Vaccino antinfluenzale, la situazione nelle Marche e la corsa alla richiesta

Venerdì, 02 Ottobre 2020 14:00 | Letto 1599 volte   Clicca per ascolare il testo Vaccino antinfluenzale, la situazione nelle Marche e la corsa alla richiesta È corsa al vaccino antinfluenzale, ma la preoccupazione dei farmacisti che non sanno se e quando potranno rispondere a questa richiesta è davvero tanta.Si fà portavoce di questo disagio il segretario di Federfarma Marche, Ida Maria Kaczmarek. La situazione purtroppo è quantomai precaria - dice - in quanto noi farmacisti ci siamo attivati per prenotare un numero di vaccini che fosse sufficiente a coprire la richiesta da parte della clientela. Ad oggi non abbiamo avuto alcun riscontro da parte dei grossisti e non sappiamo quando potrà essere evaso il nostro ordine. Rispetto agli anni passati, quando le vaccinazioni nel tempo andavano scemando, questanno si assiste ad una impennata di richieste. Purtroppo ci è stato detto che non si sa quando, quanti e se arriveranno i vaccini. Il problema grosso - denuncia - è di essere costretti a lasciare fuori categorie a rischio come anziani e bambini. Anche se questa parte di popolazione, infatti, aveva la possibilità di essere vaccinata nellambulatorio medico, questo non poteva corprire tutta la quantità e alcuni compravano il vaccino in farmacia, ma questanno non so se saremo in grado di soddisfare questa esigenza.Richieste in crescita anche per la convinzione che vaccinarsi con lantinfluenzale possa significare prevenire anche il coronavirus: Trattandosi di coronavirus - precisa la dottoressa - è chiaro che anche il vaccino antinfluenzale classico, che è fatto sui ceppi che si presume vadano a colpire la popolazione nella stagione invernale, possa essere daiuto. È anche vero che nel tempo il coronavirus potrebbe aver diminuito la sua carica virale. Affianco a questo - aggiunge - mettiamo anche una buona dose di timore di tutte le persone che, avendo assistito ad un periodo in cui il morbo è stato severo e letale per alcuni, ovviamente la popolazione ha paura. Per placare questo timore decide di vaccinarsi almeno per linfluenza in generale. Oltre al vaccino stiamo assistendo ad un aumento di vendita di medicinali che aiutino ad aumentare le difese immunitarie.GS
È corsa al vaccino antinfluenzale, ma la preoccupazione dei farmacisti che non sanno se e quando potranno rispondere a questa richiesta è davvero tanta.
Si fà portavoce di questo disagio il segretario di Federfarma Marche, Ida Maria Kaczmarek.
"La situazione purtroppo è quantomai precaria - dice - in quanto noi farmacisti ci siamo attivati per prenotare un numero di vaccini che fosse sufficiente a coprire la richiesta da parte della clientela. Ad oggi non abbiamo avuto alcun riscontro da parte dei grossisti e non sappiamo quando potrà essere evaso il nostro ordine. Rispetto agli anni passati, quando le vaccinazioni nel tempo andavano scemando, quest'anno si assiste ad una impennata di richieste. Purtroppo ci è stato detto che non si sa quando, quanti e se arriveranno i vaccini. Il problema grosso - denuncia - è di essere costretti a lasciare fuori categorie a rischio come anziani e bambini. Anche se questa parte di popolazione, infatti, aveva la possibilità di essere vaccinata nell'ambulatorio medico, questo non poteva corprire tutta la quantità e alcuni compravano il vaccino in farmacia, ma quest'anno non so se saremo in grado di soddisfare questa esigenza".

Richieste in crescita anche per la convinzione che vaccinarsi con l'antinfluenzale possa significare prevenire anche il coronavirus: "Trattandosi di coronavirus - precisa la dottoressa - è chiaro che anche il vaccino antinfluenzale classico, che è fatto sui ceppi che si presume vadano a colpire la popolazione nella stagione invernale, possa essere d'aiuto. È anche vero che nel tempo il coronavirus potrebbe aver diminuito la sua carica virale. Affianco a questo - aggiunge - mettiamo anche una buona dose di timore di tutte le persone che, avendo assistito ad un periodo in cui il morbo è stato severo e letale per alcuni, ovviamente la popolazione ha paura. Per placare questo timore decide di vaccinarsi almeno per l'influenza in generale. Oltre al vaccino stiamo assistendo ad un aumento di vendita di medicinali che aiutino ad aumentare le difese immunitarie".

GS

Letto 1599 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo