Il coraggio di chi vuole restare, luce nella notte del paese

Mercoledì, 30 Ottobre 2019 21:59 | Letto 1315 volte   Clicca per ascolare il testo Il coraggio di chi vuole restare, luce nella notte del paese Nella luce di oltre 200 fiaccole, il messaggio di una comunità che non si arrende e che non si piange addosso. Così tre anni dopo la scossa più devastante del 30 ottobre, Pieve Torina ha voluto ricordare che, nonostante tutto è un paese vivo, che vuole continuare a vivere e a trovare una prospettiva di sviluppo lì dove sono le radici e il sudore delle persone. Lo hanno detto i volti dei tanti cittadini che hanno risposto allinvito del sindaco Alessandro Gentilucci, ripercorrendo quelle stesse strade, un tempo piene di vitalità, di attività commerciali, su fino alla piazza della chiesa di Santa Maria Assunta. Partito dalla vecchia sede comunale, il corteo silenzioso con in testa il sindaco affiancato dal parroco don Candido Pelosi e dai primi cittadini di Fiastra Sauro Scaficchia e di Serravalle Emiliano Nardi, dopo brevi soste davanti alla chiesa, al parco delle Rimembranze e ad una casa crollata, ha raggiunto la nuova scuola. Qui, le note struggenti del violino di Valentino Alessandrini, hanno introdotto al momento conclusivo, la firma del documento appello da inviare al presidente della Repubblica Mattarella per chiedergli di farsi garante della ricostruzione.A portare il suo personale sostegno anche il consigliere regionale Elena Leonardi; un messaggio carico di vicinanza e partecipazione è stato inviato anche dal presidente Luca Ceriscioli. Doloroso ed emozionante il tragitto della fiaccolata, scelto per sottolineare come la vita della comunità e le sue abitudini, siano completamente state stravolte, rispetto ad altri paesi  dove seppur con dei danni, tutto è continuato a scorrere come prima.  Va preso atto di questa differenza per la quale io sono sempre visto come polemico - ha detto Alessandro Gentilucci-. Limpegno di questa fiaccolata è ridare dignità e opportuntà alla popolazione, a volte anche battendo i pugni sul tavolo con forza. Chiediamo uno sforzo importante che comunque vede una luce allorizzonte- ha annunciato il sindaco- Delle 135 pratiche per la ricostruzione presentate pari al 9 per cento, 12 sono solo assentite per via dei colli di bottiglia. Il Commissario ha però garantito che entro 20 giorni uscirà unordinanza che, attraverso lautocertificazione dei tecnici, garantirà la possibilità di ottenere un finanziamento per sbloccare la ricostruzione.cc Il sindaco appone la prima firma sulla lettera da inviare a Mattarella
Nella luce di oltre 200 fiaccole, il messaggio di una comunità che non si arrende e che non si piange addosso. Così tre anni dopo la scossa più devastante del 30 ottobre, Pieve Torina ha voluto ricordare che, nonostante tutto è un paese vivo, che vuole continuare a vivere e a trovare una prospettiva di sviluppo lì dove sono le radici e il sudore delle persone. Lo hanno detto i volti dei tanti cittadini che hanno risposto all'invito del sindaco Alessandro Gentilucci, ripercorrendo quelle stesse strade, un tempo piene di vitalità, di attività commerciali, su fino alla piazza della chiesa di Santa Maria Assunta.
IMG 20191030 184735
Partito dalla vecchia sede comunale, il corteo silenzioso con in testa il sindaco affiancato dal parroco don Candido Pelosi e dai primi cittadini di Fiastra Sauro Scaficchia e di Serravalle Emiliano Nardi, dopo brevi soste davanti alla chiesa, al parco delle Rimembranze e ad una casa crollata, ha raggiunto la nuova scuola. Qui, le note struggenti del violino di Valentino Alessandrini, hanno introdotto al momento conclusivo, la firma del documento 'appello' da inviare al presidente della Repubblica Mattarella per chiedergli di farsi garante della ricostruzione.
A portare il suo personale sostegno anche il consigliere regionale Elena Leonardi; un messaggio carico di vicinanza e partecipazione è stato inviato anche dal presidente Luca Ceriscioli
IMG 20191030 191313
Doloroso ed emozionante il tragitto della fiaccolata, scelto per sottolineare come la vita della comunità e le sue abitudini, siano completamente state stravolte, rispetto ad altri paesi  dove seppur con dei danni, tutto è continuato a scorrere come prima.  "Va preso atto di questa differenza per la quale io sono sempre visto come polemico - ha detto Alessandro Gentilucci-L'impegno di questa fiaccolata è ridare dignità e opportuntà alla popolazione, a volte anche battendo i pugni sul tavolo con forza. Chiediamo uno sforzo importante che comunque vede una luce all'orizzonte- ha annunciato il sindaco- Delle 135 pratiche per la ricostruzione presentate pari al 9 per cento, 12 sono solo assentite per via dei colli di bottiglia. Il Commissario ha però garantito che entro 20 giorni uscirà un'ordinanza che, attraverso l'autocertificazione dei tecnici, garantirà la possibilità di ottenere un finanziamento per sbloccare la ricostruzione".
cc
IMG 20191030 183956 1
 IMG 20191030 184241 1

IMG 20191030 190458
Il sindaco appone la prima firma sulla lettera da inviare a MattarellaIMG 20191030 192640

Letto 1315 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo