Una visita gradita quella del poeta paesologo Franco Arminio che mercoledì scorso ha visitato la mostra "Terra Viva" a Villa di Montalto.
L'esposizione, inaugurata lo scorso anno nella frazione di Cessapalombo grazie all'idea di Stefano Ciocchetti e Matteo Vergari, continua ad avere successo e ha letteralmente affascinato il poeta che non si è tirato indietro nel dare suggerimenti ed opinioni per completare il progetto dei due giovani.
Quello della mostra, infatti, è stato solo un primo passo verso quella che presto diventerà una associazione con lo stesso nome dell'esposizione.
"Una sorpresa inaspettata - dice Stefano Ciocchetti sulla visita di Arminio - . Il poeta aveva già espresso la sua volontà di vedere la mostra e si è presentata l'occasione con la sua presenza a Sarnano così il giorno dopo ha visitato Montalto. L'esposizione gli è piaciuta molto e ci ha fornito diversi spunti per le evoluzioni future. Colpito dal paese e dal fatto che l'avessimo fatta noi giovani del posto.

WhatsApp Image 2020 07 29 at 22.40.28 1

La sua attenzione - spiega Ciocchetti - è stata sempre rivolta ai paesi dell'Appennino che stanno scomparendo sia per lo spopolamento che per il sisma. Luoghi che sono la patria di tradizioni e storie importanti e hanno quindi bisogno di un nuovo umanesimo, di un ritorno alla vita semplice e alla montagna, a quella che un tempo era la vita dei nostri nonni".
Dopo questa soddisfazione Ciocchetti e Vergari sono quindi pronti a rimboccarsi le maniche e a lavorare per l'associazione e per nuovi progetti: "Le idee sono molte - conclude - poi continueremo a lavorare per il territorio e con le persone che credono in questi obiettivi e vogliono aiutarci".

GS

WhatsApp Image 2020 07 29 at 22.40.28
Stefano Ciocchetti, Franco Arminio, Barbara Olmai, il sindaco Giuseppina Feliciotti, Matteo Vergari

WhatsApp Image 2020 07 29 at 22.40.28 3

WhatsApp Image 2020 07 29 at 22.40.28 4



Mantenere vivi i territori, far ripartire i piccoli paesi, dando loro voce e attenzione attraverso l’Opera lirica. È l’ambizioso obiettivo di TeatrOpera Festival, giunto alla sua terza edizione e che quest’anno riprende dopo due anni di stop a causa del sisma. Stamattina, nell’aula consiliare di Camporotondo di Fiastrone è stato presentato il programma dell’iniziativa, che si svolgerà dal 22 luglio al 5 agosto, insieme al sindaco Emanuele Tondi, alla presidente dell’associazione Opera (di Tolentino) Serenella Pasqualini, al presidente dell’Unione Montana Monti Azzurri Giampiero Feliciotti e al presidente di Photonica 3, Marco Gratani.

“Si tratta di un nuovo progetto ambizioso - ha detto Tondi - ma a noi piacciono le sfide e faremo in modo che sia un’esperienza positiva. C’è una frase che mi ha colpito quando mi hanno presentato l’iniziativa: <<La volontà è quella di mantenere viva, attraverso la cultura e l'espressione artistica, l'attenzione sui nostri paesi e le nostre eccellenze; creare movimento e occasioni di aggregazione per gli abitanti; attirare più ampi e nuovi flussi turistici offrendo qualità e innovazione; riservare uno spazio speciale anche ai giovani e alla loro formazione.L'idea è, dunque, quella di ripartire dai nostri paesi dando loro voce e attenzione e ricollocare l'Opera Lirica in un contesto sempre più ampio e popolare che è quello che le appartiene>>. Ecco, i nostri comuni hanno bisogno di questa attenzione”.

Dal 22 luglio al 5 agosto, un ricco programma dedicato al 150° di Gioacchino Rossini porterà a Camporotondo giovani e professionisti dell’Opera ma non solo. Anche una mostra fotografica dedicata ai Sibillini a cura di Photonica 3, convegni con il guru della fotografia Marianna Santoni, aperitivi, cene e serate di gala. 

Si inizia il 22 alle 18 con l’inaugurazione del Festival e l’apertura della mostra fotografica “Nel Regno della Sibilla, la grande magia dei Monti Sibillini”, alle 19 aperitivo musicale “Omaggio a Rossini” con il soprano Patrizia Biccirè, il mezzosoprano Serenella Pasqualini e la pianista Yukino Makasa. Madrina d’eccezione, Marianna Santoni. 

Il 24 luglio, alle 21:30, di nuovo appuntamento con Photonica 3 per “Flora e Fauna dei Monti Sibillini”, proiezioni e foto inedite di Gianluca Carradorini. 

Dal 25 al 28 luglio si svolgeranno dei laboratori di canto lirico con la docente Patrizia Biccirè e la pianista Hiroko Takafuji e dal 26 al 28 luglio, ogni giorno alle 18:30 le lezioni saranno aperte e si concluderanno con aperitivi in giardino.

Il 29 luglio, prima importante serata: “Sotto le stelle con Rossini”, con Hiroko Takafuji, Sara Zampetti, Chiara Cirilli (pianiste). Presenta l’attore Fabrizio Romagnoli, prenotazione e biglietto online su www.associazioneoperaitalia.it . Alle 19:30, cena rossiniana su prenotazione a cura dell’Osteria Il Sigillo.

Protagonista del 1 agosto sarà di nuovo Photonica 3 con la serata, a partire dalle 21:30, “Tra leggende dei Sibillini, narrando la magia dei Monti Azzurri”, coi racconti di Diego Mecenero, giornalista e scrittore innamoratissimo dei territori marchigiani.

Il 3 e 4 agosto, stage sulla voce teatrale condotto da Genny cerretani e Diletta Landi (info e iscrizioni 3444733930). Serata conclusiva il 5 agosto alle 21:15 con una “Serata di Gala al Circolo Lirico”. Sul palco il soprano Sabrina Macculi, le mezzosoprano Serenella Pasqualini e Sandra Giuliodori, il tenore Giovanni Iaforte, il baritono Giovanni Guarino e le pianiste Assunta Tutino e Sara Zampetti. Presenta l’attore Fabrizio Romagnoli. Prenotazione e biglietti online www.associazioneoperaitalia.it. Lo spettacolo sarà preceduto da una cena, alle 19:30, da una Cena Rossiniana a cura, di nuovo, dell’Osteria Il Sigillo.

“Il sindaco Tondi - ha commentato il presidente dell’Unione Montana Feliciotti - è estremamente lungimirante. Doveva ripartire ‘Dialettiamoci’ ma per problemi insorti fra varie amministrazioni, non è stato possibile. Sono contento perché questo progetto non è una semplice feste ma qualcosa di più ampio. Questo Festival dovrà continuare nelle scuole e poi ripetersi il prossimo anno. Dovrà diventare il core bussiness dei 15 comuni dell’Unione Montana. Se tutti i comuni - ha concluso - avessero messo la propria piccola parte, sarebbe stato un progetto ancora più importante”.

Anche la presidente e mezzosoprano Pasqualini ha ribadito l’importanza che il progetto entri nelle scuole dal prossimo anno, affinché anche i più piccoli inizino a conoscere l’Opera e, magari ad apprezzarla. La sua funzione infatti, non è elitaria e di nicchia, bensì popolare: “L’Opera - ha detto - è per tutti e bisogna portarla a tutti. I ragazzi devono conoscerla perché non c’è nessun altra espressione artistica tanto diretta. I personaggi che verranno vantano curricula nazionali e in alcuni casi internazionali”.

A chiudere, Marco Gratani di Photonica 3 che ha raccontato di come la mostra del fotoclub voglia porre l’attenzione su territori e bellezze non abbastanza valorizzati: “La nostra mostra vuol trasmettere emozioni a partire dai nostri territori. Per l’inaugurazione, il 22 luglio, sarà presente un’ospite d’eccezione, il guru della fotografia Marianna Santoni. Per noi, averla qui è incredibile. Poi avremo Gianluca Carradorini, per la conferenza sulla flora e la fauna dei nostri monti. Si tratta di un vero esperto. Infine - ha concluso - Diego Mecenero, innamorato delle nostre terre. Sentirlo sarà un incanto”. 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo