniche: la sua passione per la musica nera è approdata ad un stile personale neo-soul di valore internazionale, con composizioni proprie. La sua voce potrà permettersi durante il concerto un piccolo omaggio ad Aretha Franklin. Il 19 gennaio si aprono le porte del nuovo Club in un salone del Castello della Rancia di Tolentino, che ospiterà quattro concerti con cena, su prenotazione. L’inaugurazione è affidata alla grande voce black del cantante newyorkese Eric B. Turner, leader del gruppo gospel Harlem Voices, attore e musicista di musical, con la passione per il funk ed il soul: con i Soul Doctor renderà omaggio alle hits storiche del R&B e della Motown. Le serate in Club, tutte di sabato, proseguono il 16 febbraio con Betta Blues Society, la band italiana prima a partecipare all’International Blues Challenge di Memphis, guidata dall’eccezionale voce di Elisabetta Maulo, il 23 marzo con il trascinante bluesman inglese Giles Robson, nuova stella dell’armonica, l’11 maggio con la splendida voce di Linda Valori in un’anteprima del suo nuovo progetto musicale con una nuova band. La primavera è al teatro Piermarini di Matelica che ospiterà il 9 marzo Ilaria Graziano e Francesco Forni, il duo italiano diventato internazionale grazie alle loro originali canzoni d’autore folk-blues e il 6 aprile il mitico chitarrista blues-jazz americano Chris Cain, che non mancherà di tributare un omaggio al grande Otis Rush insieme alla band di Luca Giordano.

(Chris Cain)

Chris Cain

 

g.g.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.632.365 / Fax 0737.616.301

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo