La montagna perde pezzi. Ussita e Castello senza medico

Giovedì, 05 Marzo 2020 09:24 | Letto 2208 volte   Clicca per ascolare il testo La montagna perde pezzi. Ussita e Castello senza medico Senza case, senza giornali e ora senza medico. Continuano a perdere i tasselli della normalità gli abitanti dellentroterra, in questo caso di Ussita e Castelsantangelo sul Nera.Dal sisma del 2016 che li ha strappati alla vita che amavano è stato un continuo lottare con le unghie e con i denti per provare a custodire quel poco che gli era rimasto, ma ora, a quasi quattro anni da quel giorno, sembra sempre più difficile andare avanti.Continuano a perdere pezzi e, soprattutto motivi per restare, gli abitanti della montagna che dalla scorsa settimana non hanno il medico di base.La dottoressa che riceveva a Ussita e Castelsantangelo, infatti, si è trasferita ad Urbisaglia ed essendo un Comune fuori dal distretto camerte, i suoi mutuati le sono stati cancellati dufficio.Da un giorno allaltro, quindi, i cittadini che con tanti sacrifici hanno deciso di restare nei loro paesi si sono visti togliere anche un altro servizio, quello sanitario.E in scadenza in questo mese un bando dellAsur per lassegnazione di un altro medico per i due paesi, ma il timore che possa andare deserto è davvero forte da parte dei cittadini che si rendono conto di non essere molti e quindi poco appetibili in termini di convenienza per la scelta del medico di base.A questo punto i cittadini potrebbero valutare la scelta del medico di Visso o uno dei tre che operano a Pieve Torina, ma nellItalia dei paradossi, quanti più cittadini si sistemano ora con altri medici, tanti meno mutuati risultano da assegnare al nuovo medico per il quale non varrebbe davvero la pena prendere lincarico.Non è detto poi che lAsur stessa, qualora il bando andasse deserto, possa valutare di chiedere al medico di Visso di fare ambulatorio anche a Ussita e Castello, ma il medico potrebbe comunque declinare linvito.Motivo di preoccupazione che si aggiunge tra i cittadini riguada anche la farmacia: lattività, infatti, è aperta a Ussita e Castelsantangelo nei giorni in cui il medico che si è trasferito faceva ambulatorio. I cittadini temono ora che, non avendo più il medico, possano perdere anche il servizio della farmacia e quindi essere costretti a recarsi a Visso per acquistare i medicinali.E una bvergogna - dice il sindaco di Castelsantangelo, Mauro Falcucci - , una offesa al popolo della montagna. Noi siamo qui, il medico si fa i due anni previsti dai contratti e poi va via. Questo è un modo per distruggere la montagna. Insieme al commissario straordinario di Ussita ci siamo subito attivati quando ci è giunta voce che il precedente medico di base aveva vinto un altro concorso e se ne sarebbe andata. Il 20 marzo scade il bando dellAsur per lassegnazione del nuovo medico. Noi attendiamo ma è in dubbio che per far sì che un medico rimangia in montagna bisogna trovare altre soluzioni. E necessario che ci sia una copertura e una assistenza adeguata perchè la sanità è importante per tutti e i pazienti devono essere uguali in ogni parte dItalia.GS
Senza case, senza giornali e ora senza medico. Continuano a perdere i tasselli della normalità gli abitanti dell'entroterra, in questo caso di Ussita e Castelsantangelo sul Nera.
Dal sisma del 2016 che li ha strappati alla vita che amavano è stato un continuo lottare con le unghie e con i denti per provare a custodire quel poco che gli era rimasto, ma ora, a quasi quattro anni da quel giorno, sembra sempre più difficile andare avanti.
Continuano a perdere pezzi e, soprattutto motivi per restare, gli abitanti della montagna che dalla scorsa settimana non hanno il medico di base.
La dottoressa che riceveva a Ussita e Castelsantangelo, infatti, si è trasferita ad Urbisaglia ed essendo un Comune fuori dal distretto camerte, i suoi mutuati le sono stati cancellati d'ufficio.
Da un giorno all'altro, quindi, i cittadini che con tanti sacrifici hanno deciso di restare nei loro paesi si sono visti togliere anche un altro servizio, quello sanitario.
E' in scadenza in questo mese un bando dell'Asur per l'assegnazione di un altro medico per i due paesi, ma il timore che possa andare deserto è davvero forte da parte dei cittadini che si rendono conto di non essere molti e quindi poco "appetibili" in termini di convenienza per la scelta del medico di base.
A questo punto i cittadini potrebbero valutare la scelta del medico di Visso o uno dei tre che operano a Pieve Torina, ma nell'Italia dei paradossi, quanti più cittadini si sistemano ora con altri medici, tanti meno mutuati risultano da assegnare al nuovo medico per il quale non varrebbe davvero la pena prendere l'incarico.
Non è detto poi che l'Asur stessa, qualora il bando andasse deserto, possa valutare di chiedere al medico di Visso di fare ambulatorio anche a Ussita e Castello, ma il medico potrebbe comunque declinare l'invito.
Motivo di preoccupazione che si aggiunge tra i cittadini riguada anche la farmacia: l'attività, infatti, è aperta a Ussita e Castelsantangelo nei giorni in cui il medico che si è trasferito faceva ambulatorio. I cittadini temono ora che, non avendo più il medico, possano perdere anche il servizio della farmacia e quindi essere costretti a recarsi a Visso per acquistare i medicinali.

"E' una bvergogna - dice il sindaco di Castelsantangelo, Mauro Falcucci - , una offesa al popolo della montagna. Noi siamo qui, il medico si fa i due anni previsti dai contratti e poi va via. Questo è un modo per distruggere la montagna. Insieme al commissario straordinario di Ussita ci siamo subito attivati quando ci è giunta voce che il precedente medico di base aveva vinto un altro concorso e se ne sarebbe andata. Il 20 marzo scade il bando dell'Asur per l'assegnazione del nuovo medico. Noi attendiamo ma è in dubbio che per far sì che un medico rimangia in montagna bisogna trovare altre soluzioni. E' necessario che ci sia una copertura e una assistenza adeguata perchè la sanità è importante per tutti e i pazienti devono essere uguali in ogni parte d'Italia".



GS



Letto 2208 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo