Sefro rinuncia alle tradizionali luminarie natalizie. Questa la decisione dell’amministrazione all'esito di un consiglio comunale che ha visto l'accordo unanime tra maggioranza e opposizione.

"La situazione socio-economica generale non consente al comune di Sefro di impegnare risorse economiche per tali iniziative, ma verrà comunque lasciato illuminato il palazzo del Municipio con il tradizionale tricolore italiano - dichiara il sindaco Pietro Tapanelli - Non si tratta semplicemente della bolletta per gli allestimenti luminosi, ma il caro energia ha un trend internazionale che non risulta attualmente gestibile e sono stati chiesti, per questo, sacrifici importanti ai cittadini, con lo spegnimento della pubblica illuminazione in molti punti del territorio comunale. Molte imprese e molti cittadini sono inoltre in difficoltà e riteniamo indispensabile, seppur con le capacità di un piccolo comune, destinare eventualmente un budget a chi, per il caro energia, dovesse avere necessità di un aiuto economico. Nel massimo rispetto di chi ha fatto scelte diverse - conclude Tapanelli - ci sentiamo di procedere per quest’anno in questa direzione, scusandoci con la popolazione per il Natale poco illuminato".


Sefro comune amico del turismo itinerante. Il prestigioso riconoscimento, uno dei più importanti promosso dall’Unione Club Amici, federazione cui aderiscono oltre 125 associazioni su tutto il territorio nazionale, è stato conferito durante l’ncontro organizzato dall’associazione Camping Club Civitanova Marche.

Nella sala consiliare del comune, oltre ad un nutrito gruppo di camperisti, erano presenti il sindaco, Pietro Tapanelli, l’assessore, Stefania Penna, rappresentanti della giunta e del consiglio comunale, il presidente della Pro Loco, Gianfranco Santini, in rappresentanza dell’Unione Club Amici il responsabile nazionale del progetto, Gabriele Gattafoni, e la presidente dell’Area Centro-Est, Maria Pepi, e per il Camping Club Civitanova Marche il Vicepresidente, Giancarlo Staffolani.

Il sindaco Tapanelli, ringraziando i presenti e invitandoli a tornare, ha tenuto a sottolineare l’importanza del turismo itinerante come risorsa essenziale per i piccoli borghi come Sefro. Maria Pepi, dopo aver illustrato l’attività e le iniziative della Federazione a favore del mondo del turismo itinerante e aver ringraziato l‘Amministrazione Comunale per aver aderito al progetto e per l’organizzazione dell’evento, e i cittadini per l’accoglienza, ha dato lettura del messaggio di saluto e ringraziamento del Presidente Nazionale dell’Unione Club Amici Ivan Perriera e ha consegnato al sindaco l’attestato di adesione al circuito nazionale “Comune Amico del Turismo Itinerante”. Gabriele Gattafoni, dopo aver sottolineato che questa forma di turismo è l’unica che non vive di stagionalità ed è vicina alle necessità ambientali dei piccoli Borghi, ha consegnato al sindaco il cartello stradale, precisando che non è un semplice cartello, ma un segno di accoglienza rivolto al mondo del turismo itinerante.

L’adesione del Comune di Sefro a questo circuito lo proietterà su una piattaforma di promozione nazionale e porterà le sue peculiarità in tutte le Fiere di settore sul territorio italiano e non solo.
Acque del Potenza e dello Scarzito dirottate verso il lago Castreccioni, secco «no» dei sindaci. Un rifiuto annunciato già in conferenza stampa qualche settimana fa e ora ribadito in maniera formale, con un documento inviato al ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, al presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli,  e agli assessori regionali alle Risorse idriche, Stefano Aguzzi, e ai Servizi pubblici e agli Enti locali, Guido Castelli.

L’idea avanzata dal Consorzio di bonifica nella scheda di progetto Pnrr presentata dal direttore dell’area tecnica, Nafer Saqer, prevede la realizzazione di una serie di condutture per prelevare le acque dalle alti valli del fiume Potenza, del suo affluente Scarzito e dal Chienti a Valcimarra. La rete di tubature arriverebbe in questo modo a San Severino, dove sarebbe previsto un raccordo, poi l’attraversamento della valle fino all’invaso di Cingoli.

Le motivazioni dietro al progetto derivano dalla situazione di sofferenza del lago di Castreccioni, i cui livelli si sono abbassati a causa della siccità. La risposta dei sindaci della valle del Potenza è stata chiara: un «no» perentorio, visto che l’assenza di precipitazioni dello scorso inverno sta mettendo a dura prova anche i loro territori. La posizione degli amministratori è trasversale. Il sindaco di Pioraco e presidente dell’Unione montana Potenza Esino Musone, Matteo Cicconi sottolinea come, dopo la preoccupazione della prima ora testimoniata insieme ai vertici Assem e ai sindaci di Sefro e Fiuminata, si sia arrivati a un fronte compatto con tutti i primi cittadini della vallata. «Non si tratta di una protesta campanilistica – precisa –, ma di un rifiuto ragionato. Il nostro territorio vuol fare sentire la sua voce». Proprio Cicconi è il primo firmatario del documento. Con lui il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, in qualità di ente capofila, e i sindaci di Treia, Franco Capponi, di Castelraimondo, Patrizio Leonelli, di Fiuminata, Vincenzo Felicioli, di Sefro, Pietro Tapanelli e di Gagliole, Sandro Botticelli.

I prelievi idrici previsti, secondo questi ultimi «causerebbero inevitabilmente l’impoverimento del bacino idrico dell’area, in quanto il drenaggio previsto in captazione richiamerebbe le acque di falda, con conseguenze per tutto il comprensorio circostante. Attualmente – spiegano i sindaci – il nostro bacino idrico garantisce il fabbisogno idropotabile a più di un territorio comunale, oltre a garantire la sopravvivenza di alcune attività economiche fondate sulle risorse idriche, come le cartiere di Pioraco e la troticoltura a Sefto. L’operazione di prelievo che si prospetta sulla base di questa ipotesi di progetto porterebbe inevitabilmente ad un grave ammanco di acqua ad uso potabile. Già oggi – proseguono –, nei periodi estivi o di prolungata siccità, si assiste ad un notevole decremento delle portate delle sorgenti, tanto da richiedere l’attivazione di misure di contenimento della conseguente carenza idropotabile. In più, tra le sorgenti afferenti al bacino coinvolto dal prelievo in progetto ne ricadono due inserite nei piani emergenziali della Protezione civile, la sorgente San Giovanni di Sefro e Ponte Cannaro di Pioraco, la cui portata deve essere interamente garantita. Oltre a questo disagio per le aree prossime alle sorgenti, la captazione delle acque comporterebbe una significativa riduzione a valle della portata del fiume stesso con conseguente diminuzione della attuale disponibilità e qualità della risorsa idrica, sia per le irrigazioni che come risorsa per la produzione di energia idroelettrica. La valle del Potenza presenta già serie problematiche di carenza idrica: un progetto del genere non farebbe altro che aggravare la situazione. Il nostro rifiuto è totale».

l.c.
Sette comuni insieme “Lungo i sentieri dell’Alto Potenza” per far conoscere un territorio.

Una nuova vetrina on line per il progetto che vede unite le amministrazioni di San Severino Marche, nel ruolo di capofila, Castelraimondo, Gagliole, Pioraco Fiuminata, Sefro ed Esanatoglia che si fanno conoscere in una condivisione di strategia unitaria di sviluppo basata sul potenziamento, riqualificazione e messa in rete di percorsi e sentieri dedicati al turismo lento, al ciclo bike e all’escursionismo.

Coordinato dall’architetto Cinzia Guarnieri, in qualità di facilitatore, il progetto fa riferimento a un territorio di quasi 450 chilometri quadrati con una popolazione di quasi 23mila persone.

Il sito in questione illustra tutte le attività di gestione e animazione che sono state condotte dal 2018 ad oggi in tutte le varie fasi e si sviluppa su diverse aree tematiche: animazione, monitoraggio e, soprattutto, risultati riportando, con puntualità, i vari stadi. Inoltre vengono presentati i progetti, sia pubblici che privati, che hanno interessato le sette amministrazioni locali.
Un secco «no» alla conduttura per l’approvvigionamento idrico del lago di Castreccioni. Perentoria la posizione dei sindaci di Fiuminata, Pioraco e Sefro sulle schede tecniche presentate in settimana dal direttore dell’area tecnica del Consorzio di bonifica, Nafer Saquer. Lavori imponenti quelli ipotizzati dal Consorzio, che prevedrebbero la costruzione di una conduttura pronta a prelevare le acque dai fiumi Scarzito, Potenza e Chienti per dirottarle nel territorio comunale di Cingoli. L’invaso di Castreccioni, i cui livelli si stanno abbassando a causa della siccità, è infatti in particolare sofferenza.

Un progetto che non piace ai sindaci dell’alta valle del Potenza e che periodicamente torna a far discutere il territorio. Era già accaduto negli anni ’70, nel 2008 e anche nel 2020. Ora una nuova iniziativa a destare grande preoccupazione. «Il tema è molto delicato – commentano i sindaci Vincenzo Felicioli, Matteo Cicconi e Pietro Tapanelli –. Il Consorzio non ha agito in maniera trasparente, presentando un’ipotesi senza passare dall’assemblea territoriale e da quella regionale, ma soprattutto continua ad insistere su un progetto che più volte è stato respinto sia dalle istituzioni del territorio che dagli organi competenti in materia. È impensabile dirottare le risorse idriche della nostra vallata verso un invaso in sofferenza: anche la valle del Potenza è in difficoltà a causa della siccità. È completamente illogico pensare di costruire un’opera che impoverisce un’area e ne arricchisce un’altra. La nostra zona è attiva nel settore ittico e con le cartiere: abbiamo bisogno di questa acqua. Piuttosto – precisano – il Consorzio di bonifica dovrebbe pensare a presentare progetti capaci di risolvere le problematiche legate all’approvvigionamento idrico di tutto il comprensorio montano, creando infrastrutture per il recupero delle acque reflue e favorendo l’ottimizzazione di una risorsa più che mai scarsa come l’acqua. È evidente che questo non sta avvenendo. Sono anni che periodicamente la nostra acqua è oggetto di assalti da parte di diversi soggetti istituzionali – concludono i sindaci – : ora pretendiamo una presa di posizione netta da parte della Regione e degli organi competenti. Questo progetto va assolutamente cancellato».

Approfondimenti nel numero 11 de L'Appennino camerte

l.c.
Una data da segnare in rosso sul calendario quella di venerdì 11 marzo per Sefro, che sarà sede di partenza della quinta tappa della Tirreno – Adriatico che porterà, dopo 155 chilometri, la carovana a Fermo. Ancora una volta, dunque, la “Corsa dei due mari”, che di fatto apre la stagione su strada, fa tappa nell’entroterra maceratese.

“Una bellissima notizia che aspettavamo e per la quale stavamo lavorando da tempo – dichiara un soddisfatto sindaco Pietro Tapanelli – C’è grande entusiasmo per questo appuntamento, che farà accendere sul nostro territorio le luci della ribalta nazionale ed internazionale, e soprattutto voglia di ripartire con questi eventi di grande sport per i nostri piccoli centri. Scherzosamente ho detto in sede di presentazione che parto e arrivo a casa, visto che mia madre è originaria di Fermo, per cui mi sento anche emotivamente coinvolto, oltre che, come sindaco, soddisfatto per questa opportunità”.
Due milioni e mezzo di euro per demolire e ricostruire gli appartamenti all’ex caserma forestale di Sefro. Grazie ai fondi del Pnrr in arrivo dalla Regione Marche, il Comune potrà riqualificare l’area che ospita la caserma del Corpo forestale. Una struttura da anni riconvertita ad uso residenziale pubblico. L’abbattimento dell’edificio lascerà il posto a sei nuovi appartamenti, che saranno pronti prima della fine del 2024. Nel frattempo gli inquilini si trasferiranno in altre abitazioni di proprietà del Comune di Sefro, tra le frazioni di Agolla e di Sorti.

Un progetto economicamente importante, che lascia soddisfatta l’amministrazione guidata da Pietro Tapanelli. I fondi consentono infatti di migliorare il patrimonio di edilizia popolare pubblica, puntando soprattutto all’efficientamento energetico delle strutture. L’intervento prevede che l’ex caserma venga demolita e che sia sostituita da due nuove palazzine, l’una con sei garage e quattro unità abitative con ascensore, l’altra con due appartamenti e distribuita su un solo livello. Per quello che riguarda le tempistiche, «i lavori dovrebbero iniziare intorno al giugno del 2023 – spiega il consigliere di maggioranza Corrado Carminelli –, visto che prima si dovrà procedere con la gara di appalto per la progettazione, la redazione dei progetti e la gara per l’affidamento dei lavori. Non è pensabile riuscire a ultimare i lavori prima della fine del 2024, ma la sistemazione delle famiglie che dovranno traslocare è garantita. Potranno alloggiare in altre abitazioni di proprietà comunale distribuite tra le frazioni di Agolla e di Sorti. Entro giugno di quest’anno partiremo con i progetti. È un intervento davvero importante per il nostro Comune – conclude Carminelli – che ci permette di recuperare un’area importante del nostro patrimonio di edilizia popolare comunale».

l.c.
Problemi in zona Campanaccio a cavallo tra i comuni di Sefro e Pioraco. Il fiume Scarzito, principale affluente del Potenza, ha rotto gli argini e l'acqua si è riversata nei campi allagandoli. A seguito delle copiose piogge degli ultimi due giorni il livello del fiume è cresciuto, causando la rottura di un argine tra i due comuni. Interventi sono in atto di concerto tra le due ammnistrazioni di Sefro e Pioraco che stanno monitorando la situazione.

"Il fiume è esondato - riferisce il sindaco di Sefro Pietro Tapanelli - determinando un importante allagamento che ha interessato anche un'abitazione privata della zona di Campanaccio che, fortunatamente vuota al momento in cui si è verificato il fatto, ha subito dei danni. Come comune - continua il primo cittadino Tapanelli - siamo intervenuti con i nostri operai che hanno potuto essere coadiuvati dalle maestranze di una ditta che si trovava sul posto per dei lavori incaricati dal Consorzio di bonifica e siamo riusciti a riparare l'argine del fiume. Contestualmente, tramite l'ex Genio Civile della Regione Marche, abbiamo attivato subito una richiesta di intervento per il ripristino della officiosità idraulica e dell'argine stesso. Confidando che le condizioni meteo ci assistano, la criticità dovrebbe rientrare in breve tempo - spiega Tapanelli -; certo, dovessero peggiorare le condizioni meteorologiche, il pericolo potrebbe diventare ancora più importante. Allo stato attuale, confidiamo comunque nell'intervento della Regione e dell'ex Genio civile. Contattato subito telefonicamente e poi anche via Pec, l'ingegnere Marzialetti ha prontamente dato disponibilità per effettuare questo primo urgente lavoro che ha già prodotto effetti positivi". Sul posto anche il collega di Pioraco Matteo Cicconi per seguire in stretta sinergia l'evoluzione della situazione.

c.c.


SCARZITO ESONDATO
Il presidente della regione Francesco Acquaroli, accompagnato dai consiglieri Elena Leonardi e Renzo marinelli, si è recato in visita ai comuni di Pioraco, Fiuminata e Sefro, incontrando i sindaci Matteo Cicconi, Vincenzo Felicioli e Pietro Tapanelli con i quali è stato fatto il punto su problemi e prospettive dell'intero territorio dopo sisma e pandemia. Ricotruzione e sviluppo turistico i principali temi sul tappeto.

"Un incontro sicuramente costruttivo - il commento del primo cittadino Matteo Cicconi - Al presidente abbiamo rappresentato la necessità di spingere sulla ricostruzione, semplificando l'iter burocratico, che a Pioraco riguarda in modo particolare la casa di riposo, con gli anziani ancora ospitati nella struttura ospedaliera di Matelica, e la soluzione delle problematiche nel quartiere Madonnetta, per il quale occorrerebbe un'ordinanza speciale. L'altro aspetto trattato quello dello sviluppo turistico dei tre comuni, con il Consorzio intercomunale recentemente costituito che dovrebbe fungere da volano per sfruttare le enormi potenzialità dell'intero territorio dell'Unione Montana Potenza, Esino e Musone".

f.u.
“Insieme è meglio”. Una scelta in controtendenza quella dei Comuni di Pioraco e Sefro, a cui potrebbe aggiungersi anche Fiuminata, in vista del ritorno in classe degli alunni dei due paesi dell’entroterra.

Se, infatti, in alcuni Comuni si portano avanti battaglie per mantenere le scuole anziché accorparle con i centri confinanti, in questo caso sono stati gli amministratori a pensare di unificare i servizi per offrire, a detta loro, una risposta migliore alle famiglie e agli studenti.

È stato oggi il primo giorno in classe dopo l’unione delle scuole dell’infanzia, con due sezioni, e la primaria di Sefro e Pioraco.

A Sefro vengono infatti ospitati i bambini dell’asilo, mentre a Pioraco quelli delle elementari. Questa mattina i sindaci Pietro Tapanelli e Matteo Cicconi hanno fatto visita nelle sedi per portare il loro saluto agli alunni.

“Ringraziamo gli assessori Stefania Penna e Luca Gagliardi – dice Matteo Cicconi - per aver seguito tutto l’iter organizzativo che si è concluso con grande successo e soddisfazione da parte di tutti.

Un augurio di buon lavoro lo vogliamo fare anche al nuovo dirigente scolastico Maurizio Cavallaro”.

Poi la soddisfazione per l’unione delle forze: “Abbiamo voluto dare un input forte come amministrazioni di Pioraco e Sefro – dice - sperando in futuro in un accorpamento anche con Fiuminata, per dare una migliore offerta formativa ai ragazzi”.

GS


b87a2f8f 6228 45bc a4e7 61b6c491ad71

af57b38a d521 49cd b990 6fb62a9ccdf6
Pagina 1 di 3

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo