Stampa questa pagina

Piazza di San Severino, Borioni: “Si confondono le acque?”

Venerdì, 07 Agosto 2020 10:37 | Letto 242 volte   Clicca per ascolare il testo Piazza di San Severino, Borioni: “Si confondono le acque?” E’ tornato sull’argomento dell’illuminazione pubblica il consigliere di minoranza Francesco Borioni. Già nell’ultimo consiglio comunale aveva espresso la propria contrarietà alla decisione di affidare ad una ditta esterna e privata l’illuminazione pubblica di una zona periferica ed ora invece esprime i propri dubbi in merito alla notizia, divulgata dal Comune, relativa all’illuminazione del palazzo comunale di Piazza del Popolo. “Non ho niente da dire sull’illuminazione con i colori del tricolore – dice – che anzi, mi sembra bellissima ma ho notato una cosa: l’installazione è stata fatta dall’Assem, tutti abbiamo visto gli operai della nostra azienda municipalizzata lavorare per installare le lampade ma dal Comune, in una nota, è stata vantata solo la ditta che ha fornito i dispositivi, dato che l’Assem non li produce ma poi li adatta, e studia le posizioni. La ditta in questione è una di quelle che probabilmente saranno interessate dal project financing che non è altro che la gestione dell’illuminazione pubblica da parte del privato”. Borioni fin da subito ha espresso la sua contrarietà al project financing, ritenendo che andasse sfruttata e valorizzata l’Assem di San Severino. “Mi sembra un ossimoro – osserva – se si chiama illuminazione pubblica ci sarà un motivo. Altrimenti si sarebbe chiamata illuminazione privata”. Fra l’altro, per portare avanti questa posizione, Borioni si è visto protagonista di una critica sul piano personale: “Questo mi dispiace perché io non attacco mai sul personale ma vado sempre sugli argomenti, sui discorsi politici e le strategie e invece, sia il sindaco Rosa Piermattei che la presidente dell’Assem, Manila Amici, mi hanno risposto sul piano personale e questo mi è dispiaciuto. È stata la prima volta che capitava e probabilmente è dovuto al fratto che ho colto nel segno”. Gaia Gennaretti
E’ tornato sull’argomento dell’illuminazione pubblica il consigliere di minoranza Francesco Borioni. Già nell’ultimo consiglio comunale aveva espresso la propria contrarietà alla decisione di affidare ad una ditta esterna e privata l’illuminazione pubblica di una zona periferica ed ora invece esprime i propri dubbi in merito alla notizia, divulgata dal Comune, relativa all’illuminazione del palazzo comunale di Piazza del Popolo.

“Non ho niente da dire sull’illuminazione con i colori del tricolore – dice – che anzi, mi sembra bellissima ma ho notato una cosa: l’installazione è stata fatta dall’Assem, tutti abbiamo visto gli operai della nostra azienda municipalizzata lavorare per installare le lampade ma dal Comune, in una nota, è stata vantata solo la ditta che ha fornito i dispositivi, dato che l’Assem non li produce ma poi li adatta, e studia le posizioni. La ditta in questione è una di quelle che probabilmente saranno interessate dal project financing che non è altro che la gestione dell’illuminazione pubblica da parte del privato”. Borioni fin da subito ha espresso la sua contrarietà al project financing, ritenendo che andasse sfruttata e valorizzata l’Assem di San Severino. “Mi sembra un ossimoro – osserva – se si chiama illuminazione pubblica ci sarà un motivo. Altrimenti si sarebbe chiamata illuminazione privata”. Fra l’altro, per portare avanti questa posizione, Borioni si è visto protagonista di una critica sul piano personale: “Questo mi dispiace perché io non attacco mai sul personale ma vado sempre sugli argomenti, sui discorsi politici e le strategie e invece, sia il sindaco Rosa Piermattei che la presidente dell’Assem, Manila Amici, mi hanno risposto sul piano personale e questo mi è dispiaciuto. È stata la prima volta che capitava e probabilmente è dovuto al fratto che ho colto nel segno”.

Gaia Gennaretti

Letto 242 volte

Clicca per ascolare il testo