«La nuova piazza? Un'idea vincente» Clima di speranza tra i commercianti di Visso

Giovedì, 10 Novembre 2022 17:00 | Letto 645 volte   Clicca per ascolare il testo «La nuova piazza? Un'idea vincente» Clima di speranza tra i commercianti di Visso Deve ancora ritagliarsi un posto nel cuore dei vissani, ma sembra che la piazza “provvisoria” intitolata a Maria Cappa stia diventando un fulcro nelle vite dei cittadini e, soprattutto, che abbia convinto i commercianti e le loro attività. Qualcuno si è già spostato sul posto da mesi, altri attendono le ultime rifiniture, qualcun altro dovrà ancora pazientare. Ma di certo, nel prossimo futuro, tutte le vetrine saranno illuminate e vive. In questo modo gli esercenti, dopo la dispersione dell’immediato post terremoto, ritrovano un luogo comune, quasi un centro commerciale a cielo aperto come molti se ne vedono nelle grandi città.Il clima non è di certo quello del pre-sisma, con le estati brulicanti di turisti e di proprietari di seconde case. Le presenze negli ultimi mesi, però, ci sono state. Soprattutto nei fine settimana. «C’è stato un bel via-vai per tutta la bella stagione e la piazza si è sempre riempita nei giorni festivi - racconta Leonardo Casaroli, farmacista che divide la sua attività tra la piazza di Visso, Ussita e Castelsantangelo sul Nera -. Sembra evidente che aver raccolto tutte le attività e i servizi in un unico luogo possa essere una scelta vincente. Abbiamo visto tante persone nei mesi scorsi e vedere tutte le vetrine una di fianco all’altra può fare la differenza: basta pensare ad un cliente della farmacia che deve acquistare un farmaco e, uscendo, passa di fronte al bar. Magari entra e consuma qualcosa. In questo modo si crea indotto e le attività rifioriscono».Il punto tenuto da Federico Santocori, titolare del Bar Centrale, è lo stesso. La sua è stata la prima attività ad insediarsi in piazza Maria Cappa, addirittura diversi mesi prima del taglio del nastro. Dopo il periodo trascorso in una tensostruttura nella zona del Laghetto, «la nuova piazza è un grande passo avanti, rispetto ad altri paesi vicini dove le attività sono rimaste nei container - afferma -. Sembrano essere lontani i tempi in cui davvero non era rimasto nessuno. Ora si ricomincia a vedere un afflusso sempre più consistente di persone e, forse, avremo un vero e proprio cambio di marcia quando arriveranno anche i ristoranti. La scelta di costruire un luogo di aggregazione come questo rimane comunque vincente - conclude -. C’è la preoccupazione per il caro bollette, ma siamo comunque intenzionati a non mollare».Poco distante, arrivato in piazza qualche mese dopo rispetto a Santocori, c’è l’Enoemporio del gusto, di Giuseppe Capocci. Sta ancora aspettando l’insegna per il suo locale, ma le porte sono già aperte per chi ha bisogno di comprare qualcosa. «Dopo il terremoto siamo stati un po’ sbattuti a destra e a sinistra, anche io sono stato qualche tempo al Laghetto - racconta -. Sono stati anni difficili, ma questa nuova piazza è una buona mossa per rilanciarci. È chiaro che le problematiche resteranno fino a quando non sarà ricostruito tutto il paese, ma se non altro ora c’è l’effetto di aggregazione dei diversi esercizi commerciali. Per quanto mi riguarda ho provato anche a reinventarmi. Sono sommelier e ho pensato che, oltre all’edicola e all’emporio, fosse il caso di allargare i miei orizzonti. Ora vendo anche vini e prodotti tipici. Credo sia il modo giusto di offrire un servizio».l.c.Approfondimento nel prossimo numero dellAppennino camerte
Deve ancora ritagliarsi un posto nel cuore dei vissani, ma sembra che la piazza “provvisoria” intitolata a Maria Cappa stia diventando un fulcro nelle vite dei cittadini e, soprattutto, che abbia convinto i commercianti e le loro attività. Qualcuno si è già spostato sul posto da mesi, altri attendono le ultime rifiniture, qualcun altro dovrà ancora pazientare. Ma di certo, nel prossimo futuro, tutte le vetrine saranno illuminate e vive. In questo modo gli esercenti, dopo la dispersione dell’immediato post terremoto, ritrovano un luogo comune, quasi un centro commerciale a cielo aperto come molti se ne vedono nelle grandi città.

Il clima non è di certo quello del pre-sisma, con le estati brulicanti di turisti e di proprietari di seconde case. Le presenze negli ultimi mesi, però, ci sono state. Soprattutto nei fine settimana. «C’è stato un bel via-vai per tutta la bella stagione e la piazza si è sempre riempita nei giorni festivi - racconta Leonardo Casaroli, farmacista che divide la sua attività tra la piazza di Visso, Ussita e Castelsantangelo sul Nera -. Sembra evidente che aver raccolto tutte le attività e i servizi in un unico luogo possa essere una scelta vincente. Abbiamo visto tante persone nei mesi scorsi e vedere tutte le vetrine una di fianco all’altra può fare la differenza: basta pensare ad un cliente della farmacia che deve acquistare un farmaco e, uscendo, passa di fronte al bar. Magari entra e consuma qualcosa. In questo modo si crea indotto e le attività rifioriscono».

Il punto tenuto da Federico Santocori, titolare del Bar Centrale, è lo stesso. La sua è stata la prima attività ad insediarsi in piazza Maria Cappa, addirittura diversi mesi prima del taglio del nastro. Dopo il periodo trascorso in una tensostruttura nella zona del Laghetto, «la nuova piazza è un grande passo avanti, rispetto ad altri paesi vicini dove le attività sono rimaste nei container - afferma -. Sembrano essere lontani i tempi in cui davvero non era rimasto nessuno. Ora si ricomincia a vedere un afflusso sempre più consistente di persone e, forse, avremo un vero e proprio cambio di marcia quando arriveranno anche i ristoranti. La scelta di costruire un luogo di aggregazione come questo rimane comunque vincente - conclude -. C’è la preoccupazione per il caro bollette, ma siamo comunque intenzionati a non mollare».

Poco distante, arrivato in piazza qualche mese dopo rispetto a Santocori, c’è l’Enoemporio del gusto, di Giuseppe Capocci. Sta ancora aspettando l’insegna per il suo locale, ma le porte sono già aperte per chi ha bisogno di comprare qualcosa. «Dopo il terremoto siamo stati un po’ sbattuti a destra e a sinistra, anche io sono stato qualche tempo al Laghetto - racconta -. Sono stati anni difficili, ma questa nuova piazza è una buona mossa per rilanciarci. È chiaro che le problematiche resteranno fino a quando non sarà ricostruito tutto il paese, ma se non altro ora c’è l’effetto di aggregazione dei diversi esercizi commerciali. Per quanto mi riguarda ho provato anche a reinventarmi. Sono sommelier e ho pensato che, oltre all’edicola e all’emporio, fosse il caso di allargare i miei orizzonti. Ora vendo anche vini e prodotti tipici. Credo sia il modo giusto di offrire un servizio».

l.c.

Approfondimento nel prossimo numero dell'Appennino camerte


Letto 645 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo