Tampona un'auto e si dà alla fuga, il giorno dopo si costituisce

Giovedì, 18 Novembre 2021 12:37 | Letto 218 volte   Clicca per ascolare il testo Tampona un'auto e si dà alla fuga, il giorno dopo si costituisce Tampona un’auto a bordo di una macchina presa in prestito, si dà alla fuga, poi si costituisce. È accaduto sabato sera a Porto Recanati, vicino a una gelateria del centro. Intorno alle 22 e 30, una Nissan Qashqai ha colpito violentemente un’altra auto guidata da un sessantenne del luogo. Dopo l’impatto la fuga: il conducente si è allontanato dal luogo dell’incidente con l’auto ancora marciante, senza sincerarsi delle condizioni dell’altro uomo a bordo della macchina colpita e senza prestare soccorso.La Polstrada, diretta dal Vice Questore Aggiunto Tommaso Vecchio, si è immediatamente attivata per le indagini del caso, dopo aver ricevuto segnalazione da parte del conducente colpito e di un testimone che aveva assistito all’incidente. Dei due nessuno è riuscito a dare il numero completo della targa della Qashqai, mentre dalle telecamere della sorveglianza non sono emersi dettagli utili all’identificazione dell’auto. Sono bastati comunque i dati parziali della targa: le ricerche, durate alcune ore, hanno fatto luce su una macchina sospetta che corrispondeva agli indizi ricavati fino a quel momento dagli agenti. Combaciavano sia la targa, sia il colore, sia i danni riportati.Il proprietario dell’auto, rintracciato grazie alla banca dati in possesso degli inquirenti, ha dichiarato di aver lasciato la macchina alla figlia. Attraverso un altro “prestito” la figlia dell’intestatario, a sua volta, l’aveva data al fidanzato. Ottenute le generalità e i recapiti dell’effettivo conducente del mezzo al momento dell’incidente, gli agenti hanno tentato senza successo di raggiungerlo. Il giorno dopo, però, si è presentato negli uffici della Polizia, accompagnato dal padre della compagna e proprietario dell’auto, per verbalizzare le sue responsabilità. Gli è stata comminata una sanzione amministrativa superiore ai 300 euro, oltre alla decurtazione di 4 punti dalla patente di guida. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per il sessantenne a bordo della macchina colpita. l.c.
Tampona un’auto a bordo di una macchina presa in prestito, si dà alla fuga, poi si costituisce. È accaduto sabato sera a Porto Recanati, vicino a una gelateria del centro. Intorno alle 22 e 30, una Nissan Qashqai ha colpito violentemente un’altra auto guidata da un sessantenne del luogo. Dopo l’impatto la fuga: il conducente si è allontanato dal luogo dell’incidente con l’auto ancora marciante, senza sincerarsi delle condizioni dell’altro uomo a bordo della macchina colpita e senza prestare soccorso.

La Polstrada, diretta dal Vice Questore Aggiunto Tommaso Vecchio, si è immediatamente attivata per le indagini del caso, dopo aver ricevuto segnalazione da parte del conducente colpito e di un testimone che aveva assistito all’incidente. Dei due nessuno è riuscito a dare il numero completo della targa della Qashqai, mentre dalle telecamere della sorveglianza non sono emersi dettagli utili all’identificazione dell’auto. Sono bastati comunque i dati parziali della targa: le ricerche, durate alcune ore, hanno fatto luce su una macchina sospetta che corrispondeva agli indizi ricavati fino a quel momento dagli agenti. Combaciavano sia la targa, sia il colore, sia i danni riportati.

Il proprietario dell’auto, rintracciato grazie alla banca dati in possesso degli inquirenti, ha dichiarato di aver lasciato la macchina alla figlia. Attraverso un altro “prestito” la figlia dell’intestatario, a sua volta, l’aveva data al fidanzato. Ottenute le generalità e i recapiti dell’effettivo conducente del mezzo al momento dell’incidente, gli agenti hanno tentato senza successo di raggiungerlo. Il giorno dopo, però, si è presentato negli uffici della Polizia, accompagnato dal padre della compagna e proprietario dell’auto, per verbalizzare le sue responsabilità. Gli è stata comminata una sanzione amministrativa superiore ai 300 euro, oltre alla decurtazione di 4 punti dalla patente di guida. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per il sessantenne a bordo della macchina colpita.

l.c.

Letto 218 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo