A Roma con Anci. Sindaci sostenuti nelle istanze da Decaro

Mercoledì, 15 Gennaio 2020 20:47 | Letto 510 volte   Clicca per ascolare il testo A Roma con Anci. Sindaci sostenuti nelle istanze da Decaro Non posso dire che sia stato nè negativo nè positivo, ma credo che non possiamo chiudere la porta quando si presenta unoccasione dincontro con il presidente nazionale dei comuni italiani che si fa portatore delle istanze dei cittadini terremotati. Essere presenti è sempre importante a testimonianza della bontà della popolazione che rappresentiamo. Così il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci che, rappresentava anche il collega di Fiastra Sauro Scaficchia, e, insieme anche ai sindaci di Camerino Sandro Sborgia, di Visso Gianluigi Spiganti Maurizi, di Matelica Massimo Baldini ed altri, ha preso parte oggi alla riunione convocata a Roma dal presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi.  Gentilucci è stato anche uno dei pochi ad intervenire, nel corso dellincontro che ha radunato circa un centinaio di primi cittadini dei comuni colpiti dal sisma  del 2016.  Ad ascoltare le loro ragioni e  le osservazioni sul decreto convertito in legge, cera il vice-ministro dellInterno Vito Crimi. La riunione è stata presieduta da Antonio Decaro, presidente dellAnci nazionale e tutti i lavori sono stati seguiti dal coordinatore delle Anci regionali e presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi. Tra i pochi che hanno preso la parola tra cui il sottoscritto - riferisce Gentilucci- ognuno di noi ha sottolineato e aperto una parentesi sulle criticità di un decreto che in realtà non modifica in sostanza la situazione della Ricostruzione privata, non modifica nella sostanza la situazione della Ricostruzione pubblica, non pone rimedio a quella che è la carenza degli organici nelle nostre scuole che hanno subito la diaspora dei bambini. Ci speravamo- continua il sindaco di Pieve Torina- ma nella realtà questo nuovo decreto non ha posto rimedio a tutte quelle criticità che abbiamo segnalato sul personale cioè su quei ragazzi che in 3 anni abbiamo formati e che oggi che sono efficienti e che producono uno snellimento delle procedure burocratiche che da Roma ci vengono imposte, debbano essere sostituiti dal momento che non si può andare in proroga.  Cinque temi dunque, sui quali si è di nuovo richiamata attenzione - prosegue Gentilucci-, non ultima anche la problematica  della classe produttiva, dei nostri commercianti, dei nostri artigiani che hanno vissuto linverno più difficile da quando cè stato il Sisma.  E allora se non vogliamo il prossimo anno non ritrovarli o ritrovarnli falcidiati allinterno di quel cratere che è il più danneggiato e più colpito, bisogna intervenire con urgenza e dando un significativo apporto e supporto a quelle che sono le richieste dei sindaci. In tutto siamo stati otto o nove sindaci a prendere la parola e mi ha fatto molto piacere ascoltare lintervento di Decaro, sollecitato dalla mia ma anche da altre istanze sollevate in quel contesto alla presenza del vice Ministro dellInterno Criimi, dire che se a causa delle mancanze governative le cose non miglioreranno, non saranno i 138 sindaci del Cratere scendere in piazza e far sentire la loro voce sotto il Parlamento e sotto Palazzo Chigi, bensì gli oltre 8000 sindaci italiani. Testuali parole sono state proferite da Decaro, ovviamente accolte dallapplauso di tutti. - conclude Gentilucci- Decaro ci ha detto che porterà le proposte dei sindaci e dellAnci allattenzione del Governo per linserimento nel milleproroghe. Attendiamo già domani notizie in merito alle nostre istanze, affinché siano accolte e affinché possa essere data la svolta a questa ricostruzione. Viceversa siamo pronti alla mobilitazione. C.C.
"Non posso dire che sia stato nè negativo nè positivo, ma credo che non possiamo chiudere la porta quando si presenta un'occasione d'incontro con il presidente nazionale dei comuni italiani che si fa portatore delle istanze dei cittadini terremotati. Essere presenti è sempre importante a testimonianza della bontà della popolazione che rappresentiamo".
Così il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci che, rappresentava anche il collega di Fiastra Sauro Scaficchia, e, insieme anche ai sindaci di Camerino Sandro Sborgia, di Visso Gianluigi Spiganti Maurizi, di Matelica Massimo Baldini ed altri, ha preso parte oggi alla riunione convocata a Roma dal presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi.  Gentilucci è stato anche uno dei pochi ad intervenire, nel corso dell'incontro che ha radunato circa un centinaio di primi cittadini dei comuni colpiti dal sisma  del 2016.  Ad ascoltare le loro ragioni e  le osservazioni sul decreto convertito in legge, c'era il vice-ministro dell'Interno Vito Crimi. La riunione è stata presieduta da Antonio Decaro, presidente dell'Anci nazionale e tutti i lavori sono stati seguiti dal coordinatore delle Anci regionali e presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi.
"Tra i pochi che hanno preso la parola tra cui il sottoscritto - riferisce Gentilucci- ognuno di noi ha sottolineato e aperto una parentesi sulle criticità di un decreto che in realtà non modifica in sostanza la situazione della Ricostruzione privata, non modifica nella sostanza la situazione della Ricostruzione pubblica, non pone rimedio a quella che è la carenza degli organici nelle nostre scuole che hanno subito la diaspora dei bambini.
Ci speravamo- continua il sindaco di Pieve Torina- ma nella realtà questo nuovo decreto non ha posto rimedio a tutte quelle criticità che abbiamo segnalato sul personale cioè su quei ragazzi che in 3 anni abbiamo formati e che oggi che sono efficienti e che producono uno snellimento delle procedure burocratiche che da Roma ci vengono imposte, debbano essere sostituiti dal momento che non si può andare in proroga.  Cinque temi dunque, sui quali si è di nuovo richiamata attenzione - prosegue Gentilucci-, non ultima anche la problematica  della classe produttiva, dei nostri commercianti, dei nostri artigiani che hanno vissuto l'inverno più difficile da quando c'è stato il Sisma.  E allora se non vogliamo il prossimo anno non ritrovarli o ritrovarnli falcidiati all'interno di quel cratere che è il più danneggiato e più colpito, bisogna intervenire con urgenza e dando un significativo apporto e supporto a quelle che sono le richieste dei sindaci. In tutto siamo stati otto o nove sindaci a prendere la parola e mi ha fatto molto piacere ascoltare l'intervento di Decaro, sollecitato dalla mia ma anche da altre istanze sollevate in quel contesto alla presenza del vice Ministro dell'Interno Criimi, dire che se a causa delle mancanze governative le cose non miglioreranno, non saranno i 138 sindaci del Cratere scendere in piazza e far sentire la loro voce sotto il Parlamento e sotto Palazzo Chigi, bensì gli oltre 8000 sindaci italiani. Testuali parole sono state proferite da Decaro, ovviamente accolte dall'applauso di tutti. - conclude Gentilucci- Decaro ci ha detto che porterà le proposte dei sindaci e dell'Anci all'attenzione del Governo per l'inserimento nel milleproroghe. Attendiamo già domani notizie in merito alle nostre istanze, affinché siano accolte e affinché possa essere data la svolta a questa ricostruzione. Viceversa siamo pronti alla mobilitazione".
C.C.

Letto 510 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo