Un incendio le cui cause sono in corso di accertamento, ha interessato questa mattina una struttura adiacente al palazzetto dello sport di Valfornace. Sul posto è intervenuta la squadra del distaccamento dei vigili del fuoco di Visso che ha provveduto a spegnere il rogo.

A dare l'allarme sono stati i volontari della Pro Loco accortisi del fumo che usciva dai locali della struttura, in breve tempo lambita dalle fiamme e distrutta. La costruzione di proprietà della pro loco, era stata realizzata dopo il sisma del 1997 e messa a disposizione per attività del sociale. 
  All'interno c'erano piani cottura,, 4 frigoriferi e una cella frigo. 
Di concitazione e grande spavento riferisce il neo-presidente della Pro Pieve Jorge Quinones  che, in accordo con tutto il direttivo, si è visto costretto ad annullare la festa della birra prevista per questa sera.
I locali della struttura andata a fuoco venivano infatti utilizzati come cucina e deposito per le bevande e i prodotti alimentari. come quelli che sarebbero serviti per l'evento di questa sera.  Locali che erano serviti anche per la preparazione dei pasti per le scuole delocalizzate nelle tende. Sul posto anche un'autobotte inviata dal comando provincile di Macerata e i vigili del fuoco di Camerino, poco prima impegnati in altro intervento ad Esanatoglia,
Spente le fiamme, bonificata l'area e scongiurato ogni ulteriore pericolo, il gruppo compatto della Pro Pieve non si è perso d'animo. Subito si sono dati da fare per la verifica dei danni ai materiali già pronti da giorni per lo svolgimento delle due serate tanto attese accorgendosi che i fusti di birra erano salvi.  E se per forza di cose il primo appuntamento ha dovuto essere cancellato, grazie al fattivo impegno del presidente e dei suoi collaboratori, tutto potrà svolgersi regolarmente per la serata di domani. 
Dunque, almeno per sabato 30 luglio, la festa della birra di Valfornace è al sicuro. 

c.c.
Grave incidente in mattinata tra Sant’Egidio e Sambucheto. Poco dopo le 10, per cause in corso di accertamento, una Fiat Multipla blu notte si è scontrata frontalmente con un autoarticolato. Illeso l’autista del camion, mentre sono serie le conseguenze per il conducente dell’auto. Pur non essendo in pericolo di vita, i traumi riportati nello scontro hanno reso infatti necessario l’intervento di Icaro. L’eliambulanza ha provveduto al trasporto dell’autista, un 59enne originario della zona, all’ospedale regionale di Torrette in codice rosso.

Sul posto i sanitari del 118, i vigili del fuoco di Macerata e le forze dell’ordine per i rilievi.
A fuoco un appartamento nella serata di ieri a Piediripa. Spavento per gli inquilini di una palazzina nella frazione maceratese dove, intorno alle 20.30, è divampato un incendio. Ad andare in fiamme un appartamento del terzo piano: il fumo che si è sviluppato nel palazzo ha bloccato le persone ai piani superiori. Intervenuti prontamente, i vigili del fuoco hanno sedato l’incendio e hanno messo in sicurezza l’area. Gli appartamenti al quarto e al quinto piano sono stati resi momentaneamente inagibili proprio a causa del fumo. Gli inquilini di quei piani, cinque famiglie in tutto, si sono quindi temporaneamente trasferiti in un alloggio messo a disposizione dal Comune di Macerata.
Tragico epilogo nelle ricerche di Michele Sensini, il quarantasettenne scomparso da ieri pomeriggio dopo essere uscito per un giro in bici. Il cadavere dell'uomo, infatti, è stato ritrovato in fondo ad un canalone nella zona di San Lorenzo di Fiastra dove Sensini era stato visto per l'ultima volta da due abitanti del luogo.

Secondo le prime ricostruzioni Sensini sarebbe caduto nel canalone a causa del cedimento per una frana del sentiero che stava percorrendo.

Una tragedia che getta nello sconforto non solo la famiglia (il fratello Mario, che aveva anche lanciato un appello social dopo la scomparsa, è capo dell'ufficio stampa del commissario Legnini), ma un intero territorio dove l'opera e la persona di Michele Sensini, tra l'altro guida escursionistica del Parco dei Sibillini, di cui era stato anche addetto stampa così come del comune di Fiastra, era conosciuta e apprezzata.

articolo precedente:

Proseguiranno senza sosta anche durante la notte
, con l'arrivo di squadre e personale specializzato, le ricerche di Michele Sensini, il quarantasettenne di cui non si hanno più notizie dal pomeriggio di ieri dopo che l'uomo, molto conosciuto nella zona per la sua professione di guida escursionistica e per essere stato anche addetto stampa del comune di Fiastra e dell'ente Parco dei Sibillini, era uscito per fare un giro in bici.

Alcuni testimoni dichiarano di averlo visto imboccare un sentiero che conduce nella zona della diga sul lago di Fiastra, dopo di che di Michele Sensini si sono perse tutte le tracce.

A dare l'allarme è stata la compagna che lo attendeva a Roma, dove vive, in mattinata e che non riuscendo a raggiungerlo neppure telefonicamente ha allertato i soccorsi.

Per l'intera giornata la zona è stata battuta da carabinieri, carabinieri forestali, vigili del fuoco, volontari della protezione civile, uomini dell'ente Parco dei Sibillini e del soccorso alpino. La zona è stata costantemente sorvolata anche da un elicottero dell'aerenoutica militare. Purtroppo, però, le ricerche non hanno dato ancora alcun esito.

articolo precedente:

Apprensione a Fiastra dove dal pomeriggio di ieri si sono perse le tracce di un uomo di 47 anni, Michele Sensini, guida escursionistica e già addetto stampa del comune e dell'ente Parco dei Sibillini, fratello di Mario capo ufficio stampa del commissario Legnini. 

L’uomo è stato visto uscire in bici nel tardo pomeriggio dalla propria abitazione e percorrere un sentiero che conduce nella zona della diga. L’allarme è stato dato nella mattinata di oggi dalla compagna, che risiede a Roma, e che il quarantasettenne avrebbe dovuto raggiungere.

Sono così scattate le ricerche, finora senza alcun esito, nella zona intorno al lago dove sono impegnate forze dell’ordine, vigili del fuoco, volontari della protezione civile, uomini del soccorso alpino anche con l’ausilio di un elicottero dell'aerenoutica militare.

(servizio in aggiornamento)
Colto da un malore mentre cerca di far ripartire la sua auto a spinta. Ha perso la vita così, intorno alle 10 e mezza di stamattina, un anziano di Pieve Torina di circa ottanta anni. Stando alle prime ricostruzioni delle forze dell’ordine, l’auto della vittima dell’incidente si è fermata vicino all’area Sae di Pieve Torina. L’anziano è sceso, tentando di rimettere in moto a spinta. In quei momenti si è sentito male, cadendo a terra. L’auto a quel punto lo ha schiacciato. L’ottantenne, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, è morto sul colpo. È stato il malore a essergli fatale.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Camerino, i Vigili del fuoco di Macerata e i sanitari del 118. Allertata anche l’eliambulanza, che è successivamente rientrata alla base dopo che i medici hanno accertato che per l’anziano non ci fosse più nulla da fare.
Un incendio in località Marciano di San Severino ha bloccato il traffico all’altezza dell’incrocio con Gaglianvecchio. Per cause in corso di accertamento, intorno alle 12 il fuoco è divampato lungo la carreggiata della statale che conduce a Cingoli. Con il ritorno delle prime giornate asciutte, tornano a verificarsi episodi di incendi di sterpaglie, che spesso hanno interessato l’entroterra nel corso della scorsa estate. Sul posto, per domare le fiamme prima che potessero mettere in pericolo gli automobilisti, sono intervenuti i Vigili del fuoco di Macerata, supportati dalla polizia locale di San Severino Marche.

Un altro incendio ha impegnato i pompieri in località Braccano di Matelica. Dopo la chiamata arrivata alle 12.30, il comando ha inviato sul posto due mezzi del 115. L’entità del rogo, le cui cause sono in corso di accertamento, ha richiesto un supporto aggiuntivo: sono infatti partiti verso Matelica altri due automezzi in appoggio a quelli già impegnati a combattere le fiamme. L'incendio è stato così domato e l'intera zona bonificata.

Un terzo incendio, sempre di sterpaglie e arbusti, ha interessato un'area lungo la strada Regina nel territorio di Potenza Picena, con le fiamme che hanno avvolto anche alcune roulotte posizionate nella zona. Anche in questo caso sono intervenute le squadre dei pompieri del comando provinciale di Macerata che hanno provveduto a spegnere il rogo e a bonificare la zona.


pompieri lavoro


Forti raffiche di vento, come da allerta diramata dalla protezione civile e valida per l’intera giornata di oggi, stanno creando non pochi problemi a causa di rami e alberi abbattuti che hanno richiesto diversi interventi dei vigili del fuoco nell’anconetano e in diverse località della provincia di Macerata. Per preservare l’incolumità delle persone e mettere in sicurezza le sedi stradali, interventi di rimozione di rami e piante cadute hanno interessato in particolare le zone di Belforte del Chienti, Corridonia, San Severino Marche, Treia.
Le forze dell’ordine raccomandano prudenza agli automobilisti.

Servizio in aggiornamento

c.c.
Un morto e un ferito grave. Questo il bilancio dell’incidente avvenuto stanotte sulla statale 502 a Cingoli. Un camioncino con a bordo cinque operai residenti in Lombardia è finito nella scarpata, ribaltandosi. Il conducente – di 25 anni – è deceduto sul colpo, uno dei passeggeri è stato trasferito all’ospedale Torrette di Ancona, seppur non versi in pericolo di vita.

Non sono chiare le motivazioni dell’incidente: stando alle ricostruzioni, intorno alle 21.30 di ieri sera il camioncino ha sbandato mentre percorreva una curva all’altezza della Fileni, finendo quindi nella scarpata dopo essersi ribaltato diverse volte. Immediatamente allertati da altri automobilisti e da uno dei passeggeri del mezzo, i Vigili del fuoco di Macerata sono intervenuti per estrarre due degli operai rimasti incastrati nella cabina, uno dei quali, il conducente, aveva già perso la vita. Sul posto anche i pompieri di Ancona con una gru, i sanitari del 118 e i carabinieri della stazione di Cingoli.

l.c.
Autobotte in fiamme in mattinata, illeso il conducente. Succede stamattina a Matelica, intorno alle 10 in via Merloni, dove un autobotte che trasportava farina è stata avvolta dalle fiamme. A scatenare l'incendio, stando alle ricostruzioni dei Vigili del fuoco, sarebbe stato l'eccessivo surriscaldamento dei freni. Illeso il conducente del veicolo. Le fiamme sono state sedate dai pompieri della caserma di Camerino, intervenuti insieme a quelli di Macerata con tre mezzi. La zona è stata messa in sicurezza, mentre si attende ora che il serbatoio si raffreddi per procedere con le operazioni di travaso del contenuto.

l.c.
Autoarticolato si rovescia su una rotatoria bloccando il traffico: autista finisce all’ospedale. È successo stamattina a Fabriano, intorno alle dieci, quando un camion si è ribaltato mentre percorreva una rotatoria in via Casoli. Il carico di ghiaia si è sparso sulla sede stradale, interrompendo il traffico. Sul posto una squadra dei Vigili del fuoco di Fabriano, intervenuti con un’autobotte e un mezzo 4x4, i sanitari del 118 e i carabinieri della stazione locale. L’autista, dopo essere stato estratto dal camion, è stato trasportato all’ospedale fabrianese, mentre i pompieri si sono occupati della messa in sicurezza della zona.

l.c.
Pagina 1 di 12

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo