Il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui scrive al rettore Claudio Pettinari per ringraziarlo dell'invito a presenziare all'inaugurazione del 683esimo anno accademico di Unicam. Di seguito il testo. 

Magnifico rettore, carissimo Claudio, per diversi giorni mi sono chiesto se fosse opportuno, per un sindaco, mettere mano alla tastiera e rivolgermi al rettore attraverso una lettera aperta di ringraziamento. In fondo, che il sindaco di una città sede di università intervenga alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dovrebbe essere la normalità. Ma questo, a Camerino, non è stato “normalità” per tantissimo tempo, non ricordo quanto tempo precisamente, ma comunque mai da quando il sottoscritto ha iniziato a muovere i primi passi nell’amministrazione cittadina ormai quattro mandati fa e con tre sindaci che nel frattempo si sono avvicendati.

Ciò che non è ordinario, dunque, va sottolineato. E va sottolineato con un enorme “grazie”. Soprattutto quando rappresenta un traguardo che, di fatto, si può definire epocale. Per questo sento di dover ringraziare pubblicamente il rettore, Claudio Pettinari, il prorettore vicario Leoni, il direttore amministrativo Tedesco, la governance di Unicam in genere - per l’invito ricevuto ad intervenire il prossimo 26 novembre all’inaugurazione dell’anno accademico di Unicam - e, con essi, anche quelle persone, come ad esempio il prorettore Andrea Spaterna, che da sempre si sono spese affinché un’anomalia tutta camerte si risolvesse definitivamente.

Non è, ci tengo a precisarlo, un traguardo di Gianluca Pasqui, ma è un traguardo della città, a prescindere da chi è il sindaco o da chi sarà in futuro. Perché quello tra Camerino e l’Università di Camerino è un legame che deve ulteriormente trasformarsi in simbiosi e che oggi, con questo importantissimo segnale che arriva da Unicam, si rafforza ulteriormente. In un momento, non possiamo dimenticarlo, di grandi difficoltà dovute alle conseguenze del sisma, in cui unire le forze ha non solo il valore di ”conquistare insieme”, ma anche di “sostenersi a vicenda”.

Questo mio “grazie”, quindi, è il grazie di una città, tutta, che riconosce a Unicam e a chi ha voluto sanare l’anomalia una grande sensibilità e una visione di futuro che ravviva con vigore le speranze di una comunità, di una istituzione e del suo territorio chiamati insieme ad affrontare sfide enormi. Sfide che oggi, grazie alla consapevolezza di una simbiosi e alla concreta volontà di un cammino pienamente condiviso, sembrano certamente meno spaventose.

Gianluca Pasqui

Al via a Camerino la messa in sicurezza dei campanili della cattedrale Santa Maria Assunta. L’opera è commissionata dal Comune e i lavori diretti dall’ingegnere Carlo Morosi. L’intervento consiste nel puntellamento dei due campanili ed è volto alla riapertura al pubblico di piazza Cavour.

g.g.

20181108 095352

Staffetta indie rock per raccogliere fondi da destinare all’allestimento di una sala prove musicale a Camerino. Ben 6 rock band marchigiane del circuito indipendente hanno risposto sì alla chiamata, decise ad esibirsi a titolo gratuito in una gara di solidarietà mirata a raggiungere l’obiettivo. La maratona musicale prenderà il via alle 18.30 di sabato 17 novembre dalla Geo struttura del City Park e vedrà alternarsi sul palco Le Colonne D’ErcoleCapabròMagazzini della Comunicazione, Radio Warszawa, Le Mani Sporche e Chien Bizarre. Una mobilitazione solidale quella dell’indie rock marchigiano a favore del progetto dell’allestimento di un luogo deputato alla musica che possa diventare punto di riferimento per i giovani musicisti e stimolo per la formazione di nuovi gruppi e band musicali a Camerino. L’evento di sabato è organizzato dall’Associazione Culturale Musicamdo in collaborazione con l'Associazione IoNonCrollo, il Comune di Camerino e circa 30 musicisti marchigiani.Alla manifestazione hanno aderito numerosi e prestigiosi sponsor: da EKO Group all’Università di Camerino, dal servizio di autolinee CONTRAM S.P.A. alla Distilleria Varnelli, dal Pub birreria Asterix alla GMA Ristorazione, passando per Full Service.    Ingresso gratuito con libera offerta per l’evento che prevede anche la possibilità di intrattenersi per la cena, grazie all’allestimento di un’area ristorazione con stand gastronomici di attività del territorio.

C.C.

nella foto sotto Le Mani Sporche

le Mani sporche

Sta per mettersi in moto  l'iniziativa di solidarietà “RiminiChiama Camerino”, prevista sulla costa romagnola il prossimo  sabato 27 ottobre. Nel secondo anniversario del sisma che ha colpito l'Italia Centrale, a Rimini  si terrà una camminata di solidarietà e raccolta fondi a favore della Ricostruzione della “Casa della musica di Camerino”. Tutto è potuto iniziare grazie ai parrocchiani di Sant'Andrea dell'Ausa che, conosciuta la realtà camerte,  hanno deciso di prendersi a cuore le difficoltà della città, costruendo nei mesi una vera rete di solidarietà che riunisce Istituzioni e Associazionismo del riminese. 

A Rimini si è recata questa mattina l’assessore ai servizi sociali Antonella Nalli. Ad accoglierla nella Residenza comunale c'era  il Vicesindaco Gloria Lisi, insieme ad una delegazione degli organizzatori dell’iniziativa di solidarietà e gli amici della Parrocchia del Crocifisso. 

"Ancora una volta- ha dichiarato l'assessore Nalli- abbiamo testimonianza del grande cuore degli italiani, tanto più che l'incontro con la comunità di Rimini è avvenuto casualmente. Nell'ambito della giornata del "Plen Air" tenutasi a Camerino il 30 settembre 2017 - spiega- un gruppo di camperisti presenti alla manifestazione,  ha potuto toccare con mano la realtà che purtroppo ci troviamo a vivere quotidianamente. Già in quell'occasione avevano compreso quanto la nostra città sia stata abbandonata dalle istituzioni; è stato proprio in seguito a quell'incontro che si è potuta instaurare una bella amicizia. La proloco di Rimini si è davvero adoperata per starci vicino, tanto che, a seguito di vari incontri intercorsii anche con il presidente dell'associazione camerte Adesso Musica, hanno deciso di portare un aiuto concreto e tangibile, sposando il progetto della ricostruzione della "Casa della Musica". Nulla da dire di più- conclude Antonella Nalli - se non che questo gesto parte dal loro e arriva diretto al nostro cuore. Non possiamo che leggerlo come un bellissimo e grande segnale di speranza" Partenza dunque dalla Piazza Tre Martiri di Rimini  alle ore 16 di sabato 27 ottobre per "RiminiChiamaCamerino", camminata solidale organizzata con la collaborazione tecnica de “la Pedivella”e le cui offerte libere per l'iscrizione, verranno interamente devolute per la ricostruzione della "Casa della musica". La consegna del ricavato avverrà direttamente nelle mani del presidente dell'associazione " Adesso Musica" Gilberto Spurio 

Carla Campetella

Se vivete circondati da tante bellezze,non date tutto per scontato. Godetevele al massimo...,A NOI MANCANO DA MORIRE”. E' il motto con il quale il Comune di Camerino e l'Associazione Turistica hanno presentato la città alla Borsa del Turismo del Centro Italia (MULA: Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo), attiva fino al 2 settembre presso il Centro AgroAlimentare Piceno di San Benedetto del Tronto. Da una città ricca di storia e cultura che il sisma ha profondamente ferito, un messaggio semplice ed incisivo, per sottolineare l'importanza di preservare e custodire bellezza e la grande voglia di rinascere. Al numeroso pubblico della Borsa è stato mostrato il video della città realizzato prima del sisma, proprio a testimoniare quanto di bello racchiudono le mura cittadine. Grazie alla presenza in fiera del presidente e dei volontari della Pro Camerino, è stato anche possibile illustrare ai visitatori la ricca offerta di manifestazioni che Camerino è in grado di offrire nel corso dell'anno.

 

Risolto il dilemma: Gianluca Pasqui si ricandiderà per le prossime comunali del 2019. Manca un anno allo scadere del mandato e le voci iniziavano già a dare per conclusa l’esperienza politica del primo cittadino di Camerino fermo restando l’ipotesi che avrebbe potuto candidarsi per le regionali del 2020.

Ma Pasqui ha deciso di esserci ancora, per dare continuità al processo di ricostruzione.

“In realtà - afferma - l’ultimo pensiero che ho è quello rivolto alla candidatura in questo momento. Mi interessa di più dedicarmi a problemi e questioni concrete. Tuttavia ho una risposta da dare senza la minima esitazione: mi ricandiderò a sindaco del mio Comune per un motivo semplice, che è quello morale, di coscienza. Voglio dare continuità ad un percorso difficile come quello della ricostruzione”.

Pasqui non nega di sentirsi pronto anche per nuovo sfide e forse, dice, avrebbe anche potuto essere il momento giusto ma per questo passo in avanti ha deciso di attendere, “perché ho l’obbligo di guardare i figli della mia terra e dare tutto me stesso per i prossimi anni alla ricostruzione. Sempre che i cittadini mi vogliano ancora come sindaco - precisa - e il bello della democrazia è proprio la possibilità di scelta. Se non dovessero scegliere me, sarò libero di affrontare altri percorsi ma è ovvio che rimarrò a disposizione per il bene della mia città e dei miei concittadini. Questi ultimi mi hanno sempre dimostrato un grande affetto e attaccamento alla mia persona - sottolinea - mi hanno sempre sostenuto ogni volta che ho chiesto un consenso. Non posso deludere nessuno, ci sono, ci metterò ancora la mia faccia”.

Squadra che vince non si cambia: Pasqui non ha dubbi nemmeno su questo. Vuole partire da quella attuale ed è pronto a mettere tutto in discussione qualora ci fosse qualcuno non disposto a ridare la propria disponibilità: “Partirò ovviamente dai miei collaboratori, che hanno tutti la massima stima e fiducia. Se tanto si è fatto è stato proprio per la grande umiltà e voglia di esserci al di là delle ideologie, ma con un unico pensiero che si chiama Camerino. Partendo da loro - conclude - guardo al futuro. Se non daranno la loro riconferma è ovvio che mi sentirei di mettere in discussione tutto ma dò per scontato un percorso ancora da fare insieme”.

g.g.

Clima a tratti molto accesso nella seduta del consiglio comunale di Camerino di questo giovedì 31 marzo.

All’ordine del giorno, questioni di un certo peso : sollecitato dalla minoranza ( Tapanelli e Gruppo Comunità e Territorio), il sindaco era chiamato a rispondere a interrogazioni inerenti l’attività di verifica/controllo dell ‘ANAC,( Autorità anticorruzione) e la presunta violazione dell’obbligo di astensione del vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Lucarelli, dallo svolgimento di attività professionali e altri fatti relativi all’esecuzione di lavori presso il Cinema Betti. Subito dopo l'approvazione del verbale della seduta del 25 febbraio 2015, il Sindaco Pasqui è tornato sulla positiva conclusione della questione della farmacia comunale. Il primo cittadino ha detto di aver ricevuto autorizzazione dal comune di Porto San Giorgio per poter accedere alla graduatoria comunale ufficiale per l'assunzione di due farmacisti a tempo determinato informando anche che sarà fatto presto un concorso per l'assunzione di un farmacista a tempo indeterminato. Quanto alle interrogazioni, sollecitate anche da richiesta di copia di atti delle quali è stata lamentata la mancata ricezione da parte della minoranza, Pasqui ha risposto che sì, il comune di Camerino è stato oggetto di un preavviso di un provvedimento d’ordine (ai sensi del paragrafo 3 della delibera n.146/2014 del 1/12/2015), in merito alla necessità di integrare o modificare il Piano Triennale della Prevenzione e della Corruzione 2015/ 2017, con particolare riguardo al paragrafo 8: Rotazione del personale addetto alle aree a rischio di corruzione. Ha informato altresì che la procedura si è conclusa con la comunicazione da parte dell’ANAC di archiviazione. Il sindaco ha anche aggiunto di essere stato informato con comunicazione del 11/02/2016 del fatto che l’Autorità di vigilanza dell’Anac ha ritenuto che il trasferimento dell’architetto Forconi ad altro ufficio, disposto con delibera di giunta del 30.12.2014, possa essere considerato quale misura discriminatoria ai sensi dell’art 54 bis del D.lgs 165/2001.

Con la medesima nota- ha detto ancora il sindaco- l’autorità ha ritenuto che il procedimento disciplinare avviato il 15.09.2015 dal segretario generale, nei confronti dello stesso architetto Forconi, sia stato posto in essere in violazione della medesima norma.

Il sindaco ha poi precisato di aver ricevuto solo le comunicazioni relative al preavviso di provvedimento d’ordine, peraltro archiviato dall’ANAC e la comunicazione della stessa autorità del 11/02/2016, e di non essere a conoscenza ( non potrebbe essere altrimenti) di eventuali comunicazioni riservate giunte al segretario comunale. Contestando poi le premesse dell’interrogazione presentata dalla minoranza, il sindaco, in riferimento all’attività professionale svolta dal vice sindaco e assessore Lucarelli, ha tenuto a sottolineare l’insussistenza della violazione dell’art. 78 del d.lgs 267/2000, non ritenendo dunque di provvedere ad alcuna revoca delle deleghe in capo allo stesso. “ Come riferitomi dal vice sindaco e come da lui formalmente illustrato nella nota in data 18.03.2016 e inviata al segretario generale- ha aggiunto Pasqui- comunico che Lucarelli non reputa di dover presentare le dimissioni da alcuna delle cariche che ricopre, posto che non ritiene in alcun modo di aver violato l’art.78 del T.U. degli enti locali. Quanto alle notizie circolate sulla stampa e alle notizie di indagini- ha affermato- si può solo asserire che tutte le attività svolte, sono state eseguite in conformità e nel rispetto della legge perseguendo gli obiettivi dell’amministrazione e, nell’interesse della Città e dei cittadini..Aldilà del clamore artatamente suscitato- ha concluso- nessuna irregolarità è stata compiuta”.

Non si sono detti soddisfatti delle risposte date i consiglieri Tapanelli, Trojani, Fanelli e Caprodossi “Lucarelli, in qualità di assessore all’urbanistica - ha detto il capogruppo Trojani- nello svolgere attività professionale si è trovato a compiere una grave violazione dell’obbligo di imparzialità e integrità di componente l’amministrazione, per cui il suo operato non è causa di incompatibilità ( che attiene al conflitto di interessi) ma, ancora più grave, di responsabilità politica come amministratore e deontologica come geometra. Per 4 volte – ha aggiunto – l’assessore ha contravvenuto all’obbligo di astenersi e la responsabilità politica è molto rilevante.”. “ Il sindaco – ha sottolineato Trojani- ha ritenuto di liquidare questa interrogazione dicendo che violazione non c’è , in quanto l’attività svolta, non rientra in materia di edilizia ma altra tipologia di attività ( “ coordinatore per la progettazione” e “ coordinatore per l’esecuzione “ in materia di sicurezza). Al riguardo, noi come minoranza stiamo pensando di valutare la possibilità di presentare un quesito specifico al Prefetto che è l’organo competente a verificare il rispetto o meno del Testo Unico degli enti locali. Nulla di personale nei confronti del vice sindaco, che conosco e stimo da una vita, ma il rispetto delle regole è sacrosanto”.

Altro punto all'ordine del giorno dell'assise la presentazione e approvazione del Documento Unico di programmazione 2016-2018; qui il consigliere indipendente di minoranza Pietro Tapanelli ha proposto un emendamento ( accolto dalla maggioranza con foto favorevole) per l’inserimento di un dispositivo che impegni l'ufficio tecnico comunale alla predisposizione di un “crono-programma” dei lavori stradali da eseguire, da oggi e fino alla fine del mandato dell’amministrazione. compatibilmente con le risorse economiche e finanziarie disponibili. “Un messaggio politico di attenzione su problematiche riguardanti la popolazione della città e delle frazioni”- ha detto il consigliere.   Approvato il Dup con il voto favorevole dello stesso Tapanelli , ma Voto contrario su emendamento e Dup, da parte del Gruppo Comunità e Territorio

“ Siamo favorevoli a fare un crono-programma per interventi che riguardano le strade- ha affermato il capogruppo Trojani-; abbiamo al riguardo anche presentato un comunicato, pubblicato foto dello stato di alcune strade della città, ma riteniamo che l’emendamento non debba essere votato, in quanto non è un atto di giunta consiliare, ma atto gestionale. Il Consiglio deve far sì che ci siano le risorse e le deve stanziare – ha aggiunto- per cui il nostro compito è questo. Saranno poi i responsabili dei servizi competenti le persone preposte a fare un crono-programma e a garantire lo svolgimento dell'attività manutentiva. A noi Giunta, spetta solo di dare degli indirizzi. Il consigliere Tapanelli ha voluto dare un messaggio politico ai cittadini, ma è chiaro che è un atto che la Giunta deve fare e deve fare per legge con il PEG, dando le risorse necessarie. Noi ripeto, dobbiamo limitarci a stanziare nel bilancio le risorse per poi far fare gli interventi. Riteniamo insomma che occorra andare a valutare anche le varie situazioni perché poi il cittadino in definitiva vede se la strada è mantenuta o meno, e credo che quello sia il messaggio politico. Non è che con una frase rassicurante o un emendamento, risolviamo il problema”.

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo