Stampa questa pagina

Vitali "Per il Partito Democratico si impone una profonda riflessione"

Mercoledì, 23 Settembre 2020 16:52 | Letto 126 volte   Clicca per ascolare il testo Vitali "Per il Partito Democratico si impone una profonda riflessione" Nonostante la sconfitta del candidato governatore Maurizio Mangialardi il Partito Democratico si conferma primo partito delle Marche con il 25.11% dei consensi. Un dato che, però, preoccupa i dirigenti del Pd è quello della circoscrizione di Macerata, dove la percentuale dei voti scende al 18.28%, con il sorpasso di Lega e Fratelli dItalia, e la non preventivata sconfitta al primo turno del candidato sindaco di Macerata Narciso Ricotta, nettamente battuto da Sandro Parcaroli.Ad analizzare la situazione il segretario provinciale del Pd maceratese Francesco Vitali, che inizia dallesito delle elezioni regionali.E innegabile come il dato di Macerata sia il più basso delle 5 province - la sua analisi - Una delle motivazioni potrebbe essere quella che nella provincia di Macerata avevamo 4 candidati alla carica di Governatore, fatto che potrebbe aver inciso sullesito del voto. Vero anche che ci sono stati alcuni comuni, come ad esempio Macerata, dove il dato del nostro partito è in linea con quello regionale.A Macerata, però, il Pd incassa la pesante sconfitta nellelezione del sindaco.La sconfitta al primo turno di Ricotta - continua il segretario - è stato un colpo duro e inaspettato. Anche questo risultato a mio avviso, come quello delle regionali, va inserito in un quadro di cambiamento che doveva avvenire a prescindere. A nulla è valso nè la scelta delle persone nè i programmi perchè forse gli elettori avevano deciso che bisognava cambiare a prescindere. Sicuramente a Macerata non era sbagliato il candidato, che era il più preparato di tutti, ma il confronto con chi ora è il sindaco è stato sempre impari, a testimonianza di quanto detto prima.Per il partito si impone ora una profonda riflessione per poter ripartire.Probabilmente ci saranno anche dei cambiamenti - conclude Vitali - ma in questa prima fase dovremo fare delle riflessioni interne per poter dare nuovo slancio o perlomeno per cercared i ripartire con quellentusiasmo che oggi inevitabilmente si è spento. 
Nonostante la sconfitta del candidato governatore Maurizio Mangialardi il Partito Democratico si conferma primo partito delle Marche con il 25.11% dei consensi. Un dato che, però, preoccupa i dirigenti del Pd è quello della circoscrizione di Macerata, dove la percentuale dei voti scende al 18.28%, con il sorpasso di Lega e Fratelli d'Italia, e la non preventivata sconfitta al primo turno del candidato sindaco di Macerata Narciso Ricotta, nettamente battuto da Sandro Parcaroli.

Ad analizzare la situazione il segretario provinciale del Pd maceratese Francesco Vitali, che inizia dall'esito delle elezioni regionali.

"E' innegabile come il dato di Macerata sia il più basso delle 5 province - la sua analisi - Una delle motivazioni potrebbe essere quella che nella provincia di Macerata avevamo 4 candidati alla carica di Governatore, fatto che potrebbe aver inciso sull'esito del voto. Vero anche che ci sono stati alcuni comuni, come ad esempio Macerata, dove il dato del nostro partito è in linea con quello regionale".

A Macerata, però, il Pd incassa la pesante sconfitta nell'elezione del sindaco.

"La sconfitta al primo turno di Ricotta - continua il segretario - è stato un colpo duro e inaspettato. Anche questo risultato a mio avviso, come quello delle regionali, va inserito in un quadro di cambiamento che doveva avvenire a prescindere. A nulla è valso nè la scelta delle persone nè i programmi perchè forse gli elettori avevano deciso che bisognava cambiare a prescindere. Sicuramente a Macerata non era sbagliato il candidato, che era il più preparato di tutti, ma il confronto con chi ora è il sindaco è stato sempre impari, a testimonianza di quanto detto prima".

Per il partito si impone ora una profonda riflessione per poter ripartire.

"Probabilmente ci saranno anche dei cambiamenti - conclude Vitali - ma in questa prima fase dovremo fare delle riflessioni interne per poter dare nuovo slancio o perlomeno per cercared i ripartire con quell'entusiasmo che oggi inevitabilmente si è spento". 

Letto 126 volte

Articoli correlati (da tag)

Clicca per ascolare il testo