Unicam e Fondazione Tim, avviano Pyton@Camerino 2019

Venerdì, 30 Agosto 2019 13:32 | Letto 317 volte   Clicca per ascolare il testo Unicam e Fondazione Tim, avviano Pyton@Camerino 2019 La sezione di Informatica dell’Università di Camerino è pronta ad accogliere la settimana della “summer school” dedicata al linguaggio Python, a conclusione della quale il 7 settembre avrà luogo l’inaugurazione del laboratorio che andrà ad arricchire in maniera stabile le dotazioni dell’ateneo. Il Progetto Python@Camerino, si deve alla Fondazione TIM, decisa a di sostenere l’Università di Camerino nelle attività di ripresa dagli eventi sismici del 2016, per rafforzarne il ruolo nella ricerca e nella didattica, attraverso un’iniziativa che offre concrete opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. L’avvio del progetto, reso possibile dal contributo di 100.000 euro erogato attraverso un bando da Fondazione TIM, ha permesso l’organizzazione dell’edizione 2019 della Python Summer School, con l’apporto e il fondamentale impegno del gruppo di lavoro della sezione di Informatica di Unicam coordinato dal prof. Flavio Corradini, unitamente ai ricercatori di e-Lios, spin off di Unicam. Linguaggio di programmazione emergente in ambito accademico, Pyton risulta essere sempre più utilizzato dal mercato. Le esigenze di programmatori sono infatti stimate in aumento del 30% entro il 2020 e Python è tra i linguaggi più richiesti. Grande soddisfazione per il successo del progetto, è stata espressa dal Rettore dell’Università di Camerino prof. Claudio Pettinari: “Ringrazio, a nome di tutta la comunità universitaria, la Fondazione TIM per aver voluto sostenere il nostro Ateneo attraverso il finanziamento di questo progetto che prevede azioni sia sull’offerta formativa che sulle strutture messe a disposizione dei nostri studenti, per poter fornire loro una formazione sempre più specifica e professionalizzante e spendibile nel mondo del lavoro. Unicam ha saputo trasformare le criticità sorte in seguito al sisma in opportunità e la progettualità emersa dai nostri docenti e ricercatori ha evidenziato come si possa trarre il meglio in ogni occasione e quanta competenza e creatività siano bagaglio necessario in ogni ambito”. Giunta alla dodicesima edizione, la scuola estiva Python, oramai, attrae a livello internazionale studenti da tutto il mondo; trenta i giovani studenti universitari provenienti da Paesi quali Germania, Argentina, Polonia, Olanda, Messico, USA, Giappone, Canada e Italia che lo scorso anno vi hanno partecipato all’Università di Camerino. Altrettanti saranno gli studenti partecipanti all’edizione di quest’anno, provenienti da tutto il mondo, per una settimana di formazione alla quale interverranno esperti docenti di livello internazionale e, volta a consolidare le competenze di programmazione (utilizzo di git e GigHub, NumPy, decorator, context managers, generator e parallel programming, documentazione del software, testing, ecc) e gli skill sempre più necessari in ambito informatico come la programmazione in team “Python@Camerino - spiega la dott.ssa Loredana Grimaldi, Direttore Generale di Fondazione TIM- è un progetto emerso grazie ad un’iniziativa con cui ogni anno la Fondazione TIM da’ spazio all’espressione delle migliori energie dei colleghi del Gruppo TIM al servizio di cause socialmente utili. Tale progetto è coerente con la nostra mission di innovazione sociale e con la volontà di essere impegnati con un contributo concreto per la ripresa del territorio dopo il sisma del 2016. La formazione dei giovani nell’ambito delle tecnologie più innovative e richieste da un mercato in forte sviluppo e il respiro internazionale che l’eccellenza di un partner come Unicam ha garantito al progetto sono la migliore risposta alle difficoltà presenti e la premessa per generare un impatto positivo di medio e lungo termine, vero obiettivo di tutti i progetti con capacità trasformative”.
La sezione di Informatica dell’Università di Camerino è pronta ad accogliere la settimana della “summer school” dedicata al linguaggio Python, a conclusione della quale il 7 settembre avrà luogo l’inaugurazione del laboratorio che andrà ad arricchire in maniera stabile le dotazioni dell’ateneo.

Il Progetto Python@Camerino, si deve alla Fondazione TIM, decisa a di sostenere l’Università di Camerino nelle attività di ripresa dagli eventi sismici del 2016, per rafforzarne il ruolo nella ricerca e nella didattica, attraverso un’iniziativa che offre concrete opportunità di inserimento nel mondo del lavoro. L’avvio del progetto, reso possibile dal contributo di 100.000 euro erogato attraverso un bando da Fondazione TIM, ha permesso l’organizzazione dell’edizione 2019 della Python Summer School, con l’apporto e il fondamentale impegno del gruppo di lavoro della sezione di Informatica di Unicam coordinato dal prof. Flavio Corradini, unitamente ai ricercatori di e-Lios, spin off di Unicam. Linguaggio di programmazione emergente in ambito accademico, Pyton risulta essere sempre più utilizzato dal mercato. Le esigenze di programmatori sono infatti stimate in aumento del 30% entro il 2020 e Python è tra i linguaggi più richiesti.

Grande soddisfazione per il successo del progetto, è stata espressa dal Rettore dell’Università di Camerino prof. Claudio Pettinari: “Ringrazio, a nome di tutta la comunità universitaria, la Fondazione TIM per aver voluto sostenere il nostro Ateneo attraverso il finanziamento di questo progetto che prevede azioni sia sull’offerta formativa che sulle strutture messe a disposizione dei nostri studenti, per poter fornire loro una formazione sempre più specifica e professionalizzante e spendibile nel mondo del lavoro. Unicam ha saputo trasformare le criticità sorte in seguito al sisma in opportunità e la progettualità emersa dai nostri docenti e ricercatori ha evidenziato come si possa trarre il meglio in ogni occasione e quanta competenza e creatività siano bagaglio necessario in ogni ambito”.

Giunta alla dodicesima edizione, la scuola estiva Python, oramai, attrae a livello internazionale studenti da tutto il mondo; trenta i giovani studenti universitari provenienti da Paesi quali Germania, Argentina, Polonia, Olanda, Messico, USA, Giappone, Canada e Italia che lo scorso anno vi hanno partecipato all’Università di Camerino. Altrettanti saranno gli studenti partecipanti all’edizione di quest’anno, provenienti da tutto il mondo, per una settimana di formazione alla quale interverranno esperti docenti di livello internazionale e, volta a consolidare le competenze di programmazione (utilizzo di git e GigHub, NumPy, decorator, context managers, generator e parallel programming, documentazione del software, testing, ecc) e gli skill sempre più necessari in ambito informatico come la programmazione in team

Python@Camerino - spiega la dott.ssa Loredana Grimaldi, Direttore Generale di Fondazione TIM- è un progetto emerso grazie ad un’iniziativa con cui ogni anno la Fondazione TIM da’ spazio all’espressione delle migliori energie dei colleghi del Gruppo TIM al servizio di cause socialmente utili. Tale progetto è coerente con la nostra mission di innovazione sociale e con la volontà di essere impegnati con un contributo concreto per la ripresa del territorio dopo il sisma del 2016. La formazione dei giovani nell’ambito delle tecnologie più innovative e richieste da un mercato in forte sviluppo e il respiro internazionale che l’eccellenza di un partner come Unicam ha garantito al progetto sono la migliore risposta alle difficoltà presenti e la premessa per generare un impatto positivo di medio e lungo termine, vero obiettivo di tutti i progetti con capacità trasformative”.


Letto 317 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo