"Basta Cinghiali", Coldiretti Marche in marcia contro la Regione

Lunedì, 18 Luglio 2016 09:55 | Letto 1359 volte   Clicca per ascolare il testo "Basta Cinghiali", Coldiretti Marche in marcia contro la Regione Strade intorno alla Regione Marche bloccate e duemila agricoltori e allevatori della Coldiretti in corteo per manifestare contro il mancato pagamento dei danni causati dagli animali selvatici e il tentativo dell’amministrazione regionale di rendere sempre più difficile l’erogazione degli indennizzi, per l’incapacità di risolvere il problema.Molti imprenditori indossano magliette con le foto di campi devastati dai cinghiali e di animali uccisi dai lupi, con le scritte “Grazie Pieroni” e “Grazie Casini”, i due assessori alla Caccia e all’Agricoltura. Centinaia i cartelli portati dai manifestanti con le scritte “Regione, fai più danni dei lupi “, “Presidente Ceriscioli salvaci dai burocrati e dai selvatici”, “Noi seminiamo i cinghiali raccolgono”, “Tra lupi e burocrazia muoiono le imprese”, con lhashtag #bastacinghiali. Tra i manifestanti c’è il presidente della Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante, assieme ai presidenti provinciali Francesco Fucili, Paolo Mazzoni ed Emanuele Befanucci, oltre ai rappresentanti di Italia Nostra e dell’associazione dei consumatori Adusbef. Alla Regione Marche la Coldiretti chiede la cancellazione del tetto massimo dei danni (il cosiddetto “de minimis”) peraltro già bocciato dal Tar Marche, lo sblocco dei pagamenti e la calendarizzazione della proposta di legge per risolvere il problema degli animali selvatici.   (Immagini della manifestazione di Ancona)            

Strade intorno alla Regione Marche bloccate e duemila agricoltori e allevatori della Coldiretti in corteo per manifestare contro il mancato pagamento dei danni causati dagli animali selvatici e il tentativo dell’amministrazione regionale di rendere sempre più difficile l’erogazione degli indennizzi, per l’incapacità di risolvere il problema.Molti imprenditori indossano magliette con le foto di campi devastati dai cinghiali e di animali uccisi dai lupi, con le scritte “Grazie Pieroni” e “Grazie Casini”, i due assessori alla Caccia e all’Agricoltura. Centinaia i cartelli portati dai manifestanti con le scritte “Regione, fai più danni dei lupi “, “Presidente Ceriscioli salvaci dai burocrati e dai selvatici”, “Noi seminiamo i cinghiali raccolgono”, “Tra lupi e burocrazia muoiono le imprese”, con l'hashtag #bastacinghiali. Tra i manifestanti c’è il presidente della Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante, assieme ai presidenti provinciali Francesco Fucili, Paolo Mazzoni ed Emanuele Befanucci, oltre ai rappresentanti di Italia Nostra e dell’associazione dei consumatori Adusbef. Alla Regione Marche la Coldiretti chiede la cancellazione del tetto massimo dei danni (il cosiddetto “de minimis”) peraltro già bocciato dal Tar Marche, lo sblocco dei pagamenti e la calendarizzazione della proposta di legge per risolvere il problema degli animali selvatici.

 

(Immagini della manifestazione di Ancona)

 

coldiretti

 

fucilicoldiretti

 

coldiretti2

 

fucilicoldiretti2

 

 

Letto 1359 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo