Danni da lupi. Bisonni chiede spiegazioni sulle risorse

Giovedì, 31 Ottobre 2019 15:56 | Letto 356 volte   Clicca per ascolare il testo Danni da lupi. Bisonni chiede spiegazioni sulle risorse Danni agli allevatori, provocati da lupi e cani randagi. Il consigliere regionale dei Verdi Sandro Bisonni ha presentato uninterrogazione  con lobiettivo di conoscere la reale entità delle risorse dedicate al risarcimento dei danni e la loro capacità di soddisfare le esigenze del settore. Nell’atto si fa riferimento alla legge regionale del 1995, dove si prevede che la Regione conceda un indennizzo per i danni causati agli allevamenti bovini, ovini, caprini ed equidi per aggressioni da parte di lupi e cani randagi o ferali. “Durante il 2018 – precisa Bisonni – sono state registrate 90 richieste d’indennizzo per attacchi da parte di lupi. Il Dpr del 1997, in attuazione della specifica direttiva CEE, riconosce proprio il lupo come specie di importanza comunitaria, di interesse prioritario e ne richiede una protezione rigorosa. Viene vietata la cattura, l’uccisione e il disturbo allo stato selvatico, non è permesso il possesso, il trasporto, lo scambio nonché la commercializzazioneCome le altre regioni dItalia –spiega il consigliere dei Verdi- la Regione Marche prende dei fondi specifici dallEuropa per le aree Rete Natura” 2000; questi soldi debono servire a conciliare la presenza di predatori (quali ad esempio potrebbe essere il lupo con la presenza delluomo e degli allevamenti) e quindi questi fondi servono a risarcire gli allevatori che subiscono danni dai predatori naturali. Questo è di fondamentale importanza e questi soldi debbono essere impiegati sia per i risarcimenti sia anche per stimolare dei sistemi di protezione, quali potrebbero essere recinzioni elettrificate o lacquisto di un cane da guardia. Con la mia interrogazione  dunque chiedo se questi soldi siano effettivamente impiegati e in quale quantità e se i fondi siano sufficienti o non richiedano invece di essere aumentati.  Non mancherò in aula anche di stimolare il discorso della tempistica- conclude Bisonni-; oltre alla necessità che il quantitativo di Fondi sia infatti sufficiente a ricoprire le esigenze del territorio è  anche importante che le tempistiche siano celeri.  Non possiamo pretendere che chi subisce un danno venga rimborsato a distanza di mesi o addirittura di anni, quindi linterrogazione va nel senso appunto di stimolare questo discorso e far sì che la Regione abbia una particolare attenzione verso gli allevatori.cc
Danni agli allevatori, provocati da lupi e cani randagi. Il consigliere regionale dei Verdi Sandro Bisonni ha presentato un'interrogazione  con l'obiettivo di conoscere la reale entità delle risorse dedicate al risarcimento dei danni e la loro capacità di soddisfare le esigenze del settore. Nell’atto si fa riferimento alla legge regionale del 1995, dove si prevede che la Regione conceda un indennizzo per i danni causati agli allevamenti bovini, ovini, caprini ed equidi per aggressioni da parte di lupi e cani randagi o ferali. “Durante il 2018 – precisa Bisonni – sono state registrate 90 richieste d’indennizzo per attacchi da parte di lupi. Il Dpr del 1997, in attuazione della specifica direttiva CEE, riconosce proprio il lupo come specie di importanza comunitaria, di interesse prioritario e ne richiede una protezione rigorosa. Viene vietata la cattura, l’uccisione e il disturbo allo stato selvatico, non è permesso il possesso, il trasporto, lo scambio nonché la commercializzazione
Come le altre regioni d'Italia –spiega il consigliere dei Verdi- la Regione Marche prende dei fondi specifici dall'Europa per le aree Rete Natura” 2000; questi soldi debono servire a conciliare la presenza di predatori (quali ad esempio potrebbe essere il lupo con la presenza dell'uomo e degli allevamenti) e quindi questi fondi servono a risarcire gli allevatori che subiscono danni dai predatori naturali. Questo è di fondamentale importanza e questi soldi debbono essere impiegati sia per i risarcimenti sia anche per stimolare dei sistemi di protezione, quali potrebbero essere recinzioni elettrificate o l'acquisto di un cane da guardia. Con la mia interrogazione  dunque chiedo se questi soldi siano effettivamente impiegati e in quale quantità e se i fondi siano sufficienti o non richiedano invece di essere aumentati.  Non mancherò in aula anche di stimolare il discorso della tempistica- conclude Bisonni-; oltre alla necessità che il quantitativo di Fondi sia infatti sufficiente a ricoprire le esigenze del territorio è  anche importante che le tempistiche siano celeri.  Non possiamo pretendere che chi subisce un danno venga rimborsato a distanza di mesi o addirittura di anni, quindi l'interrogazione va nel senso appunto di stimolare questo discorso e far sì che la Regione abbia una particolare attenzione verso gli allevatori".
cc

Letto 356 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo