Volontà unanime di collaborare, in sintonia tra le diverse parti. E’ quanto è emerso a Camerino dall’assemblea/ dibattito molto partecipata che sulla scia dell’hashtag Io non urlo lanciato dal comune camerte in collaborazione con Università, associazioni e diversi locali dei quartieri cittadini si è proposta come iniziativa per sensibilizzare contro gli schiamazzi notturni, ridurre al minimo i disagi che possono essere provocati ai cittadini residenti nelle zone più frequentate, in occasione degli eventi del giovedì universitario che muovono tanti giovani e studenti, oltre che fortificare ulteriormente il legame tra comunità studentesca e cittadina.
Nell’aula conferenze del Rettorato sono intervenuti il sindaco Sandro Sborgia il Pro Rettore  Luciano Barboni e il rappresentante degli studenti Unicam Riccardo Cellocco, il legale rappresentante degli esercizi commerciali Jacopo Maria Casaroli  e il Consigliere comunale alle politiche giovanili Riccardo Pennesi.

“L’ esito complessivo è stato indubbiamente positivo – commenta Riccardo Pennesi-. Speriamo che questo possa produrre tranquillità e armonia tra tutti. La cittadinanza e gli studenti hanno risposto bene e, grazie alla collaborazione con tutte le associazioni siamo riusciti a creare un'atmosfera di tranquillità, quiete e soprattutto di collaborazione. Dal momento di dialogo sono venuti fuori diversi nuovi spunti da intraprendere sia nel futuro che durante questo progetto. Contributi sicuramente interessanti e volti a rafforzare uno spirito costruttivo e collaborativo tra cittadinanza, comunità studentesca e le diverse realtà coinvolte. E’ la prima volta che avviene questo tipo di discussione aperta che comunque ha condotto a diverse soluzioni che permettano di continuare a divertirsi rispettando gli altri”. Presentata anche una cartellonistica volta a richiamare l’attenzione verso un atteggiamento responsabile e di rispetto già a partire dalla serata del primo giovedi universitario, mentre i gestori dei locali si sono impegnati ad ottimizzare la collaborazione con il servizio di sicurezza notturna e a provvedere per la pulizia degli spazi antistanti le attività coinvolte. Positiva anche la risposta e la discussione da parte dei cittadini.
“Finalità prioritaria dell’assemblea era proprio quella di ascoltare il loro punto di vista e - conclude il consigliere Riccardo Pennesi-, il dialogo è stato molto democratico tra tutti. Al termine dell’incontro si sono raggiunte delle proposte condivise, pronte per essere attuate. Partiremo con tre serate universitarie che verranno fatte nei vari locali della località LeMosse e in seguito gli eventi potranno essere spalmati su tutti i quartieri e locali di Camerino per dare la possibilità a tutti, di divertirsi rispettando gli altri. Per quanto riguarda le serate da organizzare in futuro, saranno sempre a sorpresa e verranno organizzate dai vari locali, sempre in collaborazione con tutte le associazioni studentesche”.

Carla Campetella
"Sisma ricostruzione privata”è il nuovò ufficio istituito al Comune di Camerino. Voluto per potenziare la gestione del post terremoto, l'ufficio sarà guidato dall'’architetto Maurizio Forconi, storico dipendente comunale che ha maturato grande esperienza nella gestione della ricostruzione del post-sisma 1997. Con lui collaboreranno l’ingegnere Rodolfo Galeone, gli architetti Maria Lobaccaro e Loredana Marinsaldi nonchè il geometra Corrado Carminelli, tutti assunti a tempo determinato.
Il nuovo ufficio "Sisma ricostruzione privata", vuole essere d' aiuto alla gestione della macchina amministrativa, e, come spiega il sindaco di Camerino Sandro Sborgia, soprattutto nel settore relativo alla ricostruzione. 
“Abbiamo pensato di costituire questo nuovo ufficio e servizio per cercare di snellire e ottimizzare il lavoro negli uffici, così da rendere più spedite e rapide le pratiche da gestire e le attività della ricostruzione. Almeno per quanto possibile. Naturalmente – continua il primo cittadino – questo avverrà affidandoci alle competenze del nostro personale che comunque, fino a oggi, ha sempre cercato di lavorare nel migliore dei modi, pur nelle difficoltà. Entro fine mese saranno assunti altri due ingegneri e abbiamo avviato le procedure per un istruttore amministrativo”.
cc
A Camerino, un nuovo servizio di navette del Contram collegherà le Sae con il mercato settimanale di Vallicelle. Un segnale dalla valenza sociale, volto ad incentivare anche la ripartenza economica quello che ha portato all'istituzione della nuova corsa. La nuova soluzione è stata voluta infatti dall'amministrazione comunale in accordo con i commercianti del Vallicenter e gli stessi ambulanti, per facilitare gli spostamenti verso il quartiere che il sabato mattina ospita le bancarelle. La decisione fa seguito ad un incontro che il Sindaco Sandro Sborgia, la vice sindaco Lucia Jajani e gli assessori Marco Fanelli e Giovanna Sartori, hanno avuto con i commercianti del Vallicenter e gli ambulanti del mercato settimanale, per individuare soluzioni atte a favorire gli spostamenti dei cittadini e incentivarne l’affluenza nel quartiere. Il nuovo servizio che sarà attivo da sabato 18 gennaio, prevede una nuova corsa delle navette Contram che coprirà il tragitto di andata e ritorno tra aree Sae e mercato di Vallicelle.  

L'iniziativa  s’inserisce in un programma ben più ampio di valorizzazione del quartiere Vallicelle, fortemente voluta dal primo cittadino di Camerino e dalla sua Giunta,  concretizzatasi all’indomani dell’insediamento con la scelta di collocare la nuova sede del Comune nell’area del quartiere, denominata Vallicelle B.

Sempre a Vallicelle sorgeranno la nuova sede della Compagnia Carabinieri, che sarà ospitata in una parte dell’edificio dell’Unione Montana (deliberata da tutti i Comuni) nonché la nuova Casa di riposo Casa Amica, il cui progetto è stato già discusso in Conferenza di Servizi.

 Il Comune di Camerino ha anche vinto un bando per l'installazione di colonnine di ricarica elettrica per biciclette e auto che verranno collocate nell’area antistante il Vallicenter, accanto alla fermata degli autobus. Un'ulteriore azione che conferma la politica green già manifestata nei mesi scorsi attraverso altre iniziative.
cc
L’Aula magna del Polo scolastico provinciale ha ospitato la cerimonia di consegna dei 117 Diplomi di Maturità conseguiti nell’anno scolastico 2018/2019 ai Licei Costanza Varano di Camerino (indirizzi Classico, Linguistico, Scienze umane, Scientifico, Sportivo ).
Nel corso dell’incontro, sono stati premiati gli allievi che hanno conseguito i diplomi con il massimo dei voti: chi ha raggiunto la votazione di 100 ha ricevuto anche un contributo in denaro messo a disposizione dall’istituto. 
Il premio è andato a  Elisabetta Cambriani e Marco Lori del liceo Classico, a Nicolò Guerrieri, Lorenzo Migliorelli e Mirco Cuccu dello Scientifico, a Vittoria Ferretti, Chiara Orpianesi e Benedetta Petrini del Linguistico e a Ilaria Bisbocci, Allegra Tolomeo, Aurora Farabollini e Camilla Ferretti del Liceo delle Scienze Umane. 

IMG 20200111 121522
Chi ha raggiunto il meritevole traguardo del massimo dei voti con lode ha avuto anche un assegno del Ministero della Pubblica Istruzione dell’importo di 225  euro che  l'Istituto ha integrato di circa 400 euro per premiare la meritocrazia.
E’ il caso di Chiara Tomasselli e Sofia Tossici del Classico, Irene Cicconi del Liceo delle Scienze Umane e Ilaria Crucianelli, Francesco Allegrezza e Riccardo Minnozzi del Liceo Scientifico beneficiari questi ultimi ex equo anche della borsa di studio “Alessandra Gatti”, istituita dalla famiglia in memoria della ex alieva dello scientifico,  prematuramente scomparsa. 
Rosati
Ad introdurre la suggestiva cerimonia il dirigente scolastico Francesco Rosati, l’assessore alla cultura  Giovanna Sartori e il rettore dell’università di Camerino Claudio Pettinari.

Un ringraziamento ai giovani da parte dell’amministrazione e di tutta la comunità è venuto dall'assessore alla cultura che ha ricordato del conseguimento del proprio diploma nello stesso istituto, nonchè della laurea in Giurisprudenza ad Unicam.
"Voi giovani sarete il futuro di questo territorio- ha affermato l'assessore Giovanna Sartori- chi tra voi rimarrà e deciderà di investire qui il suo futuro, ci affida una grossa responsabilità che è anche  quella che noi sentiamo nella nostra veste di amministratori e che ci richiama all'impegno, perché quello che faremo sarà per consegnarvi un futuro. Il vedervi così numerosi ci dà grande speranza e ci consegna l'immagine di un grande disegno da fare in prospettiva. Per progettare la città, l'ammnistrazione è in continuo contatto  con il dirigente dei Licei e con l'università, perchè Il cammino dovrà essere sempre condiviso e comune" . Ai giovani diplomati, l'assessore Sartori ha infine augurato di realizzare i loro sogni, auspicando che la maturità conseguita a Camerino, possa essere un piccolo seme in grado di proiettarli lontano nella realizzazione delle proprie aspirazioni.  
IMG 20200111 115750

 “Il conseguimento di un diploma è già un successo fondamentale- ha dichiarato il rettore Pettinari-: è già la dimostrazione che uno dei sogni è diventato realtà. Il primo messaggio che rivolgo a voi giovani - ha proseguito il rettore- è di far sì che i vostri sogni diventino realtà realizzabile. Immaginatevi un domani e sognate di conseguenza. Non forzate la mano per ottenere risultati, ma sognate e percepite dei segni. Tanti sono quelli del passato che ci dicono che Camerino è stata la culla della civiltà e ha avuto sempre un legame forte con l'università. Lavoriamo tutti e, facciamo si che i nostri sogni si realizzino. Diamo un contributo e manteniamo legami con questo territorio. Oggi gli attori siete voi: cercate di lavorare bene per chi verrà dopo. Buon futuro a tutti".
Prima della consegna dei diplomi, il dirigente Francesco Rosati, ha fatto cenno alla nascita della scuola avvenuta nel 1811 allorché, dopo la soppressione napoleonica dell'università, fu  concesso alla città di istituire il Ginnasio.
" Noi questa storia la teniamo sempre in grande considerazione- ha detto-  ma quello che in questi anni vi abbiamo dato e quello su cui la nostra scuola sta puntando, sono le famose competenze chiave per l'apprendimento permanente, più volte ricordate dalla Comunità europea. Sono quel qualcosa che vi servirà tutta la vita  e che metterete in campo nelle relazioni sociali, nel lavoro, nel volontariato e anche nelle scelte difficili che oggi attendono la politica italiana. L'attualità ci dice che siamo una civiltà che non impara dal passato, la scuola invece è fortemente radicata nel passato. Abbiamo voluto dare un significato ai nostri progetti di offerta formativa che sono quasi 100 e organizzati per temi, perchè questo richiedono oggi le competenze: scienza, orientamento, salute,  legalità, procgetti extracurriculari sul teatro, giornalismo e sport".
In evidenza infine gli ottimi e confortanti risultati ottenuti nelle votazioni eccellenti dell'Istituto, che valgono ad elevare la realtà scolastica dei Licei di Camerino, a livello nazionale.   
C.C. 

*** approfondimento della notizia nel prossimo numero di Appennino Camerte
IMG 20200111 154737
Con la misura 2020 di 425metri e 87 centimetri conserva il suo imbattibile primato di bontà il torrone di Casa Francucci che, come da tradizione, ha deliziato il goloso assalto di un pubblico intervenuto numerosissimo a complimentarsi con il mastro pasticcere Paolo Attili che ha dato prova della sua ineguagliabile bravura.
FB IMG 1578338719361
Nuovo successo e grande apprezzamento per un evento che quest’anno ha offerto diverse novità, a partire dall’interessante talk show che ha visto protagonisti il prof. Gianni Sagratini responsabile del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche di Unicam e il presidente maceratese dell’Accademia Italiana dela Cucina Piergiorgio Angelini. Musica e divertimento hanno fatto da cornice alla deliziosa iniziativa che ha riempito di vivacità tutta l’area del Sottocorte Village con il prezioso apporto dei volontari della Pro Camerino,
Tanti i cittadini in trepidazione per conoscere il nome dei più bravi camerti, sfidatisi per la prima volta nella realizzazione del miglior torrone, sotto la giuria esperta degli Accademici della Cucina Italiana. E’ così che, incitati anche dalle Befane e da Babbo Natale intervenuti ad allietare i bambini portando in dono tanti dolci, sono stati acclamati quali vincitori Piero Pinciaroli e Livia Gagliesi, il cui “dolce biondo” è risultato il migliore. Le rispettive famiglie sono ormai allenate da anni nella lunga preparazione del torrone, molto apprezzato da parenti ed amici e ora riconosciuto anche dalla qualificata giuria, guidata da Ugo Bellesi.
Affollata anche la pista di pattinaggio sul ghiaccio che ha ospitato le spettacolari esibizioni delle pattinatrici di Ussita.
Alla classe terza E della Scuola De Giorgi di Gagliole è invece andato il primo premio per il loro allestimento nella mostra dei presepi, concorso riservato ai bimbi delle primarie.
FB IMG 1578338692411
"Siamo davvero molto soddisfatti e contenti per la riuscita di questa grande festa- commenta l' assessore alla cultura e al turismo Giovanna Sartori- Una bellissima manifestazione e un evento molto riuscito che ha concluso le iniziative del cartellone natalizio. Il pubblico ha risposto in modo davvero imprevisto,divertendosi con noi lungo le vie dell'area commerciale, Tante novità a partire dalla partecipazione dell'Accademia italiana della cucina delegazione di Macerata, con il professore Angelini che oltre a partecipare alla giuria che ha promosso il torrone più buono tra quelli fatti in casa della prima edizione della gara, insieme al professore Sagratini ci ha fatto conoscere tanti particolari legati a questo tipico dolce del periodo natalizio. Riuscitissima la sfida a colpi di mandorle e miele alla quale hanno partecipato 17 concorrenti che hanno dato vita ad una gara molto simpatica".
                                                           Sotto, i torroni fatti in casa sottoposti a giudizio
FB IMG 1578338796476
La tradizionale misurazione del torrone del mastro Attili ha poi confermato il raggiungimento di un nuovo record, che si addice all'intera festa, capace di accrescere ogni volta le attese del pubblico. 
"Siamo contenti anche del grande apprezzamento che ha avuto la pista di pattinaggio sul ghiaccio che nel mese di dicembre ha riscosso un successo inaspettato tanto che - conclude l'assessore Sartori-  abbiamo deciso di mantenerla attiva ed aperta fino al 2 di febbraio.  Non possiamo che esprimere grande soddisfazione per un cartellone natalizio che ha visto davvero tantissimi eventi e manifestazioni sempre molto partecipate da parte del pubblico dei cittadini di Camerino e non. Senz'altro un bilancio più che positivo, che ci fa aprire speranzosi il 2020". 
cc

I premiati Livia Gagliesi e Pierino Pinciaroli
i premiati alla gara di torrone
" Il 2020 sarà un anno pieno di speranze e di nuove iniziative che verranno organizzate in collaborazione tra tutte le associazioni giovanili del territorio". Così il consigliere comunale Riccardo Pennnesi, delegato alle politiche giovanili, guarda con positività alll'anno appena inaugurato  "Quello che ci auguriamo tutti noi giovani- continua Pennesi-  è di riportare tanta più felicità  e tranquillità possibile nella nostra città di Camerino.
Le iniziative saranno molte e la volontà dei ragazzi c'è. Cercheremo di coinvolgere non solo i giovani del territorio ma anche tutta l'enrgia dei ragazzi che sono ospitati nel nostro comune grazie all'università. Siamo consapevoli anche di doverci dar da fare  per il reperimento di fondi che ci impegneremo a ricercare per la creazione di eventi che immaginiamo sempre  più sparsi sul territorio - aggiunge il consigliere - ma siamo pronti ad affrontare il 2020 con moltissime novità anche per quel che riguarda la costruzione di nuovi centri aggregativi che si spera di poter vedere completati  entro la fine dell'anno. Le difficoltà ancora persistono ma abbiamo dalla nostra parte la caparbietà  e un forte spirito propositivo dei ragazzi e crediamo in questa spinta propulsiva che ognuno potrà offrire. Si è visto già con l'organizzazione del Capodanno da parte del Movimento giovanile Panta Rei che ha voluto organizzare un'occasione di ritrovo per tanti ragazzi che hanno preferito rimanere a Camerino anziché spostarsi per festeggiare altrove. Già quell'evento, reso possibile dalla Contram che ha messo a disposizione i suoi spazi per spettacoli e musica, testimonia della voglia di fare per favorire momenti di socialità e di svago. Siamo dunque fiduciosi che il 2020 appena iniziato, porterà tantissime novità- conclude Riccardo Pennesi-  Ci stiamo già lavorando con diverse nuove idee che mettono insieme un gruppo volenteroso che riunisce sia la comunità  giovanile di Camerino, sia quella universitaria di Unicam".
C.C.
Al debutto nel giorno dell'Epifania da Camerino, la prima gara del torrone fatto in casa che avrà per giudici i rappresentanti dell'Accademia Italiana della Cucina.
E' l'assoluta novità della "Festa del torrone" che, come da tradizione, conclude il 6 gennaio gli appuntamenti del cartellone natalizio, quest'anno ricchissimo di eventi e appuntamenti per tutti i gusti. Pronti a sfidarsi a colpi di mandorle miele albumi e di ingredienti segreti, saranno i cittadini camerti, protagonisti di un'avvincente gara che decreterà alla fine il torrone più buono e il primo vincitore del concorso. Un giudizio che verrà espresso niente meno che dagli esperti dell'Accademia della cucina italiana, prima tra le associazioni del Paese a difendere e valorizzare la cultura gastronomica italiana e le sue tradizioni regionali.  
L'evento si svolgerà al Sottocorte Village, che vedrà il mastro pasticcere di Casa Francucci Paolo Attili, pronto a superare ancora una volta il record del torrone più lungo del mondo, già premiato in passato col Guinness World record. Le tavole imbandite accoglieranno il gusto di una prelibatezza fuori gara, capace di mettere d'accordo tutti. L'assaggio del gustoso dolce artigianale, fatto d'ingredienti di prima scelta. ogni anno richiama un pubblico sempre numerosissimo. Dunque, al momento tanto atteso della "Festa del Torrone" si aggiungeranno quest'anno delle novità studiate per impreziosire  un evento già di per sè molto attrattivo. 
Prima della gara del torrone fatto in casa (il cui regolamento è consultabile dalla pagina Facebook Camerino - un magico Natale) altra interessante novità sarà rappresentata infatti dall''intervista moderata da Donatella Pazzelli e che vedrà il professor Gianni Sagratini responsabile del corso di scienze gastronomiche dell'Università di Camerino e il dottor Piergiorgio Angelini, accademico della cucina italiana, regalare spunti e approfondire curiosità legate al dolce tipico delle feste natalizie, ma realizzato tutto l'anno in diverse parti d'Italia.
cc
L'architetto Mario Cucinella in collaborazione con Ascolto Attivo è tornato nella città ducale per continuare il percorso avviato dal progetto WSR Camerino con il supporto del Comune di Camerino, UNICAM e Arcidiocesi di Camerino - S. Severino Marche.
Giornata di workshop oggi tra gli architetti dello studio MCA, con la partecipazione del sindaco Sandro Sborgia e di alcuni Consiglieri dell'amministrazione. Presenti anche il rettore di Unicam Claudio Pettinari e rappresentanti dell'Arcidiocesi.
Lincontro con larchittto Cucinella
Nel corso dell'incontro, Mario Cucinella ha illustrato uno studio sullo stato delle trasformazioni che ha subìto la città negli ultimi tre anni e sulle opportunità della ricostruzione. Un lavoro che l'architetto ha deciso di restituire alla città di Camerino, programmando una serie di soluzioni sulla base dei diversi incontri avvenuti nei mesi scorsi con l'amministrazione e l'Università, volti ad aggiornare la prima fase di stesura improntata nei mesi immediatamente successivi al terremoto, con la volontà di trovare insieme dei presupposti per ripartire, nonostante il territorio abbia nel frattempo subito modifiche.
Negli anni del post sisma, la città di Camerino ha registrato lo sviluppo di una nuova centralità urbana di servizi e di residenze ai piedi del centro storico, interventi definiti come “temporanei”  ma che, ad oggi, hanno segnato in modo irreversibile il paesaggio e cambiato le stesse abitudini di vita della comunità. A partire da queste condizioni, risulta però evidente che il centro storico debba rimanere protagonista anche come luogo attivatore di un intervento strategico nella città: il suo “ripopolamento”, per il progetto WSR Camerino, rappresenta l’occasione  di ripartire.

"È stato un incontro molto interessante - ha detto Luca Marassi, Capogruppo di maggioranza e consigliere con delega alla ricostruzione –. Un'opportunità unica per continuare a progettare il futuro insieme alle altre principali istituzioni della città. Soltanto un lavoro in sinergia e coesione d’intenti tra i pilastri del territorio sarà infatti in grado di dare vita ad opportunità reali e positive per la Ricostruzione e lo sviluppo. Tutto va naturalmente considerato con grande attenzione, ma da parte dell'Architetto c'è massima collaborazione ". Riparte dunque una nuova fase progettuale sulla base del confronto con le dinamiche ad oggi in atto nella città e che dovrà inevitabilmente proseguire grazie al coinvolgimento attivo dei cittadini.
Sulla rapina alla farmacia Cottini, avvenuta nei giorni scorsi a Camerino, interviene l'assessore comunale ai lavori pubblici Marco Fanelli. Il suo è un forte messaggio di vicinanza nei confronti di un concittadino e di un amico, rimasto purtroppo vittima di un episodio che ha suscitato profonda impressione in tutta la comunità.  
" Intendo esprimere tutta la mia vicinanza al dottor Enrico Cottini - dice l'assessore-. Quanto è avvenuto non può che addolorarci e provocare un senso di disorientamento. I Carabinieri del Comando Compagnia di Camerino si stanno occupando delle indagini e, insieme alla polizia locale, hanno acquisito le immagini delle telecamere presenti per poter risalire ai colpevoli. A tal riguardo, i filmati della videosorveglianza si rivelano fondamentali e - aggiunge  l'assessore Fanelli-  come amministrazione posso affermare con forza che è nel nostro intento fare tutto il possibile per garantire e aumentare la sicurezza della città. Non a caso- conclude - col tesoretto di 3 milioni di euro abbiamo previsto ldi investire  proprio nell'acquisto di telecamere di videosorveglianza che possano coprire diverse zone cittadine e delle frazioni, al fine di poter garantire un maggiore grado di controllo per la città, anche nelle zone più periferiche".
cc
Camerino e Agna si incontrano ad un anno esatto dalla firma del gemellaggio tra le due città avvenuta il 1 dicembre 2018. Ospite ancora una volta della città ducale, la delegazione del comune padovano guidata dal sindaco Gianluca Piva. Ad accoglierla nella sede comunale, il primo cittadino Sandro Sborgia insieme alla vicesindaco Lucia Jajani, all‘assessore Stefano Sfascia e ai consiglieri Luca Marassi e Riccardo Pennesi. Molto gradita e apprezzata, la visita contribuisce a rafforzare un legame nato all'indomani del sisma e a rinsaldare il patto d'amicizia instaurato tra i due Comuni.
"E’ stato bello incontrarci e ascoltare quanto tengano a Camerino – ha detto la vice sindaco Lucia Jajani – Avevano già visto coi loro occhi le condizioni difficili della nostra città rimasta nei loro cuori, tanto che il legame che si è instaurato da subito, li ha stimolati ad intraprendere diverse iniziative di solidarietà a favore della nostra comunità. Una delle azioni aveva riguardato in particolare  l’Istituto comprensivo Ugo Betti, i cui alunni vorrebbero ora coinvolgere nell'organizzazione di un campo scuola di due giorni. Tra le loro prospettive future c'è anche l'idea di adottare un monumento cittadino da manutenere con la collaborazione di altre realtà locali. Ci è sembrata carina l’idea di poter creare dei collegamenti per promuovere la nostra rievocazione storica della Corsa alla Spada ma anche la possibilità di sviluppare il progetto di dedicare una sezione della loro Biennale d'arte a degli artisti di Camerino". Dal nuovo incontro tra le due realtà, anche l'occasione per uno scambio enogastronomico. Caratteristico del comune veneto di Agna è infatti il grande mercato di prodotti tipici, all'interno del quale c'è la volontà di inserire anche alcune delle specialità del territorio camerte. L'amministrazione comunale di Camerino ricambierà la visita nella primavera prossima. A sottolineare il significato profondo di un patto d'amicizia la cui forza si esprime nel trovare stimoli nuovi che ne rafforzano lo spirito e le finalità, è stato lo stesso primo cittadino: " Sono rapporti che ci danno coraggio. Vanno curati, seguiti ed implementati- ha detto il sindaco di Camerino Sandro Sborgia- Quando le comunità si incontrano e condividono gli stessi valori e principi, mettendo al centro le loro idee e la solidarietà, il minimo che si può fare è continuare a rafforzare ogni azione perchè il legame si mantenga e trovi sempre nuovi motivi per alimentarsi e crescere. Sono rapporti umani che vanno custoditi e coltivati".
A conclusione della visita camerte, la delegazione di Agna ha compiuto un giro in zona rossa.
cc
IMG 20191201 113200

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo