Sono oltre 350 le dosi di vaccino che, giornalmente, vengono somministrate all'hub delle Terme Santa Lucia, a Tolentino. Un numero importante a testimonianza della sinergia, efficace, che si è andata consolidando tra strutture sanitarie pubbliche e private nel corso dei 18 mesi di pandemia.

"L'epidemia da Covid chiedeva questo al privato - ha detto Stefano Gobbi, Presidente di ASSM Tolentino - : saper instaurare una collaborazione solida e produttiva con la sanità pubblica, molto provata dall'emergenza pandemica. Lo abbiamo fatto puntualmente. Eravamo già convenzionati con l'Area Vasta 3, ma era una sinergia che eravamo chiamati a rinnovare e rafforzare. Siamo soddisfatti che il nostro hub sia stato in grado di servire bene la città di Tolentino e i suoi dintorni. Questo soprattutto per quanto riguarda le persone fragili e con problemi di mobilità, che avrebbero avuto problemi a raggiungere i centri vaccinali di Macerata o Civitanova".

La chiusura di Gobbi è dedicata all'eventualità di una terza dose: "Siamo partiti con 200 inoculazioni al giorno, per arrivare alle oltre 350 attuali. Nel caso, in autunno, dovessimo aver bisogno di una terza dose, potremmo ancora aumentare il nostro impegno: è l'emergenza che ce lo chiede".

l.c.
La lettera al sindaco, i cuori appe agli alberi, l'interessamento della minoranza. Tutti insieme a Tolentino avevano chiesto l'intervento di un perito tecnico per scongiurare l'abbattimento degli alberi ai giardini John Lennon di Tolentino e sono riusciti ad ottenere il risultato sperato.
Lo ha annunciato il consigliere del Pd Fulvio Riccio che ai microfoni di RadioC1...inBlu ha spiegato: "È stato un obiettivo raggiunto grazie all'impegno della cittadinanza: si sono mosse associaizoni, comitati, singole persone che hanno molto a cuore un giardino storico come quello di John Lennon e non riuscivano ad accettare il fatto che si potessero abbattere una ventina di piante all'interno del parco senza alcun tipo di valutazione tecnica sulla pericolosità delle stesse.
Fortunatamente - dice - la maggioranza ha dato ascolto a queste voci: è stata commissionata una perizia da cui è scaturito che queste piante rimarranno in vita senza sconvolgere l'assetto generale dei giardini John Lennon e saranno abbattute solo quelle piante che sono effettivamente ritenute pericolose. Personalmente - confida - giudico positivo questo tipo di procedura che, se fosse stata avviata fin dal principio, si sarebbero evitate le tante polemiche ascoltate in questi giorni".
In particolare saranno quindi salvati nove alberi tra quelli che erano destinati all'abbattimento.

GS


Il quinto colpo in cinque anni.
Nel mirino dei ladri, ancora una volta, il negozio Chienti bike in località Le Grazie a Tolentino.
Nella notte tra lunedì e ieri, i malviventi sono entrati nel locale sfondando la porta di ingresso e portando via tre biciclette per un valore complessivo di circa 20mila euro.
Immediatamente è scattato l'allarme e sul posto sono intervenuti i carabinieri, la sorveglianza e il titolare, ma i ladri si erano già dileguati.
Ancora grande delusione per i commercianti che si trovano a subire il quinto furto degli ultimi anni: l'ultimo lo scorso anno, ma in quel caso il bottino era di circa 200mila euro.
Sul fatto indagano i carabinieri.

GS
Nella campagna elettorale cominciata con un anno di anticipo a Tolentino, la scuola don Bosco sembra davvero essere l'argomento principale del dibattito.

Dopo la nota di Tolentino Popolare per mostrare il dissenso nei confronti della scelta dell'amministrazione di delocalizzare la scuola, il sindaco Giuseppe Pezzanesi ribadisce la sua posizione sulla ricostruzione scolastica, lasciando spazio ad un affondo nei confronti dell'associazione che ha annunciato di lavorare ad un progetto civico alternativo all'attuale maggioranza.

"Questa amministrazione non deve prendere lezioni da nessuno - dice ai microfoni di Radio C1...inBlu - , agli altri resta poco: articoli, polemiche sterili, dichiarazioni non suportate dai fatti e per cui non si ha la cognizione tecnica degli argomenti in cui si interviene. Andremo avanti come fatto in questi anni -  annunciando la corsa del suo gruppo alle prossime elezioni - perchè non vedo all'orizzonte alcuna preparazione nella minoranza che continua a votare sempre contro ad una amministrazione che, per questa città, ha raggiunto risultati straordinari. Pretendono di avere una chance per amministrare questa città; dicono di farlo per Tolentino e per i negozianti, in realtà hanno una voglia matta di prendere il potere, ma il giorno dopo non saprebbero da dove cominciare".

Il sindaco chiarisce poi in merito alla delocalizzazione della scuola: "Sulle scuole abbiamo una grande chiarezza di idee - dice - , non abbiamo mai promesso il contrario. Se la politica di questo Paese deve essere di rattoppare il vecchio fino a che non torni il terremoto significherebbe buttare tanti soldi in una struttura dove non c'è sicurezza nemmeno fuori perchè all'uscita da scuola, nelle ore di punta, è molto pericoloso anche per i pedoni per via di tutte le auto che si concentrano in quella zona.
In centro ci saranno la materna e le elementari, quindi non toglieremo i servizi. Vorrei anche evidenziare che il centro da contrada Pace dista due chilometri, quindi parlare di uno spostamento enorme è come cercar di dar fuoco a un materiale ignifugo per cercare di catalizzare la gente su un problema che non c'è".

Per quanto riguarda la questione sicurezza della struttura dove attualmente si svolgono le lezioni, il sindaco controbatte: "Ovviamente l'ala che ora viene utilizzata è sicura, ma mai quando può esserlo una struttura nuova e realizzata con i nuovi criteri di sicurezza".

Giuseppe Pezzanesi aggiunge poi delle considerazioni in merito al Psr ed al centro storico: "Chi ora si lamenta era presente alla presentazione del piano - dice - e non ha preso parola per opporsi. Noi crediamo così tanto al centro storico che con il Psr abbiamo pensato ad un rinnovamento sostanziale che cambierà completamente il volto di quella zona in meglio, lasciando i tratti di storia caratteristici. Le polemiche lasciano il tempo che trovano".

GS


"Spark - La scintilla che accende i sogni" segna il debutto, giovedì 15 luglio nella cornice dell'Anfiteatro romano di Urbisaglia, dell'associazione "Design Terrae", nata per volontà di Franco Moschini con lo scopo di supportare l'evoluzione del "bello, buono e ben fatto" a partire dall'alto maceratese tramite nuovi percorsi di crescita, attività ed eventi.

Design Terrae, la cui visione è quella di considerare il passato come preziosa risorsa per immaginare il futuro come orizzonte possibile grazie anche all'innovazione e al contributo dei giovani, si è presentata al Politeama di Tolentino dove il direttore artistico Carlo De Mattia ha anticipato la serata - spettacolo dell'evento che sarà presentato da Massimiliano Ossini e vedrà protagonisti donne e uomini provenienti sia dal mondo delle startup e partecipate innovative della Moschini Spa che dall'alto maceratese: la presidente della Cooperativa Esserci di Torino Daniela Ortisi, l'imprenditore agricolo Luigi Galimberti, il co-fondatore della startup Will Media Alessandro Tommasi, il "pastore millennial Marco Scolastici, l'imprenditrice del settore turistico Emanuela Lelli.

A portare i saluti dell'amministrazione comunale di Tolentino il vice sindaco Silvia Luconi. "Siamo stati contattati da Design Terrae nello scorso autunno per farci conoscere il progetto dell'associazione - le sue parole - Ora il prossimo 15 luglio ci sarà ad Urbisaglia il primo evento dell'associazione, che darà il là a tutto quello che verrà proposto a Tolentino, città sede naturale del Politeama Piceno e anche di Design Terrae".

il pres. di Design Terrae Franco Moschini
Il pres. di Design Terrae Franco Moschini


"Un'iniziativa che va nel senso della contaminazione positiva tra la storia del nostro anfiteatro e l'idea di futuro - così il sindaco di Urbisaglia Paolo Giubileo - Per questo ringrazio l'associazione Design Terrae che ha scelto Urbisaglia per questo evento".

"Spark intende far vivere al pubblico un momento di crescita e consapevolezza, un presente sospeso tra passato e futuro - le parole del direttore artistico De Mattia - Questo avverrà anche tramite la performance che la Compagnia dei Folli di Ascoli Piceno donerà al pubblico. Sarà un momento suggestivo grazie anche all'evocazione del fantastico e alle spettacolari scenografie immersive dell'azienda Stark che trasformerà le chiome delle querce dell'Anfiteatro in fantastici schermi naturali".

f.u.








Due incidenti stamattina sulle strade della provincia.
Il primo, avvenuto poco dopo le 8.00 in contrada Gabella nuova a Sarnano. Al vaglio dei Carabinieri la ricostruzione della dinamica che ha portato allo scontro tra un'auto e un furgone. Immediati i soccorsi da parte del personale del 118: i due conducenti dei mezzi coinvolti nel sinistro sono stati trasportati per accertamenti in ospedale, ma non sembrano aver riportato gravi conseguenze. Sul posto per le operazioni di messa in sicurezza della sede stradale l'intervento dei vigili del fuoco.

Erano circa le 9, invece, quando lungo la superstrada Valdichienti, in direzione monti, all'altezza dell'uscita di Tolentino sud, un'auto è finita fuori strada per cause in corso di accertamento.
Sul posto i sanitari del 118 che hanno trasportato il conducente, per accertamenti, al pronto soccorso dell'ospedale di Macerata.

c.c.  g.s.
Una delegazione ristretta del Comitato NO inceneritore Tolentino ha incontrato il ViceSindaco Silvia Luconi e le ha consegnato le firme raccolte con la petizione contro la realizzazione di un forno crematorio nei pressi del Cimitero comunale.
Sono 2016 le persone che hanno sottoscritto la petizione lanciata nei mesi scorsi dal Comitato.
Il presidente del Comitato Sandro Bisonni così commenta: “Abbiamo incontrato il Vicesindaco Luconi per ribadire la contrarietà di un considerevole numero di persone alla realizzazione di un inceneritore nelle vicinanze del centro storico di Tolentino.
Riteniamo che l'iniziativa abbia avuto un riscontro molto positivo da parte della popolazione, considerato che le firme sono state raccolte in tempi di lockdown covid con tutte le difficoltà del caso.
Ci teniamo a sottolineare che i paletti che sta predisponendo la Regione Marche a seguito della risoluzione approvata è merito anche (certamente non solo) delle iniziative di questo Comitato che ha contattato e ottenuto riscontri positivi da diversi Consiglieri regionali, di vari colori politici, a cui va il nostro ringraziamento.
Se ora l'Amministrazione Pezzanesi si trova nelle condizioni di difficoltà a procedere non è certo per loro scelta ma per costrizione.
Detto questo sia chiaro però che la battaglia non è ancora finita perché in politica purtroppo le promesse vanno e vengono e la nuova Amministrazione comunale potrebbe ritrovarsi in condizioni tali da poter ritornare su propri passi. Per tali motivi abbiamo incontrato la Luconi per tentare di strapparle un impegno, impegno che però non è arrivato.
Chi andrà a votare alle prossime Amministrative tenga bene in mente le scelte e i mancati impegni che, a nostro giudizio, fanno intendere molto meglio di tante vane parole quale sia il pensiero e la reale visione per la città di Tolentino degli attuali amministratori"
c.c.














Area degli allegati













Un consiglio comunale fiume, finito oltre la mezzanotte, dove non si poteva che arrivare allo scontro per via di quello che ormai da tre anni rappresenta lo scoglio più grande per Tolentino: la delocalizzazione della scuola Don Bosco in zona Pace, nel campus scolastico.

Lo conferma il consigliere dem Fulvio Riccio con un annuncio su Facebook in cui dice addio alla struttura scolastica in questione: “Si sono discusse molte proposte importanti – dice - , alcune positive, come ad esempio il Regolamento per l'attivazione dell'unità cinofila a Tolentino e lo statuto per la Fondazione Tacci Porcelli, entrambe votate all'unanimità, altre meno positive.

Ovviamente lo scontro vero si è concentrato sulla delocalizzazione della scuola Don Bosco, posta all'interno del PSR (Piano straordinario ricostruzione). Finalmente ieri abbiamo capito una cosa: la scuola Don Bosco è sicura (per questo i bambini ci possono andare tranquillamente anche ora) e lo potrebbe diventare ancor più successivamente ad una ristrutturazione. Queste le parole dei tecnici comunali – racconta - .

La delocalizzazione è quindi una scelta politica di questa amministrazione che preferisce avere una scuola in periferia che in centro. Purtroppo i numeri erano dalla parte della maggioranza – ammette - che ha votato compatta e convintissima sulla loro proposta. È stato perfino richiesto dalla minoranza di tirar fuori dal PSR la questione scolastica per votarlo tutti insieme, perché il resto del PSR era condivisibile, e rinviare la delocalizzazione. Purtroppo, come spesso accade, ci è stato risposto picche.

Quindi – conclude - dite addio alle scuole Don Bosco e Bezzi perchè non esisteranno più. Ciascun consigliere di maggioranza si assumerà per il futuro le proprie responsabilità per questa scelta”.

Ieri, sulla questione scolastica era intervenuto anche Nazzareno Tiranti del Comitato che era sorto a difesa della storica struttura: “Dopo aver ascoltato la presentazione del PSR – aveva scritto - , strumento pensato dalla struttura commissariale per velocizzare l'iter della ricostruzione dei centri storici, voglio fare delle semplici considerazioni: capire cosa c'entra la delocalizzazione della scuola Don Bosco con il PSR; come si può pensare di valorizzare e rivitalizzare il centro storico eliminando dei servizi strategici, come ad esempio una scuola; perché – si chiede - , nonostante immobili e terreni di proprietà, il Comune di Tolentino acquisterà un terreno da privati per 2 milioni di euro, per delocalizzare la Don Bosco ed un immobile dalla Curia (ora inagibile causa sisma) dove delocalizzare la scuola Bezzi; perché – prosegue nei quesiti - , a detta della giunta tolentinate, l'edificio della scuola Don Bosco non può essere adeguata sismicamente mentre si può adeguate sismicamente lex edificio delle ex Maestre Pie Venerini dove si vuol spostare la scuola Bezzi pur essendo entrambi vincolati dalla Sovrintendenza delle belle arti”.

Tutte domande che più volte i contrari a questa decisione hanno sollevato alla maggioranza ma che, come più volte ribadito anche dal sindaco Giuseppe Pezzanesi, non hanno scalfito la decisione della giunta su questo tema.



GS
Si sente male mentre guida, l'auto sbanda e si ferma sulla corsia di sorpasso.
Attimi di paura intorno alle 13 lungo la superstrada Valdichienti, all'altezza dell'uscita Tolentino Ovest. Un automobilista, a bordo di una Volkswagen, ha accusato un malore mentre viaggiava insieme ad un suo collega in direzione mare. 
L'auto ha sbandato ed il passeggero è riuscito a fermare il mezzo sulla corsia di sorpasso.
Nel frattempo, le altre auto sono riuscite ad evitare lo scontro ed alcuni automobilisti si sono fermati per prestare i primi soccorsi.
Immediatamente è stato allertato il 118, ma in attesa dell'arrivo dei sanitari sono stati gli automobilisti a tirare fuori dall'auto il guidatore e a stenderlo a terra.
I sanitari del 118 lo hanno trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Macerata.

GS


ba627a94 9d7d 4ea9 acee 82f48ad2ce85


aabf2d50 6943 4c8a be05 6878517f3abb


Presentato a Tolentino il Programma Straordinario per la Ricostruzione (PSR), strumento necessario alla formalizzazione alla realizzare gli obiettivi della ricostruzione.

I PSR sono stati introdotti con l’obiettivo di dotare i comuni maggiormente colpiti dagli eventi sismici di uno strumento di programmazione delle attività della ricostruzione, con valenza urbanistica nelle parti in cui autorizza gli interventi edilizi in deroga alla pianificazione urbanistica comunale e territoriale, nei limiti previsti dalla legge.

Particolare attenzione è rivolta ai centri storici, tra cui quello di Tolentino. “Il PSR – riferisce il sindaco Giuseppe Pezzanesi – interviene su un luogo identitario per la nostra città, della nostra cultura, del nostro fare e del nostro essere. È un’occasione per agire non in maniera disgiunta e separata ognuno per conto suo, ma per comparti dove privati e pubblico si mettono d’accordo e dove non necessariamente tutto si ricostruisce esattamente com’era, ma creando nuovi spazi che rendono i centri storici ancora più attraenti. Abbiamo tranquillamente condiviso con i comitati di quartiere, con i tecnici e con i cittadini alle terme di Santa Lucia questo momento di programmazione consapevole e straordinaria.

I PSR potranno promuovere progetti e azioni di livello intercomunale, materiali e immateriali, quali la realizzazione di un’opera di interesse territoriale o la centralizzazione di servizi pubblici che richiedono formule non più convenzionali in grado di adattarsi alla tipologia e alla distribuzione dell’utenza, per contrastare la dispersione e l’abbandono dei territori marginali. Tali documenti hanno anche un ruolo strategico nella ridefinizione della rete dei sottroservizi in chiave smart-grid, favorendo l’interramento delle linee aeree di alimentazione energetica e telefonica, nell’ottimizzazione delle reti e nell’introduzione intensiva di linee ad alta connettività.

La Tolentino che verrà – aggiunge Pezzanesi – sarà una cittadina dove non ci saranno più figli e figliastri, ossia palazzi vetusti e abbandonati a sé stessi che non splendono di luce propria. Sarà possibile vivere il centro storico come un salotto di casa con una spiccata vitalità commerciale, nuovi servizi attrattivi per i giovani insieme a rinnovati spazi per attività commerciali e uffici, garantendo pulizia e bellezza. Ci prepariamo a vivere un periodo di grande restyling e soprattutto consegneremo alle nuove generazioni e alle nuove amministrazioni che seguiranno tanto lavoro già finanziato e tante cose da fare per il bene della città e del nostro entroterra”.


Marco Morosini

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo