Gestione dell’Acqua a Camerino . Intervento del M5S: “Confusi e infelici? “

Giovedì, 07 Luglio 2016 19:47 | Letto 2041 volte   Clicca per ascolare il testo Gestione dell’Acqua a Camerino . Intervento del M5S: “Confusi e infelici? “ Netta presa di posizione da parte del Movimento 5 Stelle di Camerino sul servizio idrico gestito dalla municipalizzata ASSM e sulla potabilità- non potabilità dellacqua che interessa alcune frazioni del territorio comunale di Camerino. Negli ultimi giorni erano stati emessi alcuni divieti, riferiti all’utilizzo dell’acqua potabile e, in seguito revocati per alcune frazioni. “Ci troviamo ad analizzare un periodo alquanto singolare della normale amministrazione del neo gestore del servizio idrico ASSM,- si legge nel comunicato- soprattutto dal punto di vista della trasparenza dell’azione amministrativa da parte del comune di Camerino, delle misure adottate alle prime difficoltà sul campo, delle dichiarazioni rese tempestivamente (quelle, più che tempestive) da sindaco e società. Dichiarazioni spesso poco chiare, contraddittorie nella realtà, all’apparenza fuorvianti e tendenti a contendersi meriti, ove invece, sembrano persistere negligenze e responsabilità Certamente noi non siamo tecnici del settore, ma fruitori del servizio, e non possiamo non notare che regna una confusione mai vista prima”. Chiede una maggiore trasparenza da parte dell’amministrazione comunale la referente del M5S Monica Pigotti: “Non è la prima volta – spiega- che vengono emesse delle ordinanze di non potabilità dellacqua; non è la prima volta che viene riaperto laccesso allacqua potabile ad alcune frazioni anche limitrofe tra loro mentre il divieto di utilizzo resta per alcune. Non è la prima volta- prosegue Monica Pigotti- che ci sono disservizi e, considerato che l’ASSM è entrata a gestire il servizio idrico di Camerino solo il primo gennaio di questanno, ebbene, in 7 mesi sicuramente non abbiamo ricevuto risposte alle nostre domande, nè riferite ai dati richiesti anche in passato; risposta non hanno avuto anche gli stessi consiglieri di minoranza, taluni anche tecnici, come Marco Fanelli che è tecnico dellArpam. Si capisce bene dunque che non sono solo voci e preoccupazioni di corridoio ma che c’è un’ effettiva preoccupazione dei cittadini, e non solo di quelli che fruiscono del servizio nelle fazioni. Il problema è sentito da tutti quei cittadini che fruiscono del servizio anche altrove, pure dove abbiamo acqua che possiamo ancora bere dal rubinetto ma che continuiamo comunque a pagare in maniera di certo non poco salata. .

Netta presa di posizione da parte del Movimento 5 Stelle di Camerino sul servizio idrico gestito dalla municipalizzata ASSM e sulla potabilità- non potabilità dell'acqua che interessa alcune frazioni del territorio comunale di Camerino. Negli ultimi giorni erano stati emessi alcuni divieti, riferiti all’utilizzo dell’acqua potabile e, in seguito revocati per alcune frazioni.

Ci troviamo ad analizzare un periodo alquanto singolare della normale amministrazione del neo gestore del servizio idrico ASSM,- si legge nel comunicato- soprattutto dal punto di vista della trasparenza dell’azione amministrativa da parte del comune di Camerino, delle misure adottate alle prime difficoltà sul campo, delle dichiarazioni rese tempestivamente (quelle, più che tempestive) da sindaco e società. Dichiarazioni spesso poco chiare, contraddittorie nella realtà, all’apparenza fuorvianti e tendenti a contendersi meriti, ove invece, sembrano persistere negligenze e responsabilità Certamente noi non siamo tecnici del settore, ma fruitori del servizio, e non possiamo non notare che regna una confusione mai vista prima”.

Chiede una maggiore trasparenza da parte dell’amministrazione comunale la referente del M5S Monica Pigotti: “Non è la prima volta – spiega- che vengono emesse delle ordinanze di non potabilità dell'acqua; non è la prima volta che viene riaperto l'accesso all'acqua potabile ad alcune frazioni anche limitrofe tra loro mentre il divieto di utilizzo resta per alcune. Non è la prima volta- prosegue Monica Pigotti- che ci sono disservizi e, considerato che l’ASSM è entrata a gestire il servizio idrico di Camerino solo il primo gennaio di quest'anno, ebbene, in 7 mesi sicuramente non abbiamo ricevuto risposte alle nostre domande, nè riferite ai dati richiesti anche in passato; risposta non hanno avuto anche gli stessi consiglieri di minoranza, taluni anche tecnici, come Marco Fanelli che è tecnico dell'Arpam. Si capisce bene dunque che non sono solo voci e preoccupazioni di corridoio ma che c’è un’ effettiva preoccupazione dei cittadini, e non solo di quelli che fruiscono del servizio nelle fazioni. Il problema è sentito da tutti quei cittadini che fruiscono del servizio anche altrove, pure dove abbiamo acqua che possiamo ancora bere dal rubinetto ma che continuiamo comunque a pagare in maniera di certo non poco salata".

.

Letto 2041 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo