Il Consiglio regionale delle Marche approva la legge che valorizza il saltarello

Martedì, 19 Ottobre 2021 16:30 | Letto 381 volte   Clicca per ascolare il testo Il Consiglio regionale delle Marche approva la legge che valorizza il saltarello Approvata dal consiglio regionale la legge per valorizzare il saltarello, tradizione che connota le Marche. Obiettivo quello di sviluppare un ulteriore canale promozionale della regione come fatto dalla Puglia con la pizzica salentina. La legge porta la firma del consigliere regionale della Lega Andrea Maria Antonini, presidente della 3a Commissione Ambiente e Territorio, e ha ricevuto il tributo di alcune associazioni che tengono viva la tradizione con un flash mob praticamente in diretta. “Non abbiamo solo approvato una legge regionale: nel riconoscimento dell’eccellenza lavoriamo per trasformare in opportunità le nostre radici marchigiane – spiega Antonini - È dimostrato che una politica culturale attenta e che investe con pazienza sul binomio tradizione e formazione determina un forte riscontro turistico ed occupazionale. La legge sul saltarello è un ulteriore segnale che unire le tipicità immateriali a quelle materiali è la strada per tramandare, connotare e rilanciare”.“Il saltarello non è solo una danza tradizionale: è un rituale che evoca quella socialità attiva e quella mutua solidarietà di cui nelle nostre comunità grandi e piccole sentiamo, purtroppo, la mancanza – aggiunge il capogruppo Renzo Marinelli - I marchigiani ci hanno dato il mandato di muoverci, pur tra i rituali della politica, come un unico corpo espressione della comunità regionale in tutte le sue sfaccettature proprio come fanno i danzatori di saltarello. Un anno esatto dopo aver ricevuto questo mandato rinnoviamo quindi anche simbolicamente il nostro impegno con una legge dalla forte componente identitaria”.
Approvata dal consiglio regionale la legge per valorizzare il saltarello, tradizione che connota le Marche. Obiettivo quello di sviluppare un ulteriore canale promozionale della regione come fatto dalla Puglia con la pizzica salentina. La legge porta la firma del consigliere regionale della Lega Andrea Maria Antonini, presidente della 3a Commissione Ambiente e Territorio, e ha ricevuto il tributo di alcune associazioni che tengono viva la tradizione con un flash mob praticamente in diretta.

“Non abbiamo solo approvato una legge regionale: nel riconoscimento dell’eccellenza lavoriamo per trasformare in opportunità le nostre radici marchigiane – spiega Antonini - È dimostrato che una politica culturale attenta e che investe con pazienza sul binomio tradizione e formazione determina un forte riscontro turistico ed occupazionale. La legge sul saltarello è un ulteriore segnale che unire le tipicità immateriali a quelle materiali è la strada per tramandare, connotare e rilanciare”.

ANDREA MARIA ANTONINI CONSIGLIERE REGIONALE LEGA

“Il saltarello non è solo una danza tradizionale: è un rituale che evoca quella socialità attiva e quella mutua solidarietà di cui nelle nostre comunità grandi e piccole sentiamo, purtroppo, la mancanza – aggiunge il capogruppo Renzo Marinelli - I marchigiani ci hanno dato il mandato di muoverci, pur tra i rituali della politica, come un unico corpo espressione della comunità regionale in tutte le sue sfaccettature proprio come fanno i danzatori di saltarello. Un anno esatto dopo aver ricevuto questo mandato rinnoviamo quindi anche simbolicamente il nostro impegno con una legge dalla forte componente identitaria”.

Letto 381 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo