POLITEAMA banner beethoven 1022x200
Notizie di politica nelle Marche
I Comuni e gli Enti montani stanno scrivendo al Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere che il Piano banda ultralarga possa avere tempi certi, rapidi interventi e che il digital divide possa essere superato. La pandemia ha fatto crescere divari e disuguaglianze, anche per via di reti mancanti e infrastrutture che non arrivano a tutti e che accentuano le differenze tra aree urbane e zone montane.

Il Consigliere Nazionale Uncem, Alessandro Gentilucci, ha commentato: “La Banda Larga è un qualcosa di fondamentale per i territori montani, per dare la possibilità di riuscire a lavorare anche da remoto. Deve rappresentare una peculiarità, copiando modelli già visti come nel caso di Cucinelli: un’azienda che ha saputo creare da un borgo storico un'opportunità grandiosa. Dobbiamo saper prendere esempi virtuosi per cercare di avviare quel percorso che permetta di creare le condizioni per poter lavorare e per poter vivere nelle aree montane: questo ovviamente non può prescindere dai servizi. Il progetto aree interne dell’alto maceratese, dove sono capofila come Unione Montana marca di Camerino, è propedeutico a riportare i servizi per riportare la popolazione: un qualcosa di estremamente innovativo quando l'abbiamo proposto e che oggi si pone come linea guida di una politica non solo nazionale, ma anche una politica di Poste Italiane”.

Red.
Pubblicato in Politica
Giovedì, 31 Dicembre 2020 09:48

Provincia: ok alle modifiche dell'intervalliva

Ok alle modifiche dell’intervalliva di Macerata. La Provincia ha dato immediatamente il via libera all’ultima richiesta della Quadrilatero riguardo al progetto definitivo dell’intervalliva per quanto riguarda il tratto svincolo di Campogiano - La Pieve.

A seguito dell’approvazione del progetto definitivo sono state quindi avviate le procedure necessarie per l’acquisizione da parte degli enti competenti dei relativi pareri per l’esame della conferenza dei servizi, e la successiva approvazione del CIPE.

Il primo tratto dell’intervalliva era già stato oggetto di valutazione di impatto ambientale (VIA) da parte della Regione Marche, unitamente all’intero tracciato della superstrada Pontelatrave - Foligno. 

Essendo state apportate su tale tratto delle modifiche, la Quadrilatero ha chiesto alla Provincia di valutare se le variazioni apportate comportassero o meno la necessità di effettuare una nuova valutazione di impatto ambientale. La Provincia ha chiuso il procedimento, ritenendo che le variante proposta non richieda una nuova procedura di VIA.

La competenza sulla valutazione ambientale del secondo tratto La Pieve – via Mattei, invece, è del Ministero dell’Ambiente, al quale la Quadrilatero ha già inviato i necessari elaborati.

Il Presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, ha commentato: “Si confida che anche il Ministero dell’Ambiente, per la valutazione di impatto ambientale del secondo tratto, proceda con la stessa celerità a svolgere quanto di propria spettanza, in relazione pure al fatto che la competenza ministeriale nella valutazione del tratto in esame è sopraggiunta rispetto le precedenti competenze, in capo alla Regione e alla Provincia. Ciò sicuramente stride con le più volte annunciate volontà e normative di semplificazione. È superfluo ricordare l’importanza della realizzazione di quest’opera pubblica, attesa da tempo dalle nostre comunità, specie dopo la realizzazione della superstrada Civitanova - Foligno e la necessità di collegare ad essa la città di Macerata e il suo vasto comprensorio”.
Pubblicato in Politica
Da domani, 31 dicembre, il direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione della Regione Marche, l’ingegner Cesare Spuri, raggiungerà il meritato congedo. Alla guida dell’Usr la giunta regionale ha nominato l’ingegner Stefano Babini.

“Intendo esprimere – così il presidente della Regione e vicecommissario alla ricostruzione, Francesco Acquaroli – a nome dell’ente e della comunità marchigiana un ringraziamento all’ingegner Cesare Spuri per la dedizione, l’impegno e l’attaccamento con cui ha contribuito a gestire in questi anni la complicata fase del post-sisma del 2016, collaborando con le amministrazioni centrali e locali e le comunità colpite. L’ingegner Spuri già dal 1997 aveva assunto il coordinamento delle attività del Com, il Centro Operativo Misto, di Muccia, che avevano portato all’esemplare ricostruzione del post-sisma Marche-Umbria del 1997. Contestualmente rivolgo all’ingegnere Stefano Babini un augurio di buon lavoro per quello che sarà certamente un compito delicato e importante per la ricostruzione delle aree terremotate marchigiane”.

“Ho lavorato fianco a fianco con l’ingegnere Spuri prima come sindaco e, seppure in questi pochi mesi, come delegato regionale alla ricostruzione – ha affermato l’assessore Guido Castelli – apprezzando sempre il suo lavoro, la sua determinazione, la tenacia e l’abnegazione dimostrate in momenti così complicati. A lui va tutta la nostra gratitudine e all’ingegner Babini l’auspicio di un buon lavoro che sarà portato avanti con la massima collaborazione e condivisione. Nella cabina di regia di oggi abbiamo comunicato al commissario Legnini la designazione del nuovo direttore. Il primo compito di Babini sarà quello della riorganizzazione dell’USR anche in relazione alle nuove assunzioni che verranno effettuate. Numeri importanti di cui si è parlato in cabina di regia e che potranno consentire quell’accelerazione di cui vogliamo renderci protagonisti”.

Pubblicato in Politica
Il Commissario Straordinario Giovanni Legnini ha incontrato a Roma i presidenti e i delegati delle quattro regioni coinvolte dal sisma 2016, per fare il punto sul lavoro svolto nel corso di quest’anno ed impostare le linee di azione per 2021, che “dovrà essere – ha detto il Commissario - l’anno del decollo definitivo della ricostruzione. La priorità, sfruttando anche l’assunzione di 150 nuove unità di personale negli Uffici Speciali della Ricostruzione, è quella di accelerare l’esame della grande quantità di domande di contributo arrivate nel corso del 2020 e consentire l’apertura del massimo numero possibile di cantieri”. Legnini, che ha affrontato i medesimi argomenti in videoconferenza con i 138 sindaci dei comuni colpiti dal terremoto. “L’altra grande sfida che abbiamo davanti per il prossimo anno – ha sottolineato Legnini – è quella di far partire i cantieri della ricostruzione pubblica, anche sfruttando i poteri in deroga concessi al Commissario, che potranno essere delegati agli stessi sindaci”.

Nell’occasione il Commissario ha diffuso un nuovo aggiornamento dei dati sulla ricostruzione. Nonostante l'emergenza sanitaria, che ha imposto anche un blocco temporaneo dei cantieri, e l'evoluzione della normativa, che ha costretto i professionisti ad un adattamento, nel 2020 la ricostruzione privata nel Centro Italia dopo il sisma 2016 ha avuto una forte accelerazione.

Le domande di contributo per la riparazione o la ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma sono cresciute del 66% rispetto all'anno precedente, passando da 12.063 a fine 2019 alle 19.593 presenti sulla piattaforma informatica al 28 dicembre 2020. Rispetto agli 80 mila edifici inagibili censiti inizialmente, le richieste di contributo sono un quarto del totale.

Significativo, nel corso dell’anno, è stato l'afflusso di domande, oltre 5.000, per la riparazione dei danni lievi. La scadenza del termine del 30 novembre è stata mantenuta ferma, dopo undici proroghe, ma agevolata da un forte snellimento degli adempimenti.

Nel corso dell'anno sono state approvate 2.742 richieste, portando il totale delle domande che hanno ottenuto il contributo a 7.031 (7151), con una crescita del 63%. I fondi per la ricostruzione privata effettivamente erogati attingendo al plafond Cdp sono stati pari, alla data del 10 dicembre scorso, a 381 milioni di euro, quasi la metà della spesa complessiva erogata dal 2017, pari a 684 milioni di euro.

Al 28 dicembre di quest'anno c’erano 3.175 cantieri in fase di lavorazione, mentre gli interventi conclusi con il ripristino degli immobili erano 3.982. Nel corso del 2020 circa 1.600 famiglie hanno potuto fare il loro rientro nell’abitazione riparata o ricostruita. 2 I tempi medi di approvazione delle richieste di contributo si sono drasticamente ridotti con le nuove procedure introdotte con l'Ordinanza 100, che attribuisce ai professionisti il compito di certificare le conformità e stabilisce tempi certi entro i quali i Comuni e gli Uffici Speciali devono esprimere le loro valutazioni, prevedendo meccanismi come il silenzio assenso e i poteri sostitutivi in capo al Commissario. Rispetto ad una media di circa 14 mesi per l'ottenimento del contributo con le vecchie procedure, le istanze presentate ai sensi dell'Ordinanza 100, praticamente tutte le nuove domande, impiegano una media di 65 giorni.

Procede anche la ricostruzione pubblica, pur risentendo ancora dei vincoli e degli ostacoli burocratici del passato, in buona parte superati con i provvedimenti normativi varati nel corso dell'estate, dalle semplificazioni ai poteri in deroga concessi al Commissario. I molteplici interventi finanziati dalle Ordinanze (per 2,2 miliardi di euro) sono stati verificati, in alcuni casi riprogrammati e inseriti in un elenco unico che contiene 1.200 opere pubbliche, alle quali si aggiungono circa 900 chiese. La spesa effettiva per le opere pubbliche, a fine novembre, era pari a 239 milioni di euro, con una crescita del 31% rispetto a fine 2019.

Anche dal punto di vista della pianificazione urbanistica dei centri più colpiti dal sisma, dopo quasi quattro anni di sostanziale paralisi, si registrano sviluppi incoraggianti. Molti comuni che avevano scelto la strada di ricostruire con i Piani attuativi, strumenti che comportano procedure molto lunghe, stanno orientandosi sui PSR - Programmi Straordinari di Ricostruzione introdotti con l'Ordinanza 101, strumenti altrettanto efficaci, potendo attivare deroghe specifiche in materia urbanistica, ma molto più flessibili e di rapida attuazione. Il PSR è stato già adottato dal Comune di Caldarola, mentre sono in fase avanzata di predisposizione i PSR di Camerino, Valfornace, Pieve Torina, e sono pronti ad adottarli anche altri Comuni particolarmente colpiti dal sisma: Visso, Ussita, Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice, Tolentino. Altri ancora hanno deciso di inserire la programmazione effettuata ai fini dei Piani Attuativi in un Programma Straordinario.


Pubblicato in Politica
In poco più di due mesi varata la prima manovra della Giunta Acquaroli per un totale di 523 milioni di euro (209 milioni per il 2021, 167 milioni per il 2022, 147 per il 2023). Quattro le priorità che il presidente Acquaroli ha voluto individuare nelle sue linee di mandato – famiglia, imprese, fragilità e eccellenze – e che si sono tradotte per la prima volta in un documento di economia e finanza regionale che esprime una visione strategica prima ancora che un freddo elenco di numeri.

“Abbiamo ricevuto una regione in coma – afferma l’assessore al Bilancio, Guido Castelli – già afflitta da una profondissima emergenza economica e sociale, ancora prima della pandemia, che con la crisi sanitaria si è ulteriormente aggravata. Tutti gli indicatori economici parlano di un territorio profondamente ferito e da risollevare, con una guida politica forte e responsabile. Dopo il 31 marzo si rischia una forte emergenza sociale, per questo abbiamo voluto appostare 15 milioni per sostenere le aziende delle aree di crisi complessa del territorio, e un set di iniziative di riordino delle politiche attive del lavoro finalizzato a contrastare l’emergenza sociale. A ciò si aggiunga una serie di interventi per circa 30 milioni di euro, che abbiamo messo in campo per contenere gli effetti della pandemia, che si sono già scaricati sulle attività più direttamente colpite. In quest’ottica di rilancio della regione – aggiunge l’assessore Castelli – “il primo obbligo a cui si deve assolvere è quello di diventare più efficienti”.

“L’approvazione del bilancio 2021-2023 rappresenta un vero e proprio cambio di passo delle politiche della Regione, realizzato in soli 60 giorni dell’insediamento della Giunta, per andare diritti agli obiettivi di mandato che l'assessorato affidatomi e la giunta si sono prefissati”. Così sottolinea l'assessore regionale alle Infrastrutture e ai Lavori pubblici Francesco Baldelli che entra nel merito: “La Regione Marche ha stanziato 5,7 milioni di euro da investire per la progettazione di opere e infrastrutture. Un vero cambio di passo perché la Regione, da oltre 10 anni, non finanziava progetti di infrastrutture e non aveva quindi alcuna visione per il futuro. Senza progetti, inoltre, è di fatto impossibile ottenere finanziamenti, poiché gran parte dei fondi comunitari e nazionali vengono assegnati solo per opere e infrastrutture già in stato avanzato di progettazione e quindi cantierabili in breve tempo. E così, dopo 10 anni di letargo, la Regione Marche torna finalmente a mettere mano agli elaborati progettuali, con l'obiettivo di creare progressivamente un sistema interconnesso e intermodale di strade, ferrovie e ciclabili che faccia dialogare le Marche con tutto il centro Italia e con le principali direttive nazionali ed internazionali. Partendo da porto, aeroporto e interporto, che dovranno diventare i principali punti di snodo da cui si dipanerà tutta la rete di trasporto regionale. L'obiettivo è collegare costa e entroterra senza soluzione di continuità tramite la Pedemontana delle Marche e il sistema delle intervallive. Oltre ai 5,7 milioni di euro per la progettazione - prosegue l'assessore Baldelli - sono stanziati in bilancio 70 milioni di euro per realizzare nuove strade e piste ciclabili e ulteriori 20 milioni per la manutenzione delle esistenti”.

Tra le deleghe dell'assessore Baldelli, anche l'Edilizia ospedaliera
: “Alle risorse destinate dallo Stato abbiamo aggiunto, già in questa prima fase, 12 milioni di euro della Regione per l'adeguamento delle strutture sanitarie ed ospedaliere. L'esperienza del Covid-19 ha mostrato la necessità di rivedere l'organizzazione sanitaria ed ospedaliera delle Marche, che è collassata durante la pandemia della scorsa primavera. Così, a poche settimane dal suo insediamento, questa Giunta ha bloccato la previsione degli ospedali unici che ha spogliato l'entroterra marchigiano dei suoi nosocomi, con la lesione del diritto alla salute dei suoi abitanti”.

“Lega Marche soddisfatta del primo bilancio preventivo della giunta di Centrodestra in cui rappresenta il primo partito. Si consolida anche per il futuro la visione incentrata sulle politiche sociali ed economiche - lo dichiara il presidente del gruppo consiliare Lega Renzo Marinelli che è anche presidente della commissione permanente che si occupa del Bilancio - In soli 60 giorni di governo abbiamo fatto un mezzo miracolo con il bilancio che era vincolato in alcuni ambiti anche su base pluriennale. Abbiamo fatto un’analisi attenta dell’esistente e subito impresso il cambio di rotta ancor più necessario nell’anno che andremo ad affrontare: non contribuiti ai soliti noti, ma supporto autentico e decisivo, per quanto di nostra competenza, nei settori che sono più a rischio: lavoro e sociale, quest’ultimo inteso nel senso più ampio. Ci troviamo in mano una regione male amministrata per anni ed anni e dobbiamo farla rialzare al più presto dalla sua terza crisi consecutiva. Non sarà facile, ma non siamo gente che si spaventa facilmente – prosegue il presidente del gruppo consiliare Lega - L’obiettivo è far ripartire il tessuto socio-economico senza lasciare indietro nessuno: dalla scuola allo spettacolo, dalla sanità al sociale, dalle micro imprese all’agricoltura abbiamo già dimostrato di avere non solo idee chiare ma soprattutto, volontà e capacità di dare risposte. I marchigiani ci hanno affidato buona parte del loro futuro: non lasceremo nulla di intentato per onorare l’impegno che ci siamo assunti nei loro confronti”.



f.u.
Pubblicato in Politica
Il Consiglio Comunale di Camerino ha approvato il Programma Straordinario per la Ricostruzione. È mancato però il voto unanime sperato dall’amministrazione Sborgia. Presente anche il Commissario Straordinario alla Ricostruzione Giovanni Legnini.
Nella seduta comunale di fine anno, slittata dallo scorso 22 dicembre, l’Assise comunale camerte ha approvato, con otto voti positivi e quattro contrari (assente il consigliere Fanelli), il Programma che, secondo le parole del Commissario Straordinario alla Ricostruzione Giovanni Legnini, saprà dare nuovo nervo alla ripresa materiale, sociale ed economica della città.
Il Programma è stato illustrato dai consiglieri Anna Ortenzi e Luca Marassi, che, al netto delle specifiche tecniche, hanno posto l’accento sulla fluidità del documento: uno strumento flessibile, che sarà soggetto a modifiche e integrazioni, capace di assorbire le istanze della cittadinanza, della minoranza e dei professionisti in un’ottica di collaborazione. Il consigliere Marassi ha citato quattro pilastri su cui si poggia il PSR: “Velocità, rinascita, programmazione e sicurezza. Non parliamo di un progetto, ma di un programma, modificabile e migliorabile in itinere insieme all’USR per arrivare alla sua forma definitiva. Alla fine del processo di ricostruzione dovremo avere una città più sicura, più attrattiva e più bella. In un’ottica progressiva e di evoluzione della ricostruzione, da domani inizieremo a pensare a un PSR più strategico che di indirizzo: un Programma che preveda il rilancio della vita stessa della città a livello socio-economico. Abbiamo studiato il caso dell’Aquila, e abbiamo scelto una programmazione flessibile, con un ufficio cantierizzazione comunale che scandirà i tempi dei diversi lavori: sarà questo ufficio a stabilire se un cantiere potrà partire, garantendo l’accessibilità e dividendo la città in aree. Questo è un documento condiviso un mese fa con la cittadinanza e con la minoranza: abbiamo cercato in ogni modo di portare un Programma che incontrasse l’unanimità in sede di voto, ma in realtà l’appoggio non è mancato da parte nostra, ma dalla minoranza. Cerchiamo di lavorare per dare una speranza alla città”.

programma straordinario

La replica della minoranza è stata affidata ai consiglieri Falcioni e Lucarelli: “Siete stati molto veloci, certo, ma speriamo che questo documento non sia troppo poco preciso: si parla solo di cantierizzazione e troppo poco di strategie. Iniziamo un cammino senza sapere la destinazione, come sarà la città tra dieci o quindici anni. Senza questa visione di insieme, le scelte tecniche condizioneranno quelle strategiche future. Siamo un po’ preoccupati e perplessi, questo documento andrebbe rettificato”.

Perplessità cui ha risposto ancora Marassi: “Il programma è volto a un primo passo per velocizzare la cantierizzazione: strategia e definizione del piano saranno demandate a una seconda fase, così come gli altri argomenti non ancora definibili. Sottolineo che il programma che si evolverà nel tempo: la prossima redazione sarà volta a dare delle risposte sotto questo profilo”.

programma straordinario 2

È intervenuto anche l’ex sindaco Pasqui: “Avrei voluto dichiarare un voto che speravo fosse unanime, perché ritengo che tutti dovremmo essere uniti in queste circostanze. Abbiamo chiesto incontri aperti, cercando di diventare un tutt’uno con la maggioranza e la cittadinanza e trovare le soluzioni per presentare un PSR condiviso. Purtroppo non sarà così: la maggioranza non ha voluto incontrarci. Sottolineo che abbiamo accolto i vostri inviti e ci siamo messi a disposizione. Posso solo dire che il vostro PSR è un libro dei sogni. Il Programma non è solo la ricostruzione materiale della città, ma anche quella sociale ed economica del territorio. Legnini parla di idee: in questo PSR non ci sono idee di una Camerino futura. Non sappiamo cosa sarà dell’economia e dell’istruzione della nostra città, sappiamo solo che acquisteremo da un privato un edificio di cui non conosciamo il costo (con riferimento alla proposta di acquisizione dell’immobile Ex Banca delle Marche, ndr). Non ci sono progetti, ci sono difficoltà a rispondere ai nostri appelli e ai nostri emendamenti: quando si parla di condivisione non si dovrebbero chiudere porte in faccia. Mancano gli strumenti per far partire, non ripartire, la ricostruzione: dovrete spiegare ai cittadini quale futuro attende la città. Noi restiamo a disposizione per lavorare insieme, per trovare una collaborazione che finora non abbiamo visto”.

Sandro Sborgia, il sindaco, ha mostrato allo stesso modo rammarico per la spaccatura tra le due fazioni: “Prendo atto a malincuore della mancanza di voto unanime, ma siamo convinti di avere fatto un ottimo lavoro, che rappresenta una testimonianza di rispetto e di impegno nei confronti della popolazione che ci ha eletto. Noi stiamo portando avanti il nostro mandato. Il Programma può essere migliorato, anche con l’aiuto della minoranza, di cui rispetto il voto contrario”.

È intervenuto anche il Commissario Straordinario Giovanni Legnini, che non è entrato nel merito delle discussioni, ma ha sottolineato la rilevanza di uno strumento come il PSR: “Sarebbe stato difficile con uno strumento urbanistico classico agire come intendete fare con questo PSR, che invece è dinamico per definizione. Si può dire che il processo sia partito e che cominci ad avere una dimensione significativa. Solo con uno strumento programmatico la ricostruzione potrà giungere a maturazione. Saranno i fatti a dire se le scelte prese sono state buone. Il 2020 è un anno che si chiude con risultati importanti sotto il profilo della ricostruzione, in un periodo molto complicato: in futuro sarò pronto a sedermi con voi per discutere ulteriori ordinanze speciali. Iniziamo l’anno nuovo con avanzamenti importanti, per questo vi ringrazio”.
Pubblicato in Politica
Casi covid a Tolentino. La comunicazione arriva dall'ufficio stampa che ha dirmato un comunicato stampa dove si precisa che a seguito dei periodici controlli all’interno dell’ASP – “Vincenzo Porcelli” di Tolentino, al momento sono risultati positivi tre operatori di una cooperativa che opera all’interno e dodici ospiti sui 90 attualmente presenti nella struttura. Dati che sono stati confermati dai tamponi molecolari praticati subito dopo i tamponi cosiddetti “veloci”. Lo screening ha riguardato tutti gli ospiti presenti. Va precisato che le dodici persone risultate positive sono tutte asintomatiche, solo due di loro presentano un lieve stato febbrile.

Immediatamente, avvertito il Sindaco Pezzanesi, il Presidente Sbaraglia e il Direttore Ricci, informati i familiari degli ospiti, hanno attivato tutte le procedure atte a contenere il contagio. Tutte le persone risultate positive sono state isolate in una zona appositamente allestita, evitando ulteriori contatti con gli altri ospiti e seguiti e curati dal personale interno coadiuvato dal nucleo Usca del Distretto sanitario.

Sono state anche interrotte tutte le attività rivolte ai semi residenti e che passano solo parte della giornata o consumano i pasti presso la Casa di Riposo.

Purtroppo – ha dichiarato il Presidente Giorgio Sbaraglia – malgrado tutte le nostre attenzioni, il covid è riuscito a entrare anche nella nostra struttura. Alziamo ulteriormente il nostro livello di guardia per contenere i contagi e i disagi. Ora vogliamo tornare quanto prima alla situazione dei giorni precedenti con la nostra residenza per anziani “covid free”.

Il Direttore Simone Ricci ha precisato che tutti gli operatori hanno lavorato e lavorano con la massima attenzione. Purtroppo non è bastato ad evitare il contagio. Siamo intervenuti in maniera repentina, adottando tutte le profilassi necessarie per isolare gli ospiti risultati contagiati in una zona appositamente attrezzata della nostra struttura, a cui accede solo il personale sanitario. Dispiace molto aver preso atto di questa situazione proprio mentre si sta avviando la campagna vaccinale. Sembra quasi un beffa. Quando eravamo vicini al traguardo purtroppo è arrivato il contagio.

Malgrado le nostre continue precauzioni – afferma il Sindaco Giuseppe Pezzanesi – il covid colpisce i nostri ospiti della Residenza per Anziani. Possiamo ipotizzare che qualcosa possa essere avvenuto attraverso servizi che riceviamo dall’esterno. Per tutti questi mesi abbiamo lavorato per scongiurare possibili situazioni di contagio ma purtroppo non è bastato. E’ questa la dimostrazione di un virus in continua evoluzione, capace di colpire anche se si presta la massima attenzione.



Pubblicato in Politica

Tra i premiati dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella c'è anche la camerinese Nazzarena Barboni, Il presidente Mattarella ha conferito 36 onorificenze al Merito della Repubblica italiana a "Eroi civici".
Nazzarena Barboni fondatrice dell'Associazione Raffaello, ha ricevuto il premio con la seguente moticazione: “per la sua generosa dedizione al supporto dei piccoli pazienti oncologici e alle loro famiglie”. Un riconoscimento per cittadini e cittadine che si sono distinti in particolare per atti di eroismo, per l'impegno nella quotidianità, nel volontariato, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella promozione della cultura, della legalità e del diritto alla salute.
Grande soddisfazione è stata espressa anche dl primo cittadino di Camerino Sandro Sborgia. 

Il sindaco di Camerino Sandro Sborgia

"Apprendiamo con enorme gioia del riconoscimento conferito alla nostra concittadina Nazzarena Barboni dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – ha commentato il sindaco di Camerino - per il suo eroico impegno civico a supporto delle famiglie e dei bambini malati oncologici. Tutti insieme esprimiamo a Nazzarena i nostri sentimenti di gratitudine e riconoscenza per il modo esemplare con il quale profonde il suo impegno nei confronti dei meno fortunati. Con il silenzio e la discrezione che la contraddistinguono è vicina a tutte le persone che hanno bisogno di aiuto in modo generoso e gratuito. Dobbiamo tutti esserne fieri e orgogliosi".

Pubblicato in Politica
Avvio degli interventi di recupero e miglioramento sismico del bellissimo Teatro Comunale G. Leopardi chiuso a seguito del terremoto del 2016.
La notizia è stata diffusa dal Sindaco di San Ginesio, Giuliano Ciabocco, e dall’assessore alla ricostruzione, Giordano Saltari .
In una recente delibera di giunta è stato infatti approvato il progetto di fattibilità tecnica- economica determinando un importo complessivo di € 1.650.000,00, calcolato sulla base del rilievo dei danni subiti dall’edificio e delle indagini svolte sulle strutture.
Assessore Ricostruzione San Ginesio Giordano Saltari

L’iter che segue prevede che entro il mese di gennaio 2021 ci sarà la predisposizione e la pubblicazione del bando di gara per l’affidamento dei servizi tecnici di ingegneria e architettura per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo, coordinamento sicurezza e direzione lavori. Entro il mese di febbraio verrà individuato il professionista che dovrà redigere i due livelli di progettazione.

Al netto di tutti i tempi tecnici necessari per l’acquisizione dei dovuti pareri,autorizzazioni e nulla osta, i progetti saranno approvati entro metà del 2021. Va precisato che solo col progetto esecutivo in mano si potrà avere una ricognizione più accurata e dettagliata sia dell’importo dei lavori, sia dei tempi per la realizzazione degli stessi.

Teatro Giacomo Leopardi ph.Roberto DellOrso

Inoltre, una volta approvato il progetto esecutivo, sarà poi possibile indire la procedura di gara per l’affidamento dei lavori che in base all’obiettivo che si è posto l’amministrazione comunale dovrà avvenire entro la fine del 2021.

Il Teatro ha una valenza importantissima e centrale in questo meraviglioso borgo della provincia di Macerata , oltre che Paese Bandiera Arancione, dove il Santo eponimo è il Santo Protettore degli attori e della gente di teatro. A questo proposito il Comune ha ideato, come strategia di rilancio culturale, un festival e un premio, il Ginesio Fest e il Premio San Ginesio dedicati all’Arte dell’Attore che consentirà di far conoscere e promuovere San Ginesio come il BORGO DEGLI ATTORI.
Pubblicato in Politica
Legge di bilancio, Recovery Plan e le ultime ordinanze: tre categorie di provvedimenti che spingeranno la ricostruzione. Lo ha detto il Commissario straordinario Giovanni Legnini a Treia, invitato dall’amministrazione Capponi, nel corso di un sopralluogo in città. Sul tavolo i provvedimenti per la ricostruzione del Santuario del Santissimo Crocifisso, ma anche un’ampia panoramica sullo stato di avanzamento della ricostruzione nel cratere a quasi cinque anni dagli eventi. 1,7 miliardi di rifinanziamento per le opere pubbliche e l’importante partita sul tavolo del Recovery Plan, insieme alle recentissime ordinanze a firma commissariale, saranno input fondamentali per la svolta e la netta accelerazione richiesta dai territori.

0866a0cf bb25 4a7f 86f5 c0d60bdd9227

Legnini, a margine dell’incontro, ha confessato fiducia e soddisfazione per quanto ottenuto economicamente e normativamente nell’ultimo anno: “Con queste tre categorie di provvedimenti si completano gli strumenti finanziari e normativi per fare in modo che la ricostruzione non soltanto proceda a ritmo spedito, ma anche che si intraprenda la via dello sviluppo dell'economia e della rinascita di questi territori, tanto più dopo l'emergenza Covid.La legge di bilancio contiene novità importantissime, basti pensare al rifinanziamento della ricostruzione pubblica,al contratto istituzionale di sviluppo,al miglioramento della disciplina della stabilizzazione del personale e a numerose altre disposizioni che ci consentono di procedere nel senso auspicato, su tutti i super bonus edilizi: quello sismico e quello ‘eco’. Non soltanto si conferma una generale applicabilità dei bonus agli interventi di ricostruzione, ma questi si consolidano sotto il profilo della copertura finanziaria con il‘super bonus’ rafforzato per il cratere: i cittadini potranno scegliere tra costruire le proprie case con i super bonus edilizi oppure attraverso il contributo previsto per la ricostruzione. Un quadro molto arricchito e credo anche efficace”.

Sulla collaborazione con le istituzioni e la risposta dei cittadini, il Commissario mostra fiducia e soddisfazione: “Buoni segnali, perché la collaborazione con le istituzioni è assolutamente fruttuosa, costante, con le Regioni e con i Comuni in particolare. Voglio sottolineare che l'attenzione del Governo in quest’anno è stata molto alta, con numerosi provvedimenti. Percepisco un recupero di fiducia da parte dei cittadini che mi auguro possa consolidarsi. Adesso occorrono però i progetti, occorre che i professionisti mobilitino tutte le loro energie per far sì che gli strumenti che abbiamo varato, di semplificazione e di completamento della normativa sulla ricostruzione, possano diventare progetti e poi cantieri. Noi siamo pronti a dare una svolta a questo processo di ricostruzione che è molto complesso molto difficile. Per poterlo sostenere e portare avanti serve proprio quella fiducia dei cittadini, che dobbiamo alimentare con i fatti, cioè progetti, decreti di contributo, cantieri. Questo l'obiettivo del 2021. Su Treia? La situazione è una condizione abbastanza generalizzata:non è dissimile da quella di molti altri Comuni. La lentezza delle procedure pubbliche è nota, ma anche su questo siamo intervenuti con due strumenti fondamentali. Il primo è appunto quello del recepimento di tutte le norme di semplificazione che sono state varate l'estate scorsa, riassunte dall’Ordinanza 109, il secondo rappresentato dalla possibilità di interventi speciali in deroga laddove si verificassero criticità, complessità e laddove i Sindaci, i Presidentidelle Regioni ci chiedessero di intervenire, noi possiamo farlo con ordinanze speciali, in modo che gli ostacoli possano essere superati più agevolmente”.

6dec5cdb 660f 4bbe bcd1 32ec7b99f20e

Soddisfatto anche il sindaco di Treia, Franco Capponi, convinto che ordinanze e rifinanziamento potranno essere decisivi per la ricostruzione pubblica in città: “Abbiamo invitato a Treia il Commissario Legnini che, avendo ormai costruito, sia attraverso i passaggi parlamentari della finanziaria, sia con l'ultima ordinanza, la 111, la ‘cassetta degli attrezzi’, ci consente di poter dare un grande impulso alla ricostruzione pubblica e privata. Avevamo chiesto un consulto al Commissario per alcune problematiche che ancora esistono proprio sulla ricostruzione pubblica: oggi siamo qui nel Santuario del Santissimo Crocifisso proprio per parlare dell'intervento di ricostruzione e del suo passaggio dalla ricostruzione pubblica alla ricostruzione privata riservata alle associazioni religiose come quella dei frati qui a Treia. L’obiettivo è quello di definire le strategie e gli interventi per poter veramente partire con un bel po' di lavori, in passato ritardati dall'assenza di un concreto quadro attuativo. Il nostro Comune è in una buonissima posizione, tra quelli che hanno fatto di più nella ricostruzione privata: siamo quasi a due terzi della ricostruzione dei danni lievi e siamo anche a buon puntocon i danni gravi, mentre siamo un po' ancora indietro sulla ricostruzione pubblica. Il motivo? Le norme che avevamo a disposizione non consentivano di poter avviare tutte le procedure di appalto e soprattutto di progettazione. Oggi abbiamo chiarito alcune cose e quindi possiamo anche noi stare un po' più sereni e possiamo avviare tutte le procedure che sono necessarie per procedere speditamente”.

5be0e297 61e0 4fe6 9057 752d54a84c66

l.c.

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 5

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo