Botta e risposta a Sarnano tra maggioranza e opposizione. Alle dichiarazioni del sindaco secondo cui “la minoranza ha sì fatto proposte, ma si è dimenticata di comunicarcele”, il capogruppo Giacomino Piergentili risponde che “probabilmente il sindaco è particolarmente distratto”. “Come ho avuto modo di scrivere sui social – dichiara Piergentili – ho offerto la mia collaborazione in questo drammatico periodo di emergenza Coronavirus. Addirittura ebbi modo di scambiare alcune idee con il sindaco, dal quale fui anche ringraziato. Il tutto nello spirito di collaborazione che deve essere proprio di un’opposizione responsabile. Il nostro gruppo aveva deciso di supportare in ogni azione la maggioranza, anche in quelle su cui personalmente non ero d’accordo. Una collaborazione istituzionale offerta sicuramente non allo scopo di ottenere una poltrona in Giunta perché ho sempre dichiarato che, nel caso, avrei fatto un passo indietro per lasciare spazio a più giovani. Non sarebbe neppure stata una novità per Sarnano visto che nel 1990 un nostro sindaco ebbe il coraggio di aprire una collaborazione istituzionale con le opposizione addirittura formando una lista insieme a quelli che erano i suoi avversari politici. Un’azione lungimirante che segnò per quel periodo una florida rinascita del nostro paese”. Giacomino Piergentili assicura che tutto questo è stato oggetto dei messaggi intercorsi tra lui e il primo cittadino “che – continua – dopo un po’ declinò l’offerta adducendo la contrarietà del proprio gruppo. Un’occasione persa che vede ancora una volta prevalere la cosiddetta bassa politica. Come gruppo di minoranza stiamo lavorando su un altro grande progetto per Sarnano, che ufficializzeremo tra qualche giorno e che dimostra la nostra grande attenzione verso la città e il territorio”.
Misure importanti quelle annunciate dall’amministrazione comunale di Sarnano per la ripresa dopo l’emergenza Covid: sostegno alle imprese, piano programmatico per il turismo, valorizzazione della montagna. Misura condivise anche dalla minoranza consiliare, che però lamenta ancora una volta un mancato coinvolgimento. “Considerata la nostra proposta inviata al sindaco appena una settimana fa – lamenta il capogruppo di minoranza Giacomino Piergentili – che in sostanza combacia con quanto fatto dalla maggioranza ci saremmo aspettati un maggiore coinvolgimento, come avvenuto in quasi tutti i comuni del circondario. Avevamo anche chiesto un confronto per valutare insieme le iniziative da mettere in campo, visto che rappresentiamo quasi la metà della popolazione, ma non sembra ci sia la volontà di ascoltarci. Probabilmente un’occasione persa”.
Sulle misure annunciate dal sindaco, soprattutto lo stanziamento di 100mila euro per le attività imprenditoriali, Giacomino Piergentili nutre qualche perplessità. “Riguardo tale misura – conclude – non ho ancora letto alcun atto ufficiale. Quindi bisognerà vedere ora come queste misure saranno attuate. Da parte nostra rimaniamo collaborativi per il bene del territorio e dei cittadini”.


f.u.
Dopo poche ore dall'avvenuta pubblicazione sulla stampa, da parte del sindaco Luca Piergentili, della composizione della nuova giunta comunale di Sarnano, il candidato sindaco della lista n. 2 Giacomino Piergentili ha diramato una nota stampa nella quale auspica la formazione di una giunta “istituzionale” della quale chiede di far parte, unitamente alla attribuzione di deleghe agli altri esponenti della minoranza eletti.
Questa richiesta giunge dopo una settimana di violentissimi attacchi mossi nei confronti della lista “La Buona Amministrazione”, nei quali addirittura si adombravano inaccettabili sospetti sulla legittimità del voto del 26 maggio.
Infatti, già a poche ore dalla conclusione dello spoglio, Giacomino Piergentili parlava di “coercizione” e di “operazioni elettorali che sicuramente hanno deviato il volere di ogni libero cittadino”, facendo riferimento a presunte elargizioni economiche; nella giornata del 28 maggio veniva pubblicato un manifesto della lista n. 2 (tuttora presente nelle bacheche paesane ed on-line) nel quale si fa riferimento a persone “ricattabili politicamente” e “allettate da favori clientelari tipici della politica italiana”, giungendo ad affermare che gli elettori avrebbero votato la lista guidata da Luca Piergentili “per paura di perdere privilegi e connessioni di vario genere ormai consolidati nel tempo”; da ultimo, il 29 maggio, un esponente della lista n. 2 (per un episodio connesso ad un evento atmosferico eccezionale) insultava con epiteti gravissimi e diffamatori l'ufficio tecnico comunale – e de relato anche l'amministrazione comunale – con un post su facebook (modificato a distanza di qualche ora cancellando le invettive).
Rispetto a t
utti questi scomposti attacchi avevamo deciso di non replicare perché la bassezza di certe affermazioni si commentava da sola.
Però oggi, di fronte a chi si propone come figura “istituzionale” ammantata di buonismo, ci corre l'obbligo di rammentare che con le improvvide accuse sopra ricordate è stata pesantemente offesa la maggioranza dei sarnanesi, alla quale forse si dovrebbe chiedere scusa, ancor prima di chiedere assessorati e deleghe. Prendiamo ovviamente atto del fatto che la vittoria della lista n. 1 è stata ottenuta con il 51% dei suffragi, risultato che è comunque di grandissima portata alla luce dei flussi elettorali che si sono sviluppati in questa tornata: nel 2014 “La Buona Amministrazione” aveva ottenuto il 44% dei voti e, di fronte alla sostanziale convergenza delle altre due liste del 2014 in quella guidata quest'anno da Giacomino Piergentili, aver comunque raggiunto la maggioranza assoluta aumentando il numero di voti ottenuti (e questo nonostante un sensibile calo di votanti) è stato un risultato tutt'altro che scontato.
Il sistema elettorale previsto dalla legge stabilisce che chi ottenga la maggioranza dei voti (non importa se con lo scarto di un voto o di mille voti) abbia l'onere (e per noi anche l'onore) di amministrare sulla base del programma scelto dalla maggioranza dei cittadini.
Certamente uno scarto così ridotto aumenta, nei confronti di chi ha ottenuto la maggioranza, la responsabilità di essere davvero una “amministrazione di tutti i sarnanesi” e su questo metteremo tutto il nostro impegno, proseguendo nella linea impostata anche nei due precedenti mandati, nei quali le scelte non sono mai state fatte sulla base dell'appartenenza politica di chi chiedesse qualcosa, ma nel merito delle richieste stesse.
Ed è nel merito dei temi da affrontare, non attraverso la creazione di innaturali alleanze post voto che tengano insieme posizioni difficilmente conciliabili, che – secondo noi – si dovrà sviluppare un proficuo rapporto tra maggioranza ed opposizione per il bene di Sarnano: ci sono infatti tematiche molto rilevanti per il futuro di Sarnano sulle quali un utile confronto tra le forze in campo potrà sicuramente dare un valore aggiunto alle importanti scelte da fare.
Proprio perché l'amministrazione deve essere un'amministrazione per il bene di Sarnano, ci attendiamo un'opposizione che, in controtendenza con il passato, sappia assolvere al suo compito che deve essere al contempo di controllo e propositivo: e su queste basi sicuramente la maggioranza saprà essere aperta al confronto ed al dialogo.

La Buona Amministrazione Luca Piergentili Sindaco
Una bella sfida quella tra i Piergentili a Sarnano che ha già visto però i primi attacchi dal candidato Giacomino che annuncia una opposizione precisa e di controllo. “Grazie ai cittadini che hanno espresso la loro fiducia – commenta - . Io per il primo periodo farò controllo e opposizione a questa compagine.
Abbiamo deciso di chiamare questo periodo Liberare le menti – operazione trasparenza. Questa settimana avvieremo tutte le procedure che devono essere messe in campo affinché le prossime elezioni si svolgano senza coercizione, in modo libero, senza operazioni elettorali che sicuramente hanno deviato il volere di ogni libero cittadino. Hanno elargito – conclude accusando i vincitori - 90mila euro negli ultimi 30 giorni”.

GS

Ancora poche ore e anche gli elettori di Sarnano dovranno scegliere il prossimo primo cittadino.

La sfida è fra i Piergentili con Giacomino chiamato a sfidare Luca Piergentili che nel suo gruppo ha scelto di portare anche il sindaco uscente Franco Ceregioli. Lo slogan è " La buona amministrazione ". In un comunicato, programma e le scelte della lista.

" E' doveroso - scrive Luca Piergentili - poter stilare una prima analisi delle proposte programmatiche della nostra lista. 

La nostra amministrazione uscente, guidata dal sindaco Franco Ceregioli e che trova la sua linea di continuità nella lista “La Buona Amministrazione” con il candidato sindaco Luca Piergentili, distinguendosi nettamente da tutti gli altri comuni marchigiani del cratere, ha ricostruito nei primi due anni post sisma tutte le strutture legate all’istruzione, e questo è stato possibile sicuramente anche per la concomitanza di diverse circostanze positive e fortunate (la fortuna aiuta gli audaci), ma soprattutto con una grande capacità relazionale e di gestione dei lavori pubblici.

Contemporaneamente è stato redatto un progetto di fattibilità chiamato “Sarnano 5000” in cui, oltre all’analisi delle potenzialità e del territorio, nonché della situazione contingente, sono stati stilati otto progetti per affrontare il prossimo periodo post terremoto creando anche opportunità di sviluppo e di lavoro per i giovani.

( nella foto tutta la squadra )

intero gruppo luca piergentili

Tali progetti tendono a completare e integrare nei singoli settori il Comune di Sarnano.

Per il raggiungimento di questi obbiettivi si tende a usufruire dei fondi strutturali europei, già previsti per la regione Marche dalla comunità europea nella programmazione 2014-2020, e poi dal programma 2021-2027: infatti questi studi sono stati redatti secondo le tematiche dei fondi consentendo la domanda preventiva agli stessi.

L'erogazione di queste provvidenze europee è determinata dall’influenza e dall'impatto dell’investimento nei confronti del territorio, non solo comunale, ma anche e soprattutto sovracomunale. Saranno infatti premiati i progetti che avranno un respiro che vada oltre i confini del singolo comune, quale il nostro progetto “Sarnano 5000”, che proprio del suo titolo individuale la formazione di servizi per 5000 abitanti equivalenti, rispetto ai 3200 abitanti attuali del paese.

Sarnano punta ad un turismo di tipo familiare e quindi ha bisogno di dotare il proprio territorio di tutte quelle opportunità che consentono alla famiglia intera di attuare il proprio programma di turismo.

Nell’analisi effettuata dal progetto, il turismo è costituito da più settori: da quelli classici del relax a quelli più specialistici di tipo culturale, termale, religioso, sportivo, di lavoro, etc..

Agli stessi fondi strutturali potranno avere accesso anche i singoli operatori economici, i quali potranno trovare la giusta via per poter – ove necessario – rinnovare ed adeguare le proprie strutture alle norme attuali (antisismiche, energetiche, impiantistiche), ma anche rispondere ad esigenze di ulteriore miglioramento della qualità del servizio.

La proposta sopra descritta viene effettuata a seguito della competenza e della esperienza acquisita dall’attuale amministrazione, la quale proprio in questa ottica garantisce la popolazione della sua capacità di gestione dello sviluppo del paese, conoscendo bene la macchina amministrativa, il personale da cui è composta e la complessa procedura burocratica che parte dalla fase di progettazione, per arrivare alla attribuzione dei contributi, per concludersi con la realizzazione finale dell’opera.

Affidare la gestione di questo particolarissimo momento storico e delle eccezionali opportunità che da esso conseguono ad una amministrazione inesperta quale è quella rappresentata dalla lista n. 2, che peraltro si propone alla popolazione con una campagna elettorale vuota di contenuti e basata solo su maliziose illazioni tendenti a carpire la buona fede degli elettori, potrebbe portare la vita amministrativa del paese alla completa paralisi ed avere come conseguenza il blocco di tutte le attività in essere, che rappresentano la spinta propulsiva per far ripartire il territorio dopo il sisma, facendo sicuramente perdere a Sarnano la posizione di vantaggio e di centralità acquisita con i fatti.

Sarnano non può correre questo rischio: l'improvvisazione deve essere assolutamente bandita perché provocherebbe danni irreparabili al nostro futuro.

Sfida tra Piergentili a Sarnano per la carica di sindaco come anticipato un mese fa dal settimanale L'Appennino camerte. Da un lato Luca, a capo della coalizione “La Buona Amministrazione” con al suo interno anche il primo cittadino uscente Franco Ceregioli, dall’altro Giacomino, capolista della squadra “Il paese che vogliamo – Ripartiamo insieme”. L’attuale consigliere di minoranza, da oltre 20 anni sui banchi del consiglio comunale sarnanese, ha deciso di scendere in campo in prima persona alla guida di una compagine, rimasta fino all’ultimo segreta e che ha incontrato alcune difficoltà nella sua composizione, della quale fanno parte Roberta Alidori, Francesca Arra’, Sergio Brunori, Anna Rita Bugatti, Renzo Calvani, Angelo Casagrande, Gianfranco Castignani, Giorgio Eleuteri, Fabio Fantegrossi, Silvana Angela Masili, Fabio Rocci, Andrea Virgili.

A2F3D9BA 886F 4B2B ADD5 B6EF9563EEDD

Dopo che il sindaco di Sarnano ha acceso la miccia circa la mancata presenza dei consiglieri di minoranza nell’ultimo consiglio comunale nel quale era in discussione, tra l’altro, il bilancio consuntivo 2018 e le aliquote delle imposte comunali, non tarda ad arrivare la replica del consigliere Giacomo Piergentili. “Il sindaco racconta quello che più gli fa comodo. La verità è un’altra”, tuona Piergentili nel comunicato di seguito pubblicato.

 

Tutto sommato sono contento che il sindaco si sia ufficialmente accorto che esiste anche la compagine di opposizione e della sua importanza, anche se avviene soltanto al penultimo consiglio comunale!

L’appunto fattomi di essere volutamente latitante al consiglio comunale, viene respinto al mittente perché spesso i consiglieri di opposizione, su argomenti di interesse generale hanno dato la loro collaborazione. Ancora una volta il sindaco si dimostra un buon parolaio per esaltare, a chi lo legge, una sciatta e approssimativa conduzione amministrativa che dura da anni. Anche con questa rampogna ai consiglieri di minoranza, del tutto arbitraria, dimostra sempre di più quel che è: amministratore poco accorto, ma sindaco parolaio dell’apparire e dell’effimero.

Il suo scopo è sempre lo stesso: quello di autocelebrarsi! Per avanzi di bilancio con cui realizzare i lavori di manutenzione del paese. Lo scopo? Far dimenticare ai cittadini i risultati disastrosi di una amministrazione che ha fallito sotto tutti i punti di vista.

Parliamo dell’avanzo di bilancio sia del 2017 che di quello approvato per il 2018.

Entrambi in linea di massima derivano dalle seguenti voci:

-       Rate mutui sospesi per ca. 400.000,00 €;

-       Aumento Fondo solidarietà dello Stato per i comuni del cratere per ca. 80.000,00 €;

-       Minori costi del personale ed altri risultati contabili per ca. 90.000,000 € (finti ragioneria ente).

Tutte le voci che compongono l’avanzo erano conosciute con provvedimenti noti ad inizio dell’anno 2017 e quindi prevedibilmente utilizzabili.

Un buon amministratore avrebbe programmato l’utilizzo di tali risorse sin da subito, ed attuato interventi di manutenzione straordinaria in modo da evitare sperperi dovuti ai ripristini della viabilità con innumerevoli interventi provvisori. Un tappare continuo di buche e crateri!!

Il grosso viene fatto o promesso a ridosso del voto (vecchio e becero modo di fare). Diversi interventi di questi giorni sono realizzati con l’avanzo del 2017.

Il tutto condito con un mirato attacco alle opposizioni, che sono arrivate in ritardo all’assemblea consiliare, accusate di scarsa attività istituzionale.

Se il sindaco è cosi attento all’attività istituzionale dell’ opposizione, perché non ha mai convocato una commissione? Quella da lui istituita per il conferimento delle cittadinanza onoraria non l’ha mai riunita! Perché se il sindaco auspicava un vero confronto sul bilancio non ha convocato la conferenza dei Capigruppo come si usa fare nei Comuni amministrati saggiamente e democraticamente?

Come si dice, si predica bene e si razzola male!

Ora tenta di giustificare la velocissima approvazione di ben 10 punti all’ordine del giorno, di cui 6 relativi al bilancio (approvazione consuntivo e tariffe ed aliquote) con la perfetta conoscenza e del pieno accordo della maggioranza sulle proposte, deprecando l’assenza dei consiglieri di minoranza. Anzi, nel suo post afferma: “discuterle davanti ai banchi vuoti dell’opposizione è stato imbarazzante …” preoccupandosi, bontà sua, per la fiducia concessaci dai Cittadini. Si preoccupi per le delusioni date ai suoi elettori negli anni del suo mandato. Ho chiesto copia della registrazione della seduta consiliare; mi è stato risposto che non è stata fatta. Come mai se è previsto dall’apposito regolamento?

Forse i lavori della seduta sono stati svolti il più velocemente possibile?

Un invito ai concittadini Sarnanesi. Non vi lasciate distrarre dalla affabulazioni del Sindaco uscente che vi sono propinate allo scopo di seminare in voi l’oblio e la rassegnazione. Esercitate la memoria…Evitate “ la polvere negli occhi” che vi stanno propinando in questo scorcio di legislatura concentrando nell’ultimo periodo opere di sistemazione della viabilità, ripulendo il paese lasciato trascurato per anni, annunciando programmi futuri faraonici. Giudicate i fatti. Il tessuto socio-economico di Sarnano è distrutto.

Il Sindaco si esalta nel comunicare l’avanzo di amministrazione 2018 giudicandolo come un saggio accantonamento utile per impieghi futuri. Ma quale saggio accantonamento! Un’amministrazione che si rispetti deve ben utilizzare le risorse durante l’esercizio corrente, per garantire uno standard adeguato di servizi ai cittadini e iniziative per lo sviluppo.

Ma poi di che avanzo utilizzabile parla il Sindaco? La controllata Sarnano Terzo Millennio ha chiuso l’esercizio 2017 con una perdita di ben 419.536,13 euro ed il Comune, che ne possiede l’87,29%, deve creare un apposito accantonamento per 366.212,97 €, come indicato dal Revisore dei conti nell’apposita relazione! E non è ancora stato chiuso il bilancio della Società al 31/12/2018…Dobbiamo aspettarci un risultato non molto difforme dal precedente esercizio? Quando i nodi verranno al pettine saranno lacrime amare. Al 31/12/2018 l’indebitamento complessivo del Comune è di quasi 5.000.000,00 di euro e sarebbe opportuna un’attenta verifica delle poste a residui attivi e passivi.

P.S.: Il sottoscritto è arrivato in ritardo al consiglio in quanto presente ad un incontro presso un’associazione di volontariato, insieme ad altri sarnanesi.

Uno spunto di riflessione per i cittadini sarnanesi: nell’arco di 20 giorni - un mese si è proceduto alla manutenzione di quasi tutta la viabilità, ripulendo cunette ed allargando le strade. Se ciò fosse stato fatto con cadenza almeno semestrale le strade comunali sarebbero oggi in ottimo stato.

Se oggi è stato possibile farlo, perché non lo si è fatto in questi anni?

I sarnanesi sono persone intelligenti e sicuramente trarranno le giuste conclusioni!

                                                                                              Giacomo Piergentili

                                                                                           Consigliere Comunale

E’ scontro tra il sindaco di Sarnano, Franco Ceregioli e il consigliere di minoranza Giacomino Piergentili che ieri ha pubblicato un post contro il primo cittadino definendolo “connivente” con il gestore degli impianti di Sarnano.
Un post che ha fatto subito scalpore e che ha visto costretto Franco Ceregioli a pubblicare un video in cui, dopo aver illustrato la giornata da record degli impianti sciistici della città, annuncia di querelare il consigliere per quanto scritto.
Il sindaco ha detto: “Ho trovato estremamente grave, offensivo e diffamante l’affermazione fatta nei miei confronti. Quando si scrive le parole sono come pietre e bisogna sapere cosa si scrive perché altrimenti si incorre in situazioni gravi. Non so se Piergentili conosce il significato di connivente. Significa - dice Ceregioli leggendo il vocabolario - chi tacitamente consente lo svolgersi di una azione illecita o delittuosa. Io starei consentendo un'azione illecita o delittuosa posta in essere dal gestore degli impianti di risalita.
Io non intendo acconsentire che nei miei confronti vengano mosse accuse così gravi ed infamanti, per cui procederò secondo quello che la legge mi consente di fare. Prendo atto del modo di fare politica di Piergentili, prima eravamo su critica strumentale, ora siamo passati ad un livello ben più grave e preoccupante anche per il futuro del paese, anche dal momento che potrebbe essere uno dei candidati alle prossime elezioni amministrative”. 
 
Piergentili ha poi ribattuto: "Come volevasi dimostrare. Il sindaco finalmente è uscito allo scoperto. Prima ha provato ad azzittirmi con il dileggio politico, adesso prova con le querele. Sono pronto a rispondere alle accuse. Domani provvederò ad acquisire tutta la documentazione del contratto di gestione, poi approfondiremo i vari contenuti e vincoli che dovevano essere fatti rispettare previsti nel contratto originario. Considerato ora che vi è la necessità di alzare il livello del confronto, come ha deciso il sindaco, che io fino ad ora ho ritenuto tenere basso, occorrerà parlare anche dell'accertamento della legalità degli scarichi fognari e dell'inquinamento conseguente procurato.
Questo solo per iniziare una lunga serie di rilevamento di pesanti anomalie amministrative gestionali. Fino ad oggi vi è stato un sereno confronto politico. Non è stato sicuramente il sottoscritto ad alzare il livello del confronto. "Chi fa politica e si rifugia nell'azione giudiziaria dimostra che ha ben poco da dire e dimostrare." Me lo ha ricordato più volte il ns Sindaco. Probabilmente stavolta lui lo ha dimenticato. Andiamo avanti per il bene di Sarnano, per farla tornare la "CORTINA DEI SIBILLINI".
 
Inizia così un duro scontro tra maggioranza e opposizione in vista della campagna elettorale che vedrà Sarnano interessata nella primavera prossima.
Giulia Sancricca
 
 
 
 

Una lettera inviata all'assessore regionale al turismo Moreno Pieroni e al dott. Giovanni Rossini, dirigente Accoglienza e ricettività strutture turistiche della regione Marche da parte del consigliere di minoranza del comune di Sarnano Giacomino Piergentili per segnalare la non idonea ubicazione dell'Ufficio Iat.

L'ufficio di informazioni ed accoglienza turistica (I.A.T.) ha da sempre rivestito per Sarnano una importanza strategica, in particolare dal punto di vista turistico – scrive Piergentili - Fin dall'epoca delle Aziende Autonome di Cura, Soggiorno e Turismo, durante l'era delle Aziende di Promozione Turistica, e fino alla Azienda di Promozione Turistica Regionale l'Ufficio Informazioni ed Accoglienza è sempre stato un punto di riferimento per i turisti, per gli operatori turistici e commerciali locali prima e, dopo l'avvento delle AAAPPTT, anche per quelli del territorio composto da bel 28 comuni, molti dei quali a vocazione turistica.

L'ufficio in questione, oltre a fornire servizi di informazione ed assistenza ai turisti, a valorizzare le risorse turistiche disponibili, e diffondere opuscoli, guide ed altro materiale per la conoscenza delle località turistiche e per gli eventi e le manifestazioni in programma nel territorio, si è rivelato, negli anni, anche un prezioso punto di appoggio in occasione di eventi e manifestazioni di carattere Nazionale.

I servizi relativi all'informazione ed all'accoglienza dei turisti rappresentano, senza dubbio, attività fondamentali per il settore in quanto il grado di soddisfazione dell'ospite passa anche attraverso il comportamento dell'ufficio preposto e del tipo di prestazioni che esso è in grado di effettuare.

Come è noto Sarnano, oltre ad un suggestivo Borgo Medievale perfettamente conservato, dispone di molteplici strutture (Terme, campi sciatori, sala congressi, stadio, palasport, piscina coperta, itinerari escursionistici, maneggio), per cui si trova nelle condizioni di proporre all'ospite svariate possibilità di turismo: montano invernale ed estivo, climatico, termale, estetico, congressuale, naturalistico, eno-gastronomico, culturale e sportivo.

Ciò stante appare assolutamente indispensabile che sia pienamente in funzione a Sarnano un ufficio informazioni ed accoglienza turistica che resti aperto praticamente tutto l'anno.

L'ufficio turistico a Sarnano ha cambiato, negli anni, diverse sedi, ma è stato sempre in posizione centrale; da molti anni ormai era ubicato in Largo Ricciardi in un ampio locale di proprietà del Comune di Sarnano, davvero funzionale dove oggi prestano servizio due dipendenti regionali (Latini e Porfiri).

Purtroppo a causa degli eventi sismici di ottobre 2016 lo stabile dove si trova l'ufficio e anche la scuola elementare è stato dichiarato inagibile, per cui è stato trasferito, in via temporanea presso l'ufficio ex Comunità Montana, inutilizzato da tanti anni, ubicato nel parcheggio, lontano dal centro del paese.

Inoltre l'attuale sede non è dotata dei requisiti igienico sanitari e di sicurezza indispensabili per essere utilizzata come sede di un ufficio pubblico.

Malgrado l'amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franco Ceregioli abbia poco interesse all'utilizzo di tale risorsa per manifesta incapacità ad attuare politiche turistiche efficaci, la struttura suddetta resta tuttavia un punto di riferimento per il flusso turistico locale che ancora malgrado tutto è presente, costituito soprattutto di stranieri e dagli oltre cento ragazzi cinesi che soggiornano per dieci mesi all'anno a Sarnano per i corsi base di Italiano.

Considerato quanto sopra, a nome di tutta la cittadinanza, lo scrivente, sollecitato da numerose realtà economiche locali, chiede che la sede dello IAT venga riallocata in una posizione centralizzata del paese, utilizzando locali ad oggi disponibili ed agibili nei pressi della piazza principale di Sarnano”. 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo