Camerino, taglio del nastro per la nuova sede degli uffici comunali

Mercoledì, 26 Ottobre 2022 17:35 | Letto 1295 volte   Clicca per ascolare il testo Camerino, taglio del nastro per la nuova sede degli uffici comunali Taglio del nastro questa mattina a Camerino per la nuova sede temporanea degli uffici comunali in via Conti di Statte. Su una superficie di 2700 metri quadrati, in un unico edificio sono da oggi raggruppati tutti i settori operativi del Comune di Camerino.   Simbolica la data scelta per linaugurazione, coincidente con il sesto anniversario di una delle scosse più forti che stravolsero la vita e la fisionomia dei centri dellentroterra maceratese. Doppio il significato legato a quella data che, al ricordo della sofferenza e della forza di non mollare, aggiunge le energie del lavoro compiuto sin qui per ristabilire una situazione che superasse lemergenza e la precarietà. Ne portano il segno e lesempio tutti i livelli delle tante istituzioni che la festosa cerimonia ha riunito oggi a Camerino, città delle Marche tra le più colpite e secondo centro dellintero Cratere per livello di danneggiamento. Sei anni in cui gli stessi dipendenti comunali, seppure in spazi ridotti e non senza difficoltà, hanno speso tutte le loro energie per garantire un costante e prezioso servizio alla cittadinanza. Con lintroduzione musicale della banda città di Camerino, al taglio del nastro della funzionale e moderna costruzione interamente finanziata dalla Protezione civile nazionale con i fondi dellemergenza per la cifra di due milioni e mezzo di euro, con il sindaco di Camerino Roberto Lucarelli e lintera giunta comunale, sono intervenuti il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Subcommissario straordinario alla ricostruzione Gianluca Loffredo, il presidente della provincia di Macerata Sandro Parcaroli, il vice presidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui, il presidente del consiglio comunale Cesare Pierdominici. Intensi e significativi gli interventi che si sono susseguiti dal palco, in una giornata che ha trovato una sintonia e una condivisione particolare nelle parole che sono state pronunciate, anche da parte della folta schiera di sindaci del terriitorio arrivata in città a testimoniare vicinanza e unione dintenti. Subito i ringraziamenti del primo cittadino si sono rivolti a quanti hanno reso possibile questo positivo traguardo che permetterà una migliore organizzazione e un più proficuo lavoro degli uffici comunali,  ma - ha detto Roberto Lucarelli-  linaugurazione di oggi vuole testimoniare la necessità di un cambio di passo. Il segno di oggi è il punto zero di una fase della ricostruzione che deve essere necessariamente diversa. Noi siamo un territorio che già  soffriva, dove lo spopolamento era già forte e dove il sisma ha accelerato alcuni processi. Oggi quelle misure diverse, anche economiche, debbono essere necessariamente impegnate in maniera di distinguo - ha sottolineato il sindaco -. Quella filiera istituzionale che oggi è qui rappresentata in tutte le sue espressioni, dallente locale al Governo centrale, deve impegnarsi per quella che è e deve essere la rinascita di un territorio che è terriorio montano». Ad oggi, su una popolazione di circa seimila residenti, le persone fuori casa nel comune di Camerino sono 1730, tra coloro che percepiscono il contributo di autonoma sistemazione o abitano le soluzioni abitative di emergenza «dunque, anche nella riparizione dei fondi del Pnrrr,  il rapporto con una città di sessantamila abitanti è sicuramente diverso, perchè diverse sono la parte sociale ed economica - ha continuato Lucarelli rimarcando la necessità di leggi speciali riferite alle aree montane-, altrimenti domani ci troveremo a parlare di scuole senza alunni, a fare la lotta tra comuni, a puntellare quelle istituzioni che invece debbono rimanere salde sul territorio. Da questa bella giornata - ha concluso-  deve nascere quella collaborazione territoriale che inizi a fare della nostra città un grosso punto di riferimento per tutta la Regione Marche e per il Centro Italia». Proprio alle complessità e alle difficoltà legate ai sei anni del sisma e alle peculiarità del territorio dellentroterra, hanno fatto riferimento le parole del Governatore Francesco Acquaroli. Quello che è accaduto, è un dramma che ha cambiato il volto sociale, economico e urbanistico dei territori e ha fatto anche riflettere rispetto allapproccio che le istituzioni hanno avuto rispetto alle emergenze. Con molta difficoltà oggi la fase dellemergenza è stata superata  e ci accingiamo a velocizzare la fase della ricostruzione che però - ha affermato Acquaroli- necessariamente ci impone delle riflessioni, soprattutto in relazione alle strategie da mettere in campo. Occore quindi che la filiera istituzionale sia in grado di mettere in campo quelle azioni rivolte non solo a garantire la ricostruzione privata e pubblica ma a dare anche il segnale di una rivitalizzazione economica e a riconoscere la centralità di questi territori affinché possano rinascere, non così come li si è lasciati la sera del 26 ottobre 2016, ma con delle opportunità aggiuntive ulteriori. È questa la sfida dei servizi, quella delle scuole che non debbono rappresentare una battaglia continua. Dobbiamo innescare un meccanismo che, una volta per tutte, sappia proiettare una programmazione che, da qui a prossimi mesi, porti a garantire le risorse, gli strumenti e la programmazione. Solo così potremo ottenere che, dopo anni di devastazione e sofferenza, si arrivi ad una fase dinamica e con più certezze, capace di ricollocare questi territori nella centralità che è importante per tutta la regione. Lo dico con la consapevolezza che lo spopolamento delle aree interne non è grave solo per le Marche ma per tutta lItalia. Se perdiamo questo patrimonio, è come se noi rinunciassimo ad una parte della nostra capacità di prodotto interno lordo, ad una parte della nostra identità e capacità di essere attrattivi. Noi non lo dobbiamo consentire». Al di là del sicuro segnale di ripresa, linaugurazione dei nuovi uffici comunali, è stata anche  loccasione per lanciare una rflessione più ampia sui temi delle emergenze che sempre più stanno riguardando varie zone di un fragile Paese.    Ripercorse e rivissute emotivamente le fasi concitate dei primissimi momenti seguiti alle scosse del 2016 con la mobilitazione di tanti gruppi di Protezione civile impegnati nel soccorso alle popolazioni, il capo Dipartimento Fabrizio Curcio, ha evidenziato come la presa di coscienza del dramma sia avvenuta rapportandosi con realtà che avevano ognuna proprie specificità, per ciascuna delle quali si è cercato di individuare la chiave per rimettere in moto subito quello che serviva. Curcio si è poi riallacciato ai temi approfonditi in precedenza, perché se si è affrontato il prima e il durante, davanti cè un dopo che è di ripresa ma anche momento di analisi rispetto ai problemi che cerano prima- ha dichiarato -. Perchè io non conosco emergenze che abbiano risolto problemi preesistenti ma ho solo conosciuto emergenze che li hanno amplificati. Allora noi dobbiamo recuperare lopportunità drammatica di fare una riflessione sul dopo e sul come agire riguardo ad alcuni territori che avevano già delle dinamiche difficili, per riportarli a diventare risorsa. Un percorso che noi come sistema di protezione civile possiamo solo accompagnare. Un percorso che è di ricostruzione non solo materiale ma sociale, organizzativa, economica, lavorativa culturale». La sfida futura si concentra soprattutto sui comuni più colpiti dalla devastazione, secondo il subcommissario Gianluca Loffredo, che ha puntato lattenzione sulle aree interne dove, sebbene da tempo segnate dallo spopolamento, «una comunità cè ed è importante accelerare e dare una qualità anche economico-sociale agli interventi. Il problema è del legislatore a livello nazionale - ha sottolineato-. Occorre mettere in campo una ordinarietà della straordinarietà, in quanrto la straordinarietà  non può cogliere impreparate  sotto le future comunità che si  troveranno di fronte a problemi simili, sotto il profilo organizzativo funzionale e di gestione».  Nel corso della cerimonia, a conclusione degli interventi, lamministrazione ha voluto rendere omaggio ai dipendenti comunali che hanno raggiunto il pensionamento negli ultimi 10 anni. A precedere il taglio del nastro, la benedizione dellarcivescovo Francesco Massara il quale ha formulato laugurio che la nuova sede comunale sia un luogo di rinascita e daccoglienza e che possa essere a servizio di tutti i cittadini e del territorio. Carla Campetella 
Taglio del nastro questa mattina a Camerino per la nuova sede temporanea degli uffici comunali in via Conti di Statte.
Su una superficie di 2700 metri quadrati, in un unico edificio sono da oggi raggruppati tutti i settori operativi del Comune di Camerino.   
Simbolica la data scelta per l'inaugurazione, coincidente con il sesto anniversario di una delle scosse più forti che stravolsero la vita e la fisionomia dei centri dell'entroterra maceratese.
Doppio il significato legato a quella data che, al ricordo della sofferenza e della forza di non mollare, aggiunge le energie del lavoro compiuto sin qui per ristabilire una situazione che superasse l'emergenza e la precarietà.
Ne portano il segno e l'esempio tutti i livelli delle tante istituzioni che la festosa cerimonia ha riunito oggi a Camerino, città delle Marche tra le più colpite e secondo centro dell'intero Cratere per livello di danneggiamento.
Sei anni in cui gli stessi dipendenti comunali, seppure in spazi ridotti e non senza difficoltà, hanno speso tutte le loro energie per garantire un costante e prezioso servizio alla cittadinanza.
Con l'introduzione musicale della banda città di Camerino, al taglio del nastro della funzionale e moderna costruzione interamente finanziata dalla Protezione civile nazionale con i fondi dell'emergenza per la cifra di due milioni e mezzo di euro, con il sindaco di Camerino Roberto Lucarelli e l'intera giunta comunale, sono intervenuti il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Subcommissario straordinario alla ricostruzione Gianluca Loffredo, il presidente della provincia di Macerata Sandro Parcaroli, il vice presidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui, il presidente del consiglio comunale Cesare Pierdominici. 
piazzale davanti sede
Intensi e significativi gli interventi che si sono susseguiti dal palco, in una giornata che ha trovato una sintonia e una condivisione particolare nelle parole che sono state pronunciate, anche da parte della folta schiera di sindaci del terriitorio arrivata in città a testimoniare vicinanza e unione d'intenti.

Lucareli sede
Subito i ringraziamenti del primo cittadino si sono rivolti a quanti hanno reso possibile questo positivo traguardo che permetterà una migliore organizzazione e un più proficuo lavoro degli uffici comunali,  ma - ha detto Roberto Lucarellil'inaugurazione di oggi vuole testimoniare la necessità di un cambio di passo. Il segno di oggi è il punto zero di una fase della ricostruzione che deve essere necessariamente diversa. Noi siamo un territorio che già  soffriva, dove lo spopolamento era già forte e dove il sisma ha accelerato alcuni processi. Oggi quelle misure diverse, anche economiche, debbono essere necessariamente impegnate in maniera di 'distinguo' - ha sottolineato il sindaco -. Quella filiera istituzionale che oggi è qui rappresentata in tutte le sue espressioni, dall'ente locale al Governo centrale, deve impegnarsi per quella che è e deve essere la rinascita di un territorio che è terriorio montano».
Ad oggi, su una popolazione di circa seimila residenti, le persone fuori casa nel comune di Camerino sono 1730, tra coloro che percepiscono il contributo di autonoma sistemazione o abitano le soluzioni abitative di emergenza «dunque, anche nella riparizione dei fondi del Pnrrr,  il rapporto con una città di sessantamila abitanti è sicuramente diverso, perchè diverse sono la parte sociale ed economica - ha continuato Lucarelli rimarcando la necessità di 'leggi speciali' riferite alle aree montane-, altrimenti domani ci troveremo a parlare di scuole senza alunni, a fare la lotta tra comuni, a puntellare quelle istituzioni che invece debbono rimanere salde sul territorio.
Da questa bella giornata - ha concluso-  deve nascere quella collaborazione territoriale che inizi a fare della nostra città un grosso punto di riferimento per tutta la Regione Marche e per il Centro Italia».
Acquaroli camerino
Proprio alle complessità e alle difficoltà legate ai sei anni del sisma e alle peculiarità del territorio dell'entroterra, hanno fatto riferimento le parole del Governatore Francesco Acquaroli.
"Quello che è accaduto, è un dramma che ha cambiato il volto sociale, economico e urbanistico dei territori e ha fatto anche riflettere rispetto all'approccio che le istituzioni hanno avuto rispetto alle emergenze. Con molta difficoltà oggi la fase dell'emergenza è stata superata  e ci accingiamo a velocizzare la fase della ricostruzione che però - ha affermato Acquaroli- necessariamente ci impone delle riflessioni, soprattutto in relazione alle strategie da mettere in campo.
Occore quindi che la filiera istituzionale sia in grado di mettere in campo quelle azioni rivolte non solo a garantire la ricostruzione privata e pubblica ma a dare anche il segnale di una rivitalizzazione economica e a riconoscere la centralità di questi territori affinché possano rinascere, non così come li si è lasciati la sera del 26 ottobre 2016, ma con delle opportunità aggiuntive ulteriori. È questa la sfida dei servizi, quella delle scuole che non debbono rappresentare una battaglia continua. Dobbiamo innescare un meccanismo che, una volta per tutte, sappia proiettare una programmazione che, da qui a prossimi mesi, porti a garantire le risorse, gli strumenti e la programmazione. Solo così potremo ottenere che, dopo anni di devastazione e sofferenza, si arrivi ad una fase dinamica e con più certezze, capace di ricollocare questi territori nella centralità che è importante per tutta la regione. Lo dico con la consapevolezza che lo spopolamento delle aree interne non è grave solo per le Marche ma per tutta l'Italia. Se perdiamo questo patrimonio, è come se noi rinunciassimo ad una parte della nostra capacità di prodotto interno lordo, ad una parte della nostra identità e capacità di essere attrattivi. Noi non lo dobbiamo consentire». 

Al di là del sicuro segnale di ripresa, l'inaugurazione dei nuovi uffici comunali, è stata anche  l'occasione per lanciare una rflessione più ampia sui temi delle emergenze che sempre più stanno riguardando varie zone di un fragile Paese.   

 Ripercorse e rivissute emotivamente le fasi concitate dei primissimi momenti seguiti alle scosse del 2016 con la mobilitazione di tanti gruppi di Protezione civile impegnati nel soccorso alle popolazioni, il capo Dipartimento Fabrizio Curcio, ha evidenziato come la presa di coscienza del dramma sia avvenuta rapportandosi con realtà che avevano ognuna proprie specificità, per ciascuna delle quali si è cercato di individuare la chiave per rimettere in moto subito quello che serviva.
Curcio si è poi riallacciato ai temi approfonditi in precedenza, perché "se si è affrontato il prima e il durante, davanti c'è un dopo che è di ripresa ma anche momento di analisi rispetto ai problemi che c'erano prima- ha dichiarato -. Perchè io non conosco emergenze che abbiano risolto problemi preesistenti ma ho solo conosciuto emergenze che li hanno amplificati. Allora noi dobbiamo recuperare l'opportunità "drammatica" di fare una riflessione sul dopo e sul come agire riguardo ad alcuni territori che avevano già delle dinamiche difficili, per riportarli a diventare risorsa. Un percorso che noi come sistema di protezione civile possiamo solo accompagnare. Un percorso che è di ricostruzione non solo materiale ma sociale, organizzativa, economica, lavorativa culturale». 

La sfida futura si concentra soprattutto sui comuni più colpiti dalla devastazione, secondo il subcommissario Gianluca Loffredo, che ha puntato l'attenzione sulle aree interne dove, sebbene da tempo segnate dallo spopolamento, «una comunità c'è ed è importante accelerare e dare una qualità anche economico-sociale agli interventi.
Il problema è del legislatore a livello nazionale - ha sottolineato-. Occorre mettere in campo una ordinarietà della straordinarietà, in quanrto la straordinarietà  non può cogliere impreparate  sotto le future comunità che si  troveranno di fronte a problemi simili, sotto il profilo organizzativo funzionale e di gestione». 

Nel corso della cerimonia, a conclusione degli interventi, l'amministrazione ha voluto rendere omaggio ai dipendenti comunali che hanno raggiunto il pensionamento negli ultimi 10 anni. 
vescovo Massara sede
A precedere il taglio del nastro, la benedizione dell'arcivescovo Francesco Massara il quale ha formulato l'augurio che la nuova sede comunale sia un luogo di rinascita e d'accoglienza e che possa essere a servizio di tutti i cittadini e del territorio.


 Carla Campetella
74d5a671 171e 4c2a 80f9 d852029f5180
 


Letto 1295 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo