Si sottrae all'obbligo di sorveglianza, arrestato extracomunitario

Venerdì, 27 Maggio 2016 10:06 | Letto 1307 volte   Clicca per ascolare il testo Si sottrae all'obbligo di sorveglianza, arrestato extracomunitario I Carabinieri di Chiaravalle, nel corso di un normale controllo ai passeggeri di un autobus di linea, hanno sottoposto a controllo un cittadino nigeriano che alla vista dei militari ha cercato di dileguarsi. Immediatamente bloccato dalla pattuglia, si è scoperto che si trattava di un sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Staffolo. Portato in caserma per ulteriori accertamenti, l’extracomunitario è stato arrestato per violazione alla sorveglianza speciale e condotto presso la sua abitazione agli arresti domiciliari. A Santa Maria Nuova, invece, i militari della locale Stazione hanno denunciato un uomo per simulazione di reato e ricettazione, avendo scoperto che il denaro asportato dalle slot machine installate all’interno del suo esercizio, il cui furto fu da lui stesso denunciato qualche mese fa, altro non era che una simulazione. Ora nei suoi confronti pende un’accusa di simulazione di reato e ricettazione, realizzato con il concorso di una donna, che i militari stanno cercando di identificare.

I Carabinieri di Chiaravalle, nel corso di un normale controllo ai passeggeri di un autobus di linea, hanno sottoposto a controllo un cittadino nigeriano che alla vista dei militari ha cercato di dileguarsi. Immediatamente bloccato dalla pattuglia, si è scoperto che si trattava di un sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Staffolo.

Portato in caserma per ulteriori accertamenti, l’extracomunitario è stato arrestato per violazione alla sorveglianza speciale e condotto presso la sua abitazione agli arresti domiciliari.

A Santa Maria Nuova, invece, i militari della locale Stazione hanno denunciato un uomo per simulazione di reato e ricettazione, avendo scoperto che il denaro asportato dalle slot machine installate all’interno del suo esercizio, il cui furto fu da lui stesso denunciato qualche mese fa, altro non era che una simulazione. Ora nei suoi confronti pende un’accusa di simulazione di reato e ricettazione, realizzato con il concorso di una donna, che i militari stanno cercando di identificare.

Letto 1307 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo