Notizie sportive nelle Marche
Lezione di Christian Meyer all'Istituto comprensivo Betti di Camerino .Non capita tutti i giorni di avere per insegnante di musica un vero big della batteria. E' il privilegio che hanno potuto vivere gli alunni delle scuole primarie di Camerino, direttamente coinvolti nel progetto del musicista Christian Meyer, artista di fama internazionale di cui è proverbiale la bravura e disinvoltura nel muoversi  tra piatti e rullanti. Tra gioco e momenti di lezione vera e propria il "Progetto scuole " del batterista della Band Elio e le Storie Tese, dopo Fabriano ha fatto tappa anche a Camerino, conquistando i piccoli alunni delle varie classi dell'istituto. Dalla cultura africana alla contaminazione con le sonorità europee fino al jazz e al rock, Meyer ha ripercorso in 'pillole' le origini della musica.  Piena di energia e molto stimolante, la lezione ha catturato l'attenzione e l'interesse di tutti gli alunni. Coinvolti in piccole gare ed esibizioni, i bambini hanno avuto anche l'occasione di allenare l'orecchio a qualcosa che nel loro quotidiano, difficilmente ascoltano. 
IMG 20191129 102233
In collaborazione con la manager Silvia Bolbo, il batterista di recente aveva partecipato a Fabrijazz, maturando proprio in quell'occasione l'idea di portare la musica tra i bambini dei territori colpiti dal sisma per arrivare a sensibilizzare altre scuole che magari non abbiano reale percezione della devastazione che il drammatico evento ha comportato per Camerino e tanti altri paesi. 
" Noi veniamo da Milano- ha detto Christian Meyer- e attraverso il linguaggio universale della musica, vogliamo riuscire a dare una comunicazione di cose serie. Crediamo che questo progetto possa veicolare la dura realtà che si vive qui a Camerino e in tutta la zona appenninica dell'epicentro del terremoto".  
IMG 20191129 102814
A conclusione della mattinata Christian Meyer e il suo staff, accompagnati dall'assessore alla cultura Giovanna Sartori e dal dirigente dell'Istituto Comprensivo Ugo Betti Maurizio Cavallaro, hanno visitato la zona rossa, rimanendo profondamente colpiti dalle ferite e dal silenzio che regnano tra le mura storiche della città.
IMG 20191129 WA0002
"Avere il batterista Meyer a Camerino- ha commentato l'assessore Giovanna Sartori- è stata un'esperienza entusiasmante per i piccoli alunni e bellissima per tutti noi. Siamo grati all'amministrazione e all'assessorato alla cultura di Fabriano per averci coinvolto in questo progetto che ha permesso l'incontro con un grandissimo musicista, venuto a dimostrarci amicizia e profonda vicinanza. Felici i nostri bambini per l'atmosfera giocosa e divertente che, per tutta la lezione concerto, ha regalato loro un'esperienza di alto contenuto pedagogico".
cc
*Approfondimento della notizia nel prossimo numero di Appennino Camerte







Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 29 Novembre 2019 14:51

Fuoristrada con l'auto, due feriti

Grave incidente a Pioraco, poco dopo le 14.20. Un'auto con a bordo due persone, per cause in corso di accertamento, è finita fuori strada lungo la Provinciale, il località Paradiso, poco dopo il cimitero.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per estrarre i feriti dalle lamiere e i sanitari del 118.

(Servizio in aggiornamento)
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 29 Novembre 2019 14:16

Digestivo Sport 29 Novembre 2019

Pubblicato in Digestivo Sport
Questa mattina, a Civitanova, i funerali di Enrico Costantini scomparso imporvvisamente mercoledì scorso a seguito di un malore.
La chiesa di San Gabriele dell'Addolorata ha ospitato l'ultimo saluto all'amico Enrico Costantini. Presenti diversi colleghi giornalisiti e, in rappresentanza di Tribuna Stadio, trasmissione per cui Enrico era una delle colonne portantanti, le due voci storiche Mario Staffolani e Fabio Ubaldi.
A dare l'ultimo saluto anche una rappresentazione della sua amata Civitanovese.
Sul feretro non potevano mancare appunto una maglia dei rossoblu e le sciarpe dei gruppi ultras dei tifosi della curva di Civitanova Marche.

3f4a3429 9a2b 4e7f aa09 3d9d272bf584

"Enrico guardava il mondo e lo raccontava". Così lo ha ricordato il parroco anche amico di Enrico Costantini.
Gli fa eco il collega giornalista Vittorio De Seriis, che proprio ad Enrico ha lasciato il testimone nel raccontare la Civitanovese per Tribuna Stadio: "Enrico - ha detto ai microfoni di Radio C1 In Blu -  come testimonia la maglia poggiata sulla bara, è stato sempre vicino alla squadra della sua città, ma ha voluto bene a tutto il calcio marchigiano.
Con Tribuna Stadio lo proiettavate nelle situazioni, forse più difficili, e lui le interpretava sempre con la sua saggezza sportiva, con il suo modo di vedere il calcio come una competizione di lealtà, di merito.
Non aveva mai esclamazioni o rimproveri da fare, ma solo una condivisione di quelle che sono le difficoltà del calcio. Il calcio è bello, deve unire e non dividere, Enrico è stata una figura del calcio civitanovese e del calcio marchigiano".

GS
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 29 Novembre 2019 11:09

C1 Notizie - 28 novembre

Pubblicato in Focus Notizie
Un impegno costante nei confronti della ricostruzione e della rinascita dei territori della sua diocesi e non solo quello dell'arcivescovo Francesco Massara.
Dopo la riunione alla Cei dei vescovi del cratere per affrontare gli effetti della nuova ordinanza sui beni culturali e l’incontro a Palazzo Chigi con il premier Giuseppe Conte sui problemi della popolazione e delle attività produttive colpite dal terremoto, Massara ha lanciato il suo grido di allarme ai cronisti de La stampa ai quali ha dichiarato: “Malgrado le promesse mancate, si rinasce se si lavora insieme. Nella nostra diocesi il sogno più grande e maggiormente diffuso tra la popolazione è quello di poter ritornare nelle proprie case”.

Al centro dell'intervista la riapertura della basilica di San Venanzio, a Camerino, in programma il prossimo 15 dicembre, un evento importante, come ha sottolineato l'arcivescovo al quotidiano nazionale: “Rivive San Venanzio, basilica-simbolo del cratere - si legge nell'intervista - . È certamente un primo segnale di rinascita di un territorio martoriato dal terremoto. A giugno papa Francesco col caschetto di sicurezza tra i terremotati di Camerino si è raccolto in preghiera nella cattedrale inagibile. E ci ha ricordato che un rischio mortale e cioè che dopo il primo coinvolgimento emotivo e mediatico, le promesse vadano a finire nel dimenticatoio. San Venanzio torna a risplendere di nuova luce, dopo i lavori di ricostruzione. È un avvenimento molto importante per la nostra comunità e non solo per i credenti. È un importante segno di rinascita per tutto il territorio".
Un modello anche dal punto di vista dei lavori post sisma, afferma Massara: “Era stata fatta dalla macchina pubblica della ricostruzione una previsione di spesa di 4 milioni di euro, mentre San Venanzio è stata ristrutturata con due milioni e duecentomila euro di investimento. Un modello per il resto del cratere - ha dichiarato a La Stampa - . Non sprechiamo denaro, abbiamo concluso i lavori nei tempi stimati e oltre a riaprire al culto un importante edificio di culto si offre alla popolazione un’opera di socializzazione in un territorio nel quale, dopo il sisma, mancano completamente i punti di aggregazione e di incontro. Ringrazio chi ha offerto la ristrutturazione, il parroco, le maestranze e i volontari che hanno collaborato a partire dalle piccole cose spicciole, come garantire le pulizie quotidiane nel cantiere”.

Infine l'importanza della comunicazione. Un valore su cui l'arcivescovo della arcidiocesi di Camerino - San Severino Marche non ha voluto mai spegnere i riflettori: "La ricostruzione non è un’illusione o un sogno da rincorrere e realizzare con il contributo di tutti, dalle istituzioni ai singoli cittadini. Così il sogno è divenuto realtà per il futuro dei nostri giovani. La comunicazione è fondamentale perché non muoia il nostro territorio".

GS

QUI IL LINK DELL'INTERA INTERVISTA A LA STAMPA: https://www.lastampa.it/vatican-insider-it/2019/11/28/news/post-terremoto-monsignor-massara-se-non-riparte-il-territorio-le-chiese-sono-musei-vuoti-1.38027376







Pubblicato in Diocesi
Attenzione al paziente anziano, fragile, con disabilità. La sanità, anche quella marchigiana, si orienta all’assistenza a domicilio e l’area vasta 3 si è dotata di un apparecchio per la diagnostica radiologica a domicilio. Questo tipo di assistenza è possibile anche grazie alla disponibilità di moderne tecnologie che permettono di poter curare il paziente a casa o nelle residenze per anziani o di effettuare esami diagnostici. Obiettivo portare la sanità al paziente e non viceversa. 

“L'esecuzione delle radiografie nel luogo di residenza del malato - si legge in una nota dell’Area Vasta - ha un effetto rassicurante e contribuisce a un miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

L’acquisto del nuovo apparecchio da parte della Regione ha lo scoponi migliorare e riqualificare l’offerta a domicilio”. L’équipe che effettua gli esami è composta dai Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che eseguono l’esame presso il domicilio del paziente, dai Medici Radiologi che refertano gli esami in ospedale a Macerata, dai Fisici Medici dell’AV3 che periodicamente effettuano, insieme ai tecnici, controlli di qualità e radio protezionistici sulle apparecchiature.

Il servizio di Radiologia Domiciliare nella nostra Arra Vasta è attivo da ottobre dello scorso anno ed è riservato a pazienti per i quali il trasporto in ospedale è oggettivamente difficoltoso. La richiesta di esami e assistenza domiciliare  deve essere effettuata dai medici di famiglia o specialistici e il costo della prestazione è quello del ticket, se dovuto, oppure gratuità nei casi di patologie invalidanti. Dall’avvio ad oggi, il servizio ha effettuato circa 100 prestazioni e si registra un incremento dell’attività.
g.g.


Pubblicato in Cronaca
Un atto di concretezza e responsabilità quelli dell’amministrazione di Castelraimondo. L’assise ha infatti stabilito che verrà conferita la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e a Mirella Stanzione ma non prima che le due donne, reduci dai campi di concentramento nazisti, siano venute in città per incontrare gli studenti delle scuole. 




“La cittadinanza onoraria - fa sapere il sindaco Renzo Marinelli - va conferita a personalità che instaurano un legame col territorio per questo la conferiremo alle due donne quando verranno a Castelraimondo per incontrare scolaresche e cittadini. Eviteremo anche che ciò avvenga in campagna elettorale per le prossime regionali per non dare adito a strumentalizzazioni”.




G.G. 













(Approfondimento sul prossimo numero di Appennino Camerte)
Pubblicato in Cronaca
Venerdì, 29 Novembre 2019 08:26

Infortunio sul lavoro. Intervengono i soccorsi

Infortunio sul lavoro questa mattina alle 8, a Sforzacosta di Macerata.
L'allarme è scattato in via Giovanni XXIII, in una officina dove un operaio, mentre stava lavorando, è caduto da un ponteggio.
Sul posto i sanitari del 118 per soccorrere l'operaio che avrebbe fatto un volo di un paio di metri.
L'uomo è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Macerata.

(Servizio aggiornato)
Pubblicato in Cronaca
Si illumina di speranza e di tante iniziative il ricco cartellone del Natale di Pieve Torina.  Tante le opere che sono state avviate negli ultimi mesi e che infondono nuova fiducia ad una comunità che mai si è arresa, rispondendo con coraggio e determinazione alle tante sfide del sisma. Luce è la parola chiave di tutte le festività natalizie che, in continuità con la tradizione del borgo, propongono un insieme vario di iniziative.
" Luce che significa rinascita- afferma il sindaco Alessandro Gentilucci- Luce che significa opportunità e accendere i riflettori su questo territorio. Si parte il 9 dicembre con la posa della prima pietra del centro civico e palestra che abbiamo voluto fortemente come opportunità per tutto il nostro territorio; sorge sopra i ritrovamenti dei Piceni e di una struttura romana. Siamo riusciti a conservare un'immagine che ci lega da un lato al passato e dall'altro al futuro- aggiunge il primo cittadino-  Lì ci sono le nostre radici e  lì stiamo scrivendo la nostra storia che sarà corredata da un libro; in quella giornata inseriremo nel terreno anche uno scrigno che recherà i pensieri dei ragazzi e delle famiglie. Uno scrigno che sarà riaperto tra 30 anni e, a quel punto, le persone potranno capire se stiamo stati bravi in questa ricostruzione, oppure no".
A segnare l'ingresso nel periodo delle festività sarà già in questo fine settimana l'accensione delle luminarie e via via, si entrerà nel vivo di tanti appuntamenti, pensati per regalare momenti di condivisione e serenità a tutta la popolazione.
"Ad essere illuminate - spiega Gentilucci-  saranno anche le aree sae che verranno raggiunte dalle cornamuse in un percorso che coinvolgerà le vie di Pieve Torina. Siamo riusciti a porre in essere anche delle iniziative che faranno felici i più piccoli come la pista dei Mini Kart e i gonfiabili e l'esibizione del Circo Bus e lo spettacolo di magia e bolle di sapone del Mago Kiko. A deliziarci sulle note, sarà l'Offida PiperBand & Drummer e il 5 gennaio arriverà la Befana. Non mancheranno il tradizionale pranzo degli anziani, la casa di Babbo Natale e i suoi doni, i laboratori del truccabimbi e i giocolieri. Quello approntato - conclude Gentilucci- è insomma un programma davvero folto e ricco di iniziative che si rivolgono a tutti. Alla base di tutto c'è la volontà di riportare tra i cittadini quella serenità e spensieratezza che troppo spesso manca".     
cc
Pubblicato in Politica

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo