Banner Corridomnia 2022
Una targa per Benedetta Ferretti. Così i vertici regionali hanno omaggiato in mattinata la dottoressa, primario del reparto di Oncologia dell’ospedale Bartolomeo Eustachio di San Severino Marche, in pensione dallo scorso primo maggio. Momenti di commozione tra i colleghi della Ferretti e il personale del suo reparto, che hanno partecipato alla conferenza stampa insieme alla direttrice dell’Area Vasta 3, Daniela Corsi, e all’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini.

«Un esempio da seguire – queste le parole di Saltamartini –. Il modo in cui Benedetta Ferretti ha svolto la sua professione incarna i valori della missione dei medici. È lo stesso approccio che ogni dottore dovrebbe avere, soprattutto in un momento storico in cui la pandemia ha sottolineato ancora di più le difficoltà del servizio sanitario nazionale. L’abnegazione con cui la Ferretti ha affrontato i suoi 22 anni di servizio nel reparto di Oncologia rappresentano motivo di orgoglio per questa struttura. L’intenzione della Regione e del direttivo dell’Area Vasta – prosegue Saltamartini, a cui ha fatto eco Daniela Corsi – è quella di continuare a garantire cure oncologiche di prossimità a questo territorio. Sarà la stessa Ferretti, grazie al servizio di assistenza domiciliare dell’Istituto oncologico marchigiano, a proseguire le attività di cura con un modello sanitario fatto di grande umanità e disponibilità. È un metodo che ogni professionista del settore dovrebbe fare proprio, ed è la direzione che stiamo auspicando».

Emozionata, Benedetta Ferretti ha ringraziato i colleghi e i vertici regionali, oltre alle numerose persone che qualche giorno fa l’hanno salutata al termine del suo ultimo turno di lavoro nell’ospedale settempedano. A sostituirla nel ruolo di guida del reparto di Oncologia è Luca Faloppi, che ha sottolineato l’intenzione di proseguire nel percorso tracciato dalla Ferretti.

Approfondimenti nel prossimo numero de L'Appennino Camerte

Due Consigli comunali che tornano ad incontrarsi e confrontarsi, finalmente in presenza, sui problemi della città.

E’ accaduto a San Severino Marche dove l’assise settempedana ha ricevuto i componenti del Consiglio comunale dei ragazzi dell’istituto comprensivo “P. Tacchi Venturi”.

Il baby sindaco, Alessandro Bordo, e i giovani consiglieri, accompagnati da cinquanta alunni delle classi primaria e secondaria, dal dirigente scolastico, Sandro Luciani, dalla collaboratrice del dirigente, Martina Prosperi, e dalla coordinatrice dei progetti “Cittadinanza e Inclusione”, Alessandra Aronne; si sono accomodati nell’ex aula udienze del Giudice di Pace, a palazzo Governatori, trasformata in sala consiliare a causa dell’inagibilità del palazzo Comunale, attualmente chiuso per i restauri post terremoto.
2 1
“Questi anni segnati dalla pandemia - è intervenuto in aula il sindaco dei ragazzi, Alessandro Bordo - non sono stati facili per noi e per i nostri docenti. Abbiamo dovuto trovare soluzioni per poter collaborare a distanza. Solo grazie a Meet abbiamo potuto incontrare il sindaco e l’assessore alla Cultura e presentarci. Abbiamo poi seguito altri progetti come “RicicliAMO Ragazzi” e partecipato alla inaugurazione dei cestini della differenziata posti nel giardino della nostra scuola. Ci siamo impegnati a partecipare alle celebrazioni delle feste nazionali come il 4 novembre e il 25 aprile”.
3
Dai giovanissimi è arrivata una grande apertura verso gli amministratori più grandi: “Confermiamo la nostra piena disponibilità a proporre e a partecipare alle attività di crescita sociale, culturale, solidale della nostra città. Proprio per quest’ultimo aspetto stiamo curando una iniziativa di fine anno in accordo con l’Unicef, prevista per fine maggio, che vedrà il necessario il coinvolgimento del Comune”.

Sono poi seguite alcune domande rivolte dai giovani assessori e consiglieri ai componenti il Consiglio comunale e la Giunta cittadina. Tra queste, rappresentate dagli alunni della Secondaria, quelle di una maggiore manutenzione del plesso Tacchi Venturi, di spazi e ripari esterni dove poter sostare in caso di maltempo, di una rete Internet migliore, di cestini per le pile esauste e di pulizia e bonifica da parassiti del giardino esterno alla scuola.

4
Dagli alunni della primaria, invece, l’attenzione è stata dedicata ad alcune problematiche osservate vivendo la città: la carenza di cestini in alcune vie, la presenza di buche in alcune strade, una maggiore richiesta di cura del campetto da calcio del Villaggio Campagnano.

Gli studenti della classe 4^ D della scuola primaria hanno chiesto migliorie per il loro plesso: la sistemazione di una parte della recinzione, modifiche ai condizionatori dell’aria, tende esterne per le classi esposte a sud e il montaggio di supporti per la carta igienica nei bagni.

Dai ragazzi anche la richiesta di installazione di cestini per i rifiuti nel giardino scolastico del plesso D’Alessandro e la sistemazione del giardino comunale di via Caccialupi.

“La pandemia - è stata la voce degli alunni del comprensivo - ci ha insegnato che dai momenti difficili possono nascere nuove soluzioni da praticare anche nel ritorno alla normalità. Una di queste, per noi alunni della primaria “L. D’Alessandro” è stata la consumazione del pasto nella propria aula. Chiediamo che questa nuova modalità rimanga anche perché, diversamente, si toglierebbe al plesso un’aula utile ad una classe numerosa. Per il plesso Tacchi Venturi vorremmo chiedere più attenzione alla mensa e chiedere la manutenzione delle finestre delle aule delle classi quinte che si aprono da sole risultando pericolose”.

Da tutti gli alunni dei vari plessi, quelli della Tacchi Venturi, di via D’Alessandro e della frazione di Cesolo, è arrivata infine la richiesta di avere in giardino tavoli e sedie per poter effettuare attività didattica anche all’aperto.

Ai ragazzi, l’amministrazione comunale ha donato l’ultima pubblicazione dello storico locale Raul Paciaroni.





Il Gruppo Amatori 500 di San Severino Marche pronto a festeggiare il quarto di secolo di uno dei raduni di auto storiche dedicate alle nonnine di casa Fiat più seguito d’Italia.

Dopo la lunga sosta imposta dall’emergenza sanitaria da Covid-19, che ha costretto al rinvio della manifestazione nelle ultime edizioni, il sodalizio guidato dall’instancabile Giovanni Cavallini sabato 7 e domenica 8 maggio tornerà in piazza Del Popolo per ospitare oltre 250 equipaggi. Per l’evento che saluterà il quarto di secolo si attende, infatti, un’edizione da record.

Questo il programma: ritrovo nella tarda mattinata del 7 maggio presso la nuova sede del Gruppo Amatori 500 in via della Galetta. Visita guidata alla città e poi partenza per il kartodromo “Il Pipistrello” di Castelraimondo dove si svolgerà la prova di abilità valida per l’assegnazione del Trofeo “Giammario e Graziano Piancatelli”.

In serata cena al ristorante Villa Berta e poi divertimento con artisti a sorpresa.

Domenica 8 maggio ritrovo in piazza Del Popolo e inizio delle iscrizioni poi prova di scorrimento per l’assegnazione del primo Trofeo in memoria di “Roberto Valentini”.

Alle ore 11 partenza da piazza Del Popolo per un breve giro turistico e aperitivo presso la ditta Piancatelli. Infine conclusione con pranzo sociale a Villa Berta durante il quale sarà estratta anche una ricca lotteria.

Per partecipare al raduno è obbligatorio prenotarsi, entro il 30 aprile. Per tutti i conducenti provenienti da oltre 200 chilometri il pernottamento a San Severino Marche sarà offerto dal Gruppo Amatori 500.
Un incendio in località Marciano di San Severino ha bloccato il traffico all’altezza dell’incrocio con Gaglianvecchio. Per cause in corso di accertamento, intorno alle 12 il fuoco è divampato lungo la carreggiata della statale che conduce a Cingoli. Con il ritorno delle prime giornate asciutte, tornano a verificarsi episodi di incendi di sterpaglie, che spesso hanno interessato l’entroterra nel corso della scorsa estate. Sul posto, per domare le fiamme prima che potessero mettere in pericolo gli automobilisti, sono intervenuti i Vigili del fuoco di Macerata, supportati dalla polizia locale di San Severino Marche.

Un altro incendio ha impegnato i pompieri in località Braccano di Matelica. Dopo la chiamata arrivata alle 12.30, il comando ha inviato sul posto due mezzi del 115. L’entità del rogo, le cui cause sono in corso di accertamento, ha richiesto un supporto aggiuntivo: sono infatti partiti verso Matelica altri due automezzi in appoggio a quelli già impegnati a combattere le fiamme. L'incendio è stato così domato e l'intera zona bonificata.

Un terzo incendio, sempre di sterpaglie e arbusti, ha interessato un'area lungo la strada Regina nel territorio di Potenza Picena, con le fiamme che hanno avvolto anche alcune roulotte posizionate nella zona. Anche in questo caso sono intervenute le squadre dei pompieri del comando provinciale di Macerata che hanno provveduto a spegnere il rogo e a bonificare la zona.


pompieri lavoro


Il sindaco della Città di San Severino Marche, Rosa Piermattei, e l’assessore comunale alla Sanità, Jacopo Orlandani, hanno ricevuto questa mattina la consegna delle 6.652 firme raccolte con la petizione popolare in favore del reparto oncologico dell’ospedale civile “Bartolomeo Eustachio” e della dottoressa Benedetta Ferretti.

La consegna è avvenuta per mano del portavoce designato, Carla Soverchia, e di una delle prime firmatarie, Michela Egidi.

Con la petizione il primo cittadino settempedano viene invitato ad “attivarsi in ogni modo e luogo che riterrà opportuno e adeguato – come è scritto nella lettera di consegna protocollata insieme alla sottoscrizione pubblica dei cittadini firmatari – per permettere sia il mantenimento della qualità di struttura semplice Dipartimentale di San Severino Marche – Camerino, al day hospital di Oncologia presso l’ospedale Bartolomeo Eustachio di San Severino Marche, sia il mantenimento dell’incarico alla dottoressa Benedetta Ferretti almeno fino a quando il nuovo primario potrà autonomamente gestire l’intero servizio garantendone la piena e continua funzionalità”.

Le 6.652 firme sono state raccolte in 2 contenitori con 29 buste e consegnate insieme a una tabella riassuntiva dei conteggi firme. Dalla petizione sono state infatti escluse firme prive dei riferimenti ai documenti d’identità dei firmatari stessi e alcuni doppioni.

La petizione continuerà fino al 10 aprile prossimo e, dunque, le firme in questione rappresentano solo una prima trance.

“La dottoressa Ferretti ha dato davvero tanto al nostro ospedale e alle nostre comunità e queste firme, che sono la riprova del suo valore, vogliono solo riconoscere quel che ha fatto per tutti noi con grandissima professionalità e solido spirito di abnegazione – spiega Carla Solverchia in qualità di portavoce designato da chi ha promosso la petizione a norma dell’art. 22 dello Statuto comunale di San Severino Marche, che aggiunge – La petizione non è assolutamente ostile nei confronti del nuovo dirigente, il dottor Luca Faloppi al quale va tutta la nostra stima e il nostro più grande benvenuto. Visto che la dottoressa Ferretti aveva chiesto di poter rimanere nessuno comprende perché questa sua domanda non possa essere accolta in considerazione anche della sua età. Quello che ci piacerebbe – conclude la Soverchia – è che la politica torni ad ascoltare i territori e non che tutto risulti sempre già deciso. Chiederemo, per il tramite del sindaco di San Severino Marche, a tutti altri primi cittadini dell’Area Vasta 3 dell’Asur di sposare i contenuti della petizione e di lottare uniti senza alcuna distinzione politica per quella che riteniamo essere una giusta causa”.

Dopo aver ricevuto le 6,652 firme il sindaco della Città di San Severino Marche, Rosa Piermattei, porterà le richieste avanzate con la petizione alla prossima seduta del Consiglio comunale e i contenuti della stessa sul tavolo del Presidente della Regione Marche e dell’assessore regionale alla Tutela della Salute e alla Sanità.

In occasione della Giornata nazionale per la lotta contro i disturbi del comportamento alimentare domani (martedì 15 marzo) la facciata del Municipio, in piazza Del Popolo, tornerà a colorarsi di lilla.

L’Amministrazione comunale settempedana, infatti, è tornata ad aderire alla campagna promossa dalla onlus Never Give Up, in collaborazione con l’Anci nazionale, in segno di vicinanza a chi si è trovato, o si trova, a vivere costretto nella spirale dei disturbi alimentari che ogni anno, in Italia, interessano qualcosa come 3milioni di adolescenti.

Anoressia, bulimia, binge eating, obesità e tante nuove forme di disagio risultano addirittura aggravate dalle difficoltà legate all’emergenza sanitaria da Covid-19.

La Giornata nazionale dedicata alla lotta contro i disturbi del comportamento alimentare è nata per iniziativa di un genitore che ha perso la figlia di soli 17 anni per bulimia. Serve più informazione in  merito ai disturbi del comportamento alimentare per facilitare la comprensione dei meccanismi psico-biologici che favoriscono la malattia e per diffondere la consapevolezza che questi disturbi possono essere curati attraverso una rete assistenziale orientata all’individuazione precoce del disturbo stesso.

Il Comune di San Severino Marche ha deciso di condividere con la Caritas vicariale alcune iniziative umanitarie a favore della popolazione ucraina colpita dalla guerra che saranno allestite nell’ex Banco dei Pegni annesso alla chiesa di Sant’Agostino.

Intanto per sabato prossimo (5 marzo), alle ore 17, l’Anpi Associazione Nazionale Partigiani d’Italia “Cap. Salvatore Valerio” e il circolo di Legambiente “Il Grillo”, hanno organizzato una manifestazione, aperta a tutti, dal titolo: “Note per la pace in Ucraina nel mondo, suoni e parole per un mondo diverso”. Il ritrovo si terrà in piazza Del Popolo, davanti al teatro comunale Feronia.

All’iniziativa, insieme all’Amministrazione cittadina, hanno già aderito l’Uteam Università della Terza Età dell’Alto Maceratese, la Caritas vicariale, il gruppo Scout Masci, il Centro culturale Tarkovskij, l’Associazione Maestri Cattolici, il Corpo filarmonico bandistico “Francesco Adriani” Città di San Severino Marche, l’associazione Il Sognalibro, l’associazione culturale La Zattera e il Gruppo vocale Tourdion Ensemble.

Il sit-in, partendo dagli eventi bellici in Ucraina, costituirà un momento di riflessione culturale sul conflitto e non solo.





Il Comune di San Severino Marche ha presentato la candidatura per l’accesso ai fondi del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, proponendo un intervento di adeguamento alla normativa antisismica, con efficientamento energetico, della scuola secondaria di primo grado “P. Tacchi Venturi”, storico edificio risalente agli anni Ottanta del secolo scorso che dal dopoterremoto 2016 ospita anche una parte degli alunni della scuola primaria “Luzio”.

La costruzione si compone di un corpo di fabbrica principale a due piani fuori terra e di due corpi laterali giuntati sismicamente ma collegati al corpo principale da percorsi, destinati l’uno ad uso palestra e l’altro ad aule didattiche.

L’intervento prevede, dal punto di vista strutturale, l’adeguamento sismico dell’edificio di tutti e tre i corpi di fabbrica per l’adeguamento ai più moderni livelli di sicurezza. Dal punto di vista impiantistico, inoltre, si prevede di effettuare l’efficientamento energetico di tutto il complesso mediante opere di coibentazione delle pareti e della copertura, la sostituzione degli infissi più vetusti e il rifacimento degli impianti. Inoltre, visto che di recente sono stati installati impianti di ventilazione meccanica controllata in diverse aule, si prevede il completamento dell’intervento in questione con l’installazione di rilevatori di Co2, di umidità e di presenza che possano aumentare le prestazioni del sistema stesso riducendo al minimo il consumo di elettricità.

Sarà inoltre progettata la sostituzione di tutti i corpi illuminanti con elementi a led e l’installazione di sistemi di controllo automatico degli impianti al fine di ridurre tutti i consumi. Da ultimo si prevede il recupero delle acque meteoriche per riutilizzarle per usi non potabili. Dal punto di vista architettonico si prevede infine la riqualificazione di tutti gli ambienti con l’utilizzo di materiali naturali o riciclati. Sarà ritrasformato anche l’atrio che diventerà un luogo di aggregazione per attività didattiche interclasse ed extra scolastiche. Si interverrà anche sulla palestra per la quale dovrà essere prevista una doppia funzione di auditorium oltre che di luogo per le attività sportive.

Complessivamente sono stati previsti interventi per oltre 7 milioni di euro.

Ancora una presa di posizione forte sul reparto di Oncologia di San Severino Marche. I promotori della raccolta firme “Salviamo Oncologia di Camerino – San Severino” tornano a chiedere la permanenza in servizio del primario Benedetta Ferretti nei prossimi due anni. Il comitato rimane scettico sulle rassicurazioni arrivate negli scorsi mesi dalla Direttrice dell’Area Vasta 3, Daniela Corsi, e dell’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini. Entrambi hanno garantito il mantenimento del servizio del Day hospital e la sostituzione della Ferretti con un medico già assunto. Saltamartini ha addirittura rilanciato, parlando dell’allargamento dei servizi offerti ai pazienti oncologici. L’idea dell’assessore è quella di potenziare la presenza dell’Istituto oncologico marchigiano – particolarmente attivo nell’anconetano – nel maceratese. A guidare questi servizi di assistenza domiciliare potrebbe essere proprio Benedetta Ferretti.

Rassicurazioni insufficienti secondo il comitato. I promotori della petizione lamentano il fatto che il sostituto della Ferretti non sia ancora in servizio nel reparto settempedano, oltre alla mancanza di conferme sull’ampliamento dell’area di influenza dell’Istituto oncologico marchigiano. L’imminente pensionamento del primario di Oncologia – previsto per il prossimo primo maggio – continua dunque a destare preoccupazione.

«Come si può, in così poco tempo, pensare che il sostituto della dottoressa Ferretti possa anche solo prendere le consegne dalla sua predecessora? Perché viene concesso un così breve tempo a un tale passaggio del testimone, se s’intende assicurare il mantenimento della struttura? – chiedono dal comitato – I nostri dubbi permangono, come pure la crescente preoccupazione dei pazienti che non può essere dissipata dalle sole promesse ottenute. I mesi trascorsi e l’imminenza della pensione rendono ancora più necessario il mantenimento in servizio della dottoressa Ferretti, proprio per assicurare la sopravvivenza del reparto. Il richiamo in servizio di medici in pensione rende ancora più incomprensibile il “No” detto alla richiesta della dottoressa Ferretti di rimanere in servizio per altri due anni – fanno sapere –. Invitiamo tutti a firmare la petizione che da alcuni giorni sta girando ovunque nelle Marche. Stanno arrivando adesioni da tutta la regione e anche da fuori, da parte di ex pazienti, professionisti e semplici persone che hanno potuto apprezzare le qualità professionali e umane della dottoressa Ferretti. Ogni informazione sui punti di raccolta firme potrà essere recuperato nella nostra pagina Facebook Salviamo Oncologia San Severino Marche-Camerino».

l.c.
I volontari settempedani del gruppo comunale di Protezione Civile e dell’Associazione Nazionale Carabinieri hanno preso parte al corso di formazione per addetti alla segnalazione aggiuntiva della Federciclismo riservato a tutte le persone che svolgono compiti di presidio ai bivi e incroci durante le competizioni ciclistiche. Si tratta di figure obbligatorie nelle gare di fondo, medio fondo e gran fondo per le quali è richiesto un blocco del traffico superiore a 15 minuti e che vedono la partecipazione di un numero significativo di atleti iscritti.

Il corso Asa, oltre ad alcune lezioni teoriche e pratiche, si è concluso per tutti con un esame scritto che, di fatto, abilita i volontari a prestare il loro servizio a supporto delle forze dell’ordine.

All’evento formativo è intervenuto per un saluto il comandante della Polizia Locale del Comune di San Severino Marche, il sostituto commissario Adriano Bizzarri, il quale oltre a dare il benvenuto ai partecipanti ha ricordato come il ruolo del volontario sia ormai divenuto essenziale in ogni tipo di manifestazione e, specialmente, nelle competizioni ciclistiche su strada. A sottolineare l’importanza dell’iniziativa anche l’assessore comunale alla Sicurezza, Jacopo Orlandani, che ha voluto ringraziare il presidente dell’Asd Tormatic Pedale Settempedano, Maurizio Bordi, il comandante Bizzarri e i presidenti delle due associazioni coinvolte, Dino Marinelli per la Protezione Civile e Francesco Cicconi per l’Associazione Nazionale Carabinieri.

I volontari Asa venerdì 11 marzo saranno operativi in occasione del transito della gara ciclistica Tirreno-Adriatico anche nel territorio settempedano.

Pagina 1 di 24

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo