Un tratto del Chienti in secca, due denunciati per captazione abusiva a scopo idroelettrico

Sabato, 20 Novembre 2021 12:55 | Letto 1051 volte   Clicca per ascolare il testo Un tratto del Chienti in secca, due denunciati per captazione abusiva a scopo idroelettrico Durante  un’operazione mirata alla tutela dell’ecosistema fluviale e alla vigilanza idraulica lungo il Fiume Chienti, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Macerata hanno riscontrato l’abusiva messa in secca di un tratto del corso d’acqua. La causa del prosciugamento di circa 400 metri di alveo è stata individuata dai Carabinieri Forestali in una captazione a scopo idroelettrico. In particolare, i militari hanno constatato che era stato realizzato un terrapieno in ghiaia tale da formare uno sbarramento per l’intera larghezza dell’alveo in modo che tutta l’acqua fosse convogliata nel canale idroelettrico: questo al fine di aumentarne la portata e di conseguenza la produzione di energia anche nei periodi più siccitosi come quelli della scorsa estate. È stato inoltre riscontrato che, anche a valle del sistema di prelevamento del canale idroelettrico, veniva rilasciata nell’alveo del fiume Chienti una minima parte dell’acqua necessaria a garantire il minimo deflusso vitale, comportando ciò una seria minaccia all’integrità della vita dell’ecosistema fluviale. Dallo sviluppo delle successive indagini è emerso peraltro che per i lavori di movimentazione della ghiaia, al fine di realizzare lo sbarramento alle acque a sevizio dell’opera di presa, non esistevano autorizzazioni né idrauliche né paesaggistiche e neppure edilizie. I due responsabili delle aziende proprietarie della derivazione idroelettrica, sono stati di conseguenza denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria per diversi reati, che riguardano violazioni della normativa a tutela delle foreste, delle biodiversità, del paesaggio e dell’ecosistema.In caso di condanna definitiva, i due indagati rischiano pene fino ad un massimo di sette anni, tra reclusione ed arresto e fino a 200 mila euro di ammenda. c.c.
Durante  un’operazione mirata alla tutela dell’ecosistema fluviale e alla vigilanza idraulica lungo il Fiume Chienti, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Macerata hanno riscontrato l’abusiva messa in secca di un tratto del corso d’acqua.

La causa del prosciugamento di circa 400 metri di alveo è stata individuata dai Carabinieri Forestali in una captazione a scopo idroelettrico.

In particolare, i militari hanno constatato che era stato realizzato un terrapieno in ghiaia tale da formare uno sbarramento per l’intera larghezza dell’alveo in modo che tutta l’acqua fosse convogliata nel canale idroelettrico: questo al fine di aumentarne la portata e di conseguenza la produzione di energia anche nei periodi più siccitosi come quelli della scorsa estate.

È stato inoltre riscontrato che, anche a valle del sistema di prelevamento del canale idroelettrico, veniva rilasciata nell’alveo del fiume Chienti una minima parte dell’acqua necessaria a garantire il minimo deflusso vitale, comportando ciò una seria minaccia all’integrità della vita dell’ecosistema fluviale.

Dallo sviluppo delle successive indagini è emerso peraltro che per i lavori di movimentazione della ghiaia, al fine di realizzare lo sbarramento alle acque a sevizio dell’opera di presa, non esistevano autorizzazioni né idrauliche né paesaggistiche e neppure edilizie.

I due responsabili delle aziende proprietarie della derivazione idroelettrica, sono stati di conseguenza denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria per diversi reati, che riguardano violazioni della normativa a tutela delle foreste, delle biodiversità, del paesaggio e dell’ecosistema.

In caso di condanna definitiva, i due indagati rischiano pene fino ad un massimo di sette anni, tra reclusione ed arresto e fino a 200 mila euro di ammenda.
c.c.
Foto chienti rilascio irrisorio 2021



Letto 1051 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo