Acquedotto sul Nera: “Serve la conferma per la concessione”

Mercoledì, 27 Novembre 2019 15:42 | Letto 517 volte   Clicca per ascolare il testo Acquedotto sul Nera: “Serve la conferma per la concessione” Serviti altri cinque Comuni con l’Acquedotto del Nera. Manca però, ad un mese dalla fine dell’anno la conferma dell’attuale concessione da parte della Regione di 200 litri al secondo. Prima dell’agosto 2018 la concessione era di 150 litri al secondo e questi 50 litri di differenza sono fondamentali per garantire l’attuale servizio ma alla Regione mancherebbe un parere imprescindibile da parte dell’ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini.  Gioie e dolori condivise oggi dal presidente dell’Aato 3, Stefano Montemarani, in conferenza stampa. Insieme a lui, Marco Blunno, Presidente Società per l´Acquedotto del Nera, Giorgio Piergiacomi, Presidente Apm, Fabio Marchetti, Amministratore delegato Astea, Romano Carancini, Sindaco di Macerata e Simone Pugnaloni, Sindaco di Osimo.  “Con i 50 litri al secondo aggiuntivi derivanti dalla sorgente San Chiodo, a Castelsantangelo sul Nera - ha detto Montemarani - abbiamo potuto erogare acqua di ottima qualità e a costi contenuti aggiungendo anche i comuni di Treia, Appignano, Montecassiano, Montefano e Osimo. Qualora non venisse confermata questa concessione, questi comuni si troveranno a dover rinunciare a tale preziosa risorsa. E lo opera dell’acquedotto, che dobbiamo assolutamente portare a termine, va avanti da tanti anni e a conclusione arriverà a porto Recanati passando per Osimo, Loreto e Castelfidardo. È il nostro mandato - aggiunto - la forte volontà di tutti i sindaci perché cittadini hanno già pagato per un servizio che ancora non tutti riescono ad avere”. L’acquedotto a quindi raggiunto 11 comuni su 22 soci e anche il presidente della società dell’Acquedotto sul Nera ha ribadito l’importanza di ottenere la conferma della concessione, elogiando poi il grande lavoro di squadra che è stato fatto: “ L’acqua è di qualità eccellente, non necessita di spese di sanificazione e potabilizzazione e ora ci sono in ballo questi 50 litri al secondo che sono fondamentali. Noi, come società, diamo un contributo del 30 - 40 per cento, E con noi sono coinvolti anche Assm di Tolentino, Assem di San Severino, Apm di Macerata e Astea di Osimo”. Il sindaco Carancini da parte sua ha ringraziato Blunno Per il lavoro che hai svolto insieme alla sua governance: “poter far arrivare l’acqua minerale in tutti questi comuni è una grossa soddisfazione anche per noi sindaci che vogliamo completare la missione con il coinvolgimento di Apm e Astea. Apm peraltro - ha spiegato - ha anticipato un intervento che poi la società dell’acquedotto rimborserà. Solo per un attimo possiamo pensare al risultato perché dobbiamo metterci subito al lavoro per tutti gli altri cittadini che al momento non possono usufruire di un servizio. Di sicuro essere al 27 novembre e non avere ancora la proroga della concessione di certo non aiuta. Serve un’intesa con il Parco Nazionale dei Sibillini. E poi scandaloso che il governo nazionale, con la silente posizione della regione, abbia finanziato l’anello dei Sibillini e non l’acquedotto”. In chiusura Montemarani ha chiarito che per la conferma della concessione “serve l’ok vincolante dell’ente Parco, nello specifico dei dati che testimonino che il corso del fiume non sarebbe inficiato dai prelievi dell’acqua. La società dell’acquedotto da parte sua ha già prodotto la documentazione di propria competenza”. G.G.
Serviti altri cinque Comuni con l’Acquedotto del Nera. Manca però, ad un mese dalla fine dell’anno la conferma dell’attuale concessione da parte della Regione di 200 litri al secondo. Prima dell’agosto 2018 la concessione era di 150 litri al secondo e questi 50 litri di differenza sono fondamentali per garantire l’attuale servizio ma alla Regione mancherebbe un parere imprescindibile da parte dell’ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini. 

Gioie e dolori condivise oggi dal presidente dell’Aato 3, Stefano Montemarani, in conferenza stampa. Insieme a lui, Marco Blunno, Presidente Società per l´Acquedotto del Nera, Giorgio Piergiacomi, Presidente Apm, Fabio Marchetti, Amministratore delegato Astea, Romano Carancini, Sindaco di Macerata e Simone Pugnaloni, Sindaco di Osimo. 

“Con i 50 litri al secondo aggiuntivi derivanti dalla sorgente San Chiodo, a Castelsantangelo sul Nera - ha detto Montemarani - abbiamo potuto erogare acqua di ottima qualità e a costi contenuti aggiungendo anche i comuni di Treia, Appignano, Montecassiano, Montefano e Osimo. Qualora non venisse confermata questa concessione, questi comuni si troveranno a dover rinunciare a tale preziosa risorsa. E lo opera dell’acquedotto, che dobbiamo assolutamente portare a termine, va avanti da tanti anni e a conclusione arriverà a porto Recanati passando per Osimo, Loreto e Castelfidardo. È il nostro mandato - aggiunto - la forte volontà di tutti i sindaci perché cittadini hanno già pagato per un servizio che ancora non tutti riescono ad avere”.

L’acquedotto a quindi raggiunto 11 comuni su 22 soci e anche il presidente della società dell’Acquedotto sul Nera ha ribadito l’importanza di ottenere la conferma della concessione, elogiando poi il grande lavoro di squadra che è stato fatto: “ L’acqua è di qualità eccellente, non necessita di spese di sanificazione e potabilizzazione e ora ci sono in ballo questi 50 litri al secondo che sono fondamentali. Noi, come società, diamo un contributo del 30 - 40 per cento, E con noi sono coinvolti anche Assm di Tolentino, Assem di San Severino, Apm di Macerata e Astea di Osimo”.

Il sindaco Carancini da parte sua ha ringraziato Blunno Per il lavoro che hai svolto insieme alla sua governance: “poter far arrivare l’acqua minerale in tutti questi comuni è una grossa soddisfazione anche per noi sindaci che vogliamo completare la missione con il coinvolgimento di Apm e Astea. Apm peraltro - ha spiegato - ha anticipato un intervento che poi la società dell’acquedotto rimborserà. Solo per un attimo possiamo pensare al risultato perché dobbiamo metterci subito al lavoro per tutti gli altri cittadini che al momento non possono usufruire di un servizio. Di sicuro essere al 27 novembre e non avere ancora la proroga della concessione di certo non aiuta. Serve un’intesa con il Parco Nazionale dei Sibillini. E poi scandaloso che il governo nazionale, con la silente posizione della regione, abbia finanziato l’anello dei Sibillini e non l’acquedotto”.

In chiusura Montemarani ha chiarito che per la conferma della concessione “serve l’ok vincolante dell’ente Parco, nello specifico dei dati che testimonino che il corso del fiume non sarebbe inficiato dai prelievi dell’acqua. La società dell’acquedotto da parte sua ha già prodotto la documentazione di propria competenza”.

G.G.

Letto 517 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo