POLITEAMA banner beethoven 1022x200

Rapporto Ecomafia Marche: la provincia di Macerata maglia nera nel ciclo illegale del cemento

Martedì, 06 Aprile 2021 17:32 | Letto 310 volte   Clicca per ascolare il testo Rapporto Ecomafia Marche: la provincia di Macerata maglia nera nel ciclo illegale del cemento Sono 990 i reati accertati nelle Marche secondo il Rapporto Ecomafia 2020, promosso nella nostra Regione da Legambiente Marche, Libera Marche, Fillea Cgil Marche. Nel 2019 crescono le illegalità ambientali: rispetto all’anno precedente le Marche scendono di un gradino in classifica nazionale, posizionandosi al 15° posto, ma aumentano i numeri a danno dell’ambiente con 1042 persone denunciate, 4 arrestate e 280 sequestri.“I numeri crescono anche nelle Marche, in linea con il dato nazionale, grazie anche ai maggiori controlli che vengono effettuati per lapprovazione della legge di cui finalmente il nostro Paese si è dotato per andare a reprimere i reati contro lambiente. La filiera più preoccupante è quella legata agli illeciti contro la fauna a terra e a mare con il 4,7% dei reati totali a livello nazionale. Le filiere che solitamente indaga il nostro Rapporto, ormai da oltre ventanni, sono quelle storiche, di grande attenzione per la criminalità, che sono quelle legate ai rifiuti, al cemento, alla filiera agroalimentare, ai beni culturali che vengono rubati, la questione appunto degli animali ma anche quella degli incendi. Per contrastarle è fondamentale fare informazione.” Parole di Francesca Pulcini, Presidente di Legambiente Marche con cui abbiamo parlato anche dei reati che interessano le zone del cratere del sisma. “L’attenzione nelle aree del cratere deve essere altissima. Come sappiamo abbiamo nelle Marche il cantiere più grande d’Europa. Purtroppo la filiera del cemento è una di quelle che fa molto gola alla criminalità. Grazie ad un osservatorio che Legambiente e Fillea hanno messo in piedi, stiamo continuando a lavorare anche in questa direzione.” E Interessante notare che su 238 reati nel ciclo illegale del cemento, ben 107 sono commessi in provincia di Macerata. Sempre secondo il Rapporto, è alto anche il numero dei denunciati per questa tipologia di reato, 125 su un totale di 264 persone nellintera regione. La provincia di Macerata si piazza  al secondo posto, dietro a quella di Ancona, nella classifica  del ciclo illegale dei rifiuti. Secondo i dati riferiti al 2019, sono 60 i reati commessi su un totale regionale di 194. Dalla pulizia delle spiagge al contrasto del consumo di suolo, Legambiente continua la sua opera di informazione e formazione ogni giorno. “Continuiamo a lavorare nel contrasto al consumo di suolo e soprattutto in questo periodo stiamo lavorando molto sempre con Fillea, per la questione legata agli Ecobonus. Abbiamo il bonus del 110% che permette di andare a migliorare la qualità della vita dei cittadini, perché significa avere un’abitazione molto più accogliente e ovviamente significa anche dare risposte a tutta la filiera delledilizia, visto che da sempre Legambiente chiede che ci sia questo stop al consumo di suolo e che si lavori invece per la riqualificazione a tutto tondo delle nostre città. Dallaltra parte stiamo lavorando molto sulla questione dei rifiuti anche in mare. Cè un bel progetto proprio a Civitanova Marche che vede i pescatori protagonisti. Stiamo cercando di contrastare, affinché si arrivi prima possibile al famoso “salvamare”, che finalmente permetterà di portare i rifiuti a terra, senza creare problemi ai pescatori che purtroppo ne incontrano sempre troppi rispetto a quello che dovrebbe esserci nelle loro reti. Quindi questa è la spinta che nonostante il covid stiamo continuando a dare, nonostante la chiusura delle scuole cerchiamo di essere presenti attraverso iniziative on-line. Il nostro impegno non si ferma.”Barbara Olmai
Sono 990 i reati accertati nelle Marche secondo il Rapporto Ecomafia 2020, promosso nella nostra Regione da Legambiente Marche, Libera Marche, Fillea Cgil Marche.

Nel 2019 crescono le illegalità ambientali: rispetto all’anno precedente le Marche scendono di un gradino in classifica nazionale, posizionandosi al 15° posto, ma aumentano i numeri a danno dell’ambiente con 1042 persone denunciate, 4 arrestate e 280 sequestri.“I numeri crescono anche nelle Marche, in linea con il dato nazionale, grazie anche ai maggiori controlli che vengono effettuati per l'approvazione della legge di cui finalmente il nostro Paese si è dotato per andare a reprimere i reati contro l'ambiente. La filiera più preoccupante è quella legata agli illeciti contro la fauna a terra e a mare con il 4,7% dei reati totali a livello nazionale. Le filiere che solitamente indaga il nostro Rapporto, ormai da oltre vent'anni, sono quelle storiche, di grande attenzione per la criminalità, che sono quelle legate ai rifiuti, al cemento, alla filiera agroalimentare, ai beni culturali che vengono rubati, la questione appunto degli animali ma anche quella degli incendi. Per contrastarle è fondamentale fare informazione.”

Parole di Francesca Pulcini, Presidente di Legambiente Marche con cui abbiamo parlato anche dei reati che interessano le zone del cratere del sisma. “L’attenzione nelle aree del cratere deve essere altissima. Come sappiamo abbiamo nelle Marche il cantiere più grande d’Europa. Purtroppo la filiera del cemento è una di quelle che fa molto gola alla criminalità. Grazie ad un osservatorio che Legambiente e Fillea hanno messo in piedi, stiamo continuando a lavorare anche in questa direzione.” E' Interessante notare che su 238 reati nel ciclo illegale del cemento, "ben" 107 sono commessi in provincia di Macerata. Sempre secondo il Rapporto, è alto anche il numero dei denunciati per questa tipologia di reato, 125 su un totale di 264 persone nell'intera regione. La provincia di Macerata si piazza  al secondo posto, dietro a quella di Ancona, nella classifica  del ciclo illegale dei rifiuti. Secondo i dati riferiti al 2019, sono 60 i reati commessi su un totale regionale di 194

Dalla pulizia delle spiagge al contrasto del consumo di suolo, Legambiente continua la sua opera di informazione e formazione ogni giorno. “Continuiamo a lavorare nel contrasto al consumo di suolo e soprattutto in questo periodo stiamo lavorando molto sempre con Fillea, per la questione legata agli Ecobonus. Abbiamo il bonus del 110% che permette di andare a migliorare la qualità della vita dei cittadini, perché significa avere un’abitazione molto più accogliente e ovviamente significa anche dare risposte a tutta la filiera dell'edilizia, visto che da sempre Legambiente chiede che ci sia questo stop al consumo di suolo e che si lavori invece per la riqualificazione a tutto tondo delle nostre città.

Dall'altra parte stiamo lavorando molto sulla questione dei rifiuti anche in mare. C'è un bel progetto proprio a Civitanova Marche che vede i pescatori protagonisti. Stiamo cercando di contrastare, affinché si arrivi prima possibile al famoso “salvamare”, che finalmente permetterà di portare i rifiuti a terra, senza creare problemi ai pescatori che purtroppo ne incontrano sempre troppi rispetto a quello che dovrebbe esserci nelle loro reti. Quindi questa è la spinta che nonostante il covid stiamo continuando a dare, nonostante la chiusura delle scuole cerchiamo di essere presenti attraverso iniziative on-line. Il nostro impegno non si ferma.”

Barbara Olmai

Letto 310 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo