Ricusata la lista PC alla Camera con candidato Riccioni. Depositato il ricorso

Venerdì, 02 Febbraio 2018 14:56 | Letto 1679 volte   Clicca per ascolare il testo Ricusata la lista PC alla Camera con candidato Riccioni. Depositato il ricorso Ricusata la lista del Partito Comunista alla Camera con candidato il sindaco di Gagliole avv. Mauro Riccioni. Motivo:  alcuni certificati di iscrizione nelle liste elettorali, sono stati forniti dai comuni  con PEC  anziché a mano. L’avv. Riccioni ha già depositato ricorso ed è attesa entro domenica sera una decisione della Corte Suprema di Cassazione. “ Sostanzialmente- spiega Riccioni- siamo presenti al Senato e le firme che abbiamo raccolto, corroborate da certificati ritirati a mezzo PEC  dagli uffici anagrafe dei comuni ove i cittadini hanno firmato, sono state perfettamente considerate valide. Alla Camera dei deputati, per quanto riguarda il Collegio Marche 02 province di Ancona e Pesaro- prosegue Riccioni-, abbiamo prodotto certificati ritirati a mano nei comuni ove i residenti hanno firmato ma anche certificati ritirati a mezzo PEC, o tramite firma certificata, o a mezzo di certificati identificativi con tanto di protocollo, tracciabilità, asseveranti la conformità all’originale. Su presupposto, a nostro avviso errato, che in materia elettorale non possano essere utilizzate le PEC, non siamo stati per il momento ammessi alle elezioni. Abbiamo appena depositato ricorso e, entro domenica sera  comosceremo la decisione. Il ragionamento è semplice- aggiunge il sindaco di Gaglliole-: è vero che le firme non possono essere raccolte a mezzo PEC tanto è vero che sono state raccolte personalmente e da me certificate in qualità di avvocato cassazionista ma i certificati che servono solo a corroborare le firme, certificando che la persona che ha firmato la lista, risiede effettivamente in quel comune, non equivalgono ad un modulo inviato via PEC, che non è ammesso e che per inviare, non abbiamo utilizzato presentando ogni cosa direttamente a mano. E’ dunque una parte di un discorso più complesso comunque ammessa dalla legge; in sostanza abbiamo utilizzato il sistema cartaceo; depongono a nostro favore pareri del Consiglio di Stato e della Cassazione, casi analoghi superati dalla Commissione Elettorale Centrale anche in relazione agli ultimi referendum. Pertanto noi confidiamo fortemente che la lista elettorale della Camera dei Deputati venga accolta dalla Commissione Elettorale Centrale. C.C.  

Ricusata la lista del Partito Comunista alla Camera con candidato il sindaco di Gagliole avv. Mauro Riccioni. Motivo:  alcuni certificati di iscrizione nelle liste elettorali, sono stati forniti dai comuni  con PEC  anziché a mano. L’avv. Riccioni ha già depositato ricorso ed è attesa entro domenica sera una decisione della Corte Suprema di Cassazione.

“ Sostanzialmente- spiega Riccioni- siamo presenti al Senato e le firme che abbiamo raccolto, corroborate da certificati ritirati a mezzo PEC  dagli uffici anagrafe dei comuni ove i cittadini hanno firmato, sono state perfettamente considerate valide. Alla Camera dei deputati, per quanto riguarda il Collegio Marche 02 province di Ancona e Pesaro- prosegue Riccioni-, abbiamo prodotto certificati ritirati a mano nei comuni ove i residenti hanno firmato ma anche certificati ritirati a mezzo PEC, o tramite firma certificata, o a mezzo di certificati identificativi con tanto di protocollo, tracciabilità, asseveranti la conformità all’originale. Su presupposto, a nostro avviso errato, che in materia elettorale non possano essere utilizzate le PEC, non siamo stati per il momento ammessi alle elezioni. Abbiamo appena depositato ricorso e, entro domenica sera  comosceremo la decisione.

Il ragionamento è semplice- aggiunge il sindaco di Gaglliole-: è vero che le firme non possono essere raccolte a mezzo PEC tanto è vero che sono state raccolte personalmente e da me certificate in qualità di avvocato cassazionista ma i certificati che servono solo a corroborare le firme, certificando che la persona che ha firmato la lista, risiede effettivamente in quel comune, non equivalgono ad un modulo inviato via PEC, che non è ammesso e che per inviare, non abbiamo utilizzato presentando ogni cosa direttamente a mano. E’ dunque una parte di un discorso più complesso comunque ammessa dalla legge; in sostanza abbiamo utilizzato il sistema cartaceo; depongono a nostro favore pareri del Consiglio di Stato e della Cassazione, casi analoghi superati dalla Commissione Elettorale Centrale anche in relazione agli ultimi referendum. Pertanto noi confidiamo fortemente che la lista elettorale della Camera dei Deputati venga accolta dalla Commissione Elettorale Centrale.

C.C.

 

Letto 1679 volte

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo