Il Vice Ministro Nencini ad Unicam per illustrare il Nuovo Codice dei Contratti Pubblici

Venerdì, 08 Luglio 2016 17:19 | Letto 1632 volte   Clicca per ascolare il testo Il Vice Ministro Nencini ad Unicam per illustrare il Nuovo Codice dei Contratti Pubblici   Il viceministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini è intervenuto allUniversità di Camerino nell’occasione del convegno dedicato al Nuovo Codice dei Contratti Pubblici. Aperto dai saluti del direttore della scuola di Giurisprudenza Antonio Flamini l’incontro, al quale hanno preso parte professionisti , avvocati, segretari comunali, imprenditori e autorità militari, ha avuto quali relatori Erminio Ferrari, docente di Diritto amministrativo all’Università di Milano; Fabrizio Lorenzotti, docente di Diritto amministrativo Unicam; Piergiuseppe Mariotti, segretario generale del Comune di Civitanova Marche ; Sara Spuntarelli, docente di Diritto amministrativo Unicam. A conclusione dell’intensa mattinata il vice ministro Nencini ha illustrato le principali novità del documento entrato in vigore con il decreto legislativo numero 50 dello scorso 18 aprile e atteso da tempo. Dai 600 articoli del vecchio codice e annesso regolamento, si passa a 220 articoli. “E’ un codice così innovativo- ha spiegato il sen. Nencini - che sta creando anche qualche problema nei suoi adempimenti da parte della pubblica amministrazione, delle imprese. Le principali novità – ha aggiunto-riguardano l’enorme taglio delle stazioni appaltanti che da 40.000 passano a 2000; è prevista la regolamentazione del dibattito pubblico, dei gruppi di pressione; il pagamento diretto nel subappalto; unattenzione particolare alla piccola e alla media impresa ma a condizione che la piccola impresa italiana, sappia consorziarsi. C’è l’emarginazione del massimo ribasso così come l’emarginazione della variante che non viene giustificata. Sono insomma molteplici le novità”- ha concluso Nencini- “ I pilastri del codice sono due: dare certezza di realizzazione di unopera pubblica e contrastare il fenomeno della corruzione mettendo in trasparenza tutta una serie di procedimenti e, questa azione è affidata soprattutto all’ANAC di Cantone e, direi che lesperienza acquisita fa ben sperare”. Una rivoluzione radicale per l’intero settore dei contratti pubblici e per i metodi di assegnazione delle concessioni ; una normativa che necessiterà di allenamento e, per la quale, lo stato transitorio è di grande attenzione, motivata anche dalla supervigilanza dell’ANAC. Nel ringraziare il viceministro alle infrastrutture per la sua presenza al convegno, il rettore Flavio Corrradini ha voluto lanciare, ove vi fossero aggiustamenti e migliorie da apportare all’attuale fase di rodaggio del Nuovo Codice, la proposta della redazione di osservazioni da parte dell’Ateneo di Camerino e del territorio. Osservazioni da porre all’attenzione del legislatore al quale spetterà poi l’ultima parola.  

 

Il viceministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini è intervenuto all'Università di Camerino nell’occasione del convegno dedicato al Nuovo Codice dei Contratti Pubblici.

Aperto dai saluti del direttore della scuola di Giurisprudenza Antonio Flamini l’incontro, al quale hanno preso parte professionisti , avvocati, segretari comunali, imprenditori e autorità militari, ha avuto quali relatori Erminio Ferrari, docente di Diritto amministrativo all’Università di Milano; Fabrizio Lorenzotti, docente di Diritto amministrativo Unicam; Piergiuseppe Mariotti, segretario generale del Comune di Civitanova Marche ; Sara Spuntarelli, docente di Diritto amministrativo Unicam.

A conclusione dell’intensa mattinata il vice ministro Nencini ha illustrato le principali novità del documento entrato in vigore con il decreto legislativo numero 50 dello scorso 18 aprile e atteso da tempo. Dai 600 articoli del vecchio codice e annesso regolamento, si passa a 220 articoli. “E’ un codice così innovativo- ha spiegato il sen. Nencini - che sta creando anche qualche problema nei suoi adempimenti da parte della pubblica amministrazione, delle imprese. Le principali novità – ha aggiunto-riguardano l’enorme taglio delle stazioni appaltanti che da 40.000 passano a 2000; è prevista la regolamentazione del dibattito pubblico, dei gruppi di pressione; il pagamento diretto nel subappalto; un'attenzione particolare alla piccola e alla media impresa ma a condizione che la piccola impresa italiana, sappia consorziarsi. C’è l’emarginazione del massimo ribasso così come l’emarginazione della variante che non viene giustificata. Sono insomma molteplici le novità”- ha concluso Nencini- “ I pilastri del codice sono due: dare certezza di realizzazione di un'opera pubblica e contrastare il fenomeno della corruzione mettendo in trasparenza tutta una serie di procedimenti e, questa azione è affidata soprattutto all’ANAC di Cantone e, direi che l'esperienza acquisita fa ben sperare”. Una rivoluzione radicale per l’intero settore dei contratti pubblici e per i metodi di assegnazione delle concessioni ; una normativa che necessiterà di allenamento e, per la quale, lo stato transitorio è di grande attenzione, motivata anche dalla supervigilanza dell’ANAC.

Nel ringraziare il viceministro alle infrastrutture per la sua presenza al convegno, il rettore Flavio Corrradini ha voluto lanciare, ove vi fossero aggiustamenti e migliorie da apportare all’attuale fase di rodaggio del Nuovo Codice, la proposta della redazione di osservazioni da parte dell’Ateneo di Camerino e del territorio. Osservazioni da porre all’attenzione del legislatore al quale spetterà poi l’ultima parola.  

Letto 1632 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo