Banner Corridomnia 2022
Notizie di cronaca nelle Marche
Da domani il via la rassegna aperta al pubblico del progetto laboratoriale “Cinque pezzi facili”.

Ogni Venerdì del mese di ottobre saranno protagoniste, in vari comuni dell’entroterra maceratese, delle proiezioni e degli approfondimenti dedicati al cinema del reale nelle Marche. Sarà l’occasione di conoscere e assistere a alcuni dei lavori più interessanti girati in regione e discuterne con gli stessi registi e autori.

Questa rassegna è il frutto dell’omonimo progetto ("Cinque pezzi facili") partito lo scorso 24 settembre grazie alla collaborazione tra l’associazione Officine Mattòli e la società di produzione cinematografica YUK!

L’iniziativa è parte del progetto RI.CRE.A. (riuso, creatività, azione), finanziato dalla Regione Marche e dal Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale, nell'ambito del bando “aggregAzione” (3° edizione).

g.g.
Pubblicato in Cronaca
Si sono concluse le riprese del film documentario "Tutto è qui" scritto e diretto da Silvia Luciani, prodotto da Gianluca De Angelis per la Tekla Films di Torino e realizzato con il contributo di Marche Film Commission, Fondazione Marche Cultura, Regione Marche, Regione Piemonte, Film Commission Piemonte e MIC.

Il film infatti è uno dei vincitori del bando di sostegno alla produzione audiovisiva Por Marche FSER 2014-2020 e del bando di sostegno Piemonte Doc Film Fund 2020.

Protagonisti della storia, i bambini di un asilo e due donne di San Ginesio in un viaggio fra sentimenti e contrapposizioni molto forti: conflittualità, senso di impotenza e di solitudine, un sentimento comune nel mondo degli adulti si mescola a quella leggerezza di gioco e di scoperta appartenente allinfanzia.Il film è stato tra i selezionati allItalian Doc Screenings Academy 2018, il primo e più importante mercato del documentario italiano dedicato allinternazionalizzazione e alla formazione del settore prodotto da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani.

Le riprese del lungometraggio sono state interamente girate nelle Marche, nei comuni di San Ginesio e Penna San Giovanni, al lavoro una troupe di professionisti marchigiani, insieme alla regista Silvia Luciani, il direttore della fotografia Alessandro Muscolini, loperatore alla mdp Paolo Giuggioloni, il suono in presa diretta di Michele Conti e Giacomo Bertozzini, il fotografo Giulio Contigiani e lillustratore Luca Di Sciullo.


(Sul prossimo numero di Appennino Camerte l’intervista a Silvia Luciani)

tutto e qui



Gaia Gennaretti
Pubblicato in Cronaca
Primo posto per l’ASSM S.p.A, l’Azienda Speciale Settore Multiservizi, di Tolentino, nella graduatoria di partecipazione al bando per la richiesta di accesso agli incentivi dei nuovi impianti di generazione da fonti rinnovabili, pubblicato dal Gestore dei Servizi. La Multiservizi è, infatti, risultata in testa alla classifica per il gruppo A-2, riservato agli impianti costruiti su superfici oggetto di bonifica ambientale.

Il progetto proposto dall’Azienda tolentinate riguarda l’installazione di un nuovo impianto fotovoltaico della potenza di 99 kW su due coperture della propria sede operativa in Contrada Ributino di Tolentino, già oggetto di bonifica per rimozione di tegoli in cemento-amianto.

Il costo di realizzazione del nuovo impianto fotovoltaico verrà così recuperato in pochi anni mediante la remunerazione dell’energia immessa da parte del GSE con la tariffa incentivante omnicomprensiva.

Il know how e la propositività tecnologica, che da sempre caratterizzano la Società pubblica tolentinate, hanno dunque permesso di raggiungere detti risultati che premiano l’Azienda distributrice di servizi nella città di Tolentino e nei sette comuPer l'ni montani soci.

fotovoltaico


Pubblicato in Cronaca
Prosegue la lotta allo spaccio di stupefacenti da parte dei carabinieri della Compagnia di Macerata. I militari delle stazioni e del nucleo operativo, coadiuvati dall’unità cinofila del Nucleo di Pesaro, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo presso l’Istituto Agrario in via Galilei, l’ingresso dell’Istituto d’Istruzione Superiore "Bramante-Pannaggi" di via Gasparrini, lo scalo ferroviario, il terminal bus, parchi pubblici e altri luoghi di ritrovo dei giovani.

Il servizio, condotto di concerto con la dirigente scolastica dell’Istituto Agrario che ha accompagnato i militari nell’ispezione di alcune classi, ha avuto come precipuo obiettivo il contrasto al consumo di droga tra i giovani studenti.

Kevin, il nome del cane impegnato nel servizio antidroga, ha trascorso la mattina con i ragazzi delle suddette scuole guadagnandosi al temine dei controlli anche la simpatia degli studenti e degli insegnati.  

Territoriale Cinofili 1

f.u.
Pubblicato in Cronaca
In vista della tornata elettorale, cambia la viabilità a Cesolo: l’intersezione tra Via Don Giovanni Cruciani e Piazzale Bianconi torna a doppio senso dalle 8 del 2 alle 20 del 4ottobre. Una piccola vittoria, ma “non ancora sufficiente”, quella ottenuta da Ottavio Ottavi. Settempedano da anni impegnato per dare voce alle istanze della cittadinanza, non ha potuto fare a meno di interpellare le istituzioni per risolvere un problema che da tempo affligge la frazione di Cesolo, ma che si manifesta in maniera più marcata a causa del voto.

Il plesso scolastico di Cesolo è sede di seggio elettorale ma, ogni qualvolta ci si debba recare alle urne, l’accesso a piazzale Bianconi si fa complicato. I cittadini di Biagi, Cagnore, Serrone e Stigliano vivono ogni giorno disagi legati alla viabilità: per raggiungere la scuola debbono inutilmente allungare il proprio tragitto in auto, passando in Via della Villa, Via Santa Margherita e Via Spogna, per giungere infine sul piazzale. La tornata elettorale accentua il problema, con la massiccia affluenza degli elettori.

“Un disagio superfluo” secondo il signor Ottavi. Ha infatti accolto positivamente il provvedimento che, su sollecito dell’Ufficio Elettorale Comunale, la Polizia Municipale ha ratificato: l’intersezione tra Via Don Giovanni Cruciani e Piazzale Bianconi torna a doppio senso dalle 8 del 2 ottobre alle 20 del 4. Una soluzione che risolve il problema nei giorni delle urne. Ma Ottavio Ottavi insiste: ha scritto una mail a Giovanni Giuliani, responsabile dell’Ufficio Elettorale di San Severino, e ad Adriano Bizzarri, Comandante della Polizia Locale, per sottolineare che la sua battaglia non è conclusa.

“Nel ringraziarVi – si legge nella missiva di Ottavi – per l’applicazione delle vostre competenze in occasione della imminente tornata elettorale, Vi comunico che intraprenderò con la nuova amministrazione il superamento degli inutili kilometri inflitti ai genitori degli alunni provenienti da frazioni interne rispetto alle scuole di Cesolo”.

l.c.
Pubblicato in Cronaca
Per garantire un maggior controllo del territorio provinciale, il comando dei Carabinieri di Macerata ha predisposto alcuni servizi di controllo per contrastare la violazione delle norme del codice della strada per evitare anche gli incidenti gravi.

Il nucleo operativo di Civitanova ha denunciato un 42enne del luogo, sorpreso alla guida di un’autovettura con targa tedesca falsa e con la carta di circolazione irregolare.

Al civitanovese veniva anche contestata la mancata copertura assicurativa.

Patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza e risultati positivi all’esame alcolimetrico. Si tratta di un ventenne di Civitanova e un 27enne Indiano fermato a Montecosaro.

A San Severino Marche un 68enne, rimasto coinvolto in un incidente senza gravi ferirti, rifiutava il controllo alcolimetrico e veniva sorpreso senza patente.

A Cingoli un cittadino del luogo alla guida del suo motociclo Ape Piaggio, provocava un sinistro con feriti e anche in questo caso è risultato positivo.

Per tutti si è provveduto al ritiro del mezzo e alla sospensioni di legge.

A Camerino è stato denunciato, in stato di libertà, un giovane studente romeno, residente in città. Il giovane era in possesso di 10 grammi di Hashish ed un bilancino elettronico di precisione e denaro contante. Nella stessa operazione è stato segnalato al prefetto di Macerata anche un 24enne di Pioraco trovato in possesso di circa un grammo di Hashish per uso personale.
Pubblicato in Cronaca
Camerino perde una delle colonne del commercio cittadino. All’età di 83 anni se n’è andato Angelo Rivelli storico commerciante del centro cittadino, il più anziano di tutta la categoria ripartita con le attività dal Sottocorte Village. Si è spento questo pomeriggio nella sua abitazione, dove viveva con la moglie Francia. Fino all'ultimo anno, in cui acciacchi e malanni dell’età hanno cominciato a farsi sentire minando il suo stato di salute, Angiolino, così tutti lo hanno sempre chiamato, con la sua attività di piccoli elettrodomestici ha resistito all’avanzata della grande distribuzione,, dimostrandosi costantemente aggiornato e pronto alle innovazioni del settore, a dispetto dell'età che avanzava. Caratterizzata da grande spirito di sacrificio e iniziata da giovanissimo, la storia nel commercio di Angiolino, a partire dalla notte del 26 ottobre 2016 si è trovata a fare i conti con una serie di difficoltà e peripezie, affrontate con esemplare coraggio e determinazione mano nella mano con la sua amatissima sposa. Con la scossa delle 21 e 18, il tetto della loro casa in piazza Filippo Marchetti è parzialmente crollato e per uscire di casa, hanno dovuto liberare oltre un metro di macerie con il solo aiuto delle mani.
Alloggiati per tre settimane nel palazzetto sportivo a Le Calvie, si sono poi spostati a Porto sant’Elpidio nell’appartamento messo a disposizione da un amico. Trasferiti i materiali del negozio sotto il tendone del City Park, Angiolino e Francia  hanno fatto la spola ogni giorno dal mare per continuare a portare avanti il loro lavoro.

“Quando eravamo un po’ sofferenti per le condizioni avverse e faticose del tendone - ricorda una collega commerciante - pensavamo a lui che non rinunciava al rito di aprire il suo negozio nonostante tutto e, capivamo di dover seguire il suo esempio di ‘resilienza’, quella parola che per molto tempo ci hanno cucito addosso. Ora capisco che non era resilienza. Era amore. Amore per il proprio lavoro, amore per la propria città. Un po’ come lo è stato e lo è ancora per quasi tutti noi”.
La sua perdita, impoverisce la città di una figura d’uomo buono e mite, la cui genuinità d’animo e il cui costante darsi da fare si sono rivolti alla comunità con atteggiamento generoso e sempre disponibile. Un uomo che ha sempre compreso la serietà del suo mestiere e che, con la sua delicata gentilezza, è stato tra i primi a costruire quella rete indissolubile che ha contribuito a far vivere l’economia e, soprattutto, la socialità del centro storico della città.
I funerali si svolgeranno questo  giovedì 30 settembre alle ore 15.00 nella chiesa di Comunità di San Paolo a Camerino 

c.c.
Pubblicato in Cronaca
“Si continuano ad agitare gli spettri, io lavoro solo per abbellire la città”. Così il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, commenta la comparsa dei necrologi dedicati agli alberi abbattuti ai giardini John Lennon nell’ambito di un progetto di riqualificazione del parco. Nonostante le tante polemiche, l’amministrazione non ha cambiato strada, forte di una perizia tecnica circa sulla salute delle piante in questione.

“Ritenevo fosse superfluo commentare ulteriormente - dice il primo cittadino - ma si continua ad agitare spettri. Abbiamo fatto visionare le piante per verificarne lo stato di pericolosità. Alcune erano secche e altre stavano per diventarlo, altre ancora erano troppo pendenti e in caso di vento o violenti temporali, non potevamo garantire per l’incolumità delle persone. Abbiamo fatto tutto questo - aggiunge - per migliorare la situazione quindi chi si è incaponito per definire queste piante intoccabile, non capisce di botanica e continua a controvertire un parere che abbiamo chiesto sia alla forestale, che allUnione Montana che, ancora,ad un perito”.

Pezzanesi spiega ancora che le piante tagliate saranno sostituite da altre 12 qualità arboree tipiche della fascia mediterranea: "Unamministrazione che investe 200mila euro su un progetto di rifacimento di un giardino, che toglie 8 essenze per inserirne 12 nuove, oltre a panchine, recinzioni, e persino una postazione per computer, credo che dovrebbe essere ringraziata. Chi vuol inseguire fantasmi li insegua - conclude - ma sono spettacoli teatrali. Noi siamo attenti allambiente, lo dimostrano gli interventi al lago delle Grazie e tante altre cose. Mi piace lavorare e abbellire la città”.

Gaia Gennaretti
Pubblicato in Cronaca
Lavori in fase di completamento per il ponte della strada provinciale 180 “Camerino - Tolentino” in località Sfercia. La Provincia di Macerata, da inizio agosto, ha avviato il cantiere per i primi lavori di ripristino e consolidamento sulla parte superiore e, da circa un mese, ha disposto la chiusura del tratto per effettuare gli interventi principali.

«Siamo perfettamente nei tempi che avevamo ipotizzato per la realizzazione dei lavori - afferma il Presidente Antonio Pettinari - entro la metà di ottobre saremo in grado di aprire il ponte dato che la ditta appaltatrice ha già realizzato la soletta e ora procederàcon la stesura del tappetino».

Il ponte, situato nel Comune di Camerino, nei pressi dell’uscita della superstrada “Sfercia”, permette l’attraversamento del Rio San Luca, un affluente del fiume Chienti: per la sua collocazione e vicinanza con la Statale 77 è un’opera importante e soggetta a un notevole flusso di traffico, soprattutto in direzione Camerino.

I lavori di consolidamento ammontano a 250 mila euro e rientrano nel programma di quelli individuati e pianificati dopo gli eventi sismici del 2016, per mettere in sicurezza e ripristinare la viabilitànei territori del cratere.


ponte provinciale 180

Pubblicato in Cronaca
Dal museo Venanzina Pennesi alla mostra al palazzo Castelli sono oltre 5mila i visitatori registrati nell’estate camerte.

La prima mostra delle quattro regioni del cratere sismico dal 2016 “Camerino fuori le mura, prospettive d’arte dal ‘400 al ‘700” ha fatto registrare un grandioso successo di pubblico mettendo in esposizione le opere più rappresentative, importanti e di pregio presenti nella città ducale e nel suo territorio, dando il necessario risalto all'opera del Dosso Dossi, restaurata di recente e mai esposta, alla pala d'altare del Tiepolo, l’unica in tutto il centro Italia, all'Annunciazione di Giovanni Angelo d'Antonio, alla scultura del Bernini. Scienza e arte si sono mescolate continuamente in un gioco tra tradizione e innovazione che si sono intersecate in una straordinaria sinfonia artistica.

“Abbiamo cercato di valorizzare le opere recuperate nel territorio camerte e salvate dal sisma, provenienti da chiese e musei inagibili, ma non solo – ha spiegato l’assessore alla cultura Giovanna Sartori - Alcune di esse sono tornate in esposizione per il pubblico per la prima volta dal sisma, altre dopo il restauro, per altre si è trattato di riviverle attraverso le nuove tecnologie”.

L’esposizione ha riscontrato un interesse a livello internazionale facendo registrare la visita dell’onorevole e critico d’arte Vittorio Sgarbi, di KanKickert, ambasciatore della Repubblica d’Austria in Italia e dall'ex portavoce dell'ONU Andrea Angeli che hanno potuto ammirare la straordinaria bellezza delle opere degli artisti tra il Quattrocento e il Settecento che furono protagonisti a Camerino. Una mostra che è diventata ambasciatrice del patrimonio culturale della città ducale e del suo territorio.

“È stato necessario un enorme lavoro – continua l’assessore Sartori – davvero impegnativo. La mostra è stata fortemente voluta dall’Amministrazione comunale ed è stata realizzata grazie a un importante contributo economico della regione Marche e al sostegno di tanti partner, primi tra tutti l’Università di Camerino che ci ha messo a disposizione le aule di Palazzo Castelli e la Curia arcivescovile. L’esposizione ha confermato la centralità di Camerino nella zona dell’entroterra, ma non solo. Ha segnato una forte ripartenza dopo il sisma e il Covid, che aveva molto limitato le iniziative culturali. Una ripartenza all’insegna dell’arte con cui abbiamo iniziato l’estate, inaugurando lo scorso 28 maggio il restyling del Venanzina Pennesi, attuale sede dei musei civici e diocesani”.

I risultati scientifici di “Camerino fuori le mura, prospettive d’arte dal ‘400 al ‘700” sono stati raccolti in un volume in fase di realizzazione, che sarà presentato a novembre. Dunque, proprio l’arte continuerà ad essere la grande protagonista dei prossimi mesi fino alla fine dell’anno con la mostra “Rinascimento marchigiano” che, dopo essere in diverse città della Regione, chiuderà il suo ultimo capitolo proprio a Camerino.
Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 16

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo