Ricostruzione: Falcucci “stimola” gli abitanti di Castelsantangelo sul Nera

Sabato, 04 Settembre 2021 13:46 | Letto 1136 volte   Clicca per ascolare il testo Ricostruzione: Falcucci “stimola” gli abitanti di Castelsantangelo sul Nera “Dobbiamo fare in fretta”. Una frase ricorrente quella pronunciata dal sindaco di Castelsantangelo sul Nera Mauro Falcucci che ha convocato un’assemblea pubblica per presentare i Piani Attuativi, invitando tutti i residenti del suo paese a depositare, prima possibile, i progetti per ricostruire la città. Un paese, quello guidato dal primo cittadino Falcucci, epicentro di molte scosse e tagliato in due dalla faglia che ha squarciato i monti Sibillini nel 2016. “Abbiamo tutte le carte in regola per ricostruire – esordisce il sindaco parlando all’assemblea - . Le ordinanze speciali volute dal commissario Legnini, ci autorizzano a formare consorzi, presentare i progetti e avviare la ricostruzione” Alle parole del sindaco si aggiungono quelle del commissario Legnini che rinnova l’invito a fare in fretta e completare l’iter burocratico e, con vari appelli, sollecita le aziende edili italiane a venire a ricostruire nelle aree terremotate. “Arrivare al traguardo prefissato era un nostro scopo e con orgoglio possiamo dire che siamo il primo comune che ha pianificato tutto. Uno dei meriti principali va all’architetto Mauro Guardascione, a capo dellarea tecnica, – tiene a ribadire Falcucci - che ha seguito tutti i lavori e che ha avuto l’intuizione del protocollo d’intesa. Uno strumento ideale per poter analizzare ogni elemento per la ricostruzione. La firma dell’architetto Boeri ha impreziosito tutto il lavoro svolto. “Abbiamo perso 15 mesi – denuncia Falcucci – avremmo potuto presentare il P.U.A. (Piano Urbanistico Attuativo) molto prima e avere dei vantaggi nei tempi della ricostruzione, ma ora guardiamo avanti perché è tutto pronto, dal 12 agosto siamo in regola, ora tocca a voi, cari cittadini. Attiviamoci per fare tutte le iniziative che potrebbero bloccare i progetti. Per guadagnare tempo, faremo un ulteriore sforzo come amministrazione. Siamo a disposizione per accogliervi negli uffici tecnici e valutare le eventuali irregolarità che potrebbero avere le vostre case. Sistemarli, ci consente di accelerare la pratica ed avere l’autorizzazione ad iniziare i lavori e procedere spediti con la ricostruzione”. La numerosa presenza degli abitanti e le tante domande dei privati e anche dei tecnici, è l’evidente voglia di far risorgere uno dei paesi più belli d’Italia. “Per accorciare i tempi, non si può andare a random – conclude Falcucci – ma, seguire liter e le regole che sono a disposizione di tutti voi. Ora tutto passa nelle vostre mani e, rispettando la vostra volontà, vi chiedo anche responsabilità”. (nel prossimo numero dellAppennino camerte, maggiori approfondimenti sullincontro)M.S.
“Dobbiamo fare in fretta”. Una frase ricorrente quella pronunciata dal sindaco di Castelsantangelo sul Nera Mauro Falcucci che ha convocato un’assemblea pubblica per presentare i Piani Attuativi, invitando tutti i residenti del suo paese a depositare, prima possibile, i progetti per ricostruire la città.

Un paese, quello guidato dal primo cittadino Falcucci, epicentro di molte scosse e tagliato in due dalla faglia che ha squarciato i monti Sibillini nel 2016.

“Abbiamo tutte le carte in regola per ricostruire – esordisce il sindaco parlando all’assemblea - . Le ordinanze speciali volute dal commissario Legnini, ci autorizzano a formare consorzi, presentare i progetti e avviare la ricostruzione”

Alle parole del sindaco si aggiungono quelle del commissario Legnini che rinnova l’invito a fare in fretta e completare l’iter burocratico e, con vari appelli, sollecita le aziende edili italiane a venire a ricostruire nelle aree terremotate.

“Arrivare al traguardo prefissato era un nostro scopo e con orgoglio possiamo dire che siamo il primo comune che ha pianificato tutto. Uno dei meriti principali va all’architetto Mauro Guardascione, a capo dell'area tecnica, – tiene a ribadire Falcucci - che ha seguito tutti i lavori e che ha avuto l’intuizione del protocollo d’intesa. Uno strumento ideale per poter analizzare ogni elemento per la ricostruzione. La firma dell’architetto Boeri ha impreziosito tutto il lavoro svolto.

“Abbiamo perso 15 mesi – denuncia Falcucci – avremmo potuto presentare il P.U.A. (Piano Urbanistico Attuativo) molto prima e avere dei vantaggi nei tempi della ricostruzione, ma ora guardiamo avanti perché è tutto pronto, dal 12 agosto siamo in regola, ora tocca a voi, cari cittadini.

Attiviamoci per fare tutte le iniziative che potrebbero bloccare i progetti. Per guadagnare tempo, faremo un ulteriore sforzo come amministrazione.

Siamo a disposizione per accogliervi negli uffici tecnici e valutare le eventuali irregolarità che potrebbero avere le vostre case. Sistemarli, ci consente di accelerare la pratica ed avere l’autorizzazione ad iniziare i lavori e procedere spediti con la ricostruzione”.

Incontro Castelsantangelo sul Nera

La numerosa presenza degli abitanti e le tante domande dei privati e anche dei tecnici, è l’evidente voglia di far risorgere uno dei paesi più belli d’Italia. “Per accorciare i tempi, non si può andare a random – conclude Falcucci – ma, seguire l'iter e le regole che sono a disposizione di tutti voi. Ora tutto passa nelle vostre mani e, rispettando la vostra volontà, vi chiedo anche responsabilità”.

(nel prossimo numero dell'Appennino camerte, maggiori approfondimenti sull'incontro)

M.S.

Letto 1136 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo