Plastic Free. Le Marche, tra le prime regioni a dare il via alla legge

01 Ago 2019
254 volte
Approvata all'unanimità in Consiglio regionale la legge sulla riduzione dei rifiuti derivanti dalle plastiche. Diventerà operativa da novembre 2019 e, fino al 31 marzo 2020, ci sarà tempo per consumare le scorte. 
“ Penso che sia uno dei passi significativi che in questa legislatura noi abbiamo fatto nella direzione della difesa dell'ambiente – dichiara l’assessore all'ambiente Angelo Sciapichetti- . E’ una legge che recepisce la Direttiva Europea e siamo la prima tra le regioni in Italia a farlo; è stata concertata con tutte le associazioni anche ambientaliste e con un mondo molto vasto e, credo che sia un segnale concreto nella direzione della difesa del nostro ambiente e, soprattutto in un'epoca in cui assistiamo ai cambiamenti climatici che ci impongono una assoluta e diversa politica ambientale.
Io credo che la regione Marche- aggiunge l'assessore -  senza tanti strepitii e senza tante enunciazioni di principio, in questi anni abbia fatto passi molto importanti e concreti nei confronti di questo tema; basti pensare alla legge della plastica in mare che abbiamo fatto qualche tempo fa, oppure  alla battaglia che abbiamo fatto contro l'inceneritore e gli inceneritori in generale senza dimenticare  la legge sulla tariffa puntuale che, in via sperimentale, andremo ad applicare in alcuni comuni della regione a partire dal prossimo anno. Sono tutti i passi concreti che vanno nella direzione giusta: una politica ambientale che guarda meno ai programmi e più  alle le cose da fare;  questa era una cosa da fare prima del ferragosto lo avevamo detto e credo che sia un bel regalo che noi facciamo ai marchigiani, ma che facciamo soprattutto a noi stessi
”.

Elencati nella legge sono i soggetti che non potranno più utilizzare prodotti in materiale plastico monouso, internamente e nell'erogazione dei rispettivi servizi: Regione, Province e Comuni e le società da essi partecipate,  le strutture sanitarie pubbliche e private accreditate, istituti e mense scolastiche, chiunque svolga attività economica in area demaniale marittima o organizzi eventi e manifestazioni avvalendosi di patrocinio o contributo regionale. Per essi, sarà vietato  utilizzare prodotti, quali piatti, posate, cannucce, contenitori, coperchi, bicchieri e tazze per alimenti e bevande realizzati in plastica. Continuerà ad essere consentito, invece, l'utilizzo di prodotti finalizzati alle attività sanitarie.

C.C.

Matelica, Delpriori contro le scelte della nuova amministrazione

01 Ago 2019
833 volte
Con l'insediamento delle nuove amministrazioni, dopo le elezioni di maggio scorso, iniziano a scontrarsi maggioranza e minoranza.
Accade anche a Matelica dove il consigliere di minoranza, nonchè ex sindaco, Alessandro Delpriori parla di qualche appunto alla maggioranza e aggiunge la sua contrarietà a due scelte della nuova amministrazione: "Intanto il pressappochismo - dice - : le cartelle non erano pronte, non erano state consegnate tutte le delibere alla conferenza dei capigruppo. E' chiaro che non sanno che pesci prendere, ma sono cose che col tempo si possono migliorare.
Quello che davvero ci preoccupa - aggiunge - sono due decisioni che ci lasciano senza parole: la prima è quella di cambiare finanziamento del palazzo Finaguerra, inizialmente dichiarato di inagibilità di tipo B e oggi, dopo che loro hanno incaricato un tecnico di loro fiducia, hanno deciso che è un palazzo con danni molto gravi e deve essere finanziato con un milione e 400mila euro. Non ci sono né il progetto, né la stima e nemmeno il livello di danno, eppure l'assessore ai lavori pubblici aveva dichiarato più di un mese fa che sarebbe servita quella cifra. Addirittura era stata messa in bilancio con un finanziamento in entrata della Regione senza che nemmeno venisse proposto dalle ordinanze del sisma. Tutto costruito per aumentare la cifra di soldi che il comune dovrebbe prendere e quindi anche i tecnici che ci lavorano.

Il secondo punto - aggiunge - che ci lascia senza parole, è che vengano trasferite le classi della scuola dell’infanzia nell’edificio di via Bellini che ha una vulnerabilità sismica di 0,16, sotto ogni termine di legge. Bisogna pensare ai cittadini - conclude - non solo ai loro tornaconti elettorali".


GS

"A Monte Gemmo, Edoardo Bennato regala un pieno di emozioni". La gioia del sindaco Cicconi

31 Lug 2019
182 volte
"Giornata indimenticabile per Pioraco, per il Monte Gemmo e per tutto il territorio limitrofo".
Così il sindaco di Pioraco Matteo Cicconi, ha commentato l'affollatisima tappa di RisorgiMarche che ha visto esibirsi il grande cantautore Edoardo Bennato.
IMG 20190731 WA0005
" La manifestazione, Bennato e Neri Marcorè- ha detto il sindaco-  ci hanno regalato una giornata meravigliosa. Grazie a RisorgiMarche perchè ci aiuta a mantenere viva l'attenzione sui territori e a farli conoscere; oggi infatti, oltre ad essere presenti tantitssimi marchigiani, venuti a riaccendere una speranza e a donarci un motivo in più per portare a termine i tanti obiettivi che abbiamo, è stato bello poter constatare l'arrivo di numerosissime persone da fuori regione; questa occasione gioiosa, cii ha dato dunque l'opportunità di far conoscere il nostro bellissimo territorio.

IMG 20190731 WA0013
Per noi amministratori e per quanti costantemente lavorano sul territorio- ha aggiunto-  è stato un forte segnale di vicinanza e forza, in grado di trasmetterci il coraggio ad andare avanti, resistere e riuscire a far rinascere e risorgere queste terre, evitando lo spopolamento e richiamando sempre più attenzione. Grazie per questa emozione grande e per l'indimenticabile momento regalatoci da Edoardo Bennato, RisorgiMarche e da tutto lo staff organizzativo".  Il comune di Pioraco ha anche voluto festeggiare  con  una torta il compleanno di Marcorè. A lui l'omaggio della filigrana, simbolo della storia e del lavoro della comunità prolaquense

C.C.
IMG 20190731 WA0017 1
 
IMG 20190731 WA0018 1
IMG 20190731 WA0016

Camerino protagonista a Lajatico. Sul palco con Bocelli, i ragazzi dell'Istituto Biondi

31 Lug 2019
285 volte
Camerino protagonista a Lajatico al "Teatro del Silenzio". Hanno suonato sul palco accanto ad Andrea Bocelli, otto ragazzi dell’Istituto Nelio Biondi di Camerino, diretto dal maestro Vincenzo Correnti. Dopo il rinvio a causa del maltempo dello spettacolo “Ali di libertà”, che era in programma sabato 27 luglio, lo show è tornato in scena lunedì, proponendo una serata di grande coinvolgimento.
Con il maestro Correnti,è tornato in Toscana anche ilsindaco Sandro Sborgia, sottolineando l’ospitalità e la gentilezza con cui è stato accolto dal Maestro Andrea Bocelli e, dai numerosi artisti presenti nella sua tenuta. La fondazione che porta il nome del celebre tenore, costruirà la Scuola della 
Musica di Camerino, struttura  che sarà punto di riferimento per l’intero territorio. Proprio a questa causa, la fondazione ha deciso di dedicare la raccolta fondi. Tanti i video che stanno circolando in questi giorni e diversi i personaggi dello spettacolo che si sono fatti portavoce della campagna solidale.
“Nonostante lo spettacolo sia stato rimandato,  sabato 
per i ragazzi è stata un’occasione di crescita umana e professionale perché hanno vissuto un ambiente a loro completamente estraneo – ha detto il maestro Correnti – Il fatto poi di essere sul palco lunedì sera ed esibirsi direttamente dalla scena, è stata una grande emozione. La musica è un patrimonio a disposizione di tutti e la nuova scuola che sarà costruita a Camerino sarà un dono prezioso per l’intero l’entroterra. Per questo invito tutti a contribuire con un sms o da rete fissa, donando al numero 45580. La campagna solidale sarà attiva fino al 3 agosto”.

Lo spettacolo sarà trasmesso su Rai1 il 14 settembre quando si vedrà anche il video che la Fondazione ha girato a Camerino insieme ad Andrea Bocelli e alcuni ragazzi dell’istituto Nelio Biondi.

Bennato a Pioraco. Cicconi: "Una grande opportunità"

31 Lug 2019
996 volte
Dopo le emozioni vissute dal popolo di RisorgiMarche ieri pomeriggio tra Sarnano e Amandola, oggi alle 16.30 l'appuntamento è con Edoardo Bennato ai Piani di Monte Gemmo. Un concerto che, a causa del maltempo dello scorso fine settimana, è stato posticipato da domenica scorsa ad oggi. Una importante opportunità per i Comuni di Pioraco, Castelraimondo, Esanatoglia e Fiuminata. 
"Ringraziamo RisorgiMarche per la grande opportunità che sta dando ai nostri territori - dice il sindaco di Pioraco, Matteo Cicconi - . Ci regalano da tre anni un momento di gioia, felicità e speranza. Possiamo vivere così sensazioni ed emozioni bellissime.
Ovviamente è una occasione unica per noi marchigiani, che viviamo a stretto contatto con queste montagne, ma anche un modo per farci conoscere da cittadini di regione limitrofe e non: mi è capitato di conoscere persone da Savona e dalla Campania, per citarne alcuni, che sono arrivati fin qui e partiti con largo anticipo per non perdere questi concerti molto emozionanti".

Una dimostrazione che l'ideatore del festival, Neri Marcorè, ha centrato l'obiettivo di risollevare il turismo nei territori colpiti dal sisma. Obiettivo raggiunto grazie alla certezza di cui parla spesso: "Le Marche - dice l'attore - se le conosci le ami e se non le ami è perchè non le conosci".

Giulia Sancricca

Il vice sindaco di Pioraco
Il vice sindaco di Pioraco Luca Gagliardi

Lo stand dei gadget curato dallAnffas Sibilllini Onlus
Lo stand dei gadget curato dall'Anffas Sibilllini Onlus

WhatsApp Image 2019 07 31 at 12.38.48

WhatsApp Image 2019 07 31 at 12.41.59



Camerino. Le linee programmatiche di mandato, accendono gli animi in Consiglio comunale

31 Lug 2019
1277 volte
E’ stato l’ultimo punto all’ordine del giorno, ad infuocare la seduta dell’ultimo consiglio comunale di Camerino. Licenziati serenamente una lunga serie di argomenti, si è passati alla votazione per l'approvazione delle linee programmatiche di mandato. 
E’ proprio in relazione alle azioni e alla programmazione del mandato dell’attuale amministrazione che, anticipando il voto contrario dell’opposizione, il capogruppo di “Radici al futuro” e sindaco uscente Gianluca Pasqui si è fatto portavoce di aspre critiche, alimentando risposte altrettanto forti da parte del primo cittadino Sandro Sborgia.

Vuote, secondo Pasqui, le linee programmatiche dell'amministrazione Sborgia

Linee programmatiche vuote e prive di contenuto – le ha definite Pasqui- Portano un cappello che non conosce vergogna e, fortemente offensivo nei confronti di un territorio e di 1820 persone che hanno sostenuto la mia lista e l’amministrazione uscente che, aldilà della condivisione o meno di quello che è stato fatto, ha lavorato in maniera incessante ed instancabile con grande spirito di appartenenza e volontà di risolvere problemi”. A detta di Pasqui le affermazioni che introducono le linee di programma, rappresentano un’offesa gratuita e sono inutili al percorso che ci si appresta a fare.
 “ Lei – ha detto- vuole fare un percorso partecipato, talmente aperto e partecipato che, nel ringraziare il presidente uscente della Fondazione Casa amica, per la prima volta, ci troviamo a vedere un gruppo di opposizione non interpellato nella nomina dei membri in seno al suo consiglio di amministrazione. So benissimo che il regolamento non lo prevede, ma è stato sempre fatto. In linea con la legge si è reputato di non farlo ma è perfettamente irrispettoso e irriverente nei confronti di una comunità. Questo è il mio e il pensiero e credo sia anche il pensiero di molti. Io da sindaco e i miei predecessori, non abbiamo avuta questa difficoltà”.
Altro punto criticato quello delle demolizioni, partite per le frazioni di Strada e di Valle Vegenana sulle quali è stato sottolineato l’avvio da parte dell’amministrazione uscente.
Linee programmatiche che sanno di ‘libro Cuore” e rivolte, non ai bambini, ma ad una comunità fortemente in crisi per il terremoto e non  a motivo di una situazione economica difficoltosa pre-sisma, da lei citata. Siamo in crisi oggi, prima non lo eravamo- ha continuato Pasqui- Noi eravamo la Camerino del Palazzo della musica, dell’università che stava investendo nel centro storico e la Camerino che nei primi anni del mio mandato, si trovava a garantire con grande successo la guida di tutto un territorio ed era da esempio non solo ad un territorio montano che secondo lei è stato da Camerino abbandonato.  Linee programmatiche che giustamente parlano di ricostruzione, senza che il sindaco indichi nelle sue linee programmatiche come vuole ricostruire, quali sono le tempistiche, quale la metodologia, quale l’indicazione e la strada da seguire; se poi la strada è quella delle perimetrazioni che avete presentato, credo che qualche problema questa città potrebbe averlo. Se la strada da seguire sono i livelli di danno, i problemi sono ancora maggiori, perché secondo me appartengono alla volontà dei privati e non al sindaco. Le linee sono piene di cose che non si riescono e non riuscirete a fare e quelle che arriveranno in porto sono tutte cose ben avviate dall’amministrazione Pasqui”.
A tal proposito sono stati ricordati i finanziamenti già pronti per le aree cimiteriali o la realizzazione della nuova Scuola della musica che vede in prima linea la fondazione ABS e il maestro Bocelli che Pasqui ha ricordato di aver ricevuto e accolto in visita nel centro storico grazie al contatto trovato dalla badessa delle Clarisse e al contributo di Vincenzo Correnti e di tutto il suo gruppo. “ Anche in quel caso lei parla nelle sue linee programmatiche di cose che sono state ben avviate; così è per i percorsi lauretani o per le opere d’arte che, sempre la mia amministrazione ha garantito restassero a Camerino, quando tutti ci indicavano la strada fuori le mura cittadine. Se sono qui, tutto il percorso è partito insieme all’arcivescovo Brugnaro e al suo successore. La crisi economica precedente al sisma dunque non esiste, se non riferita a difficoltà contingenti all’essere un territorio montano” . Quanto all’unione con la diocesi o l’università, il consigliere Pasqui ha detto che, anche se sempre si può migliorare, non c’è niente da unire di più rispetto a quanto fatto. "Nel tavolo di concertazione abbiamo definito le perimetrazioni e portato avanti tutto un percorso che ha gestito l’emergenza vera che ha garantito alla comunità di esistere oggi e che trova nei percorsi già avviati le sue linee programmatiche”. Sull’unione con le altre istituzioni, la critica è stata mossa alla votazione contraria del sindaco in seno al consiglio dell’ente montano che, a detta di Pasqui, “ ha isolato completamente in soli due mesi, una città . L’Unione montana è stata voluta anche dal comune di Camerino; è stata salvata una massima istituzione, e la città per la prima volta, senza volere la poltrona, si è messa a disposizione del suo territorio, portando importanti risultati”.
Poi, richieste di chiarimento sul percorso avviato per la sede della Compagnia dei Carabinieri e sulla possibilità negoziata dal sindaco di rivedere Camerino rappresentata con la vicepresidenza all’ATO.
“ Spero che il suo programma non siano queste linee programmatiche; pur utilizzando ‘competenze molto significative', lei è stato l’ultimo a creare la Giunta lasciando fuori la rappresentanza più importante della dottoressa Ortenzi. Credo che facendo qualche assestamento forse possiamo sperare in un futuro che non sia quello di crisi che lei ha sottolineato, ma un futuro reale e non di parole”.

Lareplica del sindaco Sandro Sborgia

Non si è sottratto alla replica il primo cittadino che, in riferimento alla paventata offesa nei confronti di chi ha votato la lista alternativa ha detto che il suo discorso programmatico, non contiene"una sola parola irrispettosa nei confronti di quelle persone, anzi, nel giorno dell’elezione la mia prima dichiarazione è stata di profondo rispetto per coloro che avevano scelto di votare per l’altra parte ,perché convinti che fosse quella la parte giusta. Semmai è lei che dovrebbe chiedere scusa a quella parte che l’ha votata e che probabilmente ha pensato che più di quello che lei ha fatto, non si potesse fare. La sua campagna elettorale è iniziata molto prima;,per mesi, lei ha detto che tutto quello che era stato fatto era il massimo che si potesse fare e, quelle persone l’hanno creduta. Ma così non è stato; molto più facile e semplice è stato chiudere il centro storico e uscirne negli attimi successivi alle prime scosse quando a Camerino c’era la presenza delle massime istituzioni e delle massime forze, protezione civile, Carabinieri, Guardia di Finanza. Quello era il momento fondamentale affinchè quella Camerino che oggi noi vediamo chiusa, potesse essere messa in sicurezza e, ce n’erano le possibilità. E’ stato molto più facile per lei chiudere e uscire fuori e adesso ci troviamo con una città abbandonata. E’ lei che deve chiedere scusa e, non solo alle 1800 persone che l’hanno votata, perché illuse dal fatto che si potesse fare solo quello. Noi dimostreremo che si poteva fare di più; quello era il momento, e , a tre anni di distanza, noi tutto quello che c’era in quel momento non l’abbiamo più e, ogni santo giorno, facciamo fatica a far sì che la città di Camerino sia tenuta in considerazione e che abbia una corsia preferenziale. Eppure lo abbiamo detto e lo faremo”. Sulle demolizioni il primo cittadino ha inoltre sostenuto che si sarebbero potute fare: “ Su 118 immobili oggetto di sopralluogo da parte del Gruppo Tecnico di Supporto dei Vigili del fuoco, ben 20 erano stati dichiarati da demolire e l’unica demolizione ha riguardato il palazzo ‘Toffee’ grazie al ricorso al tar deii proprietari. Demolizioni dunque avviate e, purtroppo per lei , mai attuate; oggi noi le attuiamo nel rispetto della legge. Lei diceva che la legge non glielo consentiva e non è vero : questo avrebbe dovuto dire alla gente e alle 1800 persone che l’hanno votata, che non era vero che la legge non glielo consentiva. Il gruppo GTS era stato creato apposta e le demolizioni venivano fatte anche dai Vigili del fuoco e dall’esercito che al momento era lì disponibile; lei non ha sfruttato e non è stato capace di sfruttare quella possibilità”. In riferimento alla definizione da libro cuore delle linee programmatiche, Sborgia ha risposto che nelle sue parole“ c’ è sicuramente del sentimento, quello che lei non ha mai messo nella sua attività amministrativa che, direttamente o indirettamente, l’ha vista al governo di questa città per 15 anni “. E sul fatto che la città prima del sisma non fosse in crisi “ forse lei dimentica o le sfugge che lo spopolamento di questo territorio è iniziato nel 2011, quando lei era nel governo di questa città. Lei dice che Camerino è la guida di un territorio quando la presidenza dell’ente è retta dal comune di Pieve Torina; una guida del territorio che negli scorsi mandati ha visto l’allora comunità montana andata in frantumi. Dovrebbe ricordare ai cittadini di Camerino che quella che è stata la prima comunità montana a nascere, oggi non c’è più. Oggi c’è l’Unione montana che è cosa diversa: oggi l'ente non è più costituito, come prevedeva la legge, per numero di comuni, bensì per popolazione. L’escamotage che ha consentito di costtuire l’Unione è dipeso dal numero di abitanti di Camerino che ha consentito alla struttura di esistere, altrimenti non sarebbe esistita. Lo ha permesso un provvedimento di legge regionale proprio per far fronte alla crisi che si era venuta a creare nella ex Comunità montana “. A Pasqui, Sborgia ha criticaro di non aver mai spiegato né resi noti i motivi di quella frattura "quando nel 2014 le era stato dato mandato dai comuni che sono fuoriusciti, di farsi garante di condizioni che avrebbero consentito a tutti di poter rimanere insieme”.
Quanto al voto contrario espresso nella prima riunione dell'Unione, Sborgia ha spiegato che le sue motivazioni sono contenute nella delibera: “ "Ho votato contro in quanto alla richiesta ormai da tempo avanzata dai comuni fuoriusciti di Castelsantangelo sul Nera, Valfornace, Montecavallo ed altri, viene loro detto che possono entrare alle condizioni previste dallo statuto votato dal consigliere Pasqui e dagli altri componenti, statuto che prevede che il presidente e la Giunta siano nominati dai sindaci dei comuni fondatori dell’unione montana . Si dice ai comuni di poter entrare ma senza riconoscere loro diritto di voto. Il diritto è solo a partecipare e l’ex sindaco Pasqui non lo dice perché gli conviene non dirlo; principio ispiratore contenuto nella legge per l’istituzione delle comunità montane, è il far sì che i comuni dell’entroterra più svantaggiati potessero unirsi e condividere servizi ed è quello che stanno facendo le unioni dell’Esino e dei Monti Azzurri che sono cresciute e continuano a offrire servizi, cosa che non è successa da questa parte. Quello che doveva essere lo spirito di creare un’unione di comuni che iniziassero a dialogare tra loro e a condividere i problemi della montagna, a causa dello statuto votato all’epoca da Pasqui, invece di diventare soggetto inclusivo si è trasformato in un ‘club’: si entra se si soggiace alle condizioni dettate, senza poter votare la presidenza né la Giunta, limitandosi unicamente a prendere atto delle decisioni prese dai comuni fondatori Questa è l’espressione massima di quel tipo di democrazia intesa dal consigliere Pasqui e da altri soggetti che fanno parte dell’ente. Ebbene ho votato contrario e rivendico con tutta la mia forza quel voto contrario perché penso che laddove c’è un raggruppamento di enti e di comunità, debbano essere garantiti gli stessi diritti e le stesse condizioni per tutte le comunità che ne fanno parte. Non ambisco io a quella poltrona anche se ritengo che sia ora che Camerino giochi un ruolo di primaria importanza all’interno di questo territorio così come è sempre stato e da tempo ce se ne è dimenticati. Penso anche che la partecipazione democratica all’espressione della governance di quell’ente, debba essere fatta e concessa a chi ne fa parte e con gli stessi diritti e le stesse garanzie. Quella è democrazia, non il club esclusivo”. Sborgia ha anche detto che la perdita della caserma dei Carabinieri per l’allora sindaco non era un problema. Oggetto di un accordo tra l’Unione Montana ( in qualità di ente proprietario dello stabile dove si è pensato di allocare la sede), Agenzia del demanio, Comune di Camerino e Comando Generale dell’Arma, dell’intesa che porterà la caserma nello stabile di Vallicelle se ne parla dal 2018 e, “ finora si è discusso se concedere lo stabile all’Agenzia del demanio per 90 anni, a fronte di un investimento di 5 milioni di euro . “ Alcuni termini dell’accordo sono stati oggetto di discussione e , alla fine si era convenuto in 60 anni la concessione della disponibilità della struttura , ritenuto l’arco di tempo congruo; 60 anni sono stati stimati equi con l’ammortamento dell’investimento del demanio per la ristrutturazione. “ Sembrava che l’accordo fosse fatto ma si dice cha la direttrice dell’unione abbia sollevato eccezioni in ordine ad un possibile danno erariale qualora l’accordo fosse sottoscritto e siglato in quei termini.  Premesso che non si tratta  di contratto di cessione ma di un accordo che tra l’altro consente all’Agenzia del demanio che quei 5 milioni di euro, non vadano persi e siano destinati esclusivamente alla ristrutturazione di quei locali, è evidente che più si attende, più c’è il rischio che le risorse prendano la strada di altri comuni che hanno le medesime esigenze. Guarda caso il problema è stato sollevato nel momento del cambio dell’amministrazione comunale che ha sicuramente delle vedute diverse in relazione a quello che è il governo del territorio di tutto l’entroterra camerte”. Il sindaco ha fatto presente e ricordato che piuttosto che erigere barriere per impedire l’ingresso nell’unione ai comuni che sono fuoriusciti , magari sarebbe il caso di sedersi tutti intorno ad un tavolo e cominciare a ragionare “perché la situazione non è più la stessa del 2014; tutti i comuni dell’entroterra, abbiamo vissuto un terremoto e questo, probabilmente, a qualcuno sfugge; più passa il tempo e più aumenta il rischio che questi territori non si risollevino dalla grave crisi che lei non vede, ma che invece e molti colleghi toccano in prima persona. Non sappiamo cosa significhi stare dentro una Sae, essere lontani dalla propria casa o attendere anni perché la nostra abitazione sia ricostruita, ma c’è gente che è lì ed aspetta una risposta da noi.  E’ forse il caso che prendiamo atto che abbiamo una situazione di crisi e, anziché erigere muri, che si cominci a parlare, a studiare che cosa si può fare non solo per il bene di Camerino, ma di tutta la comunità dell’entroterra”.
IMG 20190730 210859
Delle cose buone avviate dalla precedente amministrazione, il sindaco ha poi ricordato il finanziamento dal 2017 del mattatoio che nel 2019 aspetta ancora di essere ristrutturato “ e nel frattempo chi vive del lavoro duro dell’allevamento, è lì che aspetta e per poter macellare è costretto ad andare altrove. Sfugge a qualcuno che Matelica ha un mattatoio avanzato e che se non riusciamo al più presto a mettere a posto il nostro, riuscirà probabilmente ad assorbire il numero di allevatori che abbiamo nel nostro territorio”. Sulle opere d’arte salavate il sindaco ha detto di conoscere bene chi se ne è preso cura, impedendo che fossero portate via .” E’ lei che non deve appropriarsi di cose che non le appartengono ed è ora che cominci a dire la verità su tante cose. Questa è una di quelle”. In ordine all’affermazione di essere stati gli ultimi a formare la giunta, tenendo fuori la dottoressa Ortenzi, Sborgia ha riconosciuto che è vero ma che una giunta così non c’è mai stata e ne è orgoglioso. “ Possiamo andare avanti e presentarci a testa alta. Profonda ammirazione per la dottoressa Ortenzi, per la disponibilità concessa e per quello che fa con enormi sacrifici personali  Pur abitando ad Ascoli, viene a Camerino ed è impegnata da mattina a sera presso l’ufficio tecnico; insieme al sottoscritto e agli altri assessori e consiglieri, è lei che si occupa della gestione della ricostruzione , delle messe in sicurezza, dell’affidamento di appalti”.

L'intervento di Lucarelli 

Prima della votazione, è intervenuto con parole forti anche il consigliere ed ex vice sindaco Lucarelli, sottolineando che in quelle ore il sindaco Sborgia non c’era e, non sa cosa abbia vissuto e patito la città. Nessuna chiusura, anzi,l'unica città ad avere un centro commerciale, unica ad avere opere di urbanizzazione che si stanno aprendo adesso, unica città che può vantare una scuola, primo vero edificio scolastico che si deve alla ricostruzione. “ Prima di parlare di cose che non sa perché solo raccontate, la invito sindaco a documentarsi meglio. Quanto all’esercito che lei ha citato, quando nel 2017 è venuto a spalare la neve abbiamo dovuto pagargli il gasolio e quando abbiamo chiesto al Gts di demolire il palazzo di via Macario Muzio, ci hanno risposto di non avere le attrezzature “.
Una bugia è stata definita poi quella della rilevazione preventiva dei livelli di danno che, a detta di Lucarelli, non può essere fatta dal comune in quanto non ne ha titolarità. Unico a poterlo fare è il proprietario mentre il comune può solo raccogliere i dati. Il consigliere ha anche detto che con le perimetrazioni l’attuale amministrazione ha stravolto completamente il piano Cucinella e quanto al programma di rifunzionalizzazione di grossi contenitori edilizi vuoti ha detto che senza perimetrazione è impossibile; se si volessero fare cambi di destinazione d’uso, sarebbero necessarie le varianti di ogni singolo edificio, perdendo le eventuali risorse economiche che quello strumento poteva dare.
“ Voi avete fatto questo con una delibera che non trova spiegazione in nessuno dei suoi punti". Da ultimo, un appunto sul potenziamento della linea ferroviaria; il Contram è l'ente che sostituisce quelle corse e deve essere la Regione Marche a riconoscere il contributo tot a chilometro, ad un consorzio che è da considerarsi l’azienda più importante del comune di Camerino. “ Preoccupiamoci invece della stazione ferroviaria che dalla Regione Marche viene costruita a Macerata dentro all’università nel quartiere ‘Vergini’ e, di vedere come l’ente regionale si comporta con l’ateneo di Camerino”. Sul mattatoio di Matelica il consigliere ha detto che la sua riapertura avviene grazie ad un contributo regionale, mentre quello di Camerino è fermo al Suam; da più di un anno bloccato senza che la Regione si occupi di fare la gara. Non si è potuta finanziare l’opera con i fondi dell’emergenza perché per il mattatoio non c’era la linea di finanziamento.

Nella sua breve replica, Sborgia ha rammentato che nelle ore immediate al sisma del 24 agosto, seppure in licenza, si è subito recato nelle zone dell’ascolano colpite e, come tutti i sindaci dell’entroterra, Pasqui dovrebbe ricordare che in quei momenti successivi alle scosse dell'ottobre, per le questioni sanitarie della popolazione, non solo a Camerino, ma su un vasto territorio, c'era lui stesso presente. In disaccordo poi il sindaco  sul fatto che il comune non possa fare nulla per le rivelazioni di danno.“ Il comune può fare anche su questo. L’amministrazione, il sindaco e gli assessori e consiglieri devono parlare con la popolazione e far capire dell’importanza di presentare progetti . “ E’ quello che stiamo facendo, dialogando con i tecnici. Con la gente bisogna parlare, probabilmente, voi non avevate questa abitudine di relazionarvi; semmai eravate abituati a dire che la colpa era sempre di qualcun altro”. Con quale coraggio poi si parla ancora del piano Cucinella quando ,consegnato nel 2018, si è scoperto solo un anno dopo e, grazie ad una richiesta agli atti, che chiusa in un cassetto c’era la versione integrale".
C.C.

Camerino, ancora una rottura per l'acquedotto in località Le Mosse

31 Lug 2019
430 volte
Sembrava risolto il problema del "fiumiciattolo" che la scorsa settimana era spuntato in località Le Mosse, a Camerino, davanti all'ufficio postale, invece una nuova fossa è riapparsa colma di acqua nelle ultime ore.
A causa di un guasto all'acquedotto che da Camerino arriva a Torrone, era spuntato un corso d'acqua che non è nuovo in quella zona. Circa un mese fa, infatti, si era presentato lo stesso problema, prontamente rimosso dai tecnici dell'Assam; poi la settimana scorsa e infine adesso. Anche la scorsa settimana l'Assam era intervenuta eliminando lo zampillo che ultimamente è però riapparso nelle vicinanze.
Ancora una volta l'area è stata transennata ma non manca l'indignazione dei cittadini per lo spreco di quell'acqua in un periodo così caldo.

gs

3360f4ab cb95 489e af24 dacb5f530db8


Belforte analizza il bilancio. Vita: "Situazione non semplice"

31 Lug 2019
845 volte
Giovedì 25 luglio si è riunito il Consiglio Comunale del Comune di Belforte del Chienti che ha visto, tra le altre cose, l’atto dovuto di approvazione del rendiconto di gestione del 2018 e l’assestamento generale del bilancio di previsione 2019-2021.

"La situazione che emerge dall’analisi del bilancio - spiega il primo cittadino Alessio Vita - , così come sottolineato dal responsabile dell’area finanziaria, è di sofferenza. Infatti, ai mancati introiti dovuti al ricalcolo in ribasso della tassa rifiuti che era stata sovrastimata (20.000 €) vanno sommati quelli relativi ai mancati proventi da contravvenzioni per violazioni del codice della strada che pesano sul bilancio per almeno 40.000 €, tagliando di fatto in maniera netta l’avanzo di amministrazione del 2018".

Un problema da risolvere, infatti, è quello del posto vacante del vigile urbano: "E' stato mandato in mobilità dalla precedente amministrazione - prosegue Vita - senza assicurarne la sostituzione. Ad oggi, siamo vincolati ad un bando andato già deserto una volta. Stiamo cercando soluzioni alternative alla mobilità, sebbene la convenzione in essere con i 5 comuni non ci permette la stipula di un nuovo accordo con un altro ente. Siamo bloccati in una situazione dalla quale, se tutto va bene, potremo uscire solo con l’entrata in vigore del decreto attuativo del DL crescita che permette di superare la neutralità della mobilità".

Poi la questione della ripresa del pagamento dei mutui sospesi dopo il sisma del 2016: "Un'altra nota dolente del bilancio riguarda i mutui concessi da Cassa Depositi e Prestiti - dice il sindaco - che, salvo proroghe, ripartiranno nel 2020. Ci troveremo ad affrontare questa incombenza di circa 125.000 € annui l’anno prossimo e cercheremo di farlo senza aumentare le tasse, cosa che invece la precedente amministrazione aveva previsto di fare. Non sarà di certo facile vista la situazione in cui ci troviamo ma ce la metteremo tutta".

Nella stessa seduta è stata anche proposta la rinuncia al gettone di presenza dei consiglieri che si attesta sui 9 € ciascuno per ogni seduta. All’unanimità è stato deciso di rimettere a bilancio l’intero importo dei 5 anni di mandato, demandando a successiva decisione su quale capitolo di spesa destinarlo. Infine è stato votato il regolamento per l’istituzione del comitato mensa, "organo - spiega Vita - con fini consultivi, propositivi, di controllo e di coordinamento che lavorerà in collaborazione con l’amministrazione per garantire alti standard di qualità della refezione scolastica. Su questo punto, il gruppo di minoranza Belforte Insieme si è astenuto, ritenendo l’organo inutile".

GS

Mengoni a RisorgiMarche - FOTOGALLERY

30 Lug 2019
2983 volte
Una grande folla, come era già stato preannunciato, ha raggiunto le colline tra Sarnano e Amandola per assistere al concerto di Marco Mengoni, tanto atteso nel calendario di RisorgiMarche 2019.
Gia ieri il cantante aveva lasciato trapelare la sua disponibilità e vicinanza all'evento con la partecipazione a sorpresa alle Sae di San Ginesio.
Erano attese circa 20000 persone per il concerto di Marco Mengoni tra le montagne di Amandola e Sarnano, ma questa volta il popolo di RisorgiMarche si è superato. Ha emozionato e si è emozionato il cantante che ha portato in quell’anfiteatro naturale, colmo di colori e di gente, tutti i suoi successi senza lesinare momenti dedicati ai suoi fan e battute in dialetto marchigiano.
Continuate a seguire l'evento con la nostra fotogallery e il servizio VIDEO di domani.
Giulia sancricca

freccia in giù FOTOGALLERY freccia in giù

C513F221 7402 4257 A42C 9E873C1BF72A

23D243E5 D5F9 403E A38D F848D713FA3A

3332037A 7AB6 45AE A283 5CD63C7DAB7E

E4919BBD 1BCA 48C2 85F8 EA13184D1F5B


A25319A3 514A 4249 AF6E 6E28DCC7AB45

B5938187 B281 44A3 8543 8BEADD2997D5



0FC4AC10 16EE 4AA7 8B76 E0BB3C57AFC5

84005D4E 0599 47ED AC17 8C37768E3DA5



0C6608FC 82EA 4CF3 A9BB FF81040862A1

3E12907B F0F1 47A7 A87E C0EAB9B56FD4

2502FD27 9CCC 4B71 9470 87850B53C863

1C9BF50C 7436 4847 9673 18F4CAEB6DDE


D01AC4FF 34BD 4712 894C CF3796A912F6



A4A7FD21 7B13 498E A803 45C573EDB2C7

Strada Pieve Torina - Frazione Fiume: ripristinata la viabilità

30 Lug 2019
315 volte
Un altro tassello che va a comporre il ripristino della viabilità in un sistema viario che ha fortemente sofferto per i devastanti effetti del sisma: si tratta della strada provinciale n° 96 che collega il centro abitato di Pieve Torina alla frazione di Fiume e che conduce poi a Rote e Colfiorito.
“Un intervento importante ed atteso, portato avanti dall’ANAS” sottolinea il sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, che insieme al presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, e ai dirigenti ANAS Marche presenzierà la cerimonia di inaugurazione giovedì 1 agosto alle ore 17.30 proprio a Pieve Torina. “Importante perché consente di riconnettere stabilmente una frazione al suo capoluogo, con un valore non soltanto fisico bensì simbolico: la SP 96 attraversa infatti un territorio ricco di natura e di storia, che potrà finalmente tornare ad essere fruito pienamente sia dai residenti sia dai turisti che amano perdersi nella bellezza di queste nostre aree interne. Atteso, perché è un ulteriore segnale di come, nonostante tutto, si cerchi di portare avanti con caparbietà e determinazione la ricostruzione. Un percorso ancora lungo ma su cui non molliamo, su cui non allentiamo la nostra pressante richiesta di attenzione ed operatività ai governi nazionale e regionale. Un ringraziamento particolare” conclude Gentilucci “va all’ing. Fulvio Soccodato, responsabile manutenzione straordinaria ANAS, per la solerzia e disponibilità dimostrata nella gestione di questi lavori”.

Auto contro camion: muore un uomo, grave la moglie

30 Lug 2019
1365 volte
Un tragico incidente stradale si è verificato intorno alle 13.30 in località Rambona, nel territorio del comune di Pollenza. Per cause in corso di accertamento un'auto, su cui viaggiavano moglie e marito, si è scontrata frontalmente con un camion, con i due coniugi che sono rimasti intrappolati tra le lamiere. Nonostante il pronto intervento dei vigili del fuoco, giunti sul posto insieme ai sanitari del 118, per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Gravissime, invece, le condizioni della donna che è stata trasportata in eliambulanza all'ospedale regionale di Torrette.

Macerata log 2

Sbarco sulla luna, se ne parla domani sera a Belforte del Chienti

30 Lug 2019
190 volte
Anche Belforte del Chienti ha deciso di celebrare il 50esimo anniversario dello sbarco sulla luna con immagini e parole per raccontare il viaggio più lungo mai compiuto dall'uomo.
Lo farà domani sera, mercoledì 31 luglio alle 21.15, con l'incontro dal titolo "Apollo 11, storia dello sbarco sulla luna", alla biblioteca Mario Ciocchetti.

"Abbiamo deciso di comune accordo con la biblioteca di celebrare questo anniversario - dice il primo cittadino Alessio Vita - creando un evento dedicato non solo alle difficoltà tecniche affrontate dagli ingegneri per raggiungere il satellite, ma per parlare anche dei risvolti sociali e politici che hanno portato poi la corsa allo spazio durante il periodo della Guerra fredda".

La biblioteca Mario Ciocchetti dimostra così, ancora una volta, di essere il luogo d'incontro culturale del paese: "Sono entusiasti - prosegue Vita - di portare avanti questo discorso anche perchè abbiamo ospiti di alto livello come il giovane ingegnere Mattia Forconi che parlerà della sfida tecnologica delle navicelle spaziali e Manlio Bellesi che affronterà il discorso delle conseguenze sociali e politiche".

GS

Edilizia, importante crescita con la ricostruzione

30 Lug 2019
193 volte
Un andamento positivo del settore edile dal 2016.
E' quanto è emerso dopo la conferenza con Cgil, Cisl e Uil per l'accordo E.V.R. sottoscritto per i lavoratori che nella provincia di Macerata sono inquadrati nel contratto nazionale Edile Industria.
A parlarne è il segretario di Fillea Cgil, Massimo De luca ai microfoni di Radio C1 InBlu.
Oltre ad importanti novità che riguardano infatti i lavoratori edili che hanno acquisito maggiori diritti, i numeri che spiccano sono quelli che riguardano la ripresa del settore.

"C'è una crescita - spiega De luca - che si registra dal 2016 grazie alla ricostruzione. Anche se questa stenta a partire, rispetto agli anni della crisi nera dell'edilizia si hanno numeri confortanti rispetto ai cantieri che si sono aperti.
Numeri che vanno da un abbondante 10% di operai in più e 10% di aziende in più presenti nel nostro territorio".

GS

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo