Ruba un costoso telefono ma viene subito arrestato. E’ un 22enne già noto per reati contro il patrimonio

Mercoledì, 13 Luglio 2016 19:02 | Letto 1699 volte   Clicca per ascolare il testo Ruba un costoso telefono ma viene subito arrestato. E’ un 22enne già noto per reati contro il patrimonio Ruba un costoso telefono ma viene subito arrestato. E’ un 22enne già noto per reati contro il patrimonio       Furto di un telefono cellulare di ingente valore in un negozio“Vodafone” del centro di Civitanova Marche. Gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza sono giunti immediatamente sul posto. Uno dei due commessi del negozio nel frattempo era riuscito a fermare il giovane ladro che, commesso il furto, aveva cercato di allontanarsi . Si tratta di un cittadino di origini rumene di 22 anni,, residente in Puglia e attualmente domiciliato a Civitanova. Era stato notato in negozio da uno dei due commessi quando, dopo essersi avvicinato ad un espositore della Apple, aveva forzato il sistema di sicurezza di uno dei telefoni, impossessandosi di un apparecchio del valore di circa 800 euro. Il commesso era riuscito a fermare il giovane il quale, nel tentativo di dileguarsi, aveva gettato a terra l’apparecchio danneggiandolo in più parti. L’immediato arrivo degli agenti, ha impedito ogni tentativo di fuga al giovane che è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato e, dopo gli atti di rito, associato al carcere di Camerino a disposizione dell’A.G. in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.  A seguito di successivi accertamenti espletati in ufficio, è emerso che il ragazzo non era nuovo ad episodi del genere tant’è che risultava destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica di Modena (per reati contro il patrimonio commessi altrove), che ne disponeva l’accompagnamento in carcere in caso di rintraccio. Il provvedimento è stato notificato all’arrestato.

Ruba un costoso telefono ma viene subito arrestato. E’ un 22enne già noto per reati contro il patrimonio

 

 

 

Furto di un telefono cellulare di ingente valore in un negozio“Vodafone” del centro di Civitanova Marche.

Gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza sono giunti immediatamente sul posto. Uno dei due commessi del negozio nel frattempo era riuscito a fermare il giovane ladro che, commesso il furto, aveva cercato di allontanarsi . Si tratta di un cittadino di origini rumene di 22 anni,, residente in Puglia e attualmente domiciliato a Civitanova. Era stato notato in negozio da uno dei due commessi quando, dopo essersi avvicinato ad un espositore della Apple, aveva forzato il sistema di sicurezza di uno dei telefoni, impossessandosi di un apparecchio del valore di circa 800 euro.

Il commesso era riuscito a fermare il giovane il quale, nel tentativo di dileguarsi, aveva gettato a terra l’apparecchio danneggiandolo in più parti. L’immediato arrivo degli agenti, ha impedito ogni tentativo di fuga al giovane che è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato e, dopo gli atti di rito, associato al carcere di Camerino a disposizione dell’A.G. in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.  A seguito di successivi accertamenti espletati in ufficio, è emerso che il ragazzo non era nuovo ad episodi del genere tant’è che risultava destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica di Modena (per reati contro il patrimonio commessi altrove), che ne disponeva l’accompagnamento in carcere in caso di rintraccio. Il provvedimento è stato notificato all’arrestato.

Letto 1699 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo