Notizie di cronaca nelle Marche

Ha registrato un clamoroso abbandono dell'aula da parte del gruppo di minoranza, il punto all'ordine del giorno del consiglio comunale di Camerino, concernente l'approvazione della modifica al regolamento edilizio con l'introduzione dell'art 101 bis . Critici i componenti del gruppo Comunità e territorio, presente nelle persone dei consiglieri Trojani e Caprodossi ( assente per malattia Fanelli), che da un' esame attento della proposta, non ne hanno condiviso  " non tanto il profilo tecnico - ha dichiarato  il capogruppo Trojani-  quanto invece  la metodologia politica adottata". Nell'illustrare la modifica al regolamento edilizio e l'inserimento dell'art 101 bis, il vice sindaco Lucarelli aveva fatto riferimento alla regolamentazione di costruzioni secondarie e, nello specifico, logge, pensiline, pertinenze, gazebi, porticati, riduzione delle distanze. L'appunto fatto dall'opposizione è stato  che tali modifiche al regolamento edilizio in primo luogo si sarebbero dovute condividere in sede di conferenza dei capigruppo, cosa che i consiglieri di minoranza hanno lamentato essere disatteso da anni e che, in una situazione contingente come l'attuale e su una materia così importante, sarebbe stato opportuno il coinvolgimento della minoranza.

Consiglio 31 gennaio

"Non c'è alcuna pianificazione nè coinvolgimento su scelte strategiche per la città - ha rimarcato Fabio Trojani-; ci viene il sospetto che questa modifica nasconda degli interessi e delle situazioni da sanare". Il disappunto è stato espresso in particolare in ordine ad una misura definita molto disomogenea della quale "non si comprende il fine e che,  proposta oltretutto al termine del mandato amministrativo, appare un' iniziativa di campagna elettorale". Ritenendo dunque che dietro una simile proposta si potessero celare delle ombre, i consiglieri di minoranza hanno abbandonato l'aula, negando la loro partecipazione alla discussione e al voto. Preso atto dell'uscita dei consiglieri, la maggioranza  ha approvato la modifica, e contestualmente, ha provveduto a ritirare e rinviare al prossimo consiglio comunale il successivo punto all'ordine del giorno riferito all'adozione del piano di Lottizzazione a iniziativa privata PL8 Montagnano in variante parziale al PRG. 

Consiglio tutti

Atmosfera meno agitata in apertura di consiglio che, approvati i verbali della seduta del 30 novembre 2018, dopo le comunicazioni del sindaco era passato ad esaminare i criteri del Piano Triennale sulla Prevenzione della corruzione e trasparenza, in scadenza il 31 gennaio. Ad illustrarlo il segretario comunale Montaruli, evidenziando che da qualche anno il  Piano viene posto all'attenzione comunale in quanto l'Anac ha sollecitato le amministrazioni non solo all'approvazione ma anche ad approntare i criteri, al fine di individuare utili e necessarie misure, atte ad evitare fenomeni corruttivi. Nello schema di Piano da sottoporre all'approvazione della giunta il dott. Montaruli ha sottolineato che l' elaborazione tiene conto della particolare situazione determinata dal sisma e che, essendo stato prorogato lo stato d'emergenza al 31-12-2019, il Piano grosso modo si trova a ricalcare nella sostanza quello già adottato per lo scorso esercizio. Resasi conto che in specie per i comuni più piccoli l'adempimento risulta alquanto gravoso, per i comuni fino a 5000 abitanti l'ANAC ha permesso di non adottare un nuovo Piano e, laddove non vi siano stati fatti corruttivi particolarmente gravi, di riconfermare le misure già adottate l'anno precedente. Pur condividendo struttura e criteri, su tale punto la minoranza ha proposto un emendamento. Ad illustrarne il testo è stato il capogruppo Trojani ricordando che  riguardo all'affidamento dei lavori, nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici, la semplificazione introdotta dalla legge di bilancio prevede che in deroga alle normative esistenti, le stazioni appaltanti possano procedere all'affidamento diretto quando l'importo sia pari o superiore a 40 mila euro e inferiore ai 150 mila euro, previa consultazione con preesistenti tre operatori economici. Trojani ha  poi osservato che l'inserimento di tale disposizione finalizzata alla semplificazione, se da un lato vede nei criteri della trasparenza e dell'integrità una delle bandiere che il governo ha sempre portato avanti, potrebbe però condurre a rischi corruttivi o comunque al mancato rispetto delle regole. Nell'ottica della prevenzione e garanzia della trasparenza sull'operato dell'amministrazione, la logica dell'emendamento suggerito dalla minoranza si è sostanziata nell'aggiungere la previsione che ogni provvedimento amministrativo di affidamento diretto dei lavori nei limiti di 150 mila euro, venga pubblicato sul sito web del comune di Camerino (sezione trasparente provvedimenti), nel termine di 15 giorni dalla sottoscrizione dell'affidamento stesso. " Riteniamo che in maniera sintetica si debbano dunque pubblicare: l'impresa affidataria, l'importo dei lavori, la data di sottoscrizione del contratto, i nomi di eventuali imprese consultate e che non siano state risultate affidatarie e ogni altro elemento che serva a garantire il rispetto della trasparenza amministrativa.  La proposta ha trovato consenso nella maggioranza e il punto all'ordine del giorno è stato infine liquidato all'unanimità,  con decisione concorde di applicarlo a tutte le procedure di affidamento delle gare d'appalto, gare di servizi e forniture di qualsiasi importo. E' al punto successivo che le acque si sono fatte agitate, sfociando nell'uscita di sala dei consiglieri del gruppo Comunità e territorio.

C.C.

Pubblicato in Politica

Una bella lezione di civiltà e di storia quella tenuta agli studenti del Liceo Linguistico e del Liceo delle Scienze Umane di San Ginesio da parte di Piotr Nowina-Konopka, Ambasciatore di Polonia presso la Santa Sede fino al 2016.

Classe 1949, Nowina-Konopka è stato collaboratore e portavoce del presidente di “Solidarnosc” Lech Walesa fino al 1989, Vice dirigente centrale nella sezione di appello del Tribunale marittimo di Danzica fino al 1978 e successivamente docente associato presso l'Università di Danzica.
Ha ricoperto il ruolo di Responsabile del Parlamento europeo per le relazioni con i Parlamenti nazionali dell'Unione europea (Bruxelles-Strasburgo, 2006-2009) ed è stato Direttore dell'European Parliament Liaison Office with Us Congress, Washington Dc, dal 2009 al 2012.
Tra i ruoli politici ricoperti da Nowina-Konopka vanno ricordati quello di co-fondatore e segretario generale del "Club degli Intellettuali Cattolici di Danzica" (1980-1983); di ministro nel Gabinetto del presidente della Repubblica di Polonia nel 1989-1990; di Co-fondatore e segretario generale del partito "Unione Democratica" (1990-1993). E' stato deputato per dieci anni, nella I, II e III legislatura (1991-2001). Nel 1998 segretario di Stato nell'Ufficio del Comitato dell'Integrazione europea. Segretario di Stato nel Gabinetto del presidente del Consiglio dei Ministri (1998-1999); e ha contribuito, come vice-incaricato del Governo, alle trattative sull'entrata della Polonia nell'Unione Europea (1998-1999).

ambasciatore ciabocco

Ad iniziare i lavori è stata la giornalista e insegnante Anna Traczewska, nonché mamma di un’alunna dell’Istituto Gentili, che dopo aver presentato l’ex Ambasciatore agli studenti presenti, ripercorrendone le fasi salienti del suo curriculum vitae, ha dato inizio a un’interessante lezione di storia e società polacca dal 1945 fino ai giorni nostri.

Una lezione resa ancor più ricca dalle testimonianze di Nowina-Konopka che ha raccontato in maniera semplice e diretta cosa significasse vivere nella Polonia martoriata dalla guerra, profondamente mutata dal punto di vista geo-politico, controllata dal regime sovietico stalinista e privata della propria identità nazionale e delle più basilari forme di libertà.

Si sono ripercossi inoltre gli anni delle sommosse da parte dei polacchi che invocavano miglioramenti delle condizioni di vita e ai grandi cambiamenti avvenuti negli anni ‘80 con Lech Walesa, alla nascita del movimento Solidarnosc (“Solidarietà”) fino all’elezione del Cardinale di Cracovia Karol Wojtyla a Papa Giovanni Paolo II che segnò un ulteriore rafforzamento dell’opposizione del comunismo in Polonia che riportò riportò speranza e entusiasmo tra la popolazione. Il 1°maggio 2004 segna l’ingresso della Polonia nell’Unione Europea.

Gli studenti delle classi seconde e quarte dei Licei di San Ginesio, preparati dall’insegnante di Lettere, Prof.ssa Federica Esposito, si sono dimostrati molto interessati alle parole dell’illustre ospite e gli hanno posto diverse domande.

L’ex Ambasciatore ha chiuso la lezione con un appello alla solidarietà fra i popoli: l’Europa di oggi, visto come uno spazio amichevole dove i giovani possono liberamente viaggiare e aprirsi verso nuovi orizzonti – libertà un tempo impensabile e conquistata con tanti sacrifici- senza la stabilità e la pace fra le nazioni non può avere futuro.

Ad accogliere Piotr Nowina-Konopka, il Dirigente Scolastico Giorgio Gentili che ha donato all’ospite la cravatta della scuola e il Sindaco di San Ginesio Giuliano Ciabocco che ha omaggiato l’ex Ambasciatore di alcune pubblicazioni locali, rinnovandogli l’invito di ritornare a San Ginesio per potergliene far ammirare tutte le bellezze architettoniche al momento rese inagibili dal recente sisma.

platea

 

Pubblicato in Cultura e Spettacolo

“Io astenuto? Non avrei avuto problemi a votare a favore, peccato non fossi in aula in quel momento”. Così risponde il consigliere regionale Luigi Zura-Puntaroni alle critiche contro di lui dopo la discussione della mozione di Sandro Bisonni che chiedeva la riapertura del punto nascite di San Severino. A dar notizia della bocciatura da parte del consiglio regionale era stato lo stesso Bisonni che diceva altresì che a favore della sua proposta si erano schierati il M5S e FdI, mentre la Lega si era astenuta. Fra questi anche Zura-Puntaroni. 

Secondo il diretto interessato però non sarebbe così: “Bisonni e Bompadre sostengono che io mi sia astenuto dal votare a favore della riapertura del punto nascite. Per prima cosa: il punto nascite è chiuso da due anni, e anche con tutta la buona volontà del caso, anche diventassi Presidente della Regione, sarebbe impossibile farlo riaprire - men che mai con le mozioncine del Bisonni, totalmente inutili se non per il fatto che gli permettono di scrivere questi status Facebook pieni di indignazione. Nonostante l’inutilità della mozione - prosegue - non avrei avuto problemi a votare a favore, se non fosse che io in quel momento non ero in aula, avendo appena ricevuto una telefonata dal Ministero degli Interni per altre questioni. Quindi la mia è stata una casuale assenza in aula e non una astensione, come dice Bompadre, per ‘non rompere le scatole’. Trovo estremamente divertente - sottolinea - che qualcuno pensi che uno come me possa smettere di rompere le scatole e scambiare il punto nascite, ricordo ancora, già chiuso in maniera definitiva e non riapribile, per la bretella San Severino-Tolentino”.

g.g.

Pubblicato in Politica

Sei appartamenti invenduti, tutti nella frazione di Cesolo, acquistati dall'Erap per altrettante famiglie rimaste senza una casa dopo il terremoto di due anni fa. il direttore provinciale dell'ente, Daniele Staffolani, ha consegnato le chiavi delle abitazioni ubicate in due palazzine nella frazione di Cesolo. Due dei sei alloggi si trovano in viale Santa Margherita e quattro in via Della Villa. 

Gli assegnatari risultano destinatari di ordinanze di inagibilità firmate dal sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, perché residenti in edifici gravemente danneggiati.

“Sono felice per queste famiglie – sottolinea il primo cittadino settempedano – perché dopo due anni dal sisma possono ritrovare un po’ di serenità. Vorrei ringraziare il direttore, i funzionari e i tecnici dell’Erap e la Regione Marche per questo importante traguardo. Un grazie particolare va alle ditte che hanno lavorato perché si potesse procedere alla consegna degli immobili ma anche a chi ha messo a disposizione queste proprietà per le famiglie rimaste senza un tetto. Sono tante le persone che vivono ancora nell’emergenza ma la conclusione di questo percorso è un traguardo che offre una speranza per il futuro”.

Pubblicato in Cronaca

Domani (venerdì 1 febbraio) il Comune di San Severino ospita, in qualità di ente capofila, il primo di una serie di incontri sul territorio dedicati alla presentazione del Progetto Integrato Locale. L’iniziativa, nata per promuovere e potenziare i  percorsi e i sentieri  del territorio dell’alta valle del fiume Potenza legati alla mobilità dolce. Vede coinvolte anche le Amministrazioni di Castelraimondo, Gagliole, Pioraco, Sefro, Fiuminata ed Esanatoglia. L’incontro, in programma per le 18:30 nella sala Aleandri del teatro Feronia, vedrà la partecipazione dei sindaci, dei tecnici comunali, dei referenti del Gal Sibilla, dei rappresentanti dell’Unione Montana Potenza Esino Musone, che ha avviato l’iniziativa, e di numerosi esperti. L’incontro, ovviamente, è aperto alla cittadinanza e sarà coordinato dall'architetto Cinzia Guarnieri.

Con la sottoscrizione di un apposito protocollo d’intesa, i sette Comuni dell’alta valle del Potenza  si sono già impegnati a seguire una strategia di sviluppo del territorio secondo una idea comune basata sulla progettazione integrata e sulla condivisione delle scelte,  in particolar modo  attraverso  l’indispensabile presenza di un partenariato privato.

La dotazione finanziaria totale del PIL risulta pari a circa 1 milione e 700mila euro e la scadenza per la presentazione del progetto è stata fissata dal Gal Sibilla per il 30 aprile 2019. Stessa tempistica per le sottomisura di finanziamento attivabili all’interno del PIL stesso dai soggetti pubblici e privati.

 

 

Pubblicato in Cronaca

Papa Francesco  ha ricevuto questa mattina in udienza mons. Francesco Massara, arcivescovo di Camerino San Severino Marche. Tra gli argomenti al centro del cordiale colloquio, la situazione delle popolazioni colpite dal terremoto. Il presule ha avuto modo di farsi portavoce delle attese e delle aspettative delle persone, rappresentando al Santo Padre le forti criticità tuttora presenti nei territori martoriati dell'arcidiocesi e le profonde ferite che la sua gente porta nel cuore.

Massara Papa 2

 Momento toccante  e particolarmente apprezzato, quello della consegna delle letterine dei bambini della classe quinta della scuola elementare di Camerino.  I bambini si erano preoccupati di farle avere  all'arcivescovo Francesco nell'imminenza dello speciale incontro, racchiudendovi pensieri immediati, accompagnati da tutti i loro sentimenti, E Papa Bergoglio visibilmente emozionato, ha tenuto a conservarle, rinnovando i suoi messaggi paterni di sostegno e benedizione da inviare ai piccoli e a tutte le famiglie dell'arcidiocesi.   

"Un momento davvero profondo- ha sottolineato mons. Massara-  Con il Papa ho potuto condividere le sofferenze e le speranze di un popolo che ha saputo affidarsi a Dio nei momenti più difficili. Le lettere dei bambini sono diventate un motivo per rinnovare la speranza di un futuro migliore, una vicinanza a tutta la nostra gente che Papa Francesco, ricorda nella preghiera e con grande affetto ". 

Carla Campetella

 

Pubblicato in Cronaca
Giovedì, 31 Gennaio 2019 16:20

400 mila euro dal PSR per 4 progetti Unicam

Packaging biodegradabile per carni da allevamento biologico, pasta di qualità da un antico cereale, agricoltura biologica grazie a prodotti di scarto della canapa, un nuovo prototipo per l’irrorazione dei fitofarmaci: sono queste le tematiche dei progetti che vedono coinvolti i ricercatori Unicam  insieme a partenariati che comprendono aziende, enti ed istituzioni del settore e che sono stati finanziati, per una quota totale a beneficio dell’Ateneo di circa 400.000 euro, dal Programma di Sviluppo Rurale (PSR) Regione Marche 2014/2020, volto a sostenere e finanziare gli interventi del settore agricolo - forestale e accrescere lo sviluppo delle aree rurali, per raggiungere un maggiore equilibrio territoriale e ambientale, che significa anche più̀ competitività e innovazione.

“Una stupenda notizia – ha sottolineato con entusiasmo il Rettore Unicam Claudio Pettinari – che conferma non solo la vitalità dei nostri ricercatori, ma anche l’importanza delle attività di trasferimento tecnologico dell’innovazione prodotta all’interno dei nostri laboratori a beneficio dello sviluppo economico del territorio, attraverso il sostegno alle imprese che in esso vi operano, in questo caso a beneficio della valorizzazione dei prodotti   enogastronomici tipici del nostro territorio”.

Questi i progetti nel dettaglio: “ABRIOPACK - Il biopackaging in una filiera avicola industriale a basso impatto ambientale nel rispetto dell’economia circolare”, coordinato dal prof. Gianni Sagratini della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, che vede un ricco partenariato con enti ed istituzioni del settore e con importanti aziende quali la Società cooperativa agricola Carnj del gruppo Fileni, capofila del progetto, e la Novamont.

Il progetto triennale, che vede coinvolti docenti Unicam delle Scuole di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, di Bioscienze e Medicina Veterinaria, di Scienze e Tecnologie, si pone come obiettivo quello di sostituire i materiali tradizionali utilizzati nel food packaging con un imballaggio completamente biodegradabile (MaterBi), adatto alla conservazione delle carni avicole ottenute con metodi di produzione biologica e valutare l’effetto dei materiali di scarto di questo processo, sulla qualità dei suoli destinati alla produzione della materia prima agricola nel rispetto dell’economia circolare.

BHAS è invece l’acronimo del progetto “Bioactive Hemp Agriculture Support”, volto alla valutazione di biopesticidi ottenuti da prodotti di scarto della canapa e valutazione della tossicità per l’operatore, che vede referenti per Unicam i professori Filippo Maggi e Massimo Nabissi della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, e vanta un partenariato con aziende agricole e associazioni del settore, tra cui La Biologica Soc. Coop. Agr, capofila del progetto. Obiettivo del progetto è quello di utilizzare la canapa industriale come prodotto multifunzionale, in grado di fornire materie prime per applicazioni agronomiche. Accanto al consolidato processo di estrazione di olio e farina dai semi della canapa industriale, si vorrebbe procedere a ricavare sostanze bioattive (es. oli essenziali) dalle infiorescenze e dalle foglie, per poi adoperarle nella formulazione di insetticidi e fungicidi naturali da impiegare nell’agricoltura biologica. Altro obiettivo del progetto è quello di inserire la coltivazione della canapa nella rotazione colturale delle aziende agricole marchigiane.

La realizzazione di un Sistema Aereo a Pilotaggio Remoto (S.A.P.R.) per l'irrorazione sopra chioma di fitofarmaci al fine di combattere le patologie di impianti specializzati quali frutteti, oliveti, vigneti è, invece, l’obiettivo del progettoS.F.I.D.A - Smart Farming: Innovare con i Droni l’Ambiente" presentato da un consorzio di soggetti pubblici e privati, che vede come capofila l’Azienda Agricola Passacantando Andrea. La sperimentazione e la messa a punto del prototipo S.A.P.R. saranno condotte in oliveti biologici, dal momento che l'olivo costituisce insieme alla vite, una delle coltivazioni con maggiore sviluppo nella regione Marche. Il ruolo di Unicam, la cui attività sarà svolta e coordinata dalla prof.ssa Antonietta La Terza della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria, sarà quello di monitorare l'eventuale impatto derivante dall'applicazione del fitofarmaco Spintor Fly, sulla biodiversità dell'agroecosistema oliveto con particolare riferimento alle specie non bersaglio del suolo (microartropodi). Le attività di biomonitoraggio verranno svolte in aziende biologiche opportunamente selezionate nell'ambito territoriale interessato dal sisma del 2016.

HaMMurabi - Monococco Marche: dal campo alla tavola, alla riscoperta di un cereale antico, adatto ad un’agricoltura sostenibile e ricco di proprietà nutritive” (G.O.M.M.) è il tema del quarto progetto finanziato, che vede come capofila del partenariato pubblico-privato l’azienda Isea srl, mentre il referente per Unicam è il prof. Sauro Vittori della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute. Il progetto ha come finalità quella di introdurre nelle campagne marchigiane un cereale antico, il grano monococco, in particolare la varietà Hammurabi, in grado di coniugare sostenibilità ambientale, redditività per le aziende agricole e creare una filiera completa che arrivi a un prodotto finito, la pasta, ad alta digeribilità e valore nutrizionale. Il ruolo dei ricercatori Unicam sarà quello di analizzare il prodotto dalla granella alla pasta; ne saranno valutate sia le componenti aromatiche e sostanze volatili, sia le vitamine presenti in tutti i prodotti, al fine di individuare le migliori tecniche di trasformazione atte a mantenere intatte le caratteristiche della granella di partenza.

Pubblicato in Cultura e Spettacolo

Ancora successi per lo studio delle impronte rinvenute sul Monte Conero svolto dal team di ricerca composto dal biologo Alessandro Blasetti, dal geologo Giuseppe Crocetti, entrambi del Museo delle Scienze di Unicam e dall'archeologo Luca Natali dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana di Roma. La ricerca pubblicata sul numero di gennaio 2019 della rivista scientifica internazionale Cretaceous Research è stata presentata ufficialmente lo scorso venerdì 25 gennaio presso il Museo Archeologico Nazionale delle Marche ad Ancona, in una conferenza organizzata dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

Dopo il saluto del dott. Stefano Finocchi, Responsabile di Zona della Soprintendenza dell'area del rinvenimento, e della dott.ssa Nicoletta Frapiccini, direttore del Museo Archeologico Nazionale, è intervenuto il Rettore UNICAM Prof. Claudio Pettinari che ha sottolineato l’impegno del Museo delle Scienze di Unicam nel promuovere ricerche multidisciplinari, come quella appena presentata, che coinvolgono diversi settori scientifici come ad esempio quelli della chimica, della geologia, della fisica e di altre discipline presenti nell'Ateneo.

Il Prof. Gilberto Pambianchi, direttore del Sistema Museale Unicam, ha evidenziato quanto il Museo delle Scienze si dedichi ad attività di ricerca oltre a svolgere le funzioni di comunicazione e di divulgazione scientifica, ora possibile anche al recente acquisto di un mezzo mobile che consente di divulgare la scienza e le sue scoperte nel territorio.

Ha infine concluso l'introduzione l'arch. Maurizio Piazzini, Commissario dell'Ente Parco Naturale del Conero, che si è detto disponibile a inserire nei prossimi progetti di finanziamento delle somme per valorizzare il sito del ritrovamento ed i risultati della ricerca.

Il dott. Luca Natali, autore della scoperta, ha poi illustrato la storia del rinvenimento avvenuto grazie, oltre che alla sua esperienza accumulata nel corso di anni di esplorazioni e ricerche scientifiche in Italia e all’estero, anche a delle particolari condizioni di luce radente che gli hanno consentito di notare quelle tracce sulle rocce delle falesie del Conero. Ne ha poi descritto le caratteristiche mostrando alcune immagini delle impronte rinvenute, relazionando anche sullo studio svolto unitamente al Museo delle Scienze Unicam.

Il dott. Giuseppe Crocetti ha invece illustrato le successive fasi dell'indagine geologica che hanno portato a dare delle risposte a domande che non sembravano avere una spiegazione. La pista fossile del Conero è molto importante perché rappresenta una conferma della possibilità di rinvenire tracce fossili lasciate da rettili marini, coevi dei dinosauri, su fondali marini profondi.

E' poi intervenuto il dott. Alessandro Blasetti che ha descritto l'indagine che sta svolgendo per individuare chi ha lasciato quelle orme sulle falesie del Monte Conero, sottolineando come sia verosimile immaginare che antichi rettili marini potessero raggiungere notevoli profondità alla ricerca di cibo. Le indagini sono comunque ancora in corso ed i risultati non tarderanno ad arrivare.

L’obiettivo è dunque quello di proseguire la ricerca e di giungere, attraverso un approccio interdisciplinare, alla completa comprensione delle tracce e di chi le ha lasciate, che per ora è stato battezzato informalmente Siro in onore del Comune di Sirolo all’interno del cui territorio è stato effettuato il rinvenimento.

Pubblicato in Cultura e Spettacolo

A ribadire che la situazione nell'area container, dopo i due casi di scabbia, sia sotto controllo, è il primo cittadino di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi: "E' tutto sotto controllo - dice - . C'è una sovrintendenza sanitaria che è l'Asur e che ogni qualvolta ci sono problemi o dei sospetti, interviene. In questo caso si sono attivate le procedure di profilassi: i ragazzi non sarebbero stati messi in isolamento perchè il contagio avviene solo attraverso le mucose, da quello che mi è stato riferito, quindi hanno un bagno a parte rispetto a tutti gli altri.

Per il resto non bisogna creare allarmismi perchè non ce n'è bisogno. Tutto quello che dovevamo fare a livello sanitario è stato fatto.

Non ci deve essere preoccupazione, se non quella ordinaria. C'è l'Asur e sa come occuparsene".

GS

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 18

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo