Domenica sarà un giorno di festa, a San Severino. Il primo motivo lo abbiamo già annunciato, cioè la prima visita in città dell’arcivescovo di Camerino-San Severino, Francesco Massara. Sua eccellenza presiederà la messa a San Lorenzo alle 18. Il secondo motivo è invece riferito al terremoto e al secondo anniversario. Sono tanti, troppi, i danni anche qui causati dalle scosse del 26 e 30 ottobr. E proprio domenica una famiglia rimasta senza un tetto tornerà ad averne uno: alle 17 è infatti in programma la consegna dell’alloggio di via Porta romana, che verrà consegnato ad una famiglia dopo i lavori di riparazione e miglioramento sismico. Alla cerimonia parteciperà anche monsignor Massara, insieme al sindaco Rosa Piermattei, ai rappresentanti dell’amministrazione comunale e ad altre autorità politiche, civili e militari.

Questo immobile è stato uno dei primi interventi all’interno del cratere sismico finanziati con l’ordinanza 27 del commissario straordinario ovvero quella riferita alla riparazione del patrimonio edilizio pubblico con destinazione abitativa.

Le opere sono state eseguite dall’impresa Doma Srl di Sant’Antangelo in Vado.

G.G.

San Severino si prepara ad abbracciare il nuovo vescovo Francesco Massara. La cerimonia ufficiale è prevista per domenica 28 ottobre alle 18 nella basilica di San Lorenzo. Qui monsignor Massara celebrerà la Santa Messa insieme al clero locale. 

Prima però, l’arcivescovo sarà ricevuto dal sindaco Rosa Piermattei.

“Carissimo don Franco – aveva indirizzato il proprio saluto all’arcivescovo il sindaco, Rosa Piermattei, in occasione della cerimonia di insediamento in Arcidiocesi – mi permetto di rivolgermi a lei in modo così informale perché lei stesso si è rivolto a noi con semplicità, con un approccio umile ed empatico che ci ha sorpreso e ci ha aperto il cuore. Mi rivolgo a lei con profondo spirito di accoglienza e animo pieno di speranza nella certezza che saprà raccogliere al meglio il prestigioso testimone dell’opera del suo predecessore monsignor Francesco Giovanni Brugnaro. La nostra terra ha profonde radici cristiane, testimoniate da tantissimi segni della fede popolare, una fede semplice e radicata nel cuore della nostra gente. Gente laboriosa e schiva, gente determinata e profondamente innamorata di questi luoghi che anche lei, ne siamo certi, imparerà presto ad apprezzare”.

g.g.

A Camerino, sono state consegnate questa mattina le ultime casette. Quattordici a Cortine ampliamento e otto  nella frazione di Arcofiato, consentiranno ad altrettanti nuclei familiari di tornare ad una dimensione di vita più intima e serena. L'arrivo inaspettato dell'arcivescovo Francesco Massara nell'area Sae Le Cortine, ha impresso un significato ancora più bello alla piccola cerimonia del rientro a casa. Onorati e sorpresi nel ricevere una visita così gradita in un momento tanto importante per la comunità. lo stesso vicesindaco Roberto Lucarelli e il personale comunale. " Non era prevista la mia presenza - ha detto l'arcivescovo Massara- ma sono venuto davvero con grande gioia e piacere per salutare i miei primi parrocchiani. Ho voluto trasmettere loro il mio messaggio di speranza evangelica, affinché possano davvero andare avanti e che il Signore li aiuti a ritrovare il senso della famiglia, anche attraverso una piccola casa".  Alla vigilia della grande festa del suo ufficiale insediamento, l'arcivescovo ha voluto sottolineare lo spirito con cui affronta questa nuova esperienza: " Il camminare insieme è importante perchè ci aiutiamo l'un l'altro; nel confronto e nella collaborazione si costruisce sempre qualcosa di buono. Sarò il vescovo della strada; come ho sempredetto sin dal primo momento della mia nomina, continuerò a fare il parroco anche da vescovo, con la gente e tra la gente".

Consegna Sae Capitano

"Un passaggio significativo quello della consegna delle ultime SAE- ha detto il vicesindaco Roberto Lucarelli -La felicità è doppia perchè, oltre a questa tappa importante per la comunità, abbiamo avuto il piacere di accogliere l'arrivo a sorpresa del nuovo arcivescovo della diocesi di Camerino - San Severino Marche a. Un blitz inaspettato nei confronti del quale, non possiamo che esprimere profonda gratitudine e felicità. Con Cortine ampliamento e poi con l'area della frazione di Arcofiato,  segnale forte di un''amministrazione che tiene a preservare dall'abbandono tutte le sue zone - ha aggiunto-  chiudiamo un primo capitolo di emergenza che garantisce un tetto ai nostri cittadini, primo passo verso la chiusura di quel percorso di attività di gestione del tragico evento che ha colpito la città  e che ci vede impegnati quotidianamente".         

 

Carla Campetella

Consegna SAE Lucarelli vescovo

 Nella foto sotto, consegne ad Arcofiato

Arcofiato 1

Non arriverà da solo, a Camerino, il nuovo arcivescovo Francesco Massara. Con lui ci sarà anche don Domenico Romano, attualmente vice parroco della comunità Gesù Salvatore di Vena di Ionadi, in provincia di Vibo Valentia. Si tratta di un giovane, 34 anni originario di Mileto, che verrà nel territorio marchigiano con Monsignor Massara per prestare servizio come suo segretario personale. Un incarico importante la cui scelta, stando a fonti vibonesi, avrebbe origine qualche anno fa, nel periodo in cui entrambi si trovavano a Roma. Don Massara ricopriva i suoi incarichi in Santa Sede, mentre il giovane sacerdote era uno studente al Pontificio Seminario romano maggiore. Per don Domenico l’impegno è già iniziato, giacché si sta occupando dell’organizzazione della cerimonia di ordinazione di Monsignor Massara che avverrà sabato pomeriggio alle 17 nella basilica-cattedrale di Mileto. Per festeggiarlo, fra le altre cose, partirà da Camerino una nutrita delegazione, circa 50 persone. 

Il nuovo arcivescovo, originario di Drapia, prenderà possesso della cattedra dell’arcidiocesi di Camerino-San Severino il prossimo 21 ottobre: alle 9:30 pregherà davanti all’urna del Santo Patrono Venanzio, alle 10 l’accoglienza e il saluto delle autorità nella sede Contram alle Mosse, alle 11 la Santa Messa per l’inizio del ministero episcopale all’Auditorium Benedetto XIII. Domenica 28 ottobre invece sarà a San Severino dove è prevista la Messa alle 18 nella chiesa di San Lorenzo.

g.g.

Pagina 7 di 7

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo