Stampa questa pagina

Capi contraffatti: denunciati venditore e grossista, sequestrati tessuti

Mercoledì, 10 Novembre 2021 13:06 | Letto 425 volte   Clicca per ascolare il testo Capi contraffatti: denunciati venditore e grossista, sequestrati tessuti Marchi contraffatti. Nellambito di unoperazione condotta dalla guardia di finanza della Compagnia di Civitanova Marche, sono finiti nei guai un venditore ambulante abusivo e il grossista della merce In seguito ai controlli eseguiti nel corso del mercato settimanale, i finanzieri hanno scoperto che un venditore ambulante commercializzava capi d’abbigliamento contraffatti; in esposizione sulla bancarella, le fiamme gialle hanno trovato oltre 20 gli articoli tra sciarpe a borse, tutti con packaging approssimativo e privi delle previste documentazioni Le Fiamme Gialle hanno così proceduto al sequestro probatorio della merce contraffatta, denunciando l’ambulante alla Procura della Repubblica di Macerata, in quanto ritenuto responsabile dei reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.Gli ulteriori approfondimenti investigativi, hanno consentito di risalire anche al fornitore della merce contraffatta, una ditta con sede nel Comune di Civitanova Marche, attiva nel commercio di tessuti e stoffe, il cui titolare è stato segnalato alla locale Autorità Giudiziaria.Quindi, su delega del Sostituto Procuratore della Repubblica, Dott. Enrico Riccioni, i finanzieri hanno dato corso ad una perquisizione locale, rinvenendo e sottoponendo a sequestro 419 rotoli di tessuti (per una lunghezza di oltre 3.000 metri lineari), scampoli e articoli di moda, tutti recanti 26 differenti marchi contraffatti di ditte prestigiose che  sarebbero stati utilizzati per la realizzazione di borse, sciarpe ed abiti.Anche il grossista è stato deferito alla Procura della Repubblica di Macerata per i reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.Ulteriori accertamenti verranno eseguiti per verificare eventuali profili di irregolarità anche da un punto di vista fiscale.c.c.
Marchi contraffatti. Nell'ambito di un'operazione condotta dalla guardia di finanza della Compagnia di Civitanova Marche, sono finiti nei guai un venditore ambulante abusivo e il grossista della merce 
In seguito ai controlli eseguiti nel corso del mercato settimanale, i finanzieri hanno scoperto che un venditore ambulante commercializzava capi d’abbigliamento contraffatti; in esposizione sulla bancarella, le fiamme gialle hanno trovato oltre 20 gli articoli tra sciarpe a borse, tutti con packaging approssimativo e privi delle previste documentazioni 
Le Fiamme Gialle hanno così proceduto al sequestro probatorio della merce contraffatta, denunciando l’ambulante alla Procura della Repubblica di Macerata, in quanto ritenuto responsabile dei reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.
foto 2 1
Gli ulteriori approfondimenti investigativi, hanno consentito di risalire anche al fornitore della merce contraffatta, una ditta con sede nel Comune di Civitanova Marche, attiva nel commercio di tessuti e stoffe, il cui titolare è stato segnalato alla locale Autorità Giudiziaria.

Quindi, su delega del Sostituto Procuratore della Repubblica, Dott. Enrico Riccioni, i finanzieri hanno dato corso ad una perquisizione locale, rinvenendo e sottoponendo a sequestro 419 rotoli di tessuti (per una lunghezza di oltre 3.000 metri lineari), scampoli e articoli di moda, tutti recanti 26 differenti marchi contraffatti di ditte prestigiose che  sarebbero stati utilizzati per la realizzazione di borse, sciarpe ed abiti.

Anche il grossista è stato deferito alla Procura della Repubblica di Macerata per i reati di ricettazione e di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi.

Ulteriori accertamenti verranno eseguiti per verificare eventuali profili di irregolarità anche da un punto di vista fiscale.

c.c.

Letto 425 volte

Clicca per ascolare il testo