Sarà inaugurato sabato 25 luglio alle ore 18:00 il nuovo Centro di Comunità di Ussita, donato da Papa Francesco, a cui sarà intitolata la nuova struttura.
Ricorderanno tutti l’emozione dell’arcivescovo Francesco Massara nell’annunciare, il 16 giugno 2019, giorno della visita di Papa Francesco a Camerino, la volontà del Santo Padre di donare questa struttura ad uno dei paesi del Maceratese più colpiti dal sisma, ed oggi quella promessa è divenuta realtà.
Un gesto che rappresenta sicuramente un segnale di speranza per una popolazione duramente provata e che, all’interno della comunità,svolgerà la doppia funzione di luogo d’incontro e di celebrazioni liturgiche.
Realizzata in località Fiuminata, vicino al parco Ruggeri, la struttura che porta il segno di Papa Francesco è stata resa possibile grazie ai cospicui contributi dell’arcidiocesi di Bologna, attraverso i proventi della ditta FAAC Spa, della Fondazione Saint-Gobain Initiatives ed Evolvere Spa Società Benefit.

Il progetto di quella che sarà una “casa di comunità” è stata affidata all'ing. Ernesto Minnucci e all'Arch. Daniele Piccirillo della Minnucci Associati srl, mentre la direzione dei lavori è stata seguita dall'ing. Carlo Morosi, al contempo responsabile della sicurezza. La realizzazione del manufatto di circa 120 metri quadrati è stata eseguita dalla ditta M.I.C. srl del Gruppo Gravina.
Papa Francesco aveva certamente intuito l’importanza di un Centro di Comunità come strumento per superare insieme le difficoltà di chi ha perso tutto; e se la ricostruzione della comunità sembrava già una priorità l’anno scorso, oggi dopo il Covid è diventata fondamentale e la consegna di questo dono ad Ussita avviene proprio nel momento in cui, probabilmente, se ne sente maggiormente il bisogno.

“La ricostruzione materiale non può prescindere dalla ricostruzione dei cuori delle persone – sottolinea Monsignor Francesco Massara nel ringraziare per il nobile gesto Sua Santità e tutti i benefattori che hanno contribuito alla sua realizzazione - . Credo che l’inaugurazione di questo spazio rappresenti un’occasione di gioia e di rinascita per l’intera popolazione. E’ un atto di generosità che accende una luce su un tessuto sociale profondamente ferito, con l’obiettivo di rinsaldare le relazioni umane e consolidare lo spirito di comunità. Una struttura che diventa strumento per favorire il ritrovarsi delle persone, affinché dall’incontro possano nascere momenti di serenità, di gioia, di preghiera”.



Una grande emozione questa mattina ad Ussita per la riapertura dell'ufficio postale dopo tre anni dal sisma che distrusse gran parte del borgo dell'entroterra.
In un centro dove il senso di comunità era stato danneggiato con le stesse crepe delle abitazioni, ritrovare un punto di incontro come quello delle poste è sicuramente un raggio di sole che squarcia le nubi.
Presenti, al taglio del nastro, la direttrice provinciale di Poste Italiane Beatrice Bacchiocchi, il direttore del centro recapito di Camerino Antonio Montani, il direttore dell'ufficio postale di Ussita Marco Dialuce,  Elisabetta Gasparri in rappresentanza del Commissario prefettizio, il maresciallo Lorenzo Librandi e il comandante della stazione dei carabinieri forestali, Giulio Burattini.
La nuova struttura è stata benedetta da don Gilberto Spurio.
Sono stati tre anni lunghi quelli dopo il sisma del 2016, in cui anche gli operatori di Poste Italiane hanno dovuto adattarsi al cambiamento come spiega il direttore Marco Dialuce. "Inizalmente siamo stati 8 mesi in camper - racconta - , poi nel container, ma gli spazi purtroppo erano angusti, non tanto per noi ma per i clienti. Le persone vengono in ufficio anche per relazionarsi. E' bello perchè a Ussita è uno spazio dove poter condividere qualcosa".

WhatsApp Image 2019 10 15 at 13.09.16 1 Copia
il momento della benedizione di don Gilberto Spurio

Un segnale importante anche secondo Elisabetta Gasparri, vice commissario di Ussita: "Penso che sia un segno di ritorno alla normalità - dice - . Questa è una realtà che ha bisogno di questi messaggi e di recuperare la quotidianità. L'ufficio postale e quindi la comunicazione potrebbe essere il giusto punto da cui partire".
La direttrice provinciale di Poste Italiane ricorda perfettamente le difficoltà attraversate nel corso degli anni dopo l'emergenza ed oggi dimostra la sua soddisfazione: "Un segno importante che vogliamo dare - dice - . C'è un sentimento particolare dentro di noi che è quello di una grande soddisfazione e vicinanza alle persone. 
Tre anni sono stati lunghi, abbiamo cercato di lavorare per ricostruire, abbiamo cominciato da Ussita e pian piano arriveremo anche agli altri uffici. I colleghi hanno lavorato con tanta energia e passione, senza dimenticare l'importanza di essere vicini alle persone".

GS

WhatsApp Image 2019 10 15 at 13.09.17 Copia

WhatsApp Image 2019 10 15 at 13.09.16 Copia
Katia Domizi, Beatrice Bacchiocchi, Marco Dialuce, Elisabetta Gasparri

WhatsApp Image 2019 10 15 at 13.09.16
Marco Dialuce, Katia Domizi



La "Madonna della Rosa" da San Placido di Ussita torna a “casa": viene restituita alla sua gente dopo un cammino di restauro condotto generosamente e magistralmente dall''Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma.
La statua in terracotta, contornata di rose di plastica con corone ed ex voto, segno di grande devozione per gli abitanti del minuscolo e bellissimo borgo, era stata ritrovata, all'indomani del terremoto dai carabinieri per la tutela del patrimonio artistico disintegrata in centinaia di frammenti azzurri: più di 350 reperti sono stati classificati e conservati, insieme a migliaia di altre opere danneggiate. L'immagine della Madonnina distrutta in mille pezzi gira sui social e su diverse locandine suscitando una commozione tale da far decidere una precedenza prioritaria per il suo restauro. L’Arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, proprietaria del bene, acconsente immediatamente all’esecuzione del lavoro.
Comincia così il paziente lavoro da parte dell'Istituto; vengono poi recuperati altri pezzi mancanti e la statua adesso è in piedi, elegante e splendida con tutti suoi ex voto recuperati e restaurati.
E sono in molti a gridare al miracolo o, comunque, ad un fatto eccezionale, frutto della caparbietà di tante persone e di esperti che non si sono voluti arrendere alla furia devastatrice del terremoto che ha duramente provato queste zone dall’agosto all’ottobre del 2016.

Giovedì 27 giugno p.v. alle ore 16.30 nella Chiesa del Seminario di Camerino viene raccontato il lavoro di recupero dei tanti frammenti a cura dei Funzionari del MiBAC, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Camerino – San Severino Marche e del Nucleo CC Tutela Patrimonio Culturale.
Viene illustrato, inoltre, il laborioso restauro compiuto dall'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma.


27




Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo