Enea, Unicam e progetto Marlic sostengono le imprese marchigiane

Venerdì, 28 Ottobre 2022 10:17 | Letto 529 volte   Clicca per ascolare il testo Enea, Unicam e progetto Marlic sostengono le imprese marchigiane Si è svolto lo scorso 17 ottobre allUniversità di Camerino, un tavolo di lavoro di simbiosi industriale con il coinvolgimento di 31 imprese diverse tra loro pronte a condividere sinergia e sostegno nonché scambio di risorse su energie, materiali, acqua, logistica con lobiettivo di perseguire una strategia di economia circolare.  Il tavolo è stato coordinato e gestito dallEnea, agenzia nazionale per lefficienza energetica, che collabora con lUniversità di Camerino nellambito del progetto Marlic (Marche applied researche laboratory for innovative composites) cofinanziato dalla Regione Marche attraverso il Por Fesr 2014-2020.  L’ iniziativa è  stata organizzata anche grazie al contributo della Camera di Commercio delle Marche e Confindustria Macerata. La simbiosi industriale coinvolge, attraverso un approccio integrato, industrie dissimili e tradizionalmente separate, che appartengono a settori produttivi diversi e a catene separate di fornitura, al fine di creare una rete per promuovere strategie innovative e vantaggi competitivi attraverso lo scambio di risorse (materia, energia, acqua e/o sottoprodotti, competenze, logistica ecc.). Tra gli aspetti chiave che consentono il realizzarsi della simbiosi industriale ci sono dunque la collaborazione tra imprese e le opportunità di sinergia disponibili in un opportuno intorno geografico ed economico. Enea ha sviluppato per prima, a livello nazionale, una metodologia per l’implementazione della simbiosi industriale; ha inoltre creato e gestisce la piattaforma www.industrialsymbiosis.it. Il tavolo di lavoro ha avuto l’obiettivo di attivare sinergie tra le imprese del territorio marchigiano al fine di valorizzare scarti industriali e, in generale, risorse di altra natura che le aziende possono avere in eccedenza (ad. Es cascami energetici, servizi, capacità, logistica, ecc.). Le 31 aziende che vi hanno preso parte, appartenenti a diversi settori produttivi (agroalimentare, tessile, calzaturiero, fabbricazione di materie plastiche, chimico, recupero e preparazione al riciclaggio dei rifiuti, edile) hanno potuto confrontarsi e mettere in potenziale condivisione risorse. Dai primi risultati emerge che le aziende presenti hanno messo in condivisione 153 risorse in totale (34 in input e 119 in output) attraverso il confronto operato ai tavoli, sono state individuate circa 63 possibili sinergie. A queste se ne potranno aggiungere altre come risultato delle elaborazioni dei dati che verrà svolta da ENEA a valle dell’evento. Le sinergie emerse verranno esaminate al fine di valutarne la fattibilità tecnico-operativa, anche attraverso la collaborazione delle imprese coinvolte e di eventuali interlocutori interessati. La giornata si è aperta con i contributi di Claudio Pettinari, Rettore Unicam; Anna Torelli della Regione Marche; Giovanni Manzotti della Camera di Commercio della Regione Marche; Gianni Niccolò di Confindustria Macerata; Vincenzo Castorani di HP Composites e Capofila del progetto Marlic ; Enrico Marcantoni di Unicam e responsabile scientifico del progetto Marlic; Savina Pianesi di Delta (Società del gruppo Plados Telma) e responsabile del sotto-progetto De-manufacturing, sempre parte della piattaforma Marlic; Laura Cutaia, Responsabile del Laboratorio Sspt-User-Rise di Enea.  
Si è svolto lo scorso 17 ottobre all'Università di Camerino, un tavolo di lavoro di simbiosi industriale con il coinvolgimento di 31 imprese diverse tra loro pronte a condividere sinergia e sostegno nonché scambio di risorse su energie, materiali, acqua, logistica con l'obiettivo di perseguire una strategia di economia circolare. 
Il tavolo è stato coordinato e gestito dall'Enea, agenzia nazionale per l'efficienza energetica, che collabora con l'Università di Camerino nell'ambito del progetto Marlic (Marche applied researche laboratory for innovative composites) cofinanziato dalla Regione Marche attraverso il Por Fesr 2014-2020.  
L’ iniziativa è  stata organizzata anche grazie al contributo della Camera di Commercio delle Marche e Confindustria Macerata.

Simbiosi 2
La simbiosi industriale coinvolge, attraverso un approccio integrato, industrie dissimili e tradizionalmente separate, che appartengono a settori produttivi diversi e a catene separate di fornitura, al fine di creare una rete per promuovere strategie innovative e vantaggi competitivi attraverso lo scambio di risorse (materia, energia, acqua e/o sottoprodotti, competenze, logistica ecc.). Tra gli aspetti chiave che consentono il realizzarsi della simbiosi industriale ci sono dunque la collaborazione tra imprese e le opportunità di sinergia disponibili in un opportuno intorno geografico ed economico.

Enea ha sviluppato per prima, a livello nazionale, una metodologia per l’implementazione della simbiosi industriale; ha inoltre creato e gestisce la piattaforma www.industrialsymbiosis.it.

Il tavolo di lavoro ha avuto l’obiettivo di attivare sinergie tra le imprese del territorio marchigiano al fine di valorizzare scarti industriali e, in generale, risorse di altra natura che le aziende possono avere in eccedenza (ad. Es cascami energetici, servizi, capacità, logistica, ecc.).
Simbiosi 3
Le 31 aziende che vi hanno preso parte, appartenenti a diversi settori produttivi (agroalimentare, tessile, calzaturiero, fabbricazione di materie plastiche, chimico, recupero e preparazione al riciclaggio dei rifiuti, edile) hanno potuto confrontarsi e mettere in potenziale condivisione risorse.
Simbiosi 4
Dai primi risultati emerge che le aziende presenti hanno messo in condivisione 153 risorse in totale (34 in input e 119 in output) attraverso il confronto operato ai tavoli, sono state individuate circa 63 possibili sinergie. A queste se ne potranno aggiungere altre come risultato delle elaborazioni dei dati che verrà svolta da ENEA a valle dell’evento.

Le sinergie emerse verranno esaminate al fine di valutarne la fattibilità tecnico-operativa, anche attraverso la collaborazione delle imprese coinvolte e di eventuali interlocutori interessati.

La giornata si è aperta con i contributi di Claudio Pettinari, Rettore Unicam; Anna Torelli della Regione Marche; Giovanni Manzotti della Camera di Commercio della Regione Marche; Gianni Niccolò di Confindustria Macerata; Vincenzo Castorani di HP Composites e Capofila del progetto Marlic ; Enrico Marcantoni di Unicam e responsabile scientifico del progetto Marlic; Savina Pianesi di Delta (Società del gruppo Plados Telma) e responsabile del sotto-progetto De-manufacturing, sempre parte della piattaforma Marlic; Laura Cutaia, Responsabile del Laboratorio Sspt-User-Rise di Enea.  

Letto 529 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo