Dai domiciliari al carcere, si aggrava la misura disposta nei confronti di un sessantenne

Mercoledì, 23 Agosto 2023 11:26 | Letto 340 volte   Clicca per ascolare il testo Dai domiciliari al carcere, si aggrava la misura disposta nei confronti di un sessantenne Insulti e minacce ai carabinieri da parte di un sessantenne finito nei guai per spaccio di stupefacenti. Nei confronti delluomo, già sottoposto ai domicliari, il Giudice di sorveglianza ha disposto  laggravamento della misura detentiva.  Lordine di carcerazione è stato dunque eseguito dai militari della Stazione carabinieri di San Severino Marche. Denunciato nel mese di aprile per detenzione e spaccio di stupefacenti e minaccia e oltraggio nei confronti dei carabinieri intervenuti, pochi giorni dopo aveva colpito al volto un maresciallo che gli stava notificando un atto. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, dopo la convalida, era stato posto ai domiciliari presso la propria abitazione, fino alla condanna emessa dal Tribunale di Macerata. La sospensione della misura degli arresti domiciliari è stata disposta dal Giudice su segnalazione dei carabinieri, che hanno relazionato le numerose violazioni effettuate dal sessantenne alle prescrizioni imposte. In particolare, non solo aveva reagito ai doverosi controlli da parte delle forze dell’ordine insultando e minacciando i militari, ma spesso si era rifiutato o aveva omesso di aprire il portone e di rispondere al telefono, ostacolando l’accertamento in merito alla propria presenza all’interno dell’abitazione, alla cui verifica i militari sono deputati. Era stato inoltre trovato dai militari dell’Aliquota Radiomobile nei pressi dell’abitazione, all’esterno, senza alcuna autorizzazione. In un’altra circostanza costoro erano anche stato minacciati di fare “la stessa fine del maresciallo di San Severino Marche”. L’Ufficio di Sorveglianza di Macerata ha così disposto l’aggravamento della misura in atto.I carabinieri di San Severino Marche hanno dato esecuzione al provvedimento e hanno tradotto l’uomo al carcere di Fermo.
Insulti e minacce ai carabinieri da parte di un sessantenne finito nei guai per spaccio di stupefacenti. Nei confronti dell'uomo, già sottoposto ai domicliari, il Giudice di sorveglianza ha disposto  l'aggravamento della misura detentiva. 
L'ordine di carcerazione è stato dunque eseguito dai militari della Stazione carabinieri di San Severino Marche.

Denunciato nel mese di aprile per detenzione e spaccio di stupefacenti e minaccia e oltraggio nei confronti dei carabinieri intervenuti, pochi giorni dopo aveva colpito al volto un maresciallo che gli stava notificando un atto.
Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, dopo la convalida, era stato posto ai domiciliari presso la propria abitazione, fino alla condanna emessa dal Tribunale di Macerata.

La sospensione della misura degli arresti domiciliari è stata disposta dal Giudice su segnalazione dei carabinieri, che hanno relazionato le numerose violazioni effettuate dal sessantenne alle prescrizioni imposte. In particolare, non solo aveva reagito ai doverosi controlli da parte delle forze dell’ordine insultando e minacciando i militari, ma spesso si era rifiutato o aveva omesso di aprire il portone e di rispondere al telefono, ostacolando l’accertamento in merito alla propria presenza all’interno dell’abitazione, alla cui verifica i militari sono deputati.

Era stato inoltre trovato dai militari dell’Aliquota Radiomobile nei pressi dell’abitazione, all’esterno, senza alcuna autorizzazione. In un’altra circostanza costoro erano anche stato minacciati di fare “la stessa fine del maresciallo di San Severino Marche”.

L’Ufficio di Sorveglianza di Macerata ha così disposto l’aggravamento della misura in atto.
I carabinieri di San Severino Marche hanno dato esecuzione al provvedimento e hanno tradotto l’uomo al carcere di Fermo.

Letto 340 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo