Pronto soccorso, addio ai quattro "codici colorati"

01 Apr 2016
1462 volte

Addio ai quattro codici colore - bianco, verde, giallo e rosso - per l’accesso alle cure in pronto soccorso. E pieno riconoscimento dell’autonomia degli infermieri, che se autorizzati potranno somministrare farmaci, fare prelievi e iniziare una serie di trattamenti. L’assegnazione del grado di priorità ai pazienti che approdano in ospedale in condizioni d’emergenza, cambierà volto.
La mini-rivoluzione è scritta nel documento di revisione delle linee guida che tiene conto dei cambiamenti dell'intera società e che ritengono non più adeguati i "vecchi" codici.

Quando le nuove linee guida incasseranno il via libera della conferenza stato-regioni, chi arriverà in pronto soccorso si vedrà assegnare da infermieri "esperti", che avranno seguito una formazione specifica, un codice numerico di priorità, da 1 a 5 su una scala decrescente. Il codice “1” riservato alle emergenze; il “2” per le urgenze; il “3” riservato alle urgenze differibili; il “4”, urgenza minore. Infine, ci sono le “non urgenze”, che corrispondono agli attuali codici bianchi e che sono “smaltibili” entro un massimo di 4 ore. Prevista anche una nuova tempistica. Con la revisione le urgenze non potranno aspettare più di 15 minuti, mentre gli ex “codici verdi”, spacchettati in livello “3” e “4” tra urgenze differibili e minori, andranno trattati rispettivamente entro al massimo 60 o 120 minuti.
Infine, capitolo formazione. Diventerà "infermiere di triage2 chi avrà già lavorato in pronto soccorso per almeno 6 mesi e solo dopo un corso teorico di almeno 16 ore e un periodo di affiancamento di almeno 36 ore con un tutor. L’infermiere esperto valuta, in autonomia, l’appropriatezza dell’accesso e avvia tutte le procedure previste dai protocolli di presa in carico, fino alle dimissioni.

Tolentino: esauriti i posti in giunta, posti auto a pagamento?

01 Apr 2016
1484 volte

La nuova organizzazione dei parcheggi cittadini di Tolentino prevista dal sindaco Pezzanesi ha destato alcune perplessità non solo fra i consiglieri di minoranza, che lamentano il mancato coinvolgimento dell'assise comunale, ma anche fra i cittadini, come tiene a sottolineare il consigliere del PD Marco Romagnoli. “Tutti i posti auto che si trovano all’interno delle mura cittadine e nei parcheggi limitrofi diverranno a pagamento – precisa l'ex consigliere provinciale - Cesseranno, pertanto, di essere gratuiti anche i parcheggi “Filzi”, “Matteotti” e “Foro Boario”. Gli stalli a pagamento passeranno dagli attuali 400/500 a 1300/1400. Si stima in 15/20 milioni di euro il ricavo che il futuro gestore dei parcheggi introiterà in 25 anni”.

“I parcheggi verranno difatti appaltati a soggetto esterno per 25 anni – continua Romagnoli - ed il bando prevederà dei lavori a carico del concessionario per complessivi 2 milioni di euro circa. Il Sindaco afferma che saranno investimenti a favore della città, in realtà si tratta (almeno in gran parte) di un investimento che il concessionario metterà in essere al fine di poter disporre di più spazi a pagamento”.

“Visti i numeri che ballano e gli utili che deriveranno al fortunato gestore sorge spontanea una domanda – si interroga il consigliere PD - perché non far gestire all’ASSM i parcheggi cittadini anche per il futuro? Perché considerare l’ASSM solo quando i suoi utili sociali servono a ripianare i debiti del comune o per affibbiargli immobili “ingombranti” (quali la piscina e la palazzina di Via Roma) ancorché per nulla attinenti alla mission dell’Azienda?

Se per la Giunta è giusto ampliare il numero dei parcheggi a pagamento, cosa su cui siamo fortemente contrari, quanto meno la gestione degli stessi dovrebbe restare a Tolentino. Così come in favore dei tolentinati dovrebbero essere spesi gli utili provenienti dalla gestione del nuovo piano parcheggi. Per tale motivo riteniamo che debba essere l’ASSM e non qualcuno chiamato da lontano a gestire il tutto.

Si è forse incrinato qualcosa tra sindaco e vertici ASSM? Pesa su questa scelta il prossimo ricambio dei vertici stessi? Oppure si ragiona ancor più al ribasso e si chiama qualche soggetto da fuori regione per restare in compagnia di qualche amico locale, visto che per elezioni servono anche opere di bene?”.

Boom di turisti per Pasqua nella Città di San Nicola

01 Apr 2016
1185 volte

Ha pagato la politica del turismo perseguita dall'amministrazione comunale di Tolentino. Nel periodo di Pasqua la “Città di San Nicola, del Sorriso e della lavorazione della pelle” è stata letteralmente presa d’assalto da tantissimi turisti, con molte presenze di stranieri. La parte del leone l'ha recitata il complesso monumentale della Basilica di San Nicola insieme al complesso naturalistico dell’Abbadia di Fiastra, ma si sono ben comportati anche il Castello della Rancia, il Museo Internazionale dell’Umorismo e della Caricatura di Palazzo Sangallo e le Sale napoleoniche di Palazzo Parisani – Bezzi. Molto riuscita e particolarmente apprezzata la riproposizione, in piazza della Libertà, dell'antica tradizione della Colazione di Pasqua con salumi, uova, frittata con coratella, frittata con mentuccia, pizza di formaggio e coratella d’agnello, vino e ciambelle. I bambini hanno potuto decorare tante uova che poi sono state portate a casa. I fondi raccolti sono stati utilizzati per l’acquisto di una lavastoviglie che è stata donata alla casa famiglia “Papa Giovanni XXIII” di contrada S. Andrea.

Furti in officine, sequestrata refurtiva per un valore di 40 mila euro

01 Apr 2016
1109 volte

Continuano senza sosta le indagini dei carabinieri del Nucleo Operativo di Jesi per smascherare gli altri componenti di una banda di moldavi specializzata in furti in aziende e officine meccaniche. I militari hanno, così, rinvenuto e sequestrato altro materiale asportato in varie fabbriche del pesarese e della provincia di Ancona. Nei guai sono finiti 3 moldavi, di età compresa tra i 33 e i 45 anni, tutti residenti a Fano, ai quali i militari hanno sequestrato numerosi utensili sia di precisione che di diagnostica meccanica di ingente valore economico, asportati in alcune officine. La merce, del valore di circa 40.000,00 euro, è stata restituita ai proprietari. Nei confronti dei tre moldavi è stata inoltrata informativa alla Procura della Repubblica di Ancona, ipotizzando a loro carico il reato di ricettazione.

Anac e questione Lucarelli al centro del consiglio comunale di Camerino

31 Mar 2016
1578 volte

Clima a tratti molto accesso nella seduta del consiglio comunale di Camerino di questo giovedì 31 marzo.

All’ordine del giorno, questioni di un certo peso : sollecitato dalla minoranza ( Tapanelli e Gruppo Comunità e Territorio), il sindaco era chiamato a rispondere a interrogazioni inerenti l’attività di verifica/controllo dell ‘ANAC,( Autorità anticorruzione) e la presunta violazione dell’obbligo di astensione del vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Lucarelli, dallo svolgimento di attività professionali e altri fatti relativi all’esecuzione di lavori presso il Cinema Betti. Subito dopo l'approvazione del verbale della seduta del 25 febbraio 2015, il Sindaco Pasqui è tornato sulla positiva conclusione della questione della farmacia comunale. Il primo cittadino ha detto di aver ricevuto autorizzazione dal comune di Porto San Giorgio per poter accedere alla graduatoria comunale ufficiale per l'assunzione di due farmacisti a tempo determinato informando anche che sarà fatto presto un concorso per l'assunzione di un farmacista a tempo indeterminato. Quanto alle interrogazioni, sollecitate anche da richiesta di copia di atti delle quali è stata lamentata la mancata ricezione da parte della minoranza, Pasqui ha risposto che sì, il comune di Camerino è stato oggetto di un preavviso di un provvedimento d’ordine (ai sensi del paragrafo 3 della delibera n.146/2014 del 1/12/2015), in merito alla necessità di integrare o modificare il Piano Triennale della Prevenzione e della Corruzione 2015/ 2017, con particolare riguardo al paragrafo 8: Rotazione del personale addetto alle aree a rischio di corruzione. Ha informato altresì che la procedura si è conclusa con la comunicazione da parte dell’ANAC di archiviazione. Il sindaco ha anche aggiunto di essere stato informato con comunicazione del 11/02/2016 del fatto che l’Autorità di vigilanza dell’Anac ha ritenuto che il trasferimento dell’architetto Forconi ad altro ufficio, disposto con delibera di giunta del 30.12.2014, possa essere considerato quale misura discriminatoria ai sensi dell’art 54 bis del D.lgs 165/2001.

Con la medesima nota- ha detto ancora il sindaco- l’autorità ha ritenuto che il procedimento disciplinare avviato il 15.09.2015 dal segretario generale, nei confronti dello stesso architetto Forconi, sia stato posto in essere in violazione della medesima norma.

Il sindaco ha poi precisato di aver ricevuto solo le comunicazioni relative al preavviso di provvedimento d’ordine, peraltro archiviato dall’ANAC e la comunicazione della stessa autorità del 11/02/2016, e di non essere a conoscenza ( non potrebbe essere altrimenti) di eventuali comunicazioni riservate giunte al segretario comunale. Contestando poi le premesse dell’interrogazione presentata dalla minoranza, il sindaco, in riferimento all’attività professionale svolta dal vice sindaco e assessore Lucarelli, ha tenuto a sottolineare l’insussistenza della violazione dell’art. 78 del d.lgs 267/2000, non ritenendo dunque di provvedere ad alcuna revoca delle deleghe in capo allo stesso. “ Come riferitomi dal vice sindaco e come da lui formalmente illustrato nella nota in data 18.03.2016 e inviata al segretario generale- ha aggiunto Pasqui- comunico che Lucarelli non reputa di dover presentare le dimissioni da alcuna delle cariche che ricopre, posto che non ritiene in alcun modo di aver violato l’art.78 del T.U. degli enti locali. Quanto alle notizie circolate sulla stampa e alle notizie di indagini- ha affermato- si può solo asserire che tutte le attività svolte, sono state eseguite in conformità e nel rispetto della legge perseguendo gli obiettivi dell’amministrazione e, nell’interesse della Città e dei cittadini..Aldilà del clamore artatamente suscitato- ha concluso- nessuna irregolarità è stata compiuta”.

Non si sono detti soddisfatti delle risposte date i consiglieri Tapanelli, Trojani, Fanelli e Caprodossi “Lucarelli, in qualità di assessore all’urbanistica - ha detto il capogruppo Trojani- nello svolgere attività professionale si è trovato a compiere una grave violazione dell’obbligo di imparzialità e integrità di componente l’amministrazione, per cui il suo operato non è causa di incompatibilità ( che attiene al conflitto di interessi) ma, ancora più grave, di responsabilità politica come amministratore e deontologica come geometra. Per 4 volte – ha aggiunto – l’assessore ha contravvenuto all’obbligo di astenersi e la responsabilità politica è molto rilevante.”. “ Il sindaco – ha sottolineato Trojani- ha ritenuto di liquidare questa interrogazione dicendo che violazione non c’è , in quanto l’attività svolta, non rientra in materia di edilizia ma altra tipologia di attività ( “ coordinatore per la progettazione” e “ coordinatore per l’esecuzione “ in materia di sicurezza). Al riguardo, noi come minoranza stiamo pensando di valutare la possibilità di presentare un quesito specifico al Prefetto che è l’organo competente a verificare il rispetto o meno del Testo Unico degli enti locali. Nulla di personale nei confronti del vice sindaco, che conosco e stimo da una vita, ma il rispetto delle regole è sacrosanto”.

Altro punto all'ordine del giorno dell'assise la presentazione e approvazione del Documento Unico di programmazione 2016-2018; qui il consigliere indipendente di minoranza Pietro Tapanelli ha proposto un emendamento ( accolto dalla maggioranza con foto favorevole) per l’inserimento di un dispositivo che impegni l'ufficio tecnico comunale alla predisposizione di un “crono-programma” dei lavori stradali da eseguire, da oggi e fino alla fine del mandato dell’amministrazione. compatibilmente con le risorse economiche e finanziarie disponibili. “Un messaggio politico di attenzione su problematiche riguardanti la popolazione della città e delle frazioni”- ha detto il consigliere.   Approvato il Dup con il voto favorevole dello stesso Tapanelli , ma Voto contrario su emendamento e Dup, da parte del Gruppo Comunità e Territorio

“ Siamo favorevoli a fare un crono-programma per interventi che riguardano le strade- ha affermato il capogruppo Trojani-; abbiamo al riguardo anche presentato un comunicato, pubblicato foto dello stato di alcune strade della città, ma riteniamo che l’emendamento non debba essere votato, in quanto non è un atto di giunta consiliare, ma atto gestionale. Il Consiglio deve far sì che ci siano le risorse e le deve stanziare – ha aggiunto- per cui il nostro compito è questo. Saranno poi i responsabili dei servizi competenti le persone preposte a fare un crono-programma e a garantire lo svolgimento dell'attività manutentiva. A noi Giunta, spetta solo di dare degli indirizzi. Il consigliere Tapanelli ha voluto dare un messaggio politico ai cittadini, ma è chiaro che è un atto che la Giunta deve fare e deve fare per legge con il PEG, dando le risorse necessarie. Noi ripeto, dobbiamo limitarci a stanziare nel bilancio le risorse per poi far fare gli interventi. Riteniamo insomma che occorra andare a valutare anche le varie situazioni perché poi il cittadino in definitiva vede se la strada è mantenuta o meno, e credo che quello sia il messaggio politico. Non è che con una frase rassicurante o un emendamento, risolviamo il problema”.

Sassoferrato, sequestrata una centrale idroelettrica

31 Mar 2016
1352 volte

Agenti del Corpo Forestale dello Stato hanno sequestrato una centrale idroelettrica situata a monte dell’abitato di Sassoferrato, che, al fine di produrre energia, utilizzava le acque del torrente Sanguerone captando però l’intera portata del fiume e lasciando l’alveo completamente privo di acqua per circa 200 metri.

 

alveo secco

La scoperta è scaturita a seguito della segnalazione di un pescatore, recatosi lungo un tratto difficilmente raggiungibile del torrente.

Giunti sul posto i forestali, dopo aver accertato la scomparsa di ogni componente faunistica e floristica, hanno acquisito la documentazione relativa all'autorizzazione dell’impianto che prevedeva il rilascio di un minimo deflusso vitale di 70 litri di acqua al secondo. Quindi, considerato il grave danno ambientale, hanno proceduto al sequestro dell'impianto. Denunciato il proprietario della centrale, che rischia pene fino a 3 anni di reclusione.

 

rilievi nellalveo

Frana la provinciale, Crispiero resta isolata da Camerino

31 Mar 2016
1782 volte

La segnalazione giunge da un lettore che percorrendo, come ogni giorno, la strada provinciale 22 che collega Crispiero con Camerino ha trovato sul percorso le transenne che "annunciavano" la chiusura della via di comunicazione a causa del movimento franoso che progressivamente, anche a causa dell'assenza di interventi, ha eroso l'intera sede stradale. Così il malcapitato, come chiunque altro voglia raggiungere da Crispiero la città ducale, è stato costretto a compiere un lungo giro alternativo per raggiungere Camerino. Ora l'interrogativo sorge spontaneo. Quanto tempo durerà tale situazione di disagio? Difficile la risposta visto che la manutenzione della strada è di competenza della provincia, che sta attendendo segnali sul proprio futuro.

 

 

strada crispiero

 

La provinciale 22 prima del movimento franoso

strada ante frana

Trasferiti nel carcere di Monte Acuto gli autori dell'omicidio Sarchiè

31 Mar 2016
1349 volte

Sono stati trasferiti nella giornata di giovedì 31 marzo al carcere di Monte Acuto ad Ancona Giuseppe e Salvatore Farina, detenuti dal giorno dell'arresto presso la casa circondariale di Camerino. I due, padre e figlio, erano stati condannati all'ergastolo, lo scorso 17 gennaio, dai giudici del tribunale di Macerata per l'omicidio di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce di San Benedetto del Tronto ucciso in un agguato tra Sellano e Perito, nel territorio di Camerino, il 18 giugno 2014. Il corpo di Sarchiè era stato poi rinvenuto semi carbonizzato il 5 luglio nella Valle dei Grilli di San Severino Marche.

Droga nelle scarpe e nel cappello, nei guai due giovani di Serravalle e Matelica

31 Mar 2016
1746 volte

Due giovani, uno dei quali minorenne, sono stati denunciati dai Carabinieri della Compagnia di Camerino, coordinati dal Capitano Vincenzo Orlando, nel corso di due distinte operazioni antidroga. A Serravalle di Chienti i militari della locale Stazione hanno controllato un 30enne del posto trovato in possesso di un grammo di cocaina. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso il ritrovamento di circa 50 grammi di marijuana già suddivisa in parti e nascosta in varie paia di scarpe. A Matelica, all’interno dei giardini pubblici, i Carabinieri hanno controllato e perquisito un 17enne del luogo, che nascondeva nella visiera del cappellino un involucro contenente circa 5 grammi di marijuana. Il minore è stato quindi denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e segnalato alla Prefettura di Macerata quale assuntore.

Tolentino, disco verde all'incorporazione di Camporotondo

31 Mar 2016
1733 volte

Disco verde del consiglio comunale di Tolentino alla fusione per incorporazione di Camporotondo di Fiastrone. Il consiglio comunale ha, infatti, votato la modifica allo statuto, dopo l'irregolarità sollevata dal capogruppo del Movimento 5 Stelle Giammario Mercorelli (nella foto in basso) nella seduta svoltasi ad inizio marzo. Ora, dopo l'invio dello statuto modificato alla regione, si apre la strada al referendum con i cittadini chiamati ad esprimersi sulla proposta di fusione. "A differenza dell'ultimo consiglio stavolta il sindaco Pezzanesi ha scelto la strada della condivisione – dichiara il capogruppo PD Bruno Prugni – Di conseguenza i voti necessari a raggiungere la maggioranza dei due terzi sono stati garantiti dalle minoranze e si è giunti alla modifica dello statuto comunale e all'adeguamento dello stesso alla legge regionale. Il nuovo statuto verrà esposto all'albo pretorio, inviato alla regione Marche e tra un mese torneremo di nuovo in consiglio a votare, sempre a maggioranza qualificata, l'indizione del referendum". Una fusione che, tuttavia, non trova daccordo il Movimento 5 Stelle. "La fusione per incorporazione è un ibrido che a nostro avviso non dovrebbe neppure avere ragione di esistere – le parole del capogruppo Mercorelli – E' evidente che l'accordo, fatto dai due sindaci Pezzanesi e Tondi, è puramente di carattere politico e a nostro avviso non ha senso che venga votato all'interno di una delibera da consiglieri di minoranza che sono rappresentanti di cittadini contrari alle posizioni dei due sindaci. Inoltre detto accordo contiene una serie di parametri che andranno nuovamente valutati e discussi prima della votazione".

mercorelli tolentino

Tenta di salvare il gatto, precipita dal terrazzo. Grave un anziano

31 Mar 2016
1205 volte

Cerca di salvare un gattino salito su un albero, ma precipita dal terrazzo della propria abitazione. Si trova ricoverato in gravi condizioni all'ospedale regionale di Torrette un anziano residente in località Campogiano a Colbuccaro di Corridonia che nella tarda mattinata di oggi ha cercato di salvare il piccolo felino sporgendosi dal terrazzo su cui era salito. Per cause in corso di accertamento l'uomo ha perso l'equilibrio ed è precipitato al suolo. Immediato l'allarme con l'arrivo sul posto di vigili del fuoco e sanitari del 118 che, viste le condizioni dell'anziano, ne hanno disposto il trasporto in eliambulanza all'ospedale di Torrette. Il gatto è stato infine recuperato dagli stessi vigili del fuoco.

Farmacia comunale, Pasqui rompe il silenzio

31 Mar 2016
1339 volte

L'intervento sui criteri di selezione per la scelta del personale nella farmacia comunale di Camerino del professor Francesco Amenta, direttore della Scuola di Scienze del farmaco e dei prodotti della salute di Unicam, e soprattutto un titolo apparso sulla stampa locale, "Unicam contro il sindaco", ha scatenato la reazione del primo cittadino Gianluca Pasqui. "Tutto ciò va contro quello che il sindaco ed il rettore hanno costruito insieme, con il comune e l'università che da tempo viaggiano sulla stessa lunghezza d'onda – le parole del sindaco - La cosa che più mi meraviglia è che un professore ordinario, che ha una valenza significativa all'interno dell'ateneo, parli con le istituzioni attraverso le pagine di alcuni giornali senza peraltro aver sentito il parere dei rappresentanti, provinciale e nazionale, della categoria interessata. Un' intervista radiofonica e un articolo apparso quando la questione era già stata risolta nelle sedi opportune. Un intervento incomprensibile, fatto fuori tempo e fuori luogo, senza rispettare le regole del gioco che impongono di sedersi insieme e cercare la soluzione migliore per il bene della comunità. Motivo per cui nel corso dell'ultima riunione di giunta ho revocato il bando di selezione che tanto ha fatto discutere. Una vicenda che nasce sostanzialmente da comportamenti del consigliere comunale Andrea Caprodossi che, evidentemente, è sempre più convinto che fare del bene alla città di Camerino significa fare polemica sui giornali – continua Pasqui - Sono stato contento di aver sentito l’intervista sul sito di RadioC1inBlu sia del presidente nazionale (senatore Mandelli) sia del presidente provinciale (il dott. Diomedi) dell'Ordine dei Farmacisti, che hanno espresso la stessa nostra convinzione. Tutti e tre siamo convinti che la farmacia è un bene che non deve esser venduto ma mantenuto, a differenza di quanto ha sempre sostenuto Caprodossi, anche a nome del Pd cittadino, dicendo che la farmacia va assolutamente venduta".

 

 

Antonio Merloni, i lavoratori manifestano a Camerino

31 Mar 2016
1118 volte

Continua lo sciopero ad oltranza, almeno fino alle ore 13 di lunedì 4 aprile, giorno fissato per la firma del contratto di acquisto della nuova linea di produzione e verniciatura di serbatoi esterni per gpl, allo stabilimento dell'Antonio Merloni Cylinder Ghergo Group di Matelica. Mentre i lavoratori, dopo l'incontro svoltosi in regione tra istituzioni, delegazione aziendale, rappresentenze sindacali degli stabilimenti del gruppo Ghergo, continuano i picchetti davanti ai cancelli dell'azienda, bloccando in sostanza l'intera produzione, una rappresentanza delle maestranze ha manifestato, nella mattinata di questo venerdì 1 aprile, all'esterno dell'università di Camerino, dove era in corso un incontro per discutere dei bandi europei. Manifestazione pacifica da parte dei lavoratori, volantinaggio per sensibilizzare sulla situazione dello stabilimento matelicese, in attesa appunto della giornata di lunedì per conoscere l'impegno dell'azienda di definire l'acquisizione dell'impianto di verniciatura e il programma di smantellamento e di installazione dei nuovi impianti, ritenuti garanzia minima per la salvaguardia della produzione dello stabilimento di Matelica.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (Macerata)

Tel. 0737.633.180 / 335.536.7709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione
Piazza Cavour, 12
62032 Camerino (MC)

Tel. 0737.633180 / Cell: 335.5367709

Fax 0737.633180

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo