Visso, Ussita, Castelsantangelo e Monte Cavallo uniti dal Progetto Integrato Locale. Uno degli otto, per la verità, che sono stati presentati al Gal Sibilla per l’ottenimento di finanziamenti dedicati a imprese esistenti e di nuova costituzione.

L’obiettivo è la valorizzazione e lo sviluppo del territorio dal punto di vista economico e quindi dell’offerta agli utenti. 

Il PIL in questione è stato denominato “La porta della Sibilla. Mobilità ciclopedonale intercomunale” e si propone di mettere in rete le eccellenze del territorio attraverso la creazione di un percorso di mobilità sostenibile ciclo-pedonale di collegamento tra i comuni aderenti come elemento di sviluppo e rilancio del territorio di Visso, Ussita, Castelsantangelo e Monte Cavallo sotto il profilo turistico, permettendo l’insediamento e la creazione di nuove imprese in diversi settori.

Il secondo incontro pubblico a cui la cittadinanza è invitata a partecipare, sarà il 19 febbraio alle 18:30 nella sede provvisoria del comune di Visso.

g.g.

“Un passo per volta il futuro di Visso prende forma”. Soddisfazione da parte del sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini per il progetto di riconversione della piscina in Palazzo dello sport, palestra e edificio dove realizzare ogni tipo di iniziativa (anche all'aperto utilizzando il solarium che rimarrà come pertinenza del palazzetto): “Questo creerà l'opportunità per realizzare iniziative fino ad oggi precluse a Visso. Nella pianificazione del futuro del nostro comune non abbiamo scelta la via più breve, nemmeno quella più semplice. Per l'area commerciale - spiega - anziché i container è stata presa la scelto di realizzare una nuova piazza aumentando anche le dimensioni dei locali. Unico comune marchigiano, e probabilmente del cratere, che ha fatto questa scelta. Ci vorrà di più ma per noi era la scelta migliore visto che la piazza prima di 15 anni non sarà riaperta”. Visso ha anche abbandonato la via tracciata dalla ricostruzione, rinunciando  esempio alle perimetrazioni. Pazzaglini la definisce una scelta coraggiosa e entro i primi di febbraio il consiglio comunale dovrà approvare i primi aggregati del centro storico. “Si è poi cercato di creare infrastrutture nuove - prosegue -indispensabili alla ripresa turistica, come la realizzazione del percorso ciclopedonale di collegamento con Ussita e Castelsantangelo. Finanziamento cercato caparbiamente e ottenuto, anche in questo caso con molta fantasia e un enorme impegno personale. Ovviamente ci sono anche altre progettualità ma meglio non essere troppo lungo. Nonostante il terremoto - conclude - nonostante gli ostacoli che qualcuno da due anni ci mette davanti, sarà dura ma ce la faremo”.

G.G.

Non bastavano i disagi provocati dall'incuria con cui sono state costruite le Sae che pian piano stanno marcendo una dietro l'altra. Fra muffa e funghi ora, con la neve, i terremotati sono costretti a trascorrere quotidianamente almeno mezza giornata senza corrente. Già perché, stando ad una segnalazione del comitato Terremoto Centro Italia, sembra che fra Ussita e Visso sia mancata la corrente dalle 20:40 alle 14, lasciando gli abitanti di quelle zone senza riscaldamento e con diversi centimetri di neve. Una beffa continua e si spera almeno che i nuovi pannelli che servono a sostituire quelli fradici, attualmente conservati in un container della Protezione Civile in mezzo alla neve, non risentano dell'umidità a cui sono sottoposti visto che il numero delle Sae già interessate dai problemi ormai tristemente noti salgono di giorno in giorno e stanno sfiorando quota 400. 

g.g.

48219117 1970062343101153 4178078395239759872 n

Gli uffici del Parco dei Sibillini, sono di nuovo a Visso. Operativi da oggi, gli uffici sono stati collocati all'interno di alcuni container in località Il Piano, utilizzati nella fase dell'emergenza come alloggi per ospitare la chiesa e la mensa a servizio della comunità.  L'inagibilità della sede originaria del Parco nella zona rossa di Visso, costrinse a dislocare gli uffici in altre sedi, come  l'istituto Zooprofilattico di Marche e Umbria a Tolentino o la sede di Protezione civile regionale a Foligno mentre, un presidio rimase a Visso presso il Centro Operativo Comunale. La speranza resta quella di riuscire a recuperare anche la struttura originaria nel cuore di Visso, sede istituzionale del Parco sin dalla sua fondazione nel 1993 ma il ritorno degli uffici 'a casa ' è un bel segnale per tutto il territorio.Ne è fermamente convinto il presidente del Parco dei Sibillini Alessandro Gentilucci: " Mi fa molto piacere l'essere riuscito a portare a casa questo risultato, non solo nei confronti dei cittadini ma soprattutto in funzione dell'ente. Primo obiettivo che mi sono dato non appena sono subentrato nelle funzioni di presidente- ha detto Gentilucci- proprio quello di riportare gli uffici all'interno del vero cratere sismico. Credo che il ritorno dell'operatività a Visso sia di fondamentale importanza anche in funzione della micoroeconomia che i 30 dipendenti del Parco riescono a creare nel territorio. Tutto quello che sta a monte- ha aggiunto il presidente- ricade a valle mentre così non è per quello che sta a valle e che difficilmente raggiunge il monte. La politica sinergica e l'accordo raggiunto tra il sindaco di Visso, il presidente della Regione Marche, il capo dipartimento della Protezione Civile -ha concluso  Gentilucci- ha prodotto questo risultato.C'è stata grande perseveranza, ma si è potuta raggiungere una tappa pressochè storica". 

Carla Campetella

“Il mio rapporto col tempo? È cambiato tantissimo e sono molto cresciuto a livello personale. Affronto la vita in maniera diversa. Certo, ho un’azienda e quindi non posso fare il santone in montagna. Tengo i rapporti con gli uffici e la burocrazia e questo mi tiene attaccato alla realtà ma quando riesco a occuparmi degli animali è tutta un’altra visione. Prima di trasferirmi qua ho fatto un viaggio in India e sicuramente ora la mia vita è più in linea con la visione del tempo legata all’apprezzamento dell’ambiente, delle giornate”.

Vi risponderà così il giovane allevatore Marco Scolastici,  laziale di nascita ma Vissano di origini se gli chiedete come è ora il suo rapporto con il tempo. Oggi vive a Macereto dove alleva asini e pecore e produce il cosiddetto cacio sopravvissano. Prima di arrivarci, l’esperienza universitaria alla facoltà di economia a Roma. Dopo un anno però aveva già capito che la vita fra il raccordo, la metro, gli uffici e il caos non facevano per lui. E così la decisione di tornare alle origini, dove erano nati e cresciuti i suoi nonni e dove ora aveva un ramo dell’azienda di famiglia. È arrivato a Macereto nella primavera del 2016 e il terremoto non ha tardato a dargli il benvenuto. Ma la volontà di rimanere è stata più forte, Scolastici si è procurato una yurta mongola ed è rimasto. 

Per voi lo abbiamo intervistato. Lo troverete da domani in edicola sul nostro settimanale L’Appennino Camerte.

Gaia Gennaretti

Indagine sulle Sae marce. A disporre le verifiche preliminari il procuratore Giovanni Giorgio che ha affidato l’incarico alla Guardia di Finanza di Camerino e Macerata. La prima cosa da fare è capire se ci siano gli estremi del reato di frode per pubblica fornitura.

E mentre i militari stanno già effettuando i dovuti sopralluoghi, ritornano in mente le polemiche e i problemi susseguitisi col consorzio Arcale e alcune ditte esecutrici delle Sae, specie quelle costruite in montagna.

Senza considerare le irregolarità commesse, con operai al limite dello sfruttamento nel migliore dei casi, quando non completamente in nero, senza dispositivi di sicurezza e anche minacciati in alcuni casi, tre sindaci della montagna fecero scalpore per le posizioni prese. Giuliano Pazzaglini di Visso, Franco Ceregioli di Sarnano e Mauro Falcucci di Castelsantangelo si rifiutarono di consegnare le casette, lo scorso Natale, perché in condizioni pietose, sporche e con le rifiniture non certo degne di una abitazione che così vuol chiamarsi. E proprio le ditte che hanno realizzato le Sae a Visso che ora presentano muffa e soffitti marci, erano le stesse finite nel mirino dei sindacati di Cgil di Macerata. 

Ecco l’articolo in cui raccontavamo le irregolarità nei cantieri: http://www.appenninocamerte.info/notizie-cronaca/item/6347-cantieri-sae-e-non-solo-cgil-tante-irregolarita-questo-e-troppo

Insomma l’ultima beffa per i terremotati della montagna, ritrovatisi senza casa dopo l’agosto e l’ottobre 2016, ora è che almeno 50 famiglie su 228 hanno dovuto o stanno per lasciare la loro Sae inutilizzabili per permettere alle ditte di rifare i tetti. E chissà che non sia finita qui.

G.G.

Valfornace, Camerino, San Severino, Visso e San Ginesio. Sono i Comuni del maceratese che ospiteranno gli appuntamenti durante i quali saranno illustrate le opportunità del Piano Sviluppo Rurale Marche 2014/2020 a sostegno del cratere

In totale nelle Marche saranno dieci i seminari per presentare, alle imprese e ai cittadini, i bandi in uscita del PSR destinati all’area colpita dal terremoto. Sono stati organizzati dalla Regione Marche, nell’ambito dell’iniziativa “L’Europa con noi per ripartire”. L’obiettivo, secondo la vice presidente Anna Casini, assessore all’Agricoltura, è quello di “illustrare, direttamente sul territorio, le possibilità offerte con la rimodulazione dei fondi europei per favorire la rinascita post sisma. Grazie alla solidarietà delle altre Regioni italiane e dello Stato, sono stati assegnati alle Marche 159,25 milioni di euro. È importante conoscere le tante opportunità, pensate e confezionate, come un abito su misura, per le comunità terremotate, in modo da garantire che gli investimenti programmati trovino quella giusta e necessaria ricaduta sul territorio”. Secondo Casini, la rinascita parte anche dalla conoscenza delle occasioni esistenti per il mondo agricolo da cogliere per rilanciare un settore caratteristico delle aree interne. La presentazione dei bandi e delle modalità di accesso sarà a cura dei funzionari regionali che offriranno un focus su: Pacchetto giovani; Filiere agroalimentari, Corte e mercati locali, Legno – Energia – No food; Mitigazione conflitti allevatori-lupo; Sostegno alla forestazione e all’imboschimento (focus “tartuficoltura”); Miglioramento della viabilità rurale. Un accenno sarà comunque offerto su tutti i bandi in scadenza e di prossima uscita. Le sedi degli incontri sono state individuate cercando di raggiungere la maggior parte del territorio interessato.

Gli appuntamenti in territorio alto maceratese sono per il 22 a Valfornace alle 18, il 24 a Camerino alle 16:30, il 29 a San Severino alle 16:30, stesso orario per Visso, che si svolgerà il 5 novembre, e San Ginesio il 6 novembre.

Ai 159,25 milioni di euro aggiuntivi del Psr, per sostenere la ripartenza delle zone colpite dal sisma, si sommano agli altri fondi stanziati attraverso Fesr (Sviluppo regionale) e Fse (Lavoro). Un totale di oltre 400 milioni di euro di fondi ulteriori che l’Europa ha assegnato allo sviluppo dell’area del sisma, puntando sulla crescita rurale, sulla salvaguardia del territorio, sul sostegno alle imprese, sulle infrastrutture pubbliche. La programmazione di queste risorse ha tenuto conto del fatto che il territorio interessato ha una forte vocazione rurale. Ha quindi dedicato una grande percentuale alla competitività delle aziende agricole impegnate nel biologico, nella zootecnia e nel benessere animale. Ugualmente sono state fornite opportunità ai giovani di insediare nuove aziende e sostegno alla ripresa economica e sociale, riservando attenzione al miglioramento dei servizi alla popolazione, allo sviluppo turistico e al ripristino della viabilità minore.

“È fondamentale che tutti gli attori coinvolti, a vario titolo, in questo processo di rinascita, facciano rete e collaborino per orientare e sostenere cittadini e imprenditori alla migliore ed efficace utilizzazione di queste risorse”, conclude Casini. Ampio spazio verrà riservato anche al dibattito e alle domande dal pubblico, per favorire un confronto costruttivo e pratico, finalizzato a consentire agli interessati la predisposizione di progetti corretti e utili alla realizzazione di validi investimenti. La partecipazione è libera.

g.g.

Sostegno alle persone che vivono nelle casette. Croce Rossa Italiana ha avviato un progetto che prevede nello specifico il supporto di quattro psicologi che presteranno il loro servizio a favore delle persone che vivono le difficoltà della condizione di terremotatoe. Molte di loro hanno perso tutto, abitazione e lavoro e, anche la nuova residenza nelle SAE rappresenta un ulteriore sfida da vincere, dopo essere vissute a lungo in altri luoghi, alberghi della costa o sistemazioni autonome diverse, con la conseguente perdita dei punti di riferimento che caratterizzavano la vita precedente. La CRI nazionale ha messo a disposizione dei fondi per lo svolgimento di tale servizio che per ora tocca i comuni di Camerino, Caldarola e Visso. L’idea del progetto è partita dal presidente del Comitato CRI Camerino Gianfranco Broglia, trovando pronto accoglimento da parte dell’organizzazione nazionale. “ L’iniziativa – spiega Broglia- è partita già lo scorso anno ma , ci siamo accorti che le risorse disponibili non sarebbero state sufficienti.a realizzarla al meglio Abbiamo pertanto atteso dei finanziamenti e dei donatori che si sono detti disponibili a promuovere il progetto a sostegno della popolazione in difficoltà”. Il servizio, che ha ricevuto il pieno sostegno del Comune di Camerino attraverso l’interessamento dell’assessore ai servizi sociali Antonella Nalli, riguarda per ora solo alcuni comuni dell’entroterra , sebbene l’auspicio sia poterlo estendere anche ad altre realtà. Riabituarsi a vivere una vita quotidiana nel proprio ambiente d’origine con situazioni profondamente mutate che hanno costretto ad abbandonare molte delle abitudini da sempre conosciute, ha causato inevitabili delicati riflessi sulle comunità. “ A Camerino- continua il presidente Broglia- il servizio gratuito di sostegno psicologico viene svolto tutti i giovedì  sia nella sede della CRI di viale Giacomo Leopardi n.35, sia ‘porta a porta’, all’interno delle stesse soluzioni abitative d’emergenza. Gli psicologi saranno dunque a disposizione nell’ascolto e delle persone e delle famiglie per capire se vi siano esigenze di sostegno o aiuto e, già dal primo giorno, abbiamo potuto constatare che queste necessità purtroppo sono reali”. Un’ulteriore testimonianza di grande attenzione e vicinanza alle problematiche della popolazione da parte di CRI, sin da subito coinvolta nell’emergenza e in tutte le operazioni di supporto alle comunità colpite dal terremoto. “Oltre all’iniziativa di sostegno alle persone col supporto di psicologi - ricorda il presidente del Comitato CRI di Camerino- tra gli altri progetti in campo, vi sono la realizzazione di un centro polivalente a Visso, un palazzetto e un presidio di 118 a Pievebovigliana; a Camerino realizzeremo il progetto della struttura residenziale per anziani di “Casa Amica” e, in collaborazione con Unicam, stiamo completando l’area aggiuntiva del Campus universitario che prevede circa 250 alloggi per gli studenti”.

C,C.

Il punto del Presidente Olivieri sulla situazione presente e futura del Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Nel luglio 2013 veniva nominato presidente del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, con decreto del Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, il professor Oliviero Olivieri, ordinario di Nutrizione a Alimentazione animale al Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Perugia. Una grande preparazione scientifica alla base pertinente anche alla gestione delle aree protette, ma soprattutto la capacità di intessere un efficace piano di relazioni con il territorio, a cominciare dai Sindaci. Una presidenza, la sua, segnata in particolare dagli eventi sismici che hanno sconvolto i Sibillini e le aree appenniniche del centro Italia a partire da due anni fa, dalla prima scossa del 24 agosto 2016. Di seguito riportiamo una riflessione del Presidente Olivieri alla chiusura del suo mandato che scade proprio oggi, 24 agosto 2018.

“Il Parco, in questi anni, ha fatto la sua parte, cercando di mantenere il ruolo di tutela e valorizzazione del territorio che gli compete, anche in una situazione di emergenza come quella che si è venuta a creare a seguito del terremoto. Pur rimanendo anche noi senza la nostra storica sede, abbiamo cercato in ogni modo di non far mancare il nostro apporto e sostegno alle comunità che, da subito, si sono adoperate per ripartire e scongiurare il rischio dell’immobilismo e dell’abbandono: richieste di pareri, autorizzazioni, sopralluoghi, incentivi come, ad esempio, quelli per le reti elettrificate per la difesa delle greggi, partecipazione ad incontri, dibattiti pubblici ed a iniziative di promozione, ripristino della sentieristica, attivazione di strategie per il rilancio del turismo, nonostante tutto, con il rinnovo della Carta Europea del Turismo Sostenibile, azioni di salvaguardia della fauna come quella custodita nelle aree faunistiche, disponibilità ad interloquire con i mezzi di comunicazione ed anzi a supportare con i propri tecnici e funzionari attività di informazione pubblica sul territorio e sulle emergenze. Poi, certo, il nostro pensiero non può non andare a chi da questa esperienza è stato toccato direttamente, alle vittime, alle migliaia di sfollati tra cui anche molti dipendenti e collaboratori del Parco. Avremmo potuto fare di più e meglio, questo è nelle cose. Penso, ad esempio, all’attuazione del Piano per il Parco che, comunque, è vicino alla sua adozione definitiva. Ma quello che non posso rimproverarmi è l’impegno profuso da tutti noi per portare il nostro contributo ad una comunità sconvolta, che soffre, ha sofferto, continuerà a soffrire ancora, ma con la speranza di un futuro concreto e, auspicabilmente, a portata di mano. Il Parco è amico del territorio. Il Parco, sono certo, giocherà un ruolo fondamentale nella ripartenza, a cominciare dal turismo. E a chi verrà dopo di me spetterà il compito di proseguire su questa strada, consapevole che può contare sul supporto di una struttura preparata e di collaboratori motivati, e su una rete di relazioni, in primis i sindaci, che rappresenta un valore aggiunto per una gestione efficace, razionale, di valorizzazione e tutela di questo straordinario territorio che prende il nome dai Monti Sibillini.”

A fare le veci del Presidente, prima della nuova nomina da parte del Ministero dell’Ambiente, sarà l’attuale vice Presidente del Parco, Alessandro Gentilucci, Sindaco di Pieve Torina, il quale ha espresso, a nome di tutto il territorio del Parco, un sincero ringraziamento al Presidente Olivieri “per il suo operato, per la determinazione che ha sempre dimostrato in questi anni per assicurare un ruolo ed un futuro alle comunità che abitano questi luoghi nel rispetto dello straordinario ecosistema dei Monti Sibillini. Mi impegnerò, in questo periodo di vacatio molto delicato perché è all’ordine del giorno il tema della ricostruzione, per continuare ad operare in un’ottica di piena collaborazione tra istituzioni, nel rispetto dei differenti ruoli.”

Un altro pezzo della comunità di Visso torna a ricongiungersi con la sua terra. Alle porte del paese, consegnate le ultime 46 casette dell’area di via Cesare Battisti 1. Per l’antico borgo medievale che sconta una distruzione pressoché totale, si apre una nuova luce di speranza  Circa un centinaio le persone, arrivate dalla costa o dalle sistemazioni in affitto dell’entroterra, pronte a ricominciare da casa. Una soddisfazione a metà quella espressa dal sindaco e senatore Giuliano Pazzaglini, nell’accogliere con gioia il rientro dei suoi cittadini; consapevole che molto ci sarà da fare ancora perché la perla dei Sibillini torni a brillare, ha inteso rivolgere alla comunità anche un accorato invito ad un contributo propositivo e attivo, indirizzato alla rinascita del paese. “Con la consegna di oggi, in teoria avremmo dovuto chiudere il cerchio, ma attendiamo ancora l’ultimazione dei lavori per l’Area di Borgo san Giovanni già consegnata qualche mese fa dove, sul fronte di prima linea delle casette, si sono rese necessarie delle opere di sistemazione dell’argine del fosso. Non mi esprimo con troppa soddisfazione- ha rimarcato - perché secondo me questo è l’emblema del fallimento dell’impostazione data a questa ricostruzione, alla quale purtroppo non riesco più a credere. La ricostruzione sarà lunga e se non creeremo le condizioni per far rimanere le persone, farle tornare sarà stato molto meno importante di quanto ho sempre creduto fino a qualche tempo fa. Quello di oggi è comunque un passo fondamentale, perché finalmente tutte le persone che vorranno tornare a Visso, saranno nelle condizioni di poterlo fare

IMG 20180729 101625468

Alla consegna delle chiavi, erano presenti anche il consigliere comunale Filippo Sensi, il direttore del Consorzio Arcale Giampaolo La Muraglia e funzionari della Regione Marche. A questi ultimi il sindaco ha voluto esprimere particolari sentimenti di gratitudine, per il sostegno che non hanno fatto mai mancare e per il lavoro incessante portato avanti con ammirabile impegno. “Insieme a noi si sono sporcati le mani e ho voluto anche esprimere pubblicamente la mia solidarietà nei loro confronti, perché abbiamo lavorato insieme per mesi e non ho nessun dubbio sulle loro capacità, dedizione e onestà. Sono stati messi in condizioni di lavorare quasi impossibili e l'hanno fatto al meglio delle loro possibilità, per cui, l'unico sentimento che mi sento di esprimere è il ringraziamento perché chi doveva creare le condizioni per farli lavorare bene, non l'ha fatto, e poi li ha lasciati soli”.

IMG 20180729 105242953

Appassionate e sentite, le parole che il sindaco ha rivolto alle famiglie tornate a Visso: Oggi si chiude un percorso che è stato lunghissimo. Quella che consegniamo ai cittadini è la prima area che il comune ha indicato alla protezione civile per la realizzazione del villaggio SAE. Il layout è stato approvato a marzo dell'anno scorso e da cronoprogramma la consegna delle casette avrebbe dovuto avvenire nell’ agosto 2017, data poi aggiornata ripetutamente nel sito della protezione civile e forse nemmeno più aggiornata tanto che i fatti adesso dimostrano quello che poi è accaduto; purtroppo simili incidenti non rimarranno confinati alla realizzazione degli interventi emergenziali; l'impostazione data a questa ricostruzione, anziché semplificare le cose, ha reso tutto più complicato e questo significa che oltre che essere stati pazienti (e credo che voi siate l’esempio vivente della pazienza nella fase emergenziale), bisognerà esserlo altrettanto nella fase della Ricostruzione, in cui oltre che pazienti, dovrete essere propositivi. Quindi, ora che siete tornati, l'invito che rivolgo a tutti, è quello di ritornare ad essere immediatamente parte attiva della nostra collettività. Una delle prerogative dei piccoli comuni è sempre stata quella di avere un rapporto diretto con gli amministratori, di trovare sempre le porte aperte, di poter parlare con chi sta governando in quel momento, allora approfittate di quella opportunità. Anche solo un'idea potrebbe essere impostata e quindi non vi fate remore nell'esprimerla e cercate comunque in ogni momento di essere parte attiva di questa ricostruzione. Sapete tutti che quella di oggi non è la Visso che abbiamo lasciato e che forse non rivedremo mai più; starà a noi lavorare affinché se ne possa costruire una nuova. Se qualcuno pensa che torneremo ad essere quello che eravamo, credo che si illuda: è un sogno che ho accarezzato anch'io e che mi sarebbe piaciuto, ma questo non accadrà mai più; quindi sarà fondamentale che tutti, ognuno per le proprie capacità, per la propria disponibilità di tempo e per le proprie possibilità, contribuiscano alla rinascita di questo comune. Ancora per qualche mese, sarà mio compito farlo come sindaco ma ritengo che, a prescindere dal ruolo fondamentale dell'amministrazione, siamo arrivati a un punto che non si potrà più distinguere tra chi amministra e chi subisce le decisioni di chi sta governando in quel momento. Dovremmo arrivare ad un punto in cui la partecipazione di tutti, nei limiti delle proprie capacità, delle proprie esperienze, della propria disponibilità di tempo, dovrà essere attiva e comunque finalizzata alla rinascita di questa comunità. Noi dovremmo tornare ad avere un’ autosufficienza economica, dovremmo tornare ad essere una collettività e dovremmo insieme individuare quale dovrà essere il fine della Ricostruzione. La ricostruzione – ha proseguito- non dovrà rimanere fine a se stessa; per raggiungere tale obiettivo, noi dovremmo capire come fare in modo che la perla dei monti Sibillini torni ad essere tale, torni ad essere il comune che 60 anni fa aveva una ricettività alberghiera superiore a qualunque altro della provincia di Macerata, torni ad essere quel Piccolo Borgo di pregio che era sede di un Parco nazionale e lo è ancora, era bandiera arancione del Touring Club Italiano e lo è ancora, era uno dei borghi più belli d'Italia e lo è ancora. Dovremmo pertanto tornare ad esserlo, solo come certificazione, anche nella sostanza e dovremmo fare in modo che chi vuol rimanere possa farlo. Fare in modo che qualcuno di quelli che aveva sempre accarezzato l'idea di potersi trasferire qui, possa anch’ egli trovare l’'opportunità per farlo. Siamo pronti dunque ad accogliere tutti a braccia aperte, sia i vissani che sono tornati, sia quelli che vorranno diventare nuovi vissani perché, senza di loro, il nostro futuro purtroppo potrebbe essere molto più fosco”.

Carla Campetella

IMG 20180729 101209705

IMG 20180729 105558862 1

IMG 20180729 171230 1

IMG 20180729 111638586

 

Radioc1inblu

Radio FM e Internet
P.za Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax 0737.633180
Cellulare: 335.5367709

radioc1inblu@gmail.com

L'Appennino Camerte

Settimanale d'informazione dal 1921
Piazza Cavour, 8
62032 Camerino (MC)

Tel - Fax: 0737.633180
Cell: 335.5367709

appenninocamerte@gmail.com

Scopri come abbonarti

Questo sito utilizza i cookie

Puoi accettare e proseguire la navigazione o per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo
Clicca per ascolare il testo