"Pasta di Camerino" apre le porte agli accademici di San Paolo del Brasile

Sabato, 12 Gennaio 2019 11:08 | Letto 1786 volte   Clicca per ascolare il testo "Pasta di Camerino" apre le porte agli accademici di San Paolo del Brasile Una delegazione di docenti e dottorandi della ESPM, prestigiosa università di San Paolo del Brasile, è stata ospitata ieri nella sede dell’azienda Entroterra S.P.A. della famiglia Maccari, titolare del marchio “Pasta di Camerino”. Il gruppo di esperti in comunicazione e strategie di mercato dell’ateneo privato brasiliano, è in regione per un corso intensivo sul Made in Italy nell’ambito di un progetto che ha ottenuto il finanziamento europeo, coordinato dall’Università di Macerata e dal CIAS, Centro Italiano Analisi Sensoriale di Matelica. Guidata dai fratelli  Federico e Lorenzo Maccari, nel corso della loro tappa nell’azienda fiore all’occhiello della realtà territoriale camerte, la delegazione ha potuto conoscere le modalità di realizzazione, commercializzazione e promozione dell’unica pasta prodotta in chiave artigianale con materie prime 100 per cento italiane e con filiera tracciabile.  Non sono mancate domande circostanziate da parte degli accademici, interessati ad approfondire e carpire tante più informazioni possibili, utili al loro percorso di ricerca. Un’occasione di confronto e scambio definita molto interessante e costruttiva dallo stesso Federico Maccari, AD di Entroterra S.P.A. “ Un’opportunità significativa sotto tutti i punti di vista- ha commentato- ; non dimentichiamo infatti che ci stiamo affacciando con i nostri prodotti proprio sul mercato brasiliano le cui potenzialità di sviluppo sono davvero molto interessanti”. Nel percorso che è stato predisposto per loro in terra marchigiana, gli accademici brasiliani della ESPM hanno potuto testare numerosi esempi che testimoniano la caparbietà e la forte determinazione a proseguire nella sfida delle produzioni di eccellenza, nonostante le tante avversità del post sisma. E il progetto di UNIMC e CIAS rappresenta un’opportunità in più per accendere i riflettori internazionali sulle aziende marchigiane resilienti del territorio, tra le quali l’azienda della famiglia Maccari di Camerino si inserisce a pieno titolo. Non era ancora trascorso un anno dalle prime scosse dell’ottobre 2016 quando il  padiglione produttivo di Torre del Parco è stato raddoppiato, passando da 5 mila metri quadrati a 10 mila, aumentando la produzione di pasta e assumendo 14 nuovi dipendenti.  C.C.

Una delegazione di docenti e dottorandi della ESPM, prestigiosa università di San Paolo del Brasile, è stata ospitata ieri nella sede dell’azienda Entroterra S.P.A. della famiglia Maccari, titolare del marchio “Pasta di Camerino”. Il gruppo di esperti in comunicazione e strategie di mercato dell’ateneo privato brasiliano, è in regione per un corso intensivo sul Made in Italy nell’ambito di un progetto che ha ottenuto il finanziamento europeo, coordinato dall’Università di Macerata e dal CIAS, Centro Italiano Analisi Sensoriale di Matelica. Guidata dai fratelli  Federico e Lorenzo Maccari, nel corso della loro tappa nell’azienda fiore all’occhiello della realtà territoriale camerte, la delegazione ha potuto conoscere le modalità di realizzazione, commercializzazione e promozione dell’unica pasta prodotta in chiave artigianale con materie prime 100 per cento italiane e con filiera tracciabile.

Lorenzo Maccari spiega le fasi di lavorazione del prodottoPasta di Camerino

 Non sono mancate domande circostanziate da parte degli accademici, interessati ad approfondire e carpire tante più informazioni possibili, utili al loro percorso di ricerca. Un’occasione di confronto e scambio definita molto interessante e costruttiva dallo stesso Federico Maccari, AD di Entroterra S.P.A. “ Un’opportunità significativa sotto tutti i punti di vista- ha commentato- ; non dimentichiamo infatti che ci stiamo affacciando con i nostri prodotti proprio sul mercato brasiliano le cui potenzialità di sviluppo sono davvero molto interessanti”. Nel percorso che è stato predisposto per loro in terra marchigiana, gli accademici brasiliani della ESPM hanno potuto testare numerosi esempi che testimoniano la caparbietà e la forte determinazione a proseguire nella sfida delle produzioni di eccellenza, nonostante le tante avversità del post sisma. E il progetto di UNIMC e CIAS rappresenta un’opportunità in più per accendere i riflettori internazionali sulle aziende marchigiane resilienti del territorio, tra le quali l’azienda della famiglia Maccari di Camerino si inserisce a pieno titolo. Non era ancora trascorso un anno dalle prime scosse dell’ottobre 2016 quando il  padiglione produttivo di Torre del Parco è stato raddoppiato, passando da 5 mila metri quadrati a 10 mila, aumentando la produzione di pasta e assumendo 14 nuovi dipendenti. 

C.C.

Un momento del focus in azienda

Letto 1786 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo