Appennino Foto Festival fa luce sulla rinascita. Già 60 camere prenotate per il periodo degli eventi

Sabato, 19 Giugno 2021 13:08 | Letto 1297 volte   Clicca per ascolare il testo Appennino Foto Festival fa luce sulla rinascita. Già 60 camere prenotate per il periodo degli eventi Senso di appartenenza e motivazione al viaggio. Sono queste le basi da cui riparte la seconda edizione di “Appennino Foto Festival. Luce della rinascita” che dal 17 al 25 luglio prossimi animerà i borghi dei Cinque Comuni (Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo e Serrapetrona). Il calendario è stato presentato questa mattina dai tre fondatori del gruppo organizzatore Photonica 3: Marco Gratani, Stefano Ciocchetti e Sergio Paparoni (assente il quarto fondatore Roberto Verolini ndr). Si tratta, infatti, di un progetto ideato e fortemente voluto dal gruppo belfortese di appassionati  di fotografia, grazie al sostegno dell’Unione Montana dei Monti Azzurri ed alla collaborazione della Regione Marche, del Parco Nazionale dei Sibillini e dei Cinque Comuni. Quest’anno, infatti, diversamente dall’edizione del 2019, è stata inserita Caldarola all’interno di un circuito che vede protagonisti i territori interessanti da una ricostruzione che, seppur abbia preso il via, ha bisogno di valorizzare la bellezza incontaminata che la caratterizza. “Photonica 3 nasce 12 anni fa - dice il presidente Gratani - dalla passione di quattro amici per la fotografia naturalistica e la voglia di far conoscere ed esportare la bellezza dei nostri territori. Negli anni il gruppo è cresciuto e si è affermato con eventi e mostre. In questo 2021 siamo rimasti in bilico fino a poco tempo fa per il Covid: non sapevamo se sarebbe stato possibile organizzare questa manifestazione, ma ci siamo riusciti e possiamo vantare di avere la presenza di nomi internazionali”.  Il marketing territoriale che il festival vuole sostenere ha già il riscontro fattivo di chi, in vista della manifestazione, ha deciso di tornare sui Sibillini per quell’evento che tanto hanno apprezzato due anni fa e che ora conciliano con qualche giorno di vacanza: “Solo per la partecipazione al primo evento - conclude Gratani - sono state già prenotate circa 60 camere in tutto il territorio”. A spiegare l’apertura e la prima parte di appuntamenti previsti dal festival è stato poi  Sergio Paparoni: “Si comincia sabato 17 luglio alle ore 18,30 nella piazza principale di Belforte del Chienti con il taglio del nastro della seconda edizione del Festival che sarà affidato ad una madrina d’eccezione come Licia Colò. Amata conduttrice televisiva, autrice televisiva, scrittrice e blogger italiana, la Colò è nota al grande pubblico come presentatrice di programmi di viaggi tra cui Alle falde del Kilimangiaro e per la sua attività di divulgazione scientifica. È autrice di vari libri che raccontano della vita degli animali e delle sue esperienze in giro per il mondo. Alle 21,15 nella stessa location inaugurale, è in programma la Premiazione della XV Edizione del Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica Asferico, rivista quadrimestrale di fotografia naturalista edita dall’Afni, Associazione Fotografi Naturalisti Italiani. Sul palco, insieme alla giornalista Barbara Olmai, che condurrà anche quest’anno tutti gli eventi, Emanuele Biggi, naturalista, curatore di svariate mostre scientifiche e conduttore della trasmissione GEO su Rai3.  Domenica 18 luglio alle ore 10,00 a Belforte del Chienti ci sarà l’inaugurazione della mostra di Asferico, in cui l’Afni esporrà le 84 Foto finaliste del XV Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica Asferico 2021. Al taglio del nastro prenderà parte un ospite d’eccezione come Stefano Unterthiner, autore di nove libri fotografici, Stefano è stato il primo italiano nella storia della fotografia moderna a lavorare su incarico del National Geographic. Le sue immagini sono pubblicate ed esposte in tutto il mondo e regolarmente premiate al Wildlife Photographer of the Year. Alle 21,15 ritroveremo Stefano Unterthiner in piazzetta a Belforte per presentare “Una vita selvaggia”, in cui porterà il pubblico a conoscere le sue avventure da fotografo naturalista in giro per il mondo.  Lunedì 19 luglio alle ore 21,15 a Caldarola, il filosofo e performer teatrale Cesare Catà, presenta “Cercasi Silvia disperatamente”, spettacolo in cui propone un Giacomo Leopardi diverso da quello conosciuto sui libri di scuola, un ragazzo ribelle e geniale”. Ha proseguito Stefano Ciocchetti: “Giovedì 22 luglio sempre in serata, AFF prosegue il suo viaggio a Serrapetrona con “Paesaggi bestiali”, il libro con cui Marco Colombo, naturalista e fotografo, ci condurrà in un affascinante viaggio alla scoperta della biodiversità italiana.  Venerdì 23 luglio alle 21,15, a Camporotondo di Fiastrone, i tre fotografi Bruno d’Amicis, Luciano Gaudenzio, Maurizio Biancarelli raccontano il loro entusiasmante viaggio attraverso le montagne italiane alla ricerca del SUBLIME grazie a “Un paese mille paesaggi, l’Italia de l’altro versante”. Sabato 24 luglio l’Afni propone una uscita Fotografica di Paesaggio alle Lame Rosse nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, con i Soci della Sezione Marche. In serata a Cessapalombo, il fotografo professionista specializzato in tematiche ambientali e fotografia di paesaggio e montagna Fabiano Ventura e il giornalista Stefano Ardito, una delle voci più autorevoli in Italia in materia di montagna, alpinismo, di sviluppo turistico sostenibile e di conservazione della natura, propongono “Sulle tracce dei ghiacciai” Exploring the past for a sustainable future, un progetto fotografico-scientifico che coniuga comparazione fotografica e ricerca scientifica al fine di divulgare gli effetti dei cambiamenti climatici grazie all’osservazione delle variazioni delle masse glaciali negli ultimi 150 anni. Domenica 25 luglio, ultima giornata del Festival, alle ore 17,00 al Giardino delle farfalle di Cessapalombo, sono previsti laboratori didattici per grandi e piccini insieme ai gestori Fabiana e Patrizio, per divertirsi e imparare il rispetto della natura e degli esseri che la popolano. In serata l’Appennino Foto Festival chiude con un incontro sicuramente di alto livello come tutti quelli inseriti in questa seconda edizione e che non mancherà di richiamare un folto pubblico. Alle 21,15 a Belforte del Chienti il critico d’arte più popolare d’Italia, Vittorio Sgarbi, presenta L’arte nella fotografia naturalistica”. Non si sa ancora se il festival si trasformerà in un evento annuale o biennale, ma la certezza è la volontà di farlo diventare un appuntamento noto a livello nazionale ed internazionale, legato a a questi territori. “Siamo partiti da Cessapalombo - dice il presidente dell’Unione Montana, Giampiero Feliciotti - e abbiamo portato avanti questo progetto anche quando non c’erano i finanziamenti per farlo. Ora è il momento che questo marchio venga supportato economicamente dalle istituzioni ed affidato nella gestione a chi ha la passione e le conoscenze per farlo.  Si tratta di una operazione che, a mio avviso, vale almeno 50mila euro l’annodi investimento affinché le famiglie scelgano questi territori per le ferie e trovino questo appuntamento.  Quest’anno - aggiunge - sono stati coinvolti i Cinque Comuni perché ho sempre lottato per l’identificazione di un territorio che lavori unito e si identifichi per questo”. Gli hanno fatto eco gli amministratori presenti: Giovanni Ciarlantini, Massimiliano Micucci, Michele Borri, Giammario Ottavi nel ribadire che la sensibilizzazione fatta attraverso le foto sarà un volano anche per i cittadini, affinché possano conoscere meglio la terra in cui vivono. “Questo festival - ha detto il presidente del Parco, Andrea Spaterna - potrà contribuire, implementare ed aumentare la cultura del rispetto e dell’attenzione nei confronti della natura e dell’ambiente. Il mio grazie va a questa associazione ed anche all’Occhio nascosto dei Sibillini con cui collaborano, anche perchè le loro immagini hanno contribuito alla realizzazione del nostro calendario del Parco”. Il calendario è stato presentato al Giardino delle Farfalle di Cessapalombo, i cui proprietari, Patrizio Guglini e Fabiana Tassoni hanno colto l’occasione per ricordare che dal 16 al 18 luglio prossimi la loro realtà compirà 10 anni: “Per noi questo festival è stato già un grande piatto dove sono stati messi insieme tanti prodotti. Ha reso possibile illuminare tanti paesi danneggiati dal sisma e mi auguro che la loro passione si possa trasformare in economia per tutti e che molti altri, come noi, decidano di investire in questi territori”. GS
Senso di appartenenza e motivazione al viaggio. Sono queste le basi da cui riparte la seconda edizione di “Appennino Foto Festival. Luce della rinascita” che dal 17 al 25 luglio prossimi animerà i borghi dei Cinque Comuni (Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo e Serrapetrona).

Il calendario è stato presentato questa mattina dai tre fondatori del gruppo organizzatore Photonica 3: Marco Gratani, Stefano Ciocchetti e Sergio Paparoni (assente il quarto fondatore Roberto Verolini ndr).


Si tratta, infatti, di un progetto ideato e fortemente voluto dal gruppo belfortese di appassionati  di fotografia, grazie al sostegno dell’Unione Montana dei Monti Azzurri ed alla collaborazione della Regione Marche, del Parco Nazionale dei Sibillini e dei Cinque Comuni.

Quest’anno, infatti, diversamente dall’edizione del 2019, è stata inserita Caldarola all’interno di un circuito che vede protagonisti i territori interessanti da una ricostruzione che, seppur abbia preso il via, ha bisogno di valorizzare la bellezza incontaminata che la caratterizza.

“Photonica 3 nasce 12 anni fa - dice il presidente Gratani - dalla passione di quattro amici per la fotografia naturalistica e la voglia di far conoscere ed esportare la bellezza dei nostri territori. Negli anni il gruppo è cresciuto e si è affermato con eventi e mostre. In questo 2021 siamo rimasti in bilico fino a poco tempo fa per il Covid: non sapevamo se sarebbe stato possibile organizzare questa manifestazione, ma ci siamo riusciti e possiamo vantare di avere la presenza di nomi internazionali”. 


Il marketing territoriale che il festival vuole sostenere ha già il riscontro fattivo di chi, in vista della manifestazione, ha deciso di tornare sui Sibillini per quell’evento che tanto hanno apprezzato due anni fa e che ora conciliano con qualche giorno di vacanza: “Solo per la partecipazione al primo evento - conclude Gratani - sono state già prenotate circa 60 camere in tutto il territorio”.


A spiegare l’apertura e la prima parte di appuntamenti previsti dal festival è stato poi  Sergio Paparoni: “Si comincia sabato 17 luglio alle ore 18,30 nella piazza principale di Belforte del Chienti con il taglio del nastro della seconda edizione del Festival che sarà affidato ad una madrina d’eccezione come Licia Colò. Amata conduttrice televisiva, autrice televisiva, scrittrice e blogger italiana, la Colò è nota al grande pubblico come presentatrice di programmi di viaggi tra cui Alle falde del Kilimangiaro e per la sua attività di divulgazione scientifica. È autrice di vari libri che raccontano della vita degli animali e delle sue esperienze in giro per il mondo. Alle 21,15 nella stessa location inaugurale, è in programma la Premiazione della XV Edizione del Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica Asferico, rivista quadrimestrale di fotografia naturalista edita dall’Afni, Associazione Fotografi Naturalisti Italiani. Sul palco, insieme alla giornalista Barbara Olmai, che condurrà anche quest’anno tutti gli eventi, Emanuele Biggi, naturalista, curatore di svariate mostre scientifiche e conduttore della trasmissione GEO su Rai3.  Domenica 18 luglio alle ore 10,00 a Belforte del Chienti ci sarà l’inaugurazione della mostra di Asferico, in cui l’Afni esporrà le 84 Foto finaliste del XV Concorso Internazionale di Fotografia Naturalistica Asferico 2021. Al taglio del nastro prenderà parte un ospite d’eccezione come Stefano Unterthiner, autore di nove libri fotografici, Stefano è stato il primo italiano nella storia della fotografia moderna a lavorare su incarico del National Geographic. Le sue immagini sono pubblicate ed esposte in tutto il mondo e regolarmente premiate al Wildlife Photographer of the Year. Alle 21,15 ritroveremo Stefano Unterthiner in piazzetta a Belforte per presentare “Una vita selvaggia”, in cui porterà il pubblico a conoscere le sue avventure da fotografo naturalista in giro per il mondo.  Lunedì 19 luglio alle ore 21,15 a Caldarola, il filosofo e performer teatrale Cesare Catà, presenta “Cercasi Silvia disperatamente”, spettacolo in cui propone un Giacomo Leopardi diverso da quello conosciuto sui libri di scuola, un ragazzo ribelle e geniale”.


Ha proseguito Stefano Ciocchetti: “Giovedì 22 luglio sempre in serata, AFF prosegue il suo viaggio a Serrapetrona con “Paesaggi bestiali”, il libro con cui Marco Colombo, naturalista e fotografo, ci condurrà in un affascinante viaggio alla scoperta della biodiversità italiana.  Venerdì 23 luglio alle 21,15, a Camporotondo di Fiastrone, i tre fotografi Bruno d’Amicis, Luciano Gaudenzio, Maurizio Biancarelli raccontano il loro entusiasmante viaggio attraverso le montagne italiane alla ricerca del SUBLIME grazie a “Un paese mille paesaggi, l’Italia de l’altro versante”. Sabato 24 luglio l’Afni propone una uscita Fotografica di Paesaggio alle Lame Rosse nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, con i Soci della Sezione Marche. In serata a Cessapalombo, il fotografo professionista specializzato in tematiche ambientali e fotografia di paesaggio e montagna Fabiano Ventura e il giornalista Stefano Ardito, una delle voci più autorevoli in Italia in materia di montagna, alpinismo, di sviluppo turistico sostenibile e di conservazione della natura, propongono “Sulle tracce dei ghiacciai” Exploring the past for a sustainable future, un progetto fotografico-scientifico che coniuga comparazione fotografica e ricerca scientifica al fine di divulgare gli effetti dei cambiamenti climatici grazie all’osservazione delle variazioni delle masse glaciali negli ultimi 150 anni. Domenica 25 luglio, ultima giornata del Festival, alle ore 17,00 al Giardino delle farfalle di Cessapalombo, sono previsti laboratori didattici per grandi e piccini insieme ai gestori Fabiana e Patrizio, per divertirsi e imparare il rispetto della natura e degli esseri che la popolano. In serata l’Appennino Foto Festival chiude con un incontro sicuramente di alto livello come tutti quelli inseriti in questa seconda edizione e che non mancherà di richiamare un folto pubblico. Alle 21,15 a Belforte del Chienti il critico d’arte più popolare d’Italia, Vittorio Sgarbi, presenta L’arte nella fotografia naturalistica”.

IMG 8587



Non si sa ancora se il festival si trasformerà in un evento annuale o biennale, ma la certezza è la volontà di farlo diventare un appuntamento noto a livello nazionale ed internazionale, legato a a questi territori.

“Siamo partiti da Cessapalombo - dice il presidente dell’Unione Montana, Giampiero Feliciotti - e abbiamo portato avanti questo progetto anche quando non c’erano i finanziamenti per farlo. Ora è il momento che questo marchio venga supportato economicamente dalle istituzioni ed affidato nella gestione a chi ha la passione e le conoscenze per farlo. 

Si tratta di una operazione che, a mio avviso, vale almeno 50mila euro l’annodi investimento affinché le famiglie scelgano questi territori per le ferie e trovino questo appuntamento. 

Quest’anno - aggiunge - sono stati coinvolti i Cinque Comuni perché ho sempre lottato per l’identificazione di un territorio che lavori unito e si identifichi per questo”.


Gli hanno fatto eco gli amministratori presenti: Giovanni Ciarlantini, Massimiliano Micucci, Michele Borri, Giammario Ottavi nel ribadire che la sensibilizzazione fatta attraverso le foto sarà un volano anche per i cittadini, affinché possano conoscere meglio la terra in cui vivono.

IMG 8589

“Questo festival - ha detto il presidente del Parco, Andrea Spaterna - potrà contribuire, implementare ed aumentare la cultura del rispetto e dell’attenzione nei confronti della natura e dell’ambiente. Il mio grazie va a questa associazione ed anche all’Occhio nascosto dei Sibillini con cui collaborano, anche perchè le loro immagini hanno contribuito alla realizzazione del nostro calendario del Parco”.

IMG 8590


Il calendario è stato presentato al Giardino delle Farfalle di Cessapalombo, i cui proprietari, Patrizio Guglini e Fabiana Tassoni hanno colto l’occasione per ricordare che dal 16 al 18 luglio prossimi la loro realtà compirà 10 anni: “Per noi questo festival è stato già un grande piatto dove sono stati messi insieme tanti prodotti. Ha reso possibile illuminare tanti paesi danneggiati dal sisma e mi auguro che la loro passione si possa trasformare in economia per tutti e che molti altri, come noi, decidano di investire in questi territori”.




GS

Letto 1297 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo