Nuovi successi per l'università di Camerino, risultata vincitrice di una delle cinque borse di studio messe a disposizione dalla Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus, nell’ambito dell'iniziativa "Dottorati e progetti di ricerca in materie umanistiche". Candidati alla terza edizione erano cinquantasei progetti  provenienti da 25 università italiane.

 “Leadership culturale per lo sviluppo rurale”  il progetto risultato vincitore e presentato da Lucia Ruggeri, docente della Scuola di Giurisprudenza, nell’ambito del dottorato di ricerca su “Il diritto civile nella legalità costituzionale”.

Grazie al finanziamento, la dottoranda Karina Zabrodina svolgerà uno studio sulla regolamentazione post-sisma e sulla rivitalizzazione delle zone colpite dal terremoto. L' approccio multidisciplinare è teso ad analizzare possibili direttrici di sviluppo promuovendo l’uso della cosiddetta leadership culturale.
delegazione UNICAM
La dott.ssa Zabrodina (nella foto sopra ) fruirà di periodi di formazione in Giappone in un centro di eccellenza quale è la Toyo University di Tokyo, con la quale la Scuola di Giurisprudenza di Unicam ha già attiva una proficua collaborazione.

Alla cerimonia tenutasi ieri a Milano era presente anche il rettore Claudio Pettinari, ospite della manifestazione unitamente al team di ricerca camerte.

“A nome dell’intera comunità universitaria – ha sottolineato il rettore Pettinari – mi congratulo con la prof.ssa Ruggeri e con il suo gruppo di ricerca per aver ottenuto questo importante risultato, volto alla formazione di giovani ricercatori, con una potenziale ricaduta sullo sviluppo del nostro territorio”.
cc



A Camerino, verrà attivato un programma di borse di studio triennali per rendere appetibile l'attività professionale di giovani medici specializzandi capace di attrarre altri professionisti. Ad annunciare il progetto e l'intesa raggiunta tra Unicam, Area Vasta 3 e Direzione sanitaria regiionale, è stato il direttore generale dell'Area Vasta 3 Alessandro Maccioni. Lo ha fatto intervenendo all'incontro "Insieme a Camerino per la Ricerca" organizzato da Soroptimist International Club Macerata, Kiwanis Club Macerata, Rotary Club Camerino Tolentino Macerata e Inner Wheel Camerino. Insieme alla buona notizia dell'attivazione del programma utile ad attrarre professionalità, competenze e intelligenze nel territorio camerte, le parole del direttore dell'Area Vasta 3 hanno toccato anche la problematica delle ridotte risorse sanitarie del Paese e fornito rassicurazioni sul futuro dell'ospedale di Camerino e sull'impegno a risolvere la questione della carenza di personale nel reparto di Cardiologia.
" E' un periodo difficile per la sanità nazionale - ha dichiarato Maccioni- ma quello che riusciamo a garantire sia in Italia sia nelle Marche, seppure con risorse insufficienti rispetto a quello che ci si aspetterebbe da un sistema pubblico e rispetto al finanziamento che invece troviamo in altri Paesi europei, è una sanità di qualità. Riusciamo comunque a fare tante belle cose e come Area Vasta 3, siamo diventati attrattivi per studi clinici importanti. Al netto delle risorse del 2018 da destinare a medici, infermieri e a chi lavora sui progetti di ricerca, abbiamo introitato una somma di circa 180 mila euro per il potenziamento delle nostre attrezzature, per borse di studio e per assumere medici anche a tempo determinato." 
Nel sottolineare che Camerino deve diventare più attrattivo per i professionisti e per i medici, Maccioni si è soffermato sulla questione della carenza di personale a Cardiologia: "Il problema  è che non riusciamo a immettere 5 medici più il primario- ha detto- A luglio agosto per garantire l'assistenza h24 si è fatto ricorso a personale medico aggiuntivo che, per ragione di costi, non può continuare. A Cardiologia oggi sono presenti quattro medici più il primario ma  per dicembre dovremmo riuscire a contrattualizzare un'altra figura che attualmente è specializzanda.
Non c'è alcuna intenzione, nè volontà nascosta di chiudere l'ospedale di Camerino- ha rassicurato- Sarebbe assurdo: è un nosocomio da un punto di vista strutturale modernissimo, antisismico, a norma antincendio cerificata per cui, nessun direttore e nessun gestore della sanità pubblica, potrebbe pensare a un'idea del genere. Il problema della cardiologia c'è, ma perchè appunto c'è la cardiologia e ci sono dei reparti d'eccellenza come l'ortopedia diretta dal dottor Di Matteo. Proprio a questo riguardo, pochi giorni fa ci siamo incontrati  con il rettore di Unicam Pettinari, insieme alla neo direttrice dell'Asur regionale Nadia Storti per l'attivazione di borse di studio a valenza triennale da offrire a giovani medici specializzandi nelle varie specialità della medicina, chirurgia, ortopedia, cardiologia e nei rami del farmaceutico e della farmacologia. La finalità del progetto è quella di dare la possibilità ai giovani che escono dalle università e dalle scuole di specializzazione, di lavorare nell'ospedale di Camerino e nel contempo fare ricerca nell'ateneo di Unicam, attraverso gruppi di lavoro e pubblicazioni che, soprattutto all'inizio, potranno essere utilizzati per valorizzare la loro carriera  Noi- ha rimarcato Maccioni-dobbiamo cambiare paradigma e modo di pensare: dobbiamo partire da quello che c'è , che c'è rimasto e che c'è sempre stato dopo il terremoto.
Il punto di  partenza non deve essere quello che manca, ma quello che c'è. C'è l'università che non ha mai cessato di esistere nè mai sospeso le sue attività; c'è la sanità che non ha mai fatto notizia su questo terrritorio perchè l'ospedale ha tenuto, non ha mai riportato danni dal sisma e ha assistito le persone come andavano assisitite. Da subito abbiamo trasferito le persone ospiti delle case di riposo, in altre strutture che erano a disposizione nell'area Vasta 3, Noi ci siamo e non abbiamo mai arretrato. Il problema che c'è -ha concluso- è temporaneo ed è un problema che riguarda tutta l'Italia, perchè non si fa altro che parlare della carenza dei medici.
La struttura sanitaria di Camerino è moderna, efficiente e faremo di tutto per risolvere il problema della cardiologia e qualsiasi altra questione che nel corso dei giorni e dei mesi potrà prospettarsi. L'ospedale e la sanità sono strutture vive e per ogni struttura viva possono presentarsi difficoltà. I problemi ci stanno ma ci stanno anche per essere risolti: noi ci siamo e li affrontiamo anche d'intesa con il sindaco di Camerino, con l'università e con tutti gli operatori che insistono su questo territorio".
cc 

Giornata importante oggi per Unicam che alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato avvio al suo 684.mo anno. Utopia e scrupolo i temi scelti dall'Ateneo per questa edizione alla quale ha portato il saluto anche il presidente della Regione Ceriscioli. Conte é arrivato intorno alle 13.15 per recarsi più tardi a Venezia dove la situazione è drammatica insieme a quella di altri comuni colpiti da un'eccezionale ondata di piogge e  maltempo. Utopia e scrupolo, le due parole chiave sulle quali tutti dovranno impegnarsi al massimo per raggiungere degli obiettivi di ripresa, sviluppo e rilancio. Si sono giocati su queste due parole tutti gli interventi che si sono susseguiti dal palco in un avvio accademico che il rettore Pettinari ha voluto dedicare alla senatrice a vita Liliana Segre, scampata ai campi di sterminio nazisti e "il cui insegnamento è da portare nel cuore".
"Unicam al 684 mo genetliaco - ha detto il Presidente del Consiglio- dalla sua lunghissima tradizione, ha dimostrato grandissima capacità di onorare la sua antica storia. Studium Camerte, primo della Regione già dal 1200 e punto riferimento per teología diritto matematica". Rivolto agli studenti ha parlato della piaga dei sottoccupati precari che contrasta col dettato costituzionale, e, "le sfide del presente, purtroppo non sono state all'altezza".  Ha detto di aver letto con attenzione le pagine toccanti scritte dal rettore Pettinari, rimanendo colpito dalla volontà di essere vivi dimostrata dall'università, e, sempre tenendosi in contatto con la comunità delle ragazze e dei ragazzi.  Colpito dal racconto del rettore a invitare l'ingegnere dell'ufficio tecnico a non spegnere le luci del campus anche a mezzanotte, segno di voler mantenere alta l'attenzione sulla storia dell'ateneo e sull'impegno ad andare avanti.  Sforzi ammirevoli quelli fatti dall'università di Camerino, a partire dalla discussione delle lauree, tenutesi solo ad una settimana dalle scosse.  E poi tutti i passi succcessivi  affrontati con grande spirito di condivisione e grande coraggio. 
Screenshot 20191114 011508


WhatsApp Image 2019 11 13 at 15.18.59 1
Conte ha detto che quella di Camerino è una comunità che va ricordata a tutta l'Italia perché  ha stretto i denti per continuare ad esistere e mantenersi viva.`Avete un grande compito e una grande sfida. La vostra é una comunità resiliente che vive in un rapporto armonioso col territorio. Ma non si può fare solo affidamento su saggezza e resilienza. Noi ci stiamo impegnando e stiamo lavorando tutti insieme per trovare soluzioni. E' un obiettivo che va afferrato, da tutti condiviso e rafforzato. Se tutti contribuiamo nella parte rispettiva -ha sottolineato - possiamo arrivate a grandi risultati". Quanto ad essere approdati ad un nuovo decreto sisma, Conte ha detto di essersi reso conto che la ricostruzione non è mai riuscita  a decollare, ecco perché è nato il nuovo strumento normativo.
"Rischiamo di essere bravi a distanza di tempo nel consegnare alle comunità un futuro che non esiste, per cui, ci auguriamo che questo  strumento possa essere definitivo. Tutti partecipiamo intorno al tavolo e personalmente desidero che il decreto sia condiviso insieme a tutti. Si attende dunque da queste norme un'accelerazione per la Ricostruzione privata, anche con l'anticipo ai tecnici e per la Ricostruzione pubblica, con le misure per lo smaltimento delle macerie". Il Premier  ha molto apprezzato la ricerca "Nuovi sentieri di sviluppo per l'Appennino Marchigiano dopo il sisma 2016", promossa dal Consiglio regionale delle Marche e realizzata dalle 4 università che risponde  pienamente alla morfologia antropica dei luoghi e sulla quale si è espresso affermando "cercheremo di rinvigorirla  attraverso maggiori misure per lo sviluppo di questi luoghi".
Infine il Premier ha assicurato impegno da parte del  Governo affinché il territorio sia mantenuto e possa tornare integro.
Ai giovani ha augurato di realizzare i loro sogni e di spendere bene gli anni dello studio, del dialogo e della esperienza. "Il governo a voi affida la speranza di quello che domani vogliamo essere". In chiusura  di cerimonia, il rettore Claudio Pettinari ha consegnato al Premier il sigillo di Ateneo.
Numerose le autorità militari, civili e istituzionali presenti da tutto il territorio limitrofo, provinciale regionale e nazionale, in un'auditorium Benedetto XIII gremito e particolarmente attento per tutta la durata della cerimonia. 
conte 1
Il Presidente del Consiglio non si è poi sottratto ad una dichiarazione conclusiva, prima di partire per Venezia.
"Essere qui oggi a dare avvio al percorso di crescita culturale e professionale dei giovani, a rinvigorirlo e rilanciarlo anche in prospettiva - ha detto- è un segnale importante. Avevo preso l'impegno di intervenire e l'ho fatto con molto piacere perchè questa è una comunità che ha subito un grave vulnus e una grave ferita, Ci tenevo ad essere vicino a questa comunità. Qui -ha continuato- ho trovato davvero un calore particolare da parte di tutta la città, da parte dei giovani, del personale tecnico amministrativo, dei rappresentanti istituzionali". Quanto al nuovo Decreto Legge Sisma, il premier ha ricordato che si è in fase di conversione e che il decreto è un po' particolare in quanto la competenza è del Governo che lo ha elaborato e approvato ed ora è sottoposto al vaglio delle forze parlamentari che avranno l'ultima parola "ma c'è sempre la costante presenza della comunità locale, dei suoi esponenti e delle autorità del territorio. Noi lo stiamo condividendo con loro in un tavolo; ieri erano a Palazzo Chigi per aggiornarsi e per dare il loro contributo.  E questo è molto bello; quando parlo di 'sistema Italia', addirittura noi stiamo traducendo tutto questo su un iter legislativo e su uno strumento normativo. E' inutile varare provvedimenti normativi su provvedimenti,dobbiamo invece varare misure concrete per la comunità ed è la ragione per cui io sono tornato a sollecitare questo nuovo decreto legge. Qualcuno ha detto che ci si è arrivati siccome c'erano prossime le elezioni in Umbria ma questo è un modo molto meschino di ragionare: noi invece cerchiamo di fare qualcosa di veramente utile per le comunità locali e saremo sempre molto vicini a loro".   
conte
Forte emozione per il rettore dell'università di Camerino Claudio Pettinari che ha definito tutto l'evento positivo e galvanizzante. Questa la sua dichiarazione conclusiva: " Il Presidente ci ha dimostrato davvero grande vicinanza, la voglia di lavorare con noi e l'impegno a far ripartire questo territorio. Ci ha dedicato molto più tempo di quello che avremmo immaginato, colloquiando cordialmente con tutti. Ci ha fatto piacere sentire dalla sua voce di aver trovato un'accoglienza meravigliosa e ne siamo davvero felici e orgogliosi. Abbiamo lavorato da umili servitori dello Stato come facciamo tutti i giorni". 

C. Campetella
IMG 20191114 012938
l'intervento del rettore Claudio Pettinari 
lIMG 20191113 WA0014
l'arrivo del Premier
IMG 20191113 WA0016
L'omaggio del sindaco di Camerino Sborgia al Presidente 

IMG 20191113 WA0017
Foto di gruppo col rettore Pettinari , il personale universitario e dell'ufficio comunicazione Unicam
WhatsApp Image 2019 11 13 at 15.33.00
il presidente Ceriscioli





Sei milioni e 900 mila euro. E' la cifra raccolta attraverso l'iniziativa di solidarietà promossa dal Comitato Sisma di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil e presentata a Camerino nel corso di un workshop all'auditorium Benedetto  XIII
Cento per cento resilienza è la parola chiave che ha costituito la base di tutta l'operazione giunta a finanziare 130 progetti nelle quattro regioni del cratere, grazie alle donazioni ricevute dalla solidarietà diretta dei lavoratori e delle Imprese. Un programma che ha avuto per macrotemi la promozione del tessuto produttivo e delle occupazioni, il miglioramento della qualità della vita e la lotta dell'abbandono.  
IMG 20191107 124856
L'incontro camerte, occasione per fare il punto su come sono state impiegate le risorse raccolte e  i cui numeri sono stati sintetizzati nell'intervento conclusivo di  Davide Martina, rappresentante del Comitato Sisma: 62 per cento per la promozione della formazione e del tesuto produttivo e occupazionale, 38 per cento per il miglioramento della qualità della vita e contrasto all'abbondono dei territori. Nell'elaborazione finale dei dati tutti i progetti dal più piccolo, la stalla di Villa Cagnano, al più grande, il nuovo laboratorio per le indagini di chimica analitica e analisi chimico -fisica dell'Universitàdi Camerino. "Parola chiave è resilienza - ha detto- Martina- perchè sindaci, associazioni imprenditori, sindacati e lavoratori, sanno meglio di chiunque altro quali sono i bisogni di una comunità e di un territorio. Voi siete la dimostrazione che comunque il metodo resiliente paga e porta a dei risultati". Tra i risultati c'è appunto la creazione di un nuovo laboratorio di analisi chimiche i cui macchinari sono stati acquistati e già in uso all'università di Camerino, grazie all'iniziativa solidale e ai fondi raccolti dal Comitato Sisma costituito dalla rete sindacale. Nel corso dell'incontro si sono valutati, stato di avanzamento dei lavori, raggiungimento dei risultati, impatto dei programmi e obiettivi, nei rispettivi progetti sui quali si è investito130 in totale dei quali 40 riguardano la Regione Marche e che hanno prodotto 392 posti di lavoroGiunto a metà percorso, il programma triennale vede già completati 41 progetti. Nel corso della mattinata è stato possibile visionare i macchinari già in funzione presso il laboratorio di chimica dell'ateneo di Camerino, d'importanza fondamentale per le esigenze di formazione e specializzazione degli studenti e per innovazione  e ricerca delle imprese del territorio.
IMG 20191107 105521
Al Benedetto XIII si sono anche alternate le testimonianze di altri beneficiari dei progetti i cui programmi sono indirizzati alla valorizzazione delle eccellenze e delle tipicità locali o all'acquisto di forniture di beni e macchinari hi-tech per la creazione di nuove opportunità di mercato, o ancora che puntano a lavoro, formazione e specializzazione professionale dei lavoratori per favorire l'attrattività e l'innovazione dei territori. Presentati inoltre progetti destinati alle famiglie e alle comunità residenti nel cratere e volti al miglioramento dei servizi di assistenza ad anziani, minori e a supporto delle persone svantaggiate,come alla creazione di nuove opportunità e investimenti nei settori dell'ambiente e del turismo. 

" Grazie a questi investimenti e risorse che vengono dai lavoratori- ha detto il Rettore di Unicam Claudio Pettiinari- l'ateneo ha già potuto iniziare a dare risposte alle imprese del territorio. E' un primo step per essere competitivi domani perchè oltre alla ricostruzione c'è necessità di lavoro e sviluppo". 
IMG 20191107 104909
"L'impresa deve essere a fianco della ricerca - ha commentato Giovanni Brugnoli, vice presidente Confindustria per il Capitale Umano- perché la ricerca genera nuovi prodotti che vengono industrializzati, creano sviluppo e posti di lavoro. Motivo d'orgoglio essere stati a fianco dell'università di Camerino  per  i laboratori di chimica, lotto destinato proprio al rilancio delle imprese di questo territorio  gravemente colpito. Confindustria insieme alle categorie dei sindacati hanno voluto dare un messaggio di vicinanza  alla popolazione. Imprese e lavoratori hanno messo a disposizione un ingente cifra, investendo in nuovi laboratori che sono il fiore all'occhiello dell'università e che,  grazie alla ricerca di nuovi prodotti, saranno i fiori all'occhiello della nostra industria italiana". 
"Al centro di questa giornata- ha aggiunto Andrea Cuccelo di Cisl- c'è il valore della bilateralità. A favore di questi territori feriti, nel giro di pochi giorni abbiamo raccolto una cifra molto importante trasformandola in progetti di ricostruzione  dei tessuti industriale, artigianale e sociale, elementi fondamentali per la ripartenza. Poi qui c'è un problema molto serio di denatalità e spopolamento ma, con le grandi città sempre più difficili da vivere e con il peggioramento dei servizi, questi luoghi possono diventare molto attrattivi  e lo possiamo fare attraverso progetti seri e concreti insieme all'università e all'apporto che può dare in termini di innovazione. Qui c'è tutto per fare in modo che luoghi come questo possano ritornare ad essere centro di vita essenziale per un Paese come il nostro che vuole progredire".  
Giornata positiva e piena di spunti per guardare in avanti anche secondo Nino Baseotto di Cgil: "Abbiamo avviato questi progetti che sono tanti, in un rapporto stretto col sistema delle imprese, i territori colpiti e il sistema delle autonomie locali. Ci siamo dati tre anni di lavoro e giungeremo a completamento a giugno 2021. Oggi siamo a metà dell'opera e ci dichiariamo soddisfatti per quello che stiamo facendo, perché i progetti si sono avviati e alcuni si sono già conclusi. Possiamo dimostrare a tutti  grande trasparenza nella gestione, grande rispetto delle regole e grande efficacia dal punto di vista della creazione e salvaguardia del lavoro che rischiava di non esserci più. Ci sono 400 posti di lavoro in più e calcoliamo in circa duemila i posti  di lavoro consolidati.  Quello che non ci fa essere completamente contenti è constatare come il  ritardo e la deficienza assoluta  negli interventi che altri avrebbero potuto fare per accelerare il processo di ricostruzione che per questi territori si imponeva. I governi precedenti ci hanno riempito di parole. Noi a questo governo chiediamo poche parole ma molti fatti".
cc
A Camerino, passi in avanti verso la costruzione del “Quartiere delle Associazioni”. Conclusa la campagna di indagini geologiche nello spazio assegnato, vicino all’area S.A.E. Cortine ampliamento. E’ lì che sorgeranno le due strutture che l’Associazione "Iononcrollo" vuole donare alla comunità di Camerino. Nell’arco dei tre anni del post sisma, associazioni cittadine e tanti volontari hanno infatti raccolto dei fondi che verranno utilizzati allo scopo.
“ L’ aver chiuso la campagna di indagini geologiche - afferma il presidente Claudio Cingolani- ci permette di credere che finalmente e, in breve tempo, si potrà dare inizio alla realizzazione del tanto sognato “Quartiere delle associazioni”, progetto che in sinergia con altre associazioni di Camerino, Iononcrollo  sta portando avanti ormai da alcuni anni con grande forza e determinazione. Questo passo, ci fa dire che ormai ci siamo e a breve potremmo mettere mano ai lavori. Il progetto - spiega Cingolani- prevede la realizzazione di due strutture in legno di circa 150 metri quadri ciascuna, disposte ad elle. La struttura principale che svolgerà una funzione polifunzionale, prevede un ampio ambiente dove potranno tenersi spettacoli, conferenze e concerti e verrà anche messa a disposizione degli abitanti delle casette come centro ricreativo. La seconda struttura è invece divisa in 6 stanze utilizzabili secondo le esigenze e per le attività delle associazioni. Saranno predisposti anche degli spazi all'esterno, funzionali allo svolgimento di attività all'aperto e vi sarà un collegamento tra le due strutture. In questi anni in verità non abbiamo mai mollato e si sono raggiunti tanti piccoli risultati: la raccolta fondi, la definizione dell'area e poi l'assegnazione definitiva. E quando cominci a mettere mano alla terra, ti rendi conto che c’è un qualcosa di concreto che comincia a prendere forma. Non abbiamo raggiunto ancora l'obiettivo ma davvero siamo sempre più vicini alla meta ”.
iononc
Con il mese di novembre, Iononcrollo vede partire un’ulteriore sfida in collaborazione con l’Università di Camerino. In arrivo dalla Francia e dalla Spagna due ragazze volontarie che rimarranno a Camerino per 4 mesi. Le giovani partecipano al progetto Youthquake, promosso dal Servizio Volontario Europeo in collaborazione con l’Agenzia Nazionale Giovani, per promuovere la cultura solidale del volontariato, nelle zone colpite dal Sisma del 2016.
Nel progetto di volontariato sono state coinvolte anche altre associazioni, come il gruppo Unicam Erasmus ESN AURE Camerino e il personale di Emergency Italia che garantirà professionalità e competenza specifica nel settore delle emergenze.
io non Crollo gruppo
“ Crediamo che questo scambio e questa collaborazione possa produrre dei frutti molto interessanti- dice Cingolani- Abbiamo in mente di svolgere delle attività che coinvolgeranno la popolazione residente nelle Sae; in previsione c'è ad esempio la creazione di un ricettario che, nel periodo della permanenza delle due giovani a Camerino, servirà a creare un’interazione con la comunità camerte e nel contempo a far conoscere le ricette tipiche del nostro territorio. L’incontro continuo con gli abitanti permetterà anche di portare attività ricreative nelle aree Sae che impegneranno durante le ore del mattino e pomeridiane. Altre attività che ci vedranno in collaborazione con le volontarie sono poi legate anche alla sede di Iononcrollo di piazza San Domenico dove c’è l’intenzione di organizzare momenti ricreativi e d’integrazione  dedicati ai giovani e agli studenti universitari stranieri.  E’ la prima esperienza del genere che facciamo -conclude Claudio Cingolani-; direttamente coinvolto in questo esperimento il nostro Marco Paniccià che ha seguito tutta la parte organizzativa di questo progetto di volontariato che comunque proseguirà anche nei mesi successivi. Ogni 4 mesi ospiteremo infatti sempre nuovi volontari che potranno  essere anche aumentati nel numero. Siamo convinti che questo scambio culturale ci permetterà di essere ancora più aperti nello scenario europeo, far conoscere Camerino e la nostra università nei Paesi europei”.
cc

All'Università di Camerino, conclusa con grande successo e con la partecipazione di oltre 150 tra studenti  e docenti anche da fuori regione, la seconda edizione del convegno Comunicare la Matematica.  Promosso dalla sezione di Matematica della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam . l'evento  si è svolto nell'arco di tre giornate caratterizzate da convegni, seminari, spettacoli, laboratori, che hanno rappresentato una importante occasione per discutere su come comunicare al meglio la matematica ad un pubblico più ampio possibile e con l’obiettivo di avvicinare i giovani alle scienze  e stimolarli a scoprire tutto il bello della ricerca scientifica.
ComunicaMat

Passo importante della giornata dii apertura,  la firma del protocollo d'intesa tra  il Rettore Unicam Claudio Pettinari ed il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Marco Ugo Filisetti.
L'accordo siglato è rivolto a tutte le scuole superiori con l’obiettivo di sviluppare le competenze matematiche promuovendo  una innovazione nella sua didattica e in quella delle discipline affini; all’interno del protocollo, particolare attenzione è dedicata al Liceo Matematico, progetto promosso da Unicam e che coinvolge cinque licei scientifici delle Marche.
Firma Protocollo Unicam usr


“Troppo spesso la matematica – sottolinea la prof.ssa Sonia L’Innocente, docente della sezione di Matematica e coordinatrice del progetto – è vista come una disciplina arida, fredda, a enorme distanza dalla vita quotidiana, nonché quasi contrapposta forzatamente ad altri domini della cultura, quali il mondo umanistico. Questo atteggiamento, oltre che sbagliato, è pericoloso: in un'epoca in cui l'innovazione, il progresso tecnologico e in definitiva il benessere di una società dipendono in modo decisivo dalla cultura matematica che tale società sa esprimere, quindi un’idea non corretta indebolirebbe questo sistema conoscenza, ragionamento, innovazione, progresso, società.

Il protocollo con l’Ufficio Scolastico Regionale, che in Italia vede solo altri due esempi, avviati dall’Università di Torino con l’Ufficio Scolastico del Piemonte e le tre Università romane con l’Ufficio Scolastico del Lazio, consentirà di promuovere in modo unitario e compatto attività per lo sviluppo delle competenze matematiche degli studenti inseriti nel sistema d’istruzione della Regione Marche, in particolare la promozione di interventi formativi rivolti ai docenti di matematica delle scuole del primo e secondo ciclo della Regione. L’Ateneo camerte metterà a disposizione le proprie risorse professionali mentre l’Ufficio Scolastico regionale predisporrà un piano di formazione per i docenti di matematica e discipline affini.

Per la progettazione e la realizzazione di tutte le iniziative e delle attività formative sarà costituito un apposito gruppo di lavoro Unicam-Usr, con il coinvolgimento delle istituzioni scolastiche aderenti al progetto.
cc
Parte da Unicam la ola virtuale a favore della sostenibilità ambientale e delle azioni e attività da mettere in campo da parte delle università e delle scuole. In collaborazione con MIUR, CRUI-Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e RUS- Rete delle Università Sostenibili, Unicam ha lanciato l’iniziativa che implementa l’hashtag #istruzionenoestinzione promosso dal Ministero dell’Università e Ricerca lo scorso 21 settembre e, dà seguito alla recente esortazione rivolta dal Ministro Lorenzo Fioramonti ad Atenei e Scuole a sostanziare lo slogan con azioni concrete. Accolto immediatamente l’invito, il rettore di Unicam prof. Claudio Pettinari ha inteso dare il via all’iniziativa coinvolgendo simbolicamente accanto agli Atenei italiani anche i dirigenti delle Scuole primarie e secondarie. Su un tema di fondamentale importanza per il futuro del Pianeta, si è voluto infatti mantenere e incentivare la filiera scuola-università

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sala convegni del rettorato di Unicam, la presentazione in dettaglio dell’iniziativa congiunta Unicam- Miur- Crui .

IMG 20191004 121923 1
Sono intervenuti il Rettore dell’Università di Camerino prof. Claudio Pettinari, il Prorettore vicario prof. Graziano Leoni, il dirigente dei Licei e dell’Istituto Tecnico Antinori di Camerino, prof Francesco Rosati.

In video-collegamento i contributi del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dott. Lorenzo Fioramonti e del Presidente della CRUI prof. Gaetano Manfredi. Alla lettura del messaggio di adesione convinta della prof.ssa Patrizia Lombardi presidente della RUS-Rete delle Università Sostenibili, hanno fatto seguito i collegamenti via Skipe con i Rettori degli Atenei aderenti, tra cui Cagliari, Pisa, Padova, Salento e Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste. I rettori delle 5 università  nell’illustrare le numerose azioni dei propri atenei già fortemente ispirate alla protezione dell’ambiente, al plastic-free e all’efficientamento energetico, hanno prontamente risposto all’invito, impegnandosi ad implementare competenze ed esperienze per accrescerne l’impatto sia nelle università, sia sulla società. Ogni ateneo e scuola potrà aderire a #istruzionenoestinzione anche via web, inserendo le buone pratiche adottate da ognuno in tema di salvaguardia dell’ambiente e proponendo iniziative, seminari, azioni di sensibilizzazione sulla sostenibilità ambientale. Al termine del giro di Atenei e scuole, le diverse attività verranno presentate al Ministro dell’Istruzione e Ricerca.
istruzionenoestinzione

Nel suo intervento il Ministro Fioramonti ha inteso sottolineare come l’iniziativa lanciata dall’università di Camerino sia una “grande opportunità per ricostruire un ecosistema universitario che punti davvero ad uno sviluppo ecosostenibile. L’importante attività di ricerca che si fa nelle nostre Università può diventare un punto di riferimento per tutto il mondo della ricerca in Italia, a partire dalle scuole, dalla formazione di base fino alla ricerca e all’attività di alta formazione svolta nelle Università italiane”. Lo slogan “Istruzione No Estinzione”, lanciato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è “un modo per dire che la ricerca e la formazione debbono essere messe al servizio della sfida dei cambiamenti climatici per creare un nuovo modello di sviluppo, un nuovo modello di scienza ed una società migliore. Vi ringrazio per l’iniziativa, che sarà un punto di riferimento importante per l’intero Paese”.

“Le Università italiane – ha sottolineato il Presidente della CRUI prof. Gaetano Manfredi – sono fortemente impegnate per proteggere l’ambiente e per portare avanti l’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile ed equo”. Manfredi ha definito la campagna #istruzionenoestinzione” una grande iniziativa che vuole essere un ponte culturale e dare una spinta verso un mondo nuovo che metta al centro i valori dell’ambiente ed i valori della solidarietà. I nostri studenti, i nostri docenti ed i nostri ricercatori sono in prima linea proprio per disegnare questo nuovo futuro. Senza dubbio questo messaggio che parte forte dalle Università e che viene passato di voce in voce, sarà un grande messaggio per costruire un futuro migliore”.
Grande successo per il concerto “La Sapienza per Camerino” con cui il Comitato Sapienza per Camerino ha deciso di aiutare Unicam. L’evento, sostenuto dall’Ambasciata Britannica a Roma e realizzato in collaborazione con la Sapienza, si è tenuto ieri sera nell’Aula Magna del Rettorato, al centro del Campus della prima Università della Capitale. 
Presente il rettore dell'Università di Camerino  prof. Claudio Pettinari e con lui anche un 'famoso' laureato Unicam, l'attore Cesare Bocci, intervenuto per raccontare il suo trascorso da studente, nell'ateneo e nella città ducale.
Protagonisti del concerto la Fidelio Orchestra di Londra, diretta da Raffaello Morales, composta da 70 musicisti di altissimo livello di varie nazionalità e da Gloria Campaner, pianista di fama internazionale
I fondi  raccolti dal concerto della “Fidelio Orchestra Britannica”, saranno destinati al restauro e al ri-equipaggiamento dell’antica biblioteca di Camerino, fornendo così un necessario strumento di conoscenza a studenti e professori del corso di dottorato in Gestione del Rischio dell’Università.
FB IMG 1570175381254
" E' stata davvero una serata emozionante- commenta il rettore Claudio Pettinari-  Colgo l'occasione per  ringraziare la presidente Isabella Stoppani che insieme al Comitato si è data veramente da fare per avere un'aula così prestigiosa completamente gremita in ogni ordine di posto per un concerto meraviglioso.  Il grazie va anche alla straordinaria pianista Gloria Campaner, grande amica della città di Camerino e che lo scorso anno si è esibita al piano anche nella nostra città. E poi il direttore dell'Orchestra Britannica Fidelio Raffaele Morales che con i suoi musicisti ci ha regalato una musica meravigliosa. Un ringraziamento particolare a Jim Morris  Ambasciatore del Regno Unito a Roma che ha speso parole significative e alte per il nostro Ateneo, per la sua storia e per quella che è stata città "cuore dell'Europa" come definita ieri anche in altre sedi.
A sottolineare le emozioni che si sono vissute e a rafforzarle,  la presenza dell'attore Cesare Bocci  che ha parlato del suo periodo camerte, dei suoi studi in città e delle sue amicizie. Lo ha fatto veramente con il cuore in mano, riuscendo a toccare i sentimenti di tutta la platea, emozionandosi lui stesso.
FB IMG 1570175372634
Con le sue parole sentite, è riuscito a far capire a tutti, quanto sia facile amare la nostra città.  Porto a casa delle sensazioni fortissime- continua il rettore- Tantissime le persone che si sono dimostrate  a noi vicine, numerosi i patrocini all'evento e soprattutto una bellissima filiera di università del Lazio che in maniera inaspettatata hanno sostenuto questa iniziativa, compresi gli sponsor che si sono occupati del buffet finale.   
 L'obiettivo - spiega il rettore- è quello di utilizzare i fondi raccolti per recuperare ciò che avevamo e ciò che abbiamo nella nostra biblioteca di Palazzo Ducale, cercare di mettere in sicurezza quei volumi di inestimabile valore, quelle 'cinquecentine' che richiamavano a Camerino anche storici provenienti da tante università europee. L'obiettivo è di renderli fruibili in spazi idonei e adeguati,  almeno fino a che, speriamo il prima possibile, non si riesca a recuperare il Palazzo Ducale. L'intenzione è anche di tentare una digitalizzazione di parte di quei documenti, in modo da renderli fruibili anche a distanza da chi vorrà studiare la nostra storia". 
c.c.FB IMG 1570175358073


Centinaia di matricole si sono riversate a  Camerino per le “Giornate di Ambientamento Unicam” dedicate a chi è in procinto di iniziare il percorso di studi e formazione all’Università di Camerino. Satura di curiosità, aspettative, energia e grande interesse, l’atmosfera che è regnata nell’appuntamento che ha visto arrivare puntuale la folla di giovani che ha scelto di iscriversi ad uno dei numerosi corsi di laurea attivati dall’ateneo. Stesso copione e stesse emozioni si vivranno nel pomeriggio a San Benedetto del Tronto, per un totale di oltre 800 nuovi studenti dell’università di Camerino. L’evento camerte si è tenuto all’auditorium Benedetto XIII da dove il rettore Claudio Pettinari ha accolto e indirizzato il suo saluto ai nuovi studenti del suo ateneo.
Rettore GAM1
Nelle sue parole di benvenuto, il rettore ha scelto di ripercorrere quella che è stata la sua vita all’interno dello stesso ateneo. Matricola egli stesso 36 anni fa , via via ha rincorso tutti i passi successivi, professore di Chimica, prorettore vicario, fino a raggiungere un ruolo da guida della stessa università.
"Tutto il mio percorso- ha detto Pettinari- sta a significare che la formazione che ho ricevuto qui è stata tale da consentirmi di affrontare il futuro ed essere in grado di farlo da protagonista, all’interno del mio territorio”. A chi comincia proprio da quest’anno il suo percorso di studi in Unicam, il rettore ha augurato di raggiungere altrettanti risultati, seguendo le proprie aspirazioni, capacità e affinità.
“ Tutto è possibile utilizzando passione, impegno, flessibilità. Tre parole fondamentali - ha detto il rettore -che debbono essere caratterizzate dal senso di appartenenza che servirà a rendervi sicuramente donne e uomini migliori”.
Volte a facilitare il loro inserimento nella realtà universitaria e a fornire loro gli strumenti utili per affrontare senza problemi gli studi, le Giornate di ambientamento per le matricole, sono promosse dal servizio Tutorato di Unicam e accompagnate da numerose presentazioni delle attività didattiche e dei servizi agli studenti.
Nel pomeriggio, i ragazzi saranno accolti nelle Scuole di Bioscienze, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, Scienze e Tecnologie, presso le quali avrà luogo la presentazione in dettaglio dei corsi di laurea Unicam e l'illustrazione delle varie attività didattiche.
“ La nostra – ha commentato il rettore prof. Claudio Pettinari - è l’industria del sapere, del trasferire conoscenze, del fare ricerca e innovazione. E’ l’industria del mettersi seduti ad un tavolo insieme ad altre persone e risolvere i problemi che quotidianamente si presentano. E’ questa la nostra grande forza: la possbilità per i giovani di interloquire direttamente con docenti, ricercatori, scienziati, assegnisti, dottorandi, personale tecnico amministrativo e, trovare una soluzione per ognuno dei problemi che si incontrano e soprattutto avere a disposizione quegli strumenti che ti faranno diventare alla fine un laureato che attrarrà imprese, istituzioni ed enti che vorranno investire su di te”.

Le giornate di ambientamento per le matricole di Unicam , continueranno mercoledì 16 ottobre nella sede di Ascoli Piceno e mercoledì 20 novembre nella sede di Matelica.
cc
IMG 20191001 103251
L'Università di Camerino torna ad aprire le sue porte alle centinaia di matricole in procinto di iniziare il loro percorso  in Unicam. 
L’appuntamento con le Giornate di Ambientamento dedicate a chi ha scelto di iscriversi ad uno dei numerosi corsi di laurea attivati dall’Ateneo camerte è per questo martedì  1 ottobre nelle sedi di Camerino e San Benedetto del Tronto, mercoledì 16 ottobre nella sede di Ascoli Piceno e mercoledì 20 novembre nella sede di Matelica.

Promosse dal servizio Tutorato di Unicam, le "Giornate di ambientamento per le matricole" sono volte a facilitare l’inserimento dei nuovi studenti nella realtà universitaria e a fornire loro gli strumenti utili per affrontare senza problemi gli studi universitari. Ne parla come un appuntamento come da tradizione ricco di iniziative, la prof.ssa Loredana Cappellacci, Delegata del Rettore per il Tutorato "con presentazioni delle attività didattiche, dei servizi agli studenti, rivolti alle centinaia di giovani studenti che, con grande entusiasmo e con la curiosità di chi si accinge ad affrontare una nuova esperienza, hanno deciso di scegliere Unicam per il proprio percorso universitario”.

Gli studenti iscritti ai corsi di laurea con sede a Camerino martedì 1 ottobre presso l’Auditorium Benedetto XIII saranno accolti  dal saluto di benvenuto del Rettore Claudio Pettinari, e  potranno ricevere tutte le informazioni su attività didattiche, opportunità e servizi offerti dall’Ateneo..

Nel pomeriggio, i ragazzi saranno accolti nelle Scuole di Bioscienze, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, Scienze e Tecnologie, presso le quali avrà luogo la presentazione in dettaglio dei corsi di laurea Unicam e l'illustrazione delle varie attività didattiche.

Previsto per il pomeriggio di martedì 1 ottobre  l’incontro di benvenuto nella sede Unicam di San Benedetto. L'appuntamento è negli spazi del  Polo didattico.  Il programma dettagliato e tutte le informazioni per le matricole  sono disponibili nel sito tutorato.unicam.it/iniziative



Pagina 1 di 17

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo