POLITEAMA banner beethoven 1022x200
Notizie religiose nelle Marche
MESSAGGIO PER LA PASQUA 2021



Carissimi sorelle e fratelli,

anche quest’anno, ci accingiamo a celebrare la Pasqua di Risurrezione del Signore Gesù quasi in punta di piedi, senza i segni evidenti della festa a causa di questo prolungato momento di difficoltà che tenta di spegnere nel cuore la speranza di un giorno nuovo, “il primo giorno della settimana.” (cf. Mc16,1-8).

Il mattino di Pasqua ‒ leggiamo nel Vangelo ‒ alcune donne si recano al sepolcro per ungere di oli profumati il corpo morto di Gesù, con il cuore ferito dal dolore e una grande concreta preoccupazione: Chi ci rotolerà via la pietra dal sepolcro?” (cf. Mc16, 3).

L’incedere delle donne di buon mattino ricorda il cammino della salvezza. Sembra che tutto vada a infrangersi contro una pietra: la bellezza della creazione contro l’orrore del peccato; la liberazione dalla schiavitù contro il tradimento all’Alleanza; le promesse dei profeti contro il triste disinteresse del popolo. Così, pure nella storia di ciascuno di noi, sembra che i passi compiuti non giungano mai a destinazione. L’emergenza del Coronavirus ha messo e sta mettendo a dura prova la nostra vita e tutti avvertiamo un senso di smarrimento, di sfiducia e di paura che toglie le prospettive, prosciuga le speranze e appesantisce anche le cose più semplici. Delusi, stanchi, increduli, rischiamo di non avere più la voglia di rimetterci in piedi, di continuare a camminare.

Tuttavia, l’atteggiamento delle “mirofore” del Vangelo - quelle donne, cioè, che portano unguenti profumati per la sepoltura - è fonte di fiducia per noi perché di fronte ai dubbi, alla sofferenza, ai turbamenti della situazione che attraversano, esse sono capaci di mettersi in movimento e di non lasciarsi paralizzare dal dramma che stanno vivendo. Con l’urgenza di chi ama, esse sono capaci di accettare la vita così come viene senza evadere, né ignorare quello che sta accadendo, senza fuggire né scappare ma, semplicemente, restando.

Ecco io, in quella loro tenacia a non cedere alla rassegnazione della piega che hanno preso gli eventi, vedo già i primi scintillii di luce della Risurrezione che consiste, fondamentalmente, nel vedere più lontano del qui e ora, in quell’orizzonte del già e non ancora che rende la nostra vita affidabile, degna e vivibile; perché sa che il vero problema non è la morte, ma di come io scelgo di stare difronte ad essa.

È vero che quello a cui abbiamo assistito e continuiamo ad osservare in questo tremendo anno di pandemia è esattamente riconducibile al dramma che hanno vissuto i discepoli con la Passione di Gesù. Eppure, come le prime discepole, in mezzo all’oscurità e allo sconforto, riempirono la loro borsa di oli aromatici e si misero in cammino per andare a ungere il Maestro sepolto (cf. Mc 16, 1), così noi abbiamo potuto vedere molti fratelli che hanno cercato di portare l’unzione della solidarietà per risanare e confortare la vita altrui, mostrando nella via della fraternità, l’unico volto di un futuro possibile.

La Pasqua inizia così: bisogna andare a vedere quel luogo di morte, bisogna cercare Gesù. Non si può fuggire davanti alla sofferenza e alle ferite dei poveri. Bisogna essere come i medici, gli infermieri e il personale sanitario, le forze di sicurezza e i volontari, i sacerdoti, le religiose, gli educatori e gli insegnanti e tanti altri che hanno avuto il coraggio di offrire tutto ciò che avevano per dare un po’ di cura e sollievo a chi si trova nel sepolcro della malattia.

Anche se la domanda continua a essere la stessa - «Chi ci rotolerà via il masso dall’ingresso del sepolcro?» - tutti loro non hanno mai smesso di fare ciò che sentivano di dover fare. Ed è proprio in mezzo alle loro occupazioni e preoccupazioni, che anche loro sono sorpresi da un annuncio straordinario: «Non è qui. È risorto».

È risorto quando la ferita mortale della nostra società - l’individualismo - viene medicata con scelte di altruismo per il bene comune. Infatti, seppur si è trovata una medicina o un vaccino per il coronavirus, l’individualismo ha bisogno di ben altri rimedi. Ha bisogno di comunità parrocchiali che tornino ad essere luoghi di fraternità e non dispenser di sacramenti. Ha bisogno di scuole che educhino anche oltre le mura scolastiche. Ha bisogno di una società civile che deve ritrovare il suo centro oltre gli interessi economici e di parte, e che sappia dare attenzione agli ultimi, a chi non ha lavoro, a chi è in difficoltà, a chi ha perso tutto.

Sì, il Signore è il risorto, è il vivente e va cercato non nei segni di morte, ma dentro i segni di bellezza, nei gesti di pace, negli abbracci rassicuranti, nel primo respiro di un neonato, nell’ultimo alito del morente, nella tenerezza con cui si ha cura dell’altro.

L’esperienza delle donne che si recano al sepolcro la mattina di Pasqua ci ricorda che, nonostante tutto, non c’è altro da fare che provare ad alzarsi. Non occorre sapere già in anticipo esattamente quale sarà la direzione del cammino: ciò che importa è non rimanere a terra, ma alzare lo sguardo per poter osservare “che la pietra era già stata fatta rotolare, benché fosse molto grande”. (Mc 16,4)

A Pasqua, il Signore ci chiama ad alzarci, a risorgere sulla sua Parola, a guardare in alto e credere che siamo fatti per il Cielo, non per la terra. Dio ci chiede di guardare la vita come la guarda Lui che vede sempre in ciascuno di noi un nucleo insopprimibile di bellezza. Nel peccato, vede figli da risollevare; nella morte, fratelli da risuscitare; nella desolazione, cuori da consolare. Non temiamo, dunque: il Signore ama questa vita anche quando abbiamo paura di guardarla e prenderla in mano. Non rimaniamo a guardare per terra impauriti, guardiamo a Gesù risorto: il suo sguardo ci infonde speranza, perché ci dice che siamo sempre amati e che, nonostante tutto quello che possiamo fare, il suo amore verso di noi non cambia. Questa è la certezza non negoziabile della vita: il suo amore è immutabile perché Gesù si è alzato dal sepolcro affinché potessimo farlo anche noi e, grazie a Lui, poter risorgere dalle nostre macerie abbandonando la posizione dei morti per assumere quella da risorti.

Álzati, dunque, dalle tue paure,

álzati dai pensieri che ti stanno piegando,

álzati dalla delusione.

Solo così sperimenterai che la vita può sempre ricominciare.

Cari sorelle e fratelli, questo mio personale augurio, vorrei tanto che invece di raggiungervi con le consuete formule di circostanza, vi arrivasse con la mia stretta di mano e un sorriso cordiale senza parole. La notizia della Risurrezione di Gesù, entrando nelle corsie degli ospedali, nelle camere dei malati, nelle case di famiglie unite o separate e nella vita di coloro che si trovano in qualsiasi forma di sofferenza, difficoltà o fatica, vorrei portasse un barlume di speranza. Vorrei che il mio saluto vi raggiungesse senza la pretesa di risolvere i vostri drammi, ma con l’umiltà di chi, pur non potendo operare miracoli, comunque vi sta accanto, cammina con voi e si fa vostro compagno di viaggio per le strade polverose di questa quotidiana esistenza.

A tutti voi, il mio augurio di buona Pasqua del Signore e nostra!

Il vostro arcivescovo, +Francesco Massara
Pubblicato in Diocesi
Domenica, 28 Marzo 2021 14:20

L'entroterra piange don Nello Tranzocchi

È scomparso la notte scorsa don Nello Tranzocchi.
Il parroco delle terre ferite dal sisma si è arreso al Covid lasciando la sua comunità attonita per la sua perdita.
Classe 1941, Tranzocchi era nato a Fiordimonte ed era diventato sacerdote nel 1965.
Laureato in utroque iure, cappellano militare, rientrato in Diocesi di Camerino cancelliere, Vicario generale parroco di Pievetorina, Montecavallo e Castel Sant’Angelo sul Nera dove viveva in una SAE.
"Don Nello è stato un sacerdote buono - commenta l'arcivescovo Francesco Massara -  che ha amato la Chiesa fino alla fine, servedola nella semplicità e rimanendo sempre vicino ai poveri e ai sofferenti. A lui va il nostro grazie e la nostra preghiera".
I funerali domani saranno celebrati domani alle 15, nella basilica di San Venanzio a Camerino.

GS
Pubblicato in Diocesi
Giovedì il sopralluogo e a breve l'inizio dei lavori di ricostruzione della casa vacanze di Elcito, a San Severino.
L'immobile di proprietà della diocesi di Camerino rientra tra i cantieri che simboleggiano la ripartenza.
"Abbiamo ottenuto il decreto di approvazione del progetto dall'Usr - spiega Carlo Morosi, responsabile dell'ufficio ricostruzione ed edilizia della diocesi di Camerino - e questo ci permette di iniziare i lavori. Questo immobile è stato lesionato dal terremoto del 2016 riportando un danno di categoria E-L2. L'importo relativo alla sistemazione si aggirerà intorno ai 400 mila euro, per una spesa complessiva di 550 mila euro.
I lavori - spiega - interesseranno principlamente l'efficientamento sismico della struttura, con il miglioramento del 60% dell'adeguamento: sono previsti il ripristino delle finiture, laddove servirà, e degli impianti che saranno toccati durante i lavori".

Buone le notizie che riguardano i tempi: "Con l'impresa faremo un soprallogo giovedì - annuncia - e i lavori inizieranno entro 20 giorni. Per quanto riguarda il termine, l'impresa si è impegnata a finire l'intervento entro sei mesi dalla data di inizio lavori". 

La struttura che prima del sisma veniva utilizzata principlamente per i campi scuola estivi, è caratterizata da una cucina comune, diversi bagni su ciascun piano, e camere da letto di diverse dimensioni.

La sua sistemazione rappresenta la rinascita di un intero territorio: una ripartenza che coinvolge soprattutto i giovani abituati a vivere quella struttura nel segno della condivisione.

GS


Pubblicato in Diocesi
Due giorni di sopralluoghi a Camerino, San Severino e nei paesi dell’entroterra colpiti da sisma, da parte della dirigente del Ministero della sezione patrimonio e sicurezza dei Beni Culturali, Marica Mercalli, dell’ispettore di zona Pierluigi Moriconi, insieme alla Soprintendente Marta Mazza e Paolo Iannelli, soprintendente speciale unico per le zone colpite dal sisma.
A guidarli all’interno delle strutture danneggiate, ma anche nei depositi che ospitano le opere mobili, sono stati l’arcivescovo Francesco Massara, il sindaco di Camerino Sandro Sborgia, l’ingegnere incaricato dalla Curia Carlo Morosi e la direttrice dei Musei Diocesani e Civici, Barbara Mastrocola.
“Una ispezione fortemente voluta dal Ministero - dice la direttrice Mastrocola - per cercare di capire quali sono le emergenze, affinchè si possano avviare le campagne di restauro dei beni”.

IMG 6960

Le fa eco Carlo Morosi, dal punto di vista strutturale: “Un sopralluogo per valutare lo stato di avanzamento dei beni vincolati e delle chiese passate, attraverso l’ordinanza 105, da una gestione pubblica a quella privata della diocesi. Prossimamente ci incontreremo nella conferenza permanente, quando avremo presentato i progetti, come quello della chiesa del duomo, che è in avanzato stato di completamento e pensiamo di presentarlo entro il prossimo mese di ottobre. Con il Mibact - aggiunge - discuteremo anche delle altre chiese, quelle i cui progetti sono in fase di completamento da parte dei tecnici incaricati dall’ente. Hanno dato delle scadenze e l’arcivescovo ha chiesto che vengano rispettati per dare seguito agli appalti ed agli incarichi alle imprese”.

IMG 6963

La visita arriva dunque a seguito della messa in sicurezza dei luoghi per guardare alla fattiva ricostruzione: “Prendiamo visione dei primi lavori di ricostruzione che stanno finalmente partendo - dice Marica Mercalli - dopo che nelle aree terremotate ci sono stati ingenti lavori di messa in sicurezza. Ora finalmente si riesce a partire con le ricostruzioni anche in base alle nuove disposizioni date dall’ufficio del Commissario straordinario Giovanni Legnini”.
Azioni in cui la Soprintendenza è parte integrante: “Accogliamo il direttore Mercalli - dice Marta Mazza - con l’obiettivo del Ministero di coordinarsi a livello territoriale e centrale per poter centrare la fase di ricostruzione. In questo modo viene fatta una verifica del grande lavoro che è stato fatto e per riuscire ad entrare fattivamente nella fase di ricostruzione. Dopo aver fatto tutte le valutazioni tecniche - conclude - ciascuno di noi, nel suo ruolo, è responsabile della tempistica che tutti i procedimenti implicano e ci attiveremo di conseguenza”.

GS

IMG 6941
Pubblicato in Diocesi

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo