Addio al marchese Luzi, uomo col cuore a destra

Sabato, 23 Maggio 2020 15:59 | Letto 687 volte   Clicca per ascolare il testo Addio al marchese Luzi, uomo col cuore a destra Si definiva orgogliosamente di estrema destra e nel 2018 aveva attirato lattenzione della stampa locale e nazionale per alcune decisioni che sembravano ai più delle contraddizioni. E il marchese Gianfranco Luzi, proprietario della meravigliosa Villa Votalarca, a Treia. Figlio di padre di destra, ne rimase orfano dopo la Repubblica Sociale: ad ucciderlo furono i partigiani. Da quando ebbe capacità di cognizione, era sempre stato anche lui di estrema destra. Il marchese se nè andato questa notte, dopo giorni di ricovero allospedale Torrette di Ancona. Linteresse della cronaca nazionale arrivò quando si venne a sapere che, nonstante la sua fede fascista, il marchese ospitava in alcuni appartamenti della sua tenuta i migranti del Gus di Macerata ricavando circa 5.500 euro. Lui stesso lo aveva ammesso ai giornalisti, precisando però che quella cifra non gli bastava per coprire le spese di riparazione quando i migranti se ne andavano. A far discutere, anche la donazione di una piccola somma che lui e alcuni amici fecero alla famiglia di Luca Traini, il giovane tolentinate autore della sparatoria di Macerata in cui ferì 6 persone di origini africane, poi condannato a 12 anni per strage. La notizia della sua scomparsa ha velocemente fatto il giro della sua città e non solo, destando tristezza e dispiacere.g.g.
Si definiva orgogliosamente di estrema destra e nel 2018 aveva attirato l'attenzione della stampa locale e nazionale per alcune decisioni che sembravano ai più delle contraddizioni. E' il marchese Gianfranco Luzi, proprietario della meravigliosa Villa Votalarca, a Treia. Figlio di padre di destra, ne rimase orfano dopo la Repubblica Sociale: ad ucciderlo furono i partigiani. Da quando ebbe capacità di cognizione, era sempre stato anche lui di estrema destra. Il marchese se n'è andato questa notte, dopo giorni di ricovero all'ospedale Torrette di Ancona. L'interesse della cronaca nazionale arrivò quando si venne a sapere che, nonstante la sua fede "fascista", il marchese ospitava in alcuni appartamenti della sua tenuta i migranti del Gus di Macerata ricavando circa 5.500 euro. Lui stesso lo aveva ammesso ai giornalisti, precisando però che quella cifra non gli bastava per coprire le spese di riparazione quando i migranti se ne andavano. A far discutere, anche la donazione di una piccola somma che lui e alcuni amici fecero alla famiglia di Luca Traini, il giovane tolentinate autore della sparatoria di Macerata in cui ferì 6 persone di origini africane, poi condannato a 12 anni per strage. La notizia della sua scomparsa ha velocemente fatto il giro della sua città e non solo, destando tristezza e dispiacere.
g.g.

Schermata 2020 05 23 alle 16.08.55

Letto 687 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo