2 Giugno, festa della Repubblica

Giovedì, 02 Giugno 2016 10:09 | Letto 1248 volte   Clicca per ascolare il testo 2 Giugno, festa della Repubblica La festa della Repubblica è stata festeggiata in tutta lItalia con iniziative dal nord al sud, Grande partecipazione anche con le condizioni meteo sfavorevoli, pioggia e in alcune zone anche forti temporali, hanno caratterizzato i festeggiamenti.   A Macerata, il Prefetto Roberta Preziotti, presso il monumento ai  Caduti di piazza Vittoria, ha depositato una corona di alloro in omaggio ai caduti per la fondazione della Repubblica. Lo stesso Prefetto ha poi voluto porre laccento sul significato altamente simbolico espresso dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo messaggio inviato a tutti gli Ufficiali di Governo. Una legittimazione forte dellattività dei Prefetti - così la dottoressa Preziotti - e un incoraggiamento a tutti coloro che esercitano pubbliche funzioni ad agire senza frammentazioni in un clima di cooperazione e senza sovrapposizioni di funzioni e competenze. Linvito è ad effettuare tutti insieme uno sforzo per il rilancio delle attività produttive e delloccupazione. Un richiamo al servizio, alla legalità, alla trasparenza.     Molto interessante, grazie alla collaborazione del FAI delegazione di Macerata, che ha organizzato le visite guidate, dalle ore 16:00 alle 19:30 allinterno degli appartamenti di rappresentanza risalenti al 13° secolo, lapertura al pubblico del Palazzo della Prefettura..   Gli alloggi si trovano al secondo piano del palazzo e si aprono con lo splendido e vasto salone detto delle Armi per le decorazioni delle pareti. Poi si passa in successione nella Sala Verde (o del Biliardo), nella Sala Rossa  (o Biblioteca) fino ad arrivare nel Salottino Bianco (o della Musica) che si affaccia dal piano superiore della Loggia dei Mercanti, da cui si può godere di una magnifica vista dallalto su tutta la piazza.   Per la prima volta nella storia questo bellissimo palazzo è stato aperto al pubblico - continua il Prefetto - I cittadini della provincia di Macerata hanno così avuto lopportunità di visitare le stanze, accompagnati dagli apprendisti ciceroni del Fai, giovani delle scuole superiori, che hanno illustrato loro tutti i tesori che sono nascosti in questo magnifico palazzo. Al di là dellaspetto storico e artistico vorrei, però, sottolineare il senso di questa apertura delle porte della Prefettura: un senso completo di prossimità, di vicinanza, di apertura, di presenza dello Stato sul territorio.   La Festa della Repubblica si caratterizza anche per la parata militare ai Fori Imperiali a Roma, manifestazione cui hanno partecipato anche alcuni amministratori dei comuni del maceratese. Unesperienza singolare - lha definita il vice sindaco di Urbisaglia Roberto Broccolo - anche perchè è la prima volta che i sindaci sono stati chiamati a sfilare durante la parata. QUindi unemozione particolare. Lemozione è stata soprattutto nellaprire, quali sindaci, la sfilata davanti a tantissima gente - fa eco il primo cittadino di Corridonia Nelia Calvigioni - Momenti nei quali viene alla memoria il lavoro svolto quotidianamente nel territorio di appartenza. Inoltre, tutti insieme abbiamo rappresentato lItalia in una festa che 70 anni ha dato il voto alle donne. QUindi unemozione doppia come sindaco e come donna.                      
La festa della Repubblica è stata festeggiata in tutta l'Italia con iniziative dal nord al sud, Grande partecipazione anche con le condizioni meteo sfavorevoli, pioggia e in alcune zone anche forti temporali, hanno caratterizzato i festeggiamenti.
 
A Macerata, il Prefetto Roberta Preziotti, presso il monumento ai  Caduti di piazza Vittoria, ha depositato una corona di alloro in omaggio ai caduti per la fondazione della Repubblica. Lo stesso Prefetto ha poi voluto porre l'accento sul significato altamente simbolico espresso dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo messaggio inviato a tutti gli Ufficiali di Governo. "Una legittimazione forte dell'attività dei Prefetti - così la dottoressa Preziotti - e un incoraggiamento a tutti coloro che esercitano pubbliche funzioni ad agire senza frammentazioni in un clima di cooperazione e senza sovrapposizioni di funzioni e competenze. L'invito è ad effettuare tutti insieme uno sforzo per il rilancio delle attività produttive e dell'occupazione. Un richiamo al servizio, alla legalità, alla trasparenza".  
 
Molto interessante, grazie alla collaborazione del FAI delegazione di Macerata, che ha organizzato le visite guidate, dalle ore 16:00 alle 19:30 all'interno degli appartamenti di rappresentanza risalenti al 13° secolo, l'apertura al pubblico del Palazzo della Prefettura..
 
Gli alloggi si trovano al secondo piano del palazzo e si aprono con lo splendido e vasto salone detto "delle Armi" per le decorazioni delle pareti. Poi si passa in successione nella Sala Verde (o del Biliardo), nella Sala Rossa  (o Biblioteca) fino ad arrivare nel Salottino Bianco (o della Musica) che si affaccia dal piano superiore della Loggia dei Mercanti, da cui si può godere di una magnifica vista dall'alto su tutta la piazza.
 
"Per la prima volta nella storia questo bellissimo palazzo è stato aperto al pubblico - continua il Prefetto - I cittadini della provincia di Macerata hanno così avuto l'opportunità di visitare le stanze, accompagnati dagli apprendisti ciceroni del Fai, giovani delle scuole superiori, che hanno illustrato loro tutti i tesori che sono nascosti in questo magnifico palazzo. Al di là dell'aspetto storico e artistico vorrei, però, sottolineare il senso di questa apertura delle porte della Prefettura: un senso completo di prossimità, di vicinanza, di apertura, di presenza dello Stato sul territorio".
 
La Festa della Repubblica si caratterizza anche per la parata militare ai Fori Imperiali a Roma, manifestazione cui hanno partecipato anche alcuni amministratori dei comuni del maceratese. "Un'esperienza singolare - l'ha definita il vice sindaco di Urbisaglia Roberto Broccolo - anche perchè è la prima volta che i sindaci sono stati chiamati a sfilare durante la parata. QUindi un'emozione particolare". "L'emozione è stata soprattutto nell'aprire, quali sindaci, la sfilata davanti a tantissima gente - fa eco il primo cittadino di Corridonia Nelia Calvigioni - Momenti nei quali viene alla memoria il lavoro svolto quotidianamente nel territorio di appartenza. Inoltre, tutti insieme abbiamo rappresentato l'Italia in una festa che 70 anni ha dato il voto alle donne. QUindi un'emozione doppia come sindaco e come donna".  
 
 
 
 
 
 
70 2Giugno Locantina small
 
 
 
 

Letto 1248 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo